La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rappresenta il luogo ideale per gli appassionati di sci. Sulle cime, innevate addirittura anche in estate, sono presenti alcune tra le stazioni sciistiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rappresenta il luogo ideale per gli appassionati di sci. Sulle cime, innevate addirittura anche in estate, sono presenti alcune tra le stazioni sciistiche."— Transcript della presentazione:

1 Rappresenta il luogo ideale per gli appassionati di sci. Sulle cime, innevate addirittura anche in estate, sono presenti alcune tra le stazioni sciistiche più importanti del mondo. E’ anche Paese d’arte e di cultura. Vienna è una delle capitali europee più belle e sede di alcuni musei, palazzi e giardini più belli del mondo. L’Austria è un Paese ubicato nel cuore dell’Europa. Circondata dalle Alpi, è meta ideale per le vacanze in montagna, sia in inverno che in estate. 1 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

2 L’Austria è uno stato ubicato nell’ Europa centrale e si estende nella parte NE del sistema alpino 2 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

3 Confina con:  Repubblica Ceca e Germania a NORD  Slovacchia e Ungheria a EST  Italia e Slovenia a SUD  Svizzera e Liechtenstein a OVEST 3 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

4 Il suo territorio comprende sia le Alpi Retiche che le Alpi Orientali, ma anche una parte collinare che si avvicina, in direzione dei Carpazi, alla pianura ungherese. Tutto il territorio si estende per circa km quadrati senza contare le superfici acquatiche. 4 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

5 A proposito dell’idrografia, l’Austria è attraversata dal Danubio che scorre per circa 350 km verso oriente. Essendo il più grande fiume europeo, entra in Austria dalla città di Passavia all’altezza dell’affluenza dell’Inn e del Ilz. Lungo la zona di Salisburgo scorre il fiume Mur, mentre lungo il Vorarlberg si incontra il Reno che delimita il confine politico con la Svizzera.Salisburgo 5 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

6  Da sottolineare anche la bellezza di alcuni laghi; il più grande lago d’Austria, il Neusiedl, si trova presso il Burgenland.  In ordine di grandezza seguono l’Attersee e il Traunsee. Particolarmente suggestivi, soprattutto per i turisti che amano la montagna, sono i laghi alpini minori – situati soprattutto in Carinzia. 6 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

7  Ma come è suddivisa l’Austria?  È possibile parlare di regioni?  In realtà il paese è composto da ben 9 Stati Federati che in tedesco hanno il nome di Bundesländer. 7 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

8  L'Austria (in tedesco Österreich, in austro-bavarese Ésterreich), ufficialmente Repubblica d'Austria (in tedesco Republik Österreich), è uno Stato membro dell'Unione Europea dal 1° gennaio 1995  L'Austria è una democrazia rappresentativa parlamentare (sebbene sia, de iure, una repubblica semipresidenziale), composta da NOVE Stati federati ed è uno dei sei paesi europei che hanno dichiarato la neutralità permanente e uno dei pochi paesi al mondo che include il concetto di neutralità eterna nella sua costituzione. 8 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

9  I nove Stati Federati si distinguono in: Burgenland, Carinzia, Bassa Austria, Alta Austria, Salisburghese (che ha ovviamente come capoluogo Salisburgo), Stiria, Tirolo (con il suo famosissimo capoluogo Innsbruck), Vorarlberg e l’immancabile stato di Vienna, capitale di tutto il Paese.  Ogni Bundesland è suddiviso in 84 Distretti chiamati Bezirke a loro volta divisi in Gemeinden ossia Comuni (quasi 2500).  L’Austria ha poi 15 città a statuto autonomo chiamate Statutarstädte. 9 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

10 I principali settori economici dell'Austria sono rappresentati dal settore industriale, turistico e agricolo. 10 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

11 I principali segmenti dell'industria austriaca sono costituiti dai generi alimentari e beni voluttuari, da quello chimico, meccanico e delle costruzioni in acciaio. Molto importante il settore degli automezzi in Austria nel quale la produzione di motori e ingranaggi rappresenta più del 90% delle esportazioni. Dall’’industria austriaca infatti ogni anno escono ben motori che vengono impiegati sulle autovetture delle case automobilistiche più prestigiose. 11 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

