La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Statista Statistico cose dello Stato stato delle cose BRUNO’S DEFINITION bugie, maledette bugie e statistiche (Benjamin Disraeli, 1804-1881) 2013 ANNO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Statista Statistico cose dello Stato stato delle cose BRUNO’S DEFINITION bugie, maledette bugie e statistiche (Benjamin Disraeli, 1804-1881) 2013 ANNO."— Transcript della presentazione:

1 Statista Statistico cose dello Stato stato delle cose BRUNO’S DEFINITION bugie, maledette bugie e statistiche (Benjamin Disraeli, ) 2013 ANNO INTERNAZIONALE DELLA STATISTICA

2 “Il pensiero statistico un giorno sarà necessario come il saper leggere e scrivere!” Herbert George Wells ( ) “Per comprendere il pensiero di Dio dobbiamo studiare la statistica, perchè essa è la misura dei suoi scopi !” Florence Nightingale ( )

3 Dunn ed Everitt Nella scala sociale lo statistico è piuttosto in basso Una figura simile a quella del vigile urbano o dell’esattore delle tasse La statistica stessa è considerata noiosa, tortuosa, complessa, PERICOLOSA

4 Tutto ciò porta a considerare gli statistici PROFESSIONISTI POCO RACCOMANDABILI e SOCIALMENTE NON DESIDERABILI

5 E vidence B ased M edicine

6 STATISTICA E MEDICINA AI MEDICI NON PUO’ MANCARE UN’EDUCAZIONE DI BASE DELLA STATISTICA APPREZZARE LA LETTERATURA MEDICA ESERCITARE AL MEGLIO LA PROFESSIONE SENZA TRASFORMARE I MEDICI IN STATISTICI MA A GARANZIA DI UNA CORRETTA APPLICAZIONE DEL METODO SCIENTIFICO

7 UK BMJ – LANCET USA JAMA NEW ENGLAND JOURNAL OF MEDICINE SONO COLME DI ARGOMENTI DI STATISTICA POICHE’ E’ RITENUTA FONDAMENTALE NELLA RICERCA E NELLA PRATICA MEDICA (DECISIONI IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA) STATISTICA E LETTERATURA MEDICA

8

9 LINEE GUIDA

10

11 REQUISITI METODOLOGICI

12 EBG vs NEBG

13 LEVDEL OF EVIDENCE -GOLD

14

15 LE REVISIONI SISTEMATICHE – METANALISI MOLTI

16 DEFINIZIONE La metanalisi è una TECNICA clinico-statistica che permette di ANALIZZARE una serie di STUDI INDIPENDENTI condotti sullo stesso argomento, consentendo una SINTESI QUANTITATIVA DEI RISULTATI MOLTI

17 QUANDO E’ UTILE La metanalisi risulta utile quando: - RISULTATI DISCORADNTI (singoli studi) - studi effettuati su POCHI PAZIENTI e ritenuti POCO AFFIDABILI (potenza ridotta)

18 VANTAGGI - QUADRO RIASSUNTIVO di quell’argomento - MAGGIORE POTENZA STATISTICA - possibilità di effettuare ANALISI DI SOTTOGRUPPI SVANTAGGI - publication bias (STUDI POSITIVI) - selection bias (QUALI STUDI INSERIRE? RCT-OBS) - eterogeneità degli studi - a quale popolazione estendiamo i risultati?

19 FASE “CLINICA” La prima fase di una metanalisi consiste nel: - definire un protocollo con criteri d’inclusione/esclusione ed end-points - recensione e selezione articoli - raccolta e tabulazione dati FASE “STATISTICA” La seconda fase di una metanalisi consiste nel: - analisi dei singoli studi - analisi complessiva ed in eventuali sottogruppi

20 Esempio: GRADING del CeVEAS

21 Studi controllati randomizzati (Randomised Controlled Trials - RCT) SODDISFANO LA CORRETTA PRATICA SPERIMENTALE

22 Studi controllati Importanza del confronto con il gruppo di controllo

23 RCT: i partecipanti sono allocati in modo casuale a uno degli interventi (esposizione) Ciò aumenta la probabilità che i due gruppi siano simili/bilanciati (confondenti noti e ignoti), e che eventuali differenze negli esiti dipendano solamente dal tipo di intervento assegnato Possiamo fare INFERENZA cioè derivare STIME e INTERVALLI DI CONFIDENZA Studi randomizzati

24 STUDI CONTROLLATI RANDOMIZZATI (Randomised Controlled Trials - RCT) GRUPPO DI TRATTAMENTO randomizzazione POPOLAZIONE STUDIATA (CAMPIONE) GRUPPO DI CONTROLLO CONFRONTO ESITI simili TEMPOTEMPO POPOLAZIONE GENERALE % esiti favorevoli

25 Elementi critici degli studi randomizzati Metodi di randomizzazione (generazione e realizzazione) Modalità valutazione intervento: “cieco” / “aperto” Scelta degli indicatori di esito (“end points”) Analisi dei dati (per trattamento ricevuto - “per protocol” - o trattamento assegnato - “intention to treat”) Numerosità del campione =========== Tipo di popolazione studiata (generalizzabilità risultati) Scelta del trattamento/i di controllo Interpretazione dei risultati (significatività statistica vs rilevanza clinica)

26 I risultati degli studi nella pratica clinica quotidiana EFFICACIA CLINICA (CONDIZIONI “IDEALI”) VS EFFICACIA NELLA PRATICA CLINICA CLINICAL TRIALS VS REAL LIFE

27 Physician talks to Statisticians

28 MISSIONE: TENTARE DI TRASFORMARE QUESTO DIALOGO TRA SORDI! Massimo Guerriero


Scaricare ppt "Statista Statistico cose dello Stato stato delle cose BRUNO’S DEFINITION bugie, maledette bugie e statistiche (Benjamin Disraeli, 1804-1881) 2013 ANNO."

Presentazioni simili


Annunci Google