La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linguaggio del corpo 2 (la vendetta) Riconoscere le menzogne Giacomo Notaro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linguaggio del corpo 2 (la vendetta) Riconoscere le menzogne Giacomo Notaro."— Transcript della presentazione:

1 Linguaggio del corpo 2 (la vendetta) Riconoscere le menzogne Giacomo Notaro

2 Pietà per il povero relatore!

3 Coerenza e oggettività Interpreta le situazioni a seconda del contesto e non avere pregiudizi

4 Sei cieco e sordo Il 93% della comunicazione è non verbale e non ce ne accorgiamo

5 Zone di interferenza 1. Zona Intima (da 15 a 45 centimetri) 2. Zona Personale (da 45 cm a 1,22 metri) 3. Zona Sociale (da 1,22 a 3,6 metri) 4. Zona Pubblica (oltre i 3,6 metri)

6 Zona intima Di tutte le zone esistenti questa é decisamente la più importante per l'individuo, quasi se fosse di sua proprietà. Solo chi é affettivamente vicino al soggetto (moglie, marito, bambini, genitori, amanti,ecc) può avvicinarsi ed entrare nella zona.

7 Zona personale In questa distanza ci giochiamo i rapporti con gli altri durante feste, ricevimenti, funzioni sociali, concerti e rapporti usuali d'amicizia.

8 Zona sociale Questa zona é solitamente deputata alle comunicazioni (se ce ne sono) con estranei, con l'idraulico che ci sta riparando il lavandino in casa, il postino, con i normali colleghi di lavoro e comunque con tutta quella gente che non conosciamo bene.

9 Zona pubblica Questa rappresenta la classica sfera nella quale ci muoviamo a nostro agio quando siamo per strada, quando passeggiamo tranquilli, insomma quando siamo calati nel mondo esterno.

10 Se la zona intima è “obbligata” (ascensore) Non é "permesso" parlare agli altri, e non si gradisce essere coinvolti in discussioni con estranei. Bisogna evitare di fissare negli occhi, e ci infastidisce se qualcuno lo fa con noi. Non sono permesse emozioni facciali: tutti quanti con espressioni da "pokeristi" che non lascino trasparire le emozioni.

11 Se la zona intima è “obbligata” (ascensore) Se si possiede un giornale o un libro, bisogna apparire molto assorti nella lettura; quando non lo abbiamo e vediamo qualcuno che legge, si prova una profonda invidia... Negli ascensori é obbligatorio alzare la testa e fissare i numeri dei piani che compaiono sul display.

12 Stretta di mano Tipica maschile: allontanare dal proprio territorio

13

14 Stretta di mano dominante Torcere la mano dell’altro dorso verso l’alto Porre la mano su spalla o braccio

15 Controbattere alla stretta di mano dominante Preparatevi con il vostro piede sinistro (se avete offerto la mano destra) a compiere un passo verso il vostro interlocutore "dominante"; poi spostate la gamba destra avanti in modo da essere entrati nella sua zona intima e a questo punto portate la stretta di mano in posizione verticale (uguaglianza), scuotete per primi il braccio, sorridete e lasciate la presa. Scacco matto!

16 Errore del politico o del venditore Eccesso di confidenza Utilizzare prese di avambraccio o di bicipite con persone conosciute da poco : il risultato che si ottiene é un bel suicidio sociale! Questi stili solitamente sono utilizzati tra vecchi amici e persone affettivamente molto vicine

17 Stretta di mano remissiva La persona che invece offre la mano molle o solo la punta della dita non gradisce il contatto con gli altri e si tratta di un individuo altezzoso o schivo e comunque quasi sempre falso e opportunista

18 Stretta di mano remissiva Le persone che danno la mano in modo molle e fiacco sono di solito schive, timide e diffidenti. Anche chi è depresso tende a stringere in modo blando. Per altro, si è appurato che un progressivo declino nell’intensità della stretta è legato ad un peggioramento dello stato malinconico.

19 Postura Riflette atteggiamento mentale Postura chiusa Poca forza, neanche la gravità Postura esageratamente retta Eccessivo controllo Eccessivo contrasto alla gravità

20

21 Cambiare postura Se ci si sente osservati si cambia postura Prima cosa che si nota Prima cosa che cambia

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34 Voce Bisogna normalizzare Timbro Velocità Ritmo

35 Timbro Timbro troppo alto Meno credibilità Difficoltà delle donne in politica Studi specifici per abbassare il tono di voce Il timbro normale si ripropone sotto stress

36 Velocità Un cambio di velocità rispetto a quella normale presuppone una menzogna

37 Ritmo Lento e solenne Tecnica da oratore Obama Ipnotico

38

39 Gestualità Per essere sincera deve essere eseguita appena prima della parola Penso Mostro Dico Consona allo sguardo Cadenza del ritmo Clinton

40

41 Dita delle mani intrecciate tra loro Atteggiamento esplicito di frustrazione od ostilità. Esistono tre tipi principali di posizionamento