12  Tutti i settori dell'industria austriaca sono prevalentemente caratterizzati da strutture di media grandezza che comprendono tutte le fasi della produzione, dalla lavorazione delle materie prime alla lavorazione finale.  L’’attività industriale si concentra prevalentemente nella regione dell’’Alta Austria, polo di eccellenza dell'economia nazionale, in particolare nel triangolo Linz- Steyr-Wels. 12 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

13 Nella valle della Steyr si fabbricano trattori, autocarri, cuscinetti a sfera; a Linz e dintorni sorgono moderne acciaierie (VOEST Alpine AG), industrie siderurgiche e chimiche (Chemie Linz AG); a Ranshofen si lavora l'alluminio; a Lenzig si producono cellulosa e lana sintetica. Molto rinomata a livello internazionale l'industria elettrica ed elettronica austriaca per quanto riguarda il segmento dei prodotti elettronici e dell’’hi-tech viene generato dal settore primario (agricoltura e silvicoltura). 13 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

14 Il settore turistico austriaco è uno dei pilastri dell'economia austriaca. Con le sue città d’’arte, le catene montuose ed una natura incontaminata l’’Austria è una delle destinazioni più visitate dell'Europa centrale. Nel 2000 il settore ha registrato ben 113,3 milioni di pernottamenti. Il turismo è fiorente un pò ovunque nelle città d’’arte, nei villaggi pittoreschi, nelle campagne, sui monti e nelle località termali. 14 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

15 Per quanto riguarda il settore agricolo solo il 5% della popolazione lavora nel settore dell'agricoltura e della silvicultura. Nelle zone pianeggianti e collinose a entrambi i lati del Danubio predomina l'agricoltura: cereali, patate, barbabietole, frutta; nelle zone alpine e subalpine notevole lo sfruttamento del bosco (legname e cellulosa) e l'allevamento del bestiame (in prevalenza bovini). Circa il 18% della superficie complessiva dell'Austria è rappresentato da terreni agricoli, il 27% da pascoli e il 46% da foreste. Circa il 41% dell'intera superficie del paese viene coltivato, con bioagricoltori in questo settore l'Austria fa parte dell'avanguardia europea. 15 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

16 Infine un settore di spicco dell’’economia austriaca è rappresentato dall’ artigianato artistico rinomato in tutto il mondo, soprattutto i lavori di ricamo fatti a mano, la bigiotteria, la ceramica e i lavori in vetro. 16 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

17  La bandiera austriaca è uno dei simboli nazionali più antichi del mondo.  Composta da tre bande orizzontali di colore rosso, bianco e rosso, la più antica fonte ufficiale risale infatti ad un sigillo del 1230, custodito attualmente nel monastero di Lilienfeld  La bandiera fu adottata nel Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

18 L’origine dei colori risale – secondo la leggenda più famosa – al duca Leopoldo V di Babenberg. Nella battaglia d’assedio di San Giovanni d’Acri durante terza crociata (1189–1191), il suo mantello bianco si insanguinò completamente, a parte una striscia bianca dove portava la cintura, diventando così i colori ufficiali della famiglia. 18 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

19  Vienna è la capitale dell’Austria; il suo sviluppo avvenne tardivamente, intorno al 1683 dopo la sconfitta dei turchi.  Fiorì definitivamente grazie alla famiglia Asburgo; dopo la ascesa al trono di Francesco Giuseppe, che governò l’impero austriaco per ben 68 anni, Vienna subì una vera e propria rivoluzione urbanistica.  Il simbolo di questa rinascita è RingStrasse, un viale monumentale che circonda l’intera città: proprio qui nel 1879 si tenne la straordinaria parata in onore delle nozze d’argento dell’imperatore con sua moglie, la famosa Principessa Sissi. 19 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

20 È proprio la casata degli Asburgo a rendere Vienna una città così affascinante: uno dei più importanti poli turistici è la famosa residenza estiva di Schönbrunn. La residenza è un esempio eccellente di arte barocca in Europa. Le sale del castello sono aperte al pubblico, all’interno è possibile ammirare l’arredamento e il design dell’epoca in stile rococò. 20 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

21 Ritornando all’interno della città, si può decidere per una serie di luoghi da visitare. Il primo tra tutti, se siete amanti dell’aria aperta e del divertimento, è il Prater. Si tratta di un parco dei divertimenti con circa 250 attrazioni per grandi e piccini. 21 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

22 Se invece siete amanti dell’arte, consigliamo una visita al bellissimo Belvedere. Si tratta di una residenza estiva (precisamente del principe Eugenio di Savoia) oggi divenuta sede di un importante museo d’arte pittorica. Il Belvedere superiore, il primo dei due castelli, contiene la raccolta dei dipinti di Klimt più grande del mondo. 22 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

