La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Raccolta dati come partenza e controllo di qualità Dr. L. Favero a nome del GISE Veneto Veneto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Raccolta dati come partenza e controllo di qualità Dr. L. Favero a nome del GISE Veneto Veneto."— Transcript della presentazione:

1 La Raccolta dati come partenza e controllo di qualità Dr. L. Favero a nome del GISE Veneto Veneto

2 STORIA E ASPETTI NORMATIVI della rete

3 spontanea rete STEMI spontanea attiva dal 2003 Ital Heart J 2005; 6 (Suppl 6): 57S-64S

4 Rete integrata interospedaliera per il trattamento in emergenza dell’infarto miocardico acuto (IMA) nella Regione Veneto DGR 4550 del 28.12.2007

5 Rete integrata interospedaliera per il trattamento in emergenza dell’infarto miocardico acuto (IMA) nella Regione Veneto Popolazione: 4.930.000 12: Centri HUB h24 7/7 400 PCI/36 pPCI CCH o Stand by 350.000 abitanti/HUB

6 INDICAZIONI PER LA DEFINIZIONE DEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEI PAZIENTI CON INFARTO MIOCARDICO ACUTO CON ST SOPRASLIVELLATO (STEMI) DOCUMENTO DI INDIRIZZO SETTEMBRE 2011

7 DOCUMENTO DI INDIRIZZO SETTEMBRE 2011 Raccomandazioni 2011: - Teletrasmissione ECG dall’ambulanza all’UTIC - Ritrasferimento in 24-48 h da HUB a SPOKE senza medico - Protocolli di area vasta, PS e Spoke

8 DGR 4550 del 28.12.2007 Rete integrata interospedaliera per il trattamento in emergenza dell’infarto miocardico acuto (IMA) nella Regione Veneto Novità nel Protocollo pPCI: -Tipo di riperfusione (in base a tempo di insorgenza sintomi, tempi di trasferimento, età, rischio emorragico, controindicazioni Fx) -Protocollo farmacologico (Prasugrel, Bivalirudina)

9 RISULTATI delle rete

10 Fonti dei dati 1) Registro VENERE 2) SDO Regione Veneto 3) Registri BLITZ (Anmco) 4) Dati attività GISE 5) Movimento demografico VENETO

11 Registro VENERE (2003)

12 INC STEMI: 697/10 6 abitanti/anno ! Tramite 118: 30 % degli STEMI ! ECG preospedaliero= 0 % !!! pPCI: 52.3 % (17-75%) degli STEMI eleggibili Tasso pPCI 215/10 6 ab./anno 87% degli Ospedali con Cardiologie del Veneto STEMI elegibili alla riperfusione: 86% Olivari Z, Di Pede F et al, Ital Heart J Vol 6 Suppl 6 2005

13 SDO Regione Veneto

14 STEMI (SDO) 2005-2010 Fonte: Regione Veneto 977/ 10 6 /ANNO 748/ 10 6 /ANNO 700/ 10 6 /ANNO VENERE (2003) STEMI in reparti non cardiologici Errori di codifica Reale trend epidemiologico

15 PCI primarie/STEMI (SDO) 2005-2010 Fonte: dati GISE + Regione Veneto 29% 32% 37% 42% 48% 55% STEMI (SDO)PRIMARIE 52% VENERE (2003) pPCI/anno

16 BLITZ 4 Triveneto Courtesy: Dr. Olivari on benhalf of ANMCO

17 BLITZ 4 Courtesy: Dr. Olivari on benhalf of ANMCO

18 BLITZ 4 Courtesy: Dr. Olivari on benhalf of ANMCO

19 BLITZ 4 Courtesy: Dr. Olivari on benhalf of ANMCO

20 Dati GISE + Ufficio demografico REGIONE VENETO

21 PCI primarie/rescue anni 2005-2010: totale REGIONE VENETO Fonte: dati GISE 410/ 10 6 /ANNO 290/ 10 6 /ANNO + 41 % pPCI/anno

22 Differenze geografiche nel tasso di pPCI: anno 2010 Fonte: dati GISE + Regione Veneto pPCI/10 6 /anno 410 Media Regionale 600 Target GISE-EAPCI 330 346368 386539 684

23 Tasso di pPCI nel periodo 2005-2010: variazione per PROVINCIA +261 % Fonte: dati GISE + Regione Veneto +32 %+72 %+29 %+1%+59 % pPCI/10 6 /anno

24 Tasso di PCI primarie anni 2005->2010: VARIAZIONE PROVINCIA VENEZIA Fonte: dati GISE 407 539 +32 % pPCI/10 6 /anno 290 410 290410 290 +41 %

25 Tasso di PCI primarie/rescue anni 2005->2010: VARIAZIONE PROVINCIA VICENZA Fonte: dati GISE 284 368 + 29 % 410290 +41 % 284 368 290410290 pPCI/10 6 /anno

26 PCI primarie anni 2005->2010: VARIAZIONE PROVINCIA PADOVA Fonte: dati GISE pPCI/10 6 /anno 410 290 +41 % 344 346 + 1 % 410290

27 PCI primarie/rescue anni 2005-2010: PROVINCIA di PADOVA Fonte: dati GISE 344/ 10 6 /ANNO 346/ 10 6 /ANNO +1% pPCI/anno

28 PCI primarie/rescue anni 2005-2010: PROVINCIA di VICENZA Fonte: dati GISE 344/ 10 6 /ANNO 346/ 10 6 /ANNO +1% pPCI/anno 290/ 10 6 /ANNO Media REGIONALE 2005

29 PCI primarie/rescue anni 2005-2010: PROVINCIA di VENEZIA Fonte: dati GISE 407/ 10 6 /ANNO 539/ 10 6 /ANNO +32 % pPCI/anno 290/ 10 6 /ANNO Media REGIONALE 2005

30 334/ 10 6 /ANNO 390/ 10 6 /ANNO Hub Cittadella ABITANTI 254.750 pPCI Hub PADOVA ABITANTI 618.421 (668.421) pPCI Fonte: dati GISE + Regione Veneto pPCI 2010 Provincia di PADOVA 85 221 20 Legnago Rovigo 362/10 6 /ANNO INC STEMI (x10 6 /anno) N STEMI Pr.PD % STEMI riperfusi con pPCI 800 (ESC)73749 % 700 (Venere)64556 % 60055365 %

31 333/ 10 6 /ANNO 360/ 10 6 /ANNO Hub Cittadella ABITANTI 254.750 pPCI Hub PADOVA ABITANTI 668.421 pPCI Fonte: dati GISE + Regione Veneto pPCI 2010 Provincia di PADOVA 85 221 20 346/10 6 /ANNO INC STEMI (x10 6 /anno) N STEMI Pr.PD % STEMI riperfusi con pPCI nel 2010 800 (ESC)73747 % 700 (Venere)64553 % 60055363 %

32 Fonte: dati GISE + Regione Veneto pPCI 2010 Provincia di PADOVA 85 346/10 6 /ANNO INC STEMI (x10 6 /anno) N STEMI Pr.PD % STEMI riperfusi con pPCI 800 (ESC)73747 % 700 (Venere)64553 % 60055363 %

33 PROVINCIAHUBAbitanti /hub Abitanti /provincia Vicenza 454.481 Bassano390.389 Treviso-BellunoTreviso519.609 Conegliano400.491 VeneziaMestre387.908 Mirano291.491 Venezia103.214 Padova 619.920 Cittadella226.859 Verona 671.767 Legnago186.380 Rovigo 278.402 VENETO4.530.911 844.870 920.100 782.613 846.779 858.147 278.402

34 1 belluno129.0002009 2 feltre85.0002009 3 bassano180.5172010 4 thiene187.0822009 5 arzignano180.0002008 6 vicenza320.0002008 7 conegliano218.8492009 8 asolo250.0002009 9 treviso414.5032009 10 san dona213.9852008 12 venezia300.0002009 13 mirano266.7052009 14 chioggia70.0002010

35 15 cittadella254.7502010 16 padova483.0422009 17 este185.3792010 18 rovigo175.8042010 18 adria74.8092010 20 verona470.0002009 21 legnago153.5322009 22 bussolengo284.1212009

36

37 Analisi dei dati: conclusioni 1 1)pPCI 410/10 6 /anno (59 % degli STEMI veneti; media ITALIA 420/10 6 /anno) 2)Alcune provincie più organizzate di altre 3)Scarso ricorso al 118 (30% nel registro Venere, 50% nel Blitz) 4)Insufficiente ricorso all ECG preH e teletrasmissione ECG

38 INC. STEMI (Venere)=700/10 6 /anno (media ITALIA 800/10 6 /anno ! INC STEMI (x10 6 /anno) N STEMI Veneto % STEMI riperfusi con pPCI 2010 800 (ESC)392051 % 700 (Venere)343058 % 600 (?)294068 % Analisi dei dati: conclusioni 2

39 Obiettivi progetto S4L Veneto Target ESC pPCI/10 6 AB./ANNO> 600 pPCI/STEMI70% Target Veneto 490 70% Dati Veneto 2010 410 59%

40 CRITICITA’ DA RISOLVERE 1)Aumentare il ricorso al 118 2)ECG preH eTele-trasmissione dell’ECG a 12 der. dall’ambulanza all’UTIC (meglio all’ HUB) 3)Sensibilizzazione degli operatori sull’ insufficiente ricorso alla pPCI 4)Ottimizzazione del sistema regionale permanente di rilevamento dei dati epidemiologici sul funzionamento della rete 5)Revisione biennale dei protocolli

41 STRUMENTI (già attuati) 1)Identificazionione di un Responsabile di Area vasta per il progetto S4L (TV Olivari, PD Tarantini, VE Di Pede, VI e VR TBD). 2) Riunioni organizzative di area vasta periodiche (PD 27.1, VE 20.4) 3) Registro epidemiologico dello STEMI: Venere 2 (PERIODICO-PERMANENTE)

42 Venere 2

43  Registro prospettico, multicentrico, sull’epidemiologia, sulle strategie terapeutiche e sulla mortalità dello STEMI nel Veneto  Promotori: GISE + ANMCO + SIC  Centri coinvolti:- CARDIOLOGIA SENZA EMODINAMICA - UCIC - UCIC EMODINAMICA DIURNA - UCIC EMODINAMICA H 24 - UCIC EMODINAMICA H 24 CARDIOCHIRURGIA  Durata: 6 M, 12 m, permanente, periodico (TBD)  Gruppo di lavoro: F. Di Pede, L. Favero, G. Turiano, G. Zuin, A.Daniotti

44 Venere 2: road map Congresso GISE 2011 (“Big Bang”) Riunione GISE 19.1.2012 Elaborazione protocollo, variabili e database: febbraio e marzo 2012 Mail invito 29.3.2012 (Reimers, Delise, Barbieri) Adesioni entro 15.4.2012 Riunione di start up: giugno 2012 Inizio raccolta dati: settembre 2012

45 Grazie per l’attenzione

46 il GISE regionale, in accordo con l’ANMCO regionale e la SIC regionale, si propone di organizzare una rilevazione sull’epidemiologia, sulle strategie terapeutiche e sulla mortalità dello STEMI nella regione Veneto. Le motivazioni sono: 1) la netta sensazione che l’incidenza dello STEMI si stia riducendo; 2) il dato rilevato dalle statistiche GISE che nella nostra regione il trattamento interventistico sia inferiore alle attese; 3) la mancanza di dati epidemiologici attendibili ed aggiornati. L’idea è di organizzare la rilevazione sul modello del VENERE del 2002-2003 semplificato per favorire una maggiore compliance. Il GISE regionale, in accordo con l’ANMCO e la SIC regionali, ha individuato un gruppo di lavoro incaricato di curare gli aspetti organizzativi della rilevazione epidemiologica costituito dai Dottori: Francesco Di Pede, Luca Favero, Giovanni Turiano, Guerrino Zuin, Alessandro Daniotti. Se altri colleghi intenderanno proporsi, saremo ben lieti di collaborare.

47 Ti inviamo in allegato: 1) un questionario per conoscere la tipologia del Tuo centro e la Tua volontà di aderire alla proposta (QuestionarioVenere2.doc) 2) l’elenco delle variabili (VariabiliVenere2.doc) 3) le modalità di compilazione del database (ModalitàcompilazioneVenere2.doc) 4) il database in Excel (DatabaseVenere2.xls) Ti chiediamo la cortesia di rispondere al questionario entro 15 giorni, allegando eventuali suggerimenti e modifiche. Fiduciosi nella Tua partecipazione, Ti inviamo un caro saluto. Enrico Barbieri (SIC) Pietro Delise (ANMCO) Bernhard Reimers (GISE)


Scaricare ppt "La Raccolta dati come partenza e controllo di qualità Dr. L. Favero a nome del GISE Veneto Veneto."

Presentazioni simili


Annunci Google