La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Virus oncogeni La trasformazione cellulare da virus si accompagna ad una infezione persistente/latente (non controllata dal sistema immune) con espressione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Virus oncogeni La trasformazione cellulare da virus si accompagna ad una infezione persistente/latente (non controllata dal sistema immune) con espressione."— Transcript della presentazione:

1 Virus oncogeni La trasformazione cellulare da virus si accompagna ad una infezione persistente/latente (non controllata dal sistema immune) con espressione solo di alcuni geni precoci del genoma virale che rimane nella cellula (integrato o episomiale)

2 Virus a DNA  Herpes virus (EBV, HHV-8)  Papovavirus (HPV, BKV, JCV, SV40)  Hepadnavirus (HBV)  Adenovirus  Poxvirus (virus mollusco contagioso –neoformazioni benigne) Virus a RNA  Flavivirus (HCV)  Retrovirus (HTLV-I e – II)

3 NO envelope Icosaedrico nm di diametro dsDNA circolare 8Kb Capside a 72 capsomeri composti dalle proteine L1 (55 KDa) e L2 (70 KDa) Caratteristiche della particella virale di HPV (Human Papilloma Virus)

4 HPV-16 LCR E6 E7 E1 E2 E4 E5 L2 L1 ALAL P 97 AEAE /1 Papillomavirus HPV

5 HPV ha tropismo specifico per le cellule degli epiteli squamosi cheratinizzati e non La replicazione è associata allo stadio differenziativo della cellula

6 Replicazione HPV

7 L1E5 Controllo negativo HPV Replicazione di HPV Fibropapilloma -Ibridazione in situ Barksdale et al, J. Virol. 1993

8 Principali funzioni delle proteine di HPV

9 HPV è associato con lo sviluppo di lesioni displastiche pre-neoplastiche e carcinomi a livello ano-genitale, ma anche nella cavità orale e vie respiratorie (DNA integrato) HPV causa lesioni epiteliali benigne caratterizzate da intensa proliferazione delle cellule basali e, conseguentemente, da un ispessimento locale dell’epitelio (DNA episomiale) Lesioni associate all’infezione da HPV

10 Tipo di lesioni Genotipi di HPV Lesioni cutanee Verruche volgari, piane e palmari 1,2,3,4,7,10,27,28,29,40 Verruche in soggetti con EV 5,8,9,12,14,15,17,19,20,47,49 Carcinomi cutanei in soggetti con EV 5,8,14,17,20,47 (in rari soggetti geneticamente predisposti) Lesioni mucose Condilomi acuminati 6,11, 42,43, 44, 54,55 Papulosi Bowenoide 16 Condiloma gigante 6,11 Papillomi delle vie respiratorie 6,11 Papillomi congiuntivali 6,11 Lesioni della mucosa orale iperplasia focale epiteliale 13,32 infezione con HPV del tratto genitale 6,11,16 lesioni sulle labbra 2 Carcinoma della cervice uterina alta associazione 16,18,45, 56 moderata associazione 31,33,35,51,52 scarsa associazione 6,11,42,43,44 Cancro vulvare 16

11 Verruca piana

12 Condilomi acuminati

13 Una risposta immune efficiente è importante per la risoluzione dell’infezione da HPV (tessuto linfoide associato alla cute e mucose) Le malattie associate ad HPV sono frequenti e severe in pazienti con immunodeficienze primarie e secondarie, con disordini linfoproliferativi e AIDS Infiltrati linfo-monocitici sono presenti nelle lesioni in guarigione e i linfociti T infiltranti proliferano in risposta a E7 e L1 La regressione di una lesione è generalmente seguita dalla regressione delle altre

14 HPV e tumori Nel 85-90% di tutti i tumori della cervice uterina è presente DNA di uno dei genotipi di HPV a medio-alto rischio e in circa il 70% è presente il genotipo 16 o 18 HPV a medio-alto rischio è presente nelle lesioni pre-cancerose e nelle lesioni neoplastiche intraepiteliali (CIN). mRNA di HPV è espresso nelle lesioni tumorali Evidenze sierologiche indicano una prevalenza di anticorpi anti- HPV-16 e –18 nei pazienti con tumore cervicale rispetto ai controlli Evidenze simili esistono per l’associazione di HPV e alcuni tumori a cellule squamose vaginali, vulvari, penili e anali

15 Carcinomi della cervice uterina

16 Lesione intra-epiteliale squamosa della cervice (Low- grade) IP HPV capsid H&E IP HPV capsid H&E

17 Prevalenza delle infezione genitali da HPV e di malattie associate ad HPV in donne (USA)

18 Il carcinoma cervicale correla con il numero di partners sessuali

19 LSIL, low-grade squamous intraepithelial lesion HSIL, high-grade squamous intraepithelial lesion Associazione di HPV con la progressione del carcinoma cervicale HPV-6,11,42,43,44 HPV-31,33,35,51,52 HPV-16,18,45,56