23 Il Tirolo è uno Stato diviso in due parti, il Tirolo del Nord e il Tirolo Orientale. A sud, il Tirolo si lega all’Italia nelle provincie autonome di Bolzano e Belluno. Il Tirolo è composto da 8 distretti e una sola Città Statuaria, la famosa e stupenda Innsbruck. Il Tirolo è una zona particolarmente montuosa, si possono ammirare ben 6 catene: le Alpi Retiche, le Alpi dei Tauri, le Alpi Calcaree, le Alpi Scistose e le Carniche 23 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

24  Dal punto di vista turistico, il Tirolo comincia a crescere nel 1950 con la costruzione delle Autostrade; da questo momento la regione, collegata capillarmente in tutto il territorio, gode di un forte incremento economico.  Il picco si raggiunge tra gli anni ’60 e ’70 quando vengono organizzati a Innsbruck i Giochi Olimpici Invernali.  Da quando nel 1995, l’Austria decide di entrare a far parte dell’Unione Europea, si costituisce la Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino per permettere una collaborazione proficua non solo a livello culturale e politico ma anche e soprattutto economico. 24 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

25 Particolarmente interessanti sono le abbazie e i castelli del Tirolo. Ricordiamo l’Abbazia di Stams: due imponenti campanili a cipolla, si incontrano lungo il sentiero tirolese di S. Giacomo. Il monastero venne fondato nel 1273, restaurato intorno agli anni ottanta e nel 1985 nominata da Giovanni Paolo II “Basilica minor”. 25 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

26 Innsbruck è il capoluogo dello Stato Federato austriaco del Tirolo, ai tempi capitale della regione storica della Principesca Contea del Tirolo.Tirolo Si tratta di una delle città più belle delle alpi; vanta la presenza di numerose opere architettoniche in stile barocco, rinascimentale e gotico. 26 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

27 Il Palazzo Imperiale, antica residenza dei conti del Tirolo. Il primo a far costruire un castello fu l’arciduca Sigismondo, poi grazie all’imperatrice Maria Teresa, intorno alla metà del settecento fu rinnovato in stile rococò. 27 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

28 Il famoso monumento funerario di Massimiliano I, considerato il più importante d’Europa. L’opera è composta da un sarcofago vuoto, con tutti intorno 24 rilievi in cui si narra la vita dell’imperatore. 28 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

29 Parlando di natura, ad Innsbruck sorge il famoso Alpenzoo. Si tratta dello zoo più alto d’Europa, essendo ubicato a 750 metri dal livello del mare. Si tratta di un vero e proprio zoo tematico, unico nel suo genere, in grado di mostrare a tutti, grandi ma soprattutto piccini, le 150 specie che vivono nell’habitat delle Alpi. Lo zoo accudisce ben 2000 animali 29 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

30 La Carinzia è uno degli Stati dell’Austria più meridionali e quindi più affascinanti per chi ama la montagna e i viaggi all’insegna della scoperta della natura. Si tratta di una zona immersa nelle Alpi, precisamente tra le Alpi Carniche e l’Italia. La capitale della Carinzia è Klagenfurt 30 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

31  La Carinzia è una regione dalla storia molto antica; il suo nome deriva dalla popolazione dei Celti Carni stanziatisi anche nella zona italiana chiamata per l’appunto Carnia.  Tutti gli anni, numerosi turisti si recano in Carinzia per i suoi stupendi paesaggi e per i numerosi siti di interesse, tra cui il Duomo di Gurk, chiesa romanica risalente al XII secolo da sempre utilizzato come sede episcopale. 31 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

32 Salisburgo è una delle città più affascinanti di tutta l’Austria. È una cittadina non molto affollata, conta infatti solo 150 mila abitanti ed è ubicata nell’omonimo Stato Federato, il Salisburghese. È conosciuta in tutto il mondo non solo per il suo inconfondibile stile architettonico (barocco italiano), ma soprattutto per essere la città della musica, avendo dato i natali al grandissimo compositore Mozart. 32 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

33 Oggi Salisburgo è considerato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Contesa nelle due guerre mondiali tra Germania e Austria, la Salisburgo odierna, con le sue bellezze, si deve ai vescovi che si interessarono a lei tra il XVI e il XVII secolo, tra cui anche alcuni membri della famiglia Medici. 33 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

