La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 OPERAZIONI INTRA-UE Corso di aggiornamento Napoli, 2 marzo 2011 a cura del Dott. Paolo Ricci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 OPERAZIONI INTRA-UE Corso di aggiornamento Napoli, 2 marzo 2011 a cura del Dott. Paolo Ricci."— Transcript della presentazione:

1 1 OPERAZIONI INTRA-UE Corso di aggiornamento Napoli, 2 marzo 2011 a cura del Dott. Paolo Ricci

2 2 Le novità 2005 L’art. 27 del D.L. n. 78/2010 convertito dalla legge n. 122/2010 ha previsto l’ottenimento di una specifica autorizzazione per l’effettuazione delle operazioni intra-UE. Con Provv. del 29/12/2010 (prot ) l’Agenzia delle Entrate ha stabilito le modalità di diniego o revoca dell’autorizzazione Con Provv. del 29/12/2010 (prot ) l’Agenzia delle Entrate ha stabilito le modalità ed i criteri per l’inclusione dei soggetti passivi IVA nell’archivio informatico denominato VIES (Vat Information Exchange System) Fonti normative

3 3 Le novità 2005 La procedura per la richiesta di autorizzazione segue due diversi canali a seconda che: il soggetto IVA inizia l’attività; il soggetto IVA è già in attività. Suddivisione dei soggetti IVA

4 4 Chi inizia l’attività Chi inizia un’attività (d’impresa o di lavoro autonomo) nel territorio dello Stato ovvero chi vi istituisce una stabile organizzazione ed intende effettuare delle operazioni intra-UE deve manifestare la sua volontà compilando l’apposita quadro I contenuto nei modelli di inizio attività previsti per le imprese individuali o lavoratori autonomi (AA9) e per i soggetti diversi dalle persone fisiche (AA7).

5 5 Chi è già in attività Per chi esercita già un’attività l’iscrizione del registro informatico VIES avviene in automatico qualora siano stati posti in essere alcuni adempimenti e a seconda che alla data del fosse già in attività (si veda le tabelle di seguito riportate).

6 6 Chi è già in attività Inizio attivitàAdempimentiEffetti Presentata prima del ha presentato i modd. Intra (beni/servizi) nel 2009/2010 e ha adempiuto agli obblighi dichiarativi IVA per il 2009 Automatica iscrizione al registro VIES senza effettuare alcun adempimento per permanere Presentata dal al ha dichiarato di effettuare operazioni intra-UE nel mod. AA7 / AA9 oppure nel secondo semestre 2010 ha effettuato operazioni intra-UE e presentato i relativi modd. Intra

7 7 Chi è già in attività Inizio attivitàAdempimentiEffetti Presentata prima del NON ha presentato i modd. Intra (beni/servizi) nel 2009/2010 oppure NON ha adempiuto agli obblighi dichiarativi IVA per il 2009 Automatica iscrizione al registro VIES e permanenza fino al Se si intende effettuare operazioni Intra-UE bisogna presentare apposita istanza il cui fac-simile viene riportato a pagina seguente Presentata dal al NON ha dichiarato di effettuare operazioni intra-UE nel mod. AA7 / AA9 oppure nel secondo semestre 2010 NON ha effettuato operazioni intra-UE e presentato i relativi modd. Intra

8 8

9 9 I controlli dell’Agenzia delle Entrate L’Agenzia delle Entrate effettua i seguenti tre livelli di controllo: entro 30 giorni verifica che i dati forniti siano completi ed esatti valutando i correlati fattori rischio; entro 6 mesi controlli più approfonditi per verificare che il soggetto continui ad avere i requisiti per rimanere iscritto nel registro; periodici, anche nell’ambito di una verifica fiscale.

10 10 I controlli: 1° livello ESITO DEL PRIMO CONTROLLO (entro 30 giorni) PositivoNegativo Iscrizione nel registro VIES Provvedimento di diniego Impugnabile dinanzi alle Commissioni Tributarie Silenzio- assenso Iscrizione al trentunesimo giorno

11 11 I controlli: 2° livello ESITO DEL SECONDO CONTROLLO (entro 6 mesi) PositivoNegativo Rimane iscritto nel registro VIES Provvedimento di revoca Impugnabile dinanzi alle Commissioni Tributarie

12 12 I controlli: 3° livello ESITO DEI CONTROLLI PERIODICI PositivoNegativo Rimane iscritto nel registro VIES Provvedimento di revoca Impugnabile dinanzi alle Commissioni Tributarie Attività di controllo

13 13 Elementi di rischio Costituiscono elementi che determinano l’esito negativo: mancanza dei requisiti oggettivi e soggettivi che comportano la cessazione d’ufficio della partita IVA; mancanza dei requisiti oggettivi e soggettivi che legittimano l’inclusione nel registro VIES; analisi del rischio della posizione del contribuente; riscontro circa l’esattezza e la completezza dei dati forniti; riscontro di gravi inadempimenti relativi agli obblighi dichiarativi IVA nei 5 anni precedenti; coinvolto in precedenza in frodi fiscali del titolare della ditta, del rappresentante legale, degli amministratori o dei soci; altri elementi a disposizione dell’A.F. considerati di rischio.

14 14 Soggetti cancellati I soggetti che non hanno posto in essere gli appositi adempimenti, alla data del 1° marzo 2011, saranno cancellati dal registro VIES. In tal caso, per poter effettuare operazioni intra-UE sarà necessario inviare l’apposita istanza all’Agenzia delle Entrate ed attendere il trascorrere di 30 giorni dalla ricezione. Trascorsi i 30 giorni opera il silenzio-assenso.


Scaricare ppt "1 OPERAZIONI INTRA-UE Corso di aggiornamento Napoli, 2 marzo 2011 a cura del Dott. Paolo Ricci."

Presentazioni simili


Annunci Google