20 HPV ALTO RISCHIO: 16/18/31/33/35/39/45/51/52/56/58/66/68 HPV BASSO RISCHIO: 6/11/40/42/43/44/54/61/72

21 Le proteine E5, E6, E7 di HPV inducono la proliferazione cellulare (immortalizzazione) e favoriscono la probabilità di trasformazione neoplastica delle cellule infettate Oncoproteine di HPV Nelle lesioni maligne il DNA di HPV è integrato a livello del gene E2 L’interruzione di E2 potrebbe svolgere un ruolo nella patogenesi neoplastica in quanto normalmente “down-regola” espressione di E6 e E7

22 Funzioni di E6 (HPV alto rischio) l Immortalizzazione cellulare l Degradazione p53 l Inibizione apoptosi l Destabilizzazione cromosomica l Attivazione telomerasi l Blocco funzioni interferone (?)

23 Bersagli cellulari di HPV E6

24 G2 M S G1 Radiazioni UV Agenti citotossici Mutageni virus Danno del DNA p53 p21 Cyclin Ecdk 2 mdm2 HPV E6 (alto- rischio) Apoptosi bax bcl-2 p21 PCNA DNA polymerase  p21 Cyclin Acdk 2 cdk 2, 4,5,6 Cyclins D1, D2, D3 PCNA p15 p16 p18p21 HPV E6 Inattiva p53

25 PROTEASOMA Ub p53 E6 AP E1 E3 E6 E1Ub E2Ub E2 AMP ATP HPV E6 induce la degradazione di p53

26 Funzioni di E7 (HPV alto rischio) l Immortalizzazione cellulare l Inattivazione Rb l Attivazione cycline E e A l Induzione apoptosi l Inhibizione degli inibitori delle kinasi ciclino- dipendenti l Degradazione di tirosin-chinasi Blk (?)

27 Bersagli cellulari di HPV E7

28 + G1 G2 SM ppRB ppRBppRB pRB pRB E7 E7 E2F-1 E2F-1 E2F-1 inattiva Repressione trascrizionale Attivazione trascrizionale Complesso inattivo HPV E7 inattiva Rb cdk PPasi

29 M G1 G2 S Rb pRb Cyclin A-cdk 1 Cyclin B-cdk 1 Cyclin A-cdk 1 Cyclins D, D2, D3 cdks 2,4,5,6 Cyclin E-cdk 2 Cyclin H-cdk 7 Cyclin A-cdk 2 Cyclin E-cdk 2 HPV E7 ? PCNA HPV E7 ? HPV E7 high-risk p53 p21 Rb E2F Cyclin-cdk Trascrizione P p15, p16 p18, p27 + HPV E7 e ciclo cellulare

30 HPV E5 si inserisce nella membrana cellulare e attiva il recettore PDGF in assenza del ligando specifico innescando segnali di proliferazione cellulare

31 The major differences between high-risk HPV E6 and E7 proteins and their low-risk counterparts are their abilities to bind to the tumor suppressor proteins p53 and Rb. A number of additional interactions have been reported for the high-risk E6 and E7 proteins. The functions of E6 and E7, independent of their abilities to inactivate p53 and Rb that are required for stable episomal maintenance, remain to be determined. The observation that HPV31 genomes containing E6 mutations unable to degrade p53 and an E7 mutation with reduced Rb binding provides a model to explore the activities of E6 and E7 necessary for genome replication that are shared among all HPVs. Because the complete viral replication program requires a differentiated environment, it will be interesting to conduct future experiments using organotypic models to further analyze the balance between E6 and E7 functions permissive for viral DNA replication in differentiating keratinocytes.

32

33

34

35 Conclusions l The molecular pathogenesis of cancer caused by high- risk HPV infections is presently not fully understood l However, high-risk HPVs are self-sufficient to induce malignant conversion l Induction of chromosomal instability, mutations, and aneuploidy in noncommitted proliferating cells plays a major role in tumorigenesis l Interruption of two independent signaling cascades, i.e., TP53 and RB, is responsible for cellular immortalization and invasive phemotype

36 Vaccino Profilassi delle infezioni VLP ottenute a partire da VP1 Merck (tetravalente HPV 6, 11, 16, 18): GARDASIL GSK (bivalente HPV16, 18): CERVARIX