34 La Fortezza di Hohensalzburg, costruita nel 1077 e ampliata solo nel XVI secolo in modo da farne una vera e propria cittadella fortificata. Da visitare assolutamente le camere medioevali del principe e il museo che si trova al suo interno. 34 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

35 La Getreidegasse, in italiano “Vicolo delle Granaglie”, ospita la casa natale di Mozart, una delle mete turistiche più ambite di tutta Salisburgo. Per gli appassionati di musica consigliamo una visita al bellissimo Mozarteum, scuola musicale e museo ufficiale di Wolfgang Amadeus Mozart, fondato nel Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

36 Graz è il capoluogo della Stiria, Land dell’Austria. Si tratta della seconda città austriaca più popolosa con i suoi 260 mila abitanti (stime del 2013). Essendo sede di ben 6 università e accogliendo circa 40 mila studenti, Graz è una delle mete più ambite dai giovani sia d’estate che d’inverno. 36 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

37 La tradizione musicale è sempre stata un punto di rilievo nel panorama culturale e folkloristico dell’Austria. Sebbene la musica sia stata, ed è ancora oggi, uno dei vanti di tutto il continente Europeo, l’Austria si pregia di aver dato i natali ad alcuni dei più importanti compositori che la musica classica abbia mai avuto. Tra i nomi più rilevanti compaiono i giganti (e anche precursori) della musica romantica come Mozart, Strauss e Schubert. Il più grande compositore di tutti i tempi, Wolfang Amadeus Mozart è la personalità più celebre, di cui va fiera tutta l’Austria. 37 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

38 Il più grande esponente della musica austriaca, ma in generale di tutta la musica classica è Wolfgang Amadeus Mozart, nato a Salisburgo il 27 gennaio del Mozart, oltre ad essere stato eccellente compositore, era pianista, organista e violinista di alto livello. La considerazione del suo unico e incredibile talento deriva soprattutto dalla sua precocità: iniziò infatti a comporre ben prima di aver compiuto sei anni! Si dice che fosse un bambino molto sensibile e che fosse in possesso di “orecchio assoluto”. 38 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

39 Come tutta l’Europa anche l’Austria ha dato il suo contributo per aver dato i natali a numerosi scienziati e filosofi. Tra l’Ottocento e il Novecento, nella zona mitteleuropea di Austria e Germania, nascevano non solo correnti di pensiero ma anche dei veri e propri circoli. Uno dei più famosi all’interno della branca delle scienze fu senza dubbio il Circolo di Vienna 39 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

40 Vienna è stata per molti anni la casa anche del più importante psicanalista di tutti i tempi a cui si deve la vera e propria nascita della psicanalisi. Freud, il padre della psicoanalisi, rimane una tra le figure più interessanti che la contemporaneità abbia mai avuto, soprattutto per lo studio delle pulsioni umane e dell’inconscio. 40 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

41 La sua più grande opera rimane L’Interpretazione dei sogni, formalmente il documento che segna l’abbandono del precedente “metodo ipnotico” per indagare i lati nascosti della nostra psiche. 41 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

42 Nello studio dell’uomo ha avuto rilevanza anche l’abate Gregor Mendel, considerato da tutti il padre della genetica. I suoi studi sul genoma, tramite l’osservazione e la catalogazione delle piante di pisello, lo ha reso tutt’oggi base di studio per chi vuole approcciare alla materia. 42 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

43 L’Austria nel periodo natalizio potrebbe rivelarsi una scelta veramente azzeccata. Sarà per le montagne, sarà per la neve, sarà per il clima di festa, ma non c’è niente di meglio che passeggiare per i deliziosi paesini dell’Austria che ospitano ogni anno graziosi mercatini. 43 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C

44 Le piazze sono ornate con luci e ghirlande, tutto intorno odore di cannella e zenzero, lungo le strade tante bancarelle piene di prodotti fatti a mano per tutti i gusti. I mercatini di Natale sono una delle attrazioni più interessanti dell’Austria in stagione invernale, non solo in zona montana (Tirolo e Carinzia), ma anche nelle stupende cittadine di Innsbruck, Salisburgo e la maestosa Vienna. 44 Lucia Brunoni e Giulia Damiani 2^C


Scaricare ppt "Rappresenta il luogo ideale per gli appassionati di sci. Sulle cime, innevate addirittura anche in estate, sono presenti alcune tra le stazioni sciistiche."

Presentazioni simili


Annunci Google