42 Soggetto seduto: braccia appoggiate sui gomiti, mani di fronte al viso. ostilità molto forte in quanto il soggetto compie uno sforzo fisico nel mantenere questa posizione

43 Soggetto seduto: braccia appoggiate sul tavolo, mani di fronte al busto. ostilità di media intensità, forse più frustrato che ostile

44 soggetto in piedi: braccia lungo il corpo, mani davanti al pube. Stadio più "debole" di ostilità Sulla difensiva

45

46 Atteggiamento di conoscenza del problema e dimostrazione di superiorità intellettuale. Generalmente ha valenza positiva. Dita delle mani che si toccano solo sui polpastrelli

47

48 Posizione dichiarante superiorità e/o confidenza. Tipico del poliziotto di quartiere, della famiglia reale e degli alti ufficiali in rassegna a plotoni o autorità. Palmo racchiudente l'altra mano dietro la schiena

49 Posizione dichiarante frustrazione e ricerca di self-control. Palmo racchiudente l'altra mano, ma in presa sul polso, dietro la schiena

50

51

52

53

54

55

56

57 I soggetti che infilano la proprie mani nelle tasche posteriori dei pantaloni tentano di nascondere l'attitudine dominante della persona. Mani in tasca

58 Segnali di stress Fronte corrugata Sudorazione abbondante Postura rigida Gomito dell’astronauta

59 Segnali di gradimento Avvicinarsi Contatto con la bocca (Attenzione ai tic nervosi) Qualunque gesto che indichi apertura

60 Segnali di gradimento Bacio analogico Pressione lingua sulla guancia Linguaccia Mordersi le labbra

61 Segnali di rifiuto Gesti dell’allontanamento (spelucchiarsi) Gesti della chiusura Incrociare braccia o chiudere occhi

62 Segnali di rifiuto Accavallare le gambe Movimento indietro del corpo

63 Scarichi tensionali Colpi di tosse Deglutire Naso centro dello stress

64 Bacchetta degli occhiali tra le labbra, penne nervosamente rosicchiate, sigarette strette tra i denti: diversi atteggiamenti per comunicare a livello psicologico insicurezza. Essi sono sostitutivi del capezzolo materno alla stessa stregua del pollice in bocca dei bambini. Gesti con oggetti

65 Togliersi gli occhiali durante una discussione e porli sopra il capo indicano che il soggetto vuol "vedere" il fatto da vicino, necessita di altre informazioni. Invece se li toglie e li ripone bruscamente, é suo desiderio interrompere la seduta. Gesti con gli occhiali

66 Parti del corpo “sincere” Occhi  la pupilla si dilata Eccitamento sessuale Paura Piedi  puntano nella direzione del pensiero Parti più lontane dal cervello Inconsciamente “invisibili” Direzione del reale desiderio

67 Pensa a… Test per destrimani (per i mancini vale al contrario)

68 Una nuvola verde

69 In alto a sinistra: immagine falsa

70 L’inno d’Italia

71 In centro a destra: suono vero

72 Il verso del coccodrillo

73 In centro a sinistra: suono falso

74 Il tuo primo giocattolo

75 In alto a destra: immagine vera

76 Il colore ed il suono del mare

77 In basso a sinistra: esperienza sensoriale vera

78 In basso a destra: dialogo interiore

79 Pare che risultino appartenere alla classe dei "lenti", ovvero persone ai cui piace ponderare bene una decisione. Solitamente accostano il rito della pipa all'azione decisionale, soprattutto per scaricare nervosismo. Fumatori di pipa

80 Come per i fumatori di pipa, anch'essi devono attendere l'esaurimento della loro sigaretta prima di prendere una decisione definitiva. Espirazione Fumo verso l’alto: persona positiva Fumo vero il basso: persona negativa Fumatori di sigarette

81 La taglia e il costo dei sigari hanno sempre dimostrato per colui che li fuma, segnale di superiorità. E' fatto singolare che se distribuiti gratuitamente ad un numero elevato di persone riunite per qualche ricorrenza, più del 70% soffia il fumo verso l'alto, riconoscendo e riconoscendosi in quel frangente la potenza e lo status che il sigaro coagula attorno a sé. Fumatori di sigari

82 7 Espressioni facciali principali

83 Paul Ekman Tutte le culture del mondo rispondono allo stesso modo alle emozioni tramite le espressioni. Corrispondenza biunivoca espressioni/emozioni

84 Felicità

85 Sorriso autentico Angoli della bocca verso l’alto Zigomi verso l’alto e occhi socchiusi (contrazione del pars lateralis e “zampe di gallina”) Perfetta simmetria

86 Sorriso falso Orizzontale Occhi aperti Asimmetria

87 Tristezza

88

89 Disprezzo

90

91 Disgusto

92

93 Sorpresa

94

95 Paura

96

97 Rabbia

98


Scaricare ppt "Linguaggio del corpo 2 (la vendetta) Riconoscere le menzogne Giacomo Notaro."

Presentazioni simili


Annunci Google