37 subclinica Lesione intraepiteliale squamosa (low-grade) Lesione intraepiteliale squamosa (high grade) Carcinoma invasivo metastasi Fattori mutageni Derivati estrogeni Instabilità genomica per aumentata espressione dei geni virali Aumentata espressione e replicazione DNA virale Infezione Persistenza DNA virale Modificazioni di geni cellulari Integrazione genoma virale Mutazioni geni cellulari HPV (alto rischio) e Patogenesi carcinoma cervicale

38 Gardasil (MERK) Gardasil è un vaccino quadrivalente ricombinante non infettante preparato da particelle simili al virus ( VLPs ) dalla proteina capsidica maggiore L1 del papillomavirus umano ( HPV ) tipi 6, 11, 16 e 18 altamente purificate. Le VLPs non contengono DNA virale, non possono infettare le cellule, riprodursi o causare malattia. L’HPV infetta soltanto l’uomo, ma gli studi sugli animali con papillomavirus analoghi suggeriscono che l’efficacia dei vaccini L1 VLP sia mediata dallo sviluppo di una risposta immune di tipo umorale. Indicazioni terapeutiche - Gardasil è un vaccino per la prevenzione della displasia di alto grado del collo dell’utero ( CIN 2/3 ), del carcinoma del collo dell’utero, delle lesioni displastiche di alto grado della vulva ( VIN 2/3 ) e delle lesioni genitali esterne ( condilomi acuminati ) causate dal Papillomavirus Umano ( HPV ) tipi 6, 11, 16 e 18. L’indicazione è basata sulla dimostrazione di efficacia di Gardasil in donne adulte di età compresa tra 16 e 26 anni e sulla dimostrazione dell’immunogenicità di Gardasil in bambini ed adolescenti di età compresa tra 9 e 15 anni. L’efficacia protettiva non è stata valutata nei maschi. Approvato da EMEA/FDA

39 Cervarix (Glaxo Smith Kline) Cervarix è un vaccino bivalente contenente proteine L1 purificate per due tipi del papillomavirus umano ( HPV, tipo 16 e 18 ). Cervarix trova indicazione nella protezione contro la neoplasia intraepiteliale cervicale di alto grado ( detta CIN, una abnorme crescita cellulare precancerosa all’interno della cervice uterina ) ed il cancro cervicale ( detto anche, tumore del collo dell’utero ), causati dall’HPV, sierotipo 16 e 18. Approvato da EMEA, non ancora da FDA

40 Diagnosi di Laboratorio di “Human Papilloma Virus” (HPV)

41 Campioni clinici HPV Frammento bioptico incluso in paraffina Tampone regione ano/genitale Tampone cervicale Tampone altro tipo

42 Diagnosi di infezione da HPV Esame Clinico e colposcopia Esame citologico ed istologico Immunocitochimica Microscopia elettronica Sierologia Ricerca acidi nucleiciRicerca acidi nucleici

43 Ibridazione diretta del DNA virale con sonde specifiche Southern Blot Ibridazione in situ (ISH) Ibridazione in soluzione Amplificazione di sequenze target del genoma virale PCR Sequenziamento

44 Southern blot Tecnica laboriosa: Estrazione DNA, purificazione, taglio con enzimi restrizione, elettroforesi, trasferimento su filtro, denaturazione, ibridazione, rilevazione con SONDE marcate. Standardizzazione difficile: necessita personale qualificato e strutture idonee. Alta sensibiltà con sonde radioattive.

45 Ibridazione in situ (ISH) Rivelazione di sequenze specifiche di acidi nucleici (DNA e/o RNA) in cellule e tessuti (morfologicamente conservati) mediante l’impiego di sonde geniche marcate con traccianti di diversa natura. Tecnica efficace e di rapida esecuzione ma limitata nell’utilizzo a causa della bassa sensibilità rispetto alle tecniche che utilizzano metodi di amplificazione del segnale o del DNA target. Kit commerciali per diagnostica routinaria di HPV.

46 INFORM® HPV test Metodica di ISH che permette di discriminare HPV ad alto/basso rischio con sonde specifiche mediante reazione colorimetrica o lettura in fluorescenza direttamente su vetrino di preparazione istologica o citologica.

47 INFORM® HPV test Vantaggi: sistema automatizzato, permette di associare direttamente la rilevazione del virus con i cambiamenti nella morfologia di cellule e tessuti, contribuendo a fornire un’immagine chiara della patologia in atto. Limiti: sensibilità inferiore rispetto alle metodiche di amplificazione del target o del segnale. Non permette una genotipizzazione virale, ma discerne solamente tra HPV ad alto/basso rischio. Richiede personale qualificato nella preparazione del campione.

48 Ibridazione in soluzione Test in vitro che rileva la presenza di acidi nucleici virali grazie al legame diretto di una sonda a singolo filamento. Riconoscimento dell’ibrido genoma virale-sonda da parte di numerosi anticorpi specifici marcati, in grado di dare un segnale amplificato rilevabile da parte di appositi strumenti senza che sia necessaria un’amplificazione di sequenze.

49 Estrazione DNA viraleLegame DNA con sonda a RNA specifica Legame DNA-RNA sonda a fase solida mediante Ac Digene HC2 Hybrid Capture® System Legame di DNA-RNA con Ac coniugati a fosfatasi alcalina Emissione di luce misurata con luminometro in Unità di Luce Relativa (RLU)

50 Digene HC2 Hybrid Capture® System Vantaggi: Test di elevata sensibilità (1 pg target/ml), veloce esecuzione, minimi rischi di contaminazione dovuti ad assenza di amplificazione del segnale, altamente standardizzabile, unico test per rilevazione di HPV approvato dalla Food and Drug Administration. Limiti: Identificazione solo di HPV ad alto/basso rischio, NO genotipizzazione, possibili falsi positivi per cross- reazione, costi più elevati rispetto ad equivalenti metodiche PCR.

51 Amplificazione del Target   PCR   PCR con ibridazione di sonda   PCR-RFLP (Restriction Fragment Length Polymorphism)   PCR Quantitativa   Sequenziamento

52 PCR PCR standard: utilizzo di primer universali in grado di amplificare sequenze conservate all’interno del genoma di HPV (L1) oppure di oligonucleotidi specifici per la rivelazione di un particolare tipo virale (E6/E7). PCR nested: prima amplificazione con primer consensus, seconda con primer complementari alla sequenza target amplificata. Vantaggi: rapida, economica, molto sensibile Svantaggi: non approvata FDA, personale esperto, possibilità di contaminazioni. Vantaggi: altamente sensibile Svantaggi: laboriosa, rischio contaminazioni più elevato

53 PCR

54 PCR con ibridazione di sonda Ibridazione su filtro con sonda marcata di frammenti amplificati mediante PCR standard con primer consensus. Vantaggi: Altissima sensibiltà anche in presenza di bassa carica virale Svantaggi: Laboriosa, necessità di strutture idonee, non discrimina tra i diversi genotipi.

55 PCR-RFLP PCR standard seguita da digestione del prodotto amplificato tramite enzimi di restrizione. Primers consensus costruiti su regioni conservate che amplifichino un frammento contenente porzioni variabili del genoma virale. Vantaggi: economica, molto sensibile, permette una tipizzazione di diversi tipi virali a rischio. Svantaggi: più laboriosa di una PCR standard, necessita di personale esperto nell’interpretazione dei profili elettroforetici, possibili contaminazioni.

56 PCR-RFLP

57 PCR QUANTITATIVA (Taq Man) Quantificazione della carica virale mediante analisi di fluorescenza emessa da sonde marcate. Vantaggi: Altissima sensibilità (limite teorico di 1 copia di genoma virale), alta specificità, non necessita di corsa elettroforetica, basso rischio contaminazione, rapida esecuzione; diversi lavori sperimentali riconoscono ruolo della carica virale nella patogenesi. Svantaggi: Metodica non ancora standardizzata nella routine diagnostica di HPV, costi elevati, necessita di personale esperto nella messa a punto e nella validazione dei risultati.

58 SEQUENZIAMENTO Metodica di riferimento per il riconoscimento e la genotipizzazione di acidi nucleici virali. L’identificazione avviene mediante la comparazione della sequenza ottenuta con quelle presenti in database pubblici e/o privati. Vantaggi: Massima specificità e sensibilità nella diagnosi, possibilità di genotipizzazione e riconoscimento di tipi virali a rischio particolarmente elevato e identificazione di nuovi tipi. Svantaggi: Costi elevati, metodica laboriosa, personale esperto nell’interpretazione dei cromatogrammi

59 SEQUENZIAMENTO

60 HPV DNA testing Approaches AdvantageDisadvantage l Suthern blothigh sensitivitytime-consuming l Dot blothigh sensitivityold fashioned (radioactive probes) l Hybrid capture high sensitivitylow specificity DNA assay (HC I) (non radioactive probes) use of tubes l Hybrid capture detects 18 HPV types low specificity DNA assay (HC II) (microtiter plates)(better than HC I) l In situ hybridizationpractical to uselow sensitivity (non radioactive probes) l PCRhigh specificity and high risk of sensitivitysample contamination


Scaricare ppt "Virus oncogeni La trasformazione cellulare da virus si accompagna ad una infezione persistente/latente (non controllata dal sistema immune) con espressione."

Presentazioni simili


Annunci Google