La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teologia morale speciale/1 Vita religiosa I: Il fondamento II:Incontro con Dio e vita credente III: Ordinare la vita nel Signore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teologia morale speciale/1 Vita religiosa I: Il fondamento II:Incontro con Dio e vita credente III: Ordinare la vita nel Signore."— Transcript della presentazione:

1 Teologia morale speciale/1 Vita religiosa I: Il fondamento II:Incontro con Dio e vita credente III: Ordinare la vita nel Signore

2 PRIMA PARTE: IL FONDAMENTO 1.Teologia morale “fondamentale” e “speciale”: unità e distinzioni.  Virtù di giustizia, morale religiosa, unità di esperienza morale e di esperienza di fede. 2. Fondamento biblico: Il dono dell’alleanza: Es 3; Gs 24 La Promessa divenuta “si” in Gesù Cristo - Parola ed esistenza di Gesù. - L’esperienza dei discepoli: conversione-fede-sequela - L’annuncio di Gesù. La sua figura eticamente interpretante 3. Eucaristia e vita morale  Costituiti interlocutori  Fatti commensali  “Fate questo in memoria di me”

3 SECONDA PARTE: INCONTRO CON DIO E VITA CREDENTE  4. I primi tre comandamenti del decalogo  Non altri dei  Il Nome  Il sabato  [5. Relazione con Dio in Gesù Cristo. NO] Figure bibliche di relazione/preghiera Dio si rivela ed è riconosciuto: novità di senso e prospettiva  6.Comprendere e decidere nel Signore  Unità della vita personale  Decisione di fede “in coscienza”  Preghiera e decisione di vita

4 TERZA PARTE: ORDINARE LA VITA NEL SIGNORE  7. Una preghiera ordinata e decisa  Il “tempo” del nostro vivere  Criteri di valutazione e decisione  Il “corpo” del passato e lo “spontaneo” ambiguo  8. Preghiera e unificazione personale Mezzo e fine Implicito ed esplicito Cura del discernimento  9. Moralità cristiana come conversione  Preghiera e tentazioni  Conoscere Dio e conversione  Veracità e dialogo. Comunicazione morale e compito di verità.

5 Bibliografia S. Bastianel, Vita morale nella fede in Gesù Cristo, San Paolo, Cinisello Balsamo 2005 D. Abignente, Appunti sulla decisione di vita M. Cozzoli, «Verità, veracità», in F. Compagnoni, G. Piana, S. Privitera, Nuovo Dizionario di Teologia morale, Paoline, Cinisello Balsamo 1990, A.J. Heschel, Il sabato. Il suo significato per l’uomo moderno, Rusconi Editore, Milano 1972 A. Rizzi, Il problema del senso e il tempo. Tempo, festa, preghiera, Cittadella, Assisi 2006

6 PRIMA PARTE: IL FONDAMENTO 1. Teologia morale “fondamentale” e “speciale”: unità e distinzioni.  Vita religiosa. Virtù di giustizia.  Unità di esperienza morale e di esperienza di fede.

7 Vita religiosa: virtù di giustizia Tradizione giuridico-etica (Ulpiano): “Iustitia est constans et perpetua voluntas ius suum unicuique tribuens” Tommaso d’Aquino: “Iustitia est habitus secundum quem aliquis constanti et perpetua voluntate ius suum unicuique tribuit” (S.Th.II-II, q.58, a.1) Il trattato “De iustitia” (S.Th., II-II, qq ) (cf Decalogo sec. D. Mongillo)

8 Giustizia nel rapporto con Dio S.Th.II-II, qq [q.82: devozione: da ‘devoveo’; q. 83: preghiera] Religione da relegere: rileggere, ripetere cose attinenti al culto Religione da religare: legare strettamente a Dio

9 Religione come unità della vita: atti e intenzionalità “La religione ha due serie di atti. Alcuni propri ed immediati... emessi direttamente (sacrificio, adorazione..). Altri invece li produce mediante la virtù cui essa comanda, ordinandoli all’onore di Dio...Ecco perché visitare gli orfani e le vedove nelle loro tribolazioni, che è un atto di misericordia, è considerato come un atto di religione” (S.Th.II-II, q.81, a.1)

10 Religione è virtù che ‘ordina’ a Dio, come ‘fine’, attraverso la relazione con lui “Questa virtù dice propriamente ordine a Dio. Egli infatti è colui al quale principalmente dobbiamo legarci [tamquam indeficienti principio] e verso cui dobbiamo dirigere di continuo la nostra elezione come ad ultimo fine” (S.Th.II-II, q.81, a.1) “Tutte le cose in quanto sono compiute a gloria di Dio appartengono alla religione, non perché questa le compie, ma perché le comanda” (S.Th.II-II, q.81, a.4)

11 La religione è virtù morale “Nella religione si devono tener presenti due cose. Primo ciò che si offre, ossia il culto e questo costituisce la materia o l’oggetto della religione. Secondo colui al quale si offre, e cioè Dio...E’ evidente che della virtù di religione Dio non è l’oggetto, ma il fine...E quindi la religione è una virtù morale, avente per oggetto i mezzi ordinati al fine”(S.Th. II-II, q. 81, a.5)

12 Crisi della “retribuzione” responsabilità della “relazione” La religione è “una parte della giustizia. E in essa il giusto...viene stabilito per una certa uguaglianza...Non si tratta però di uguaglianza assoluta, perché a Dio non si può offrire quanto gli è dovuto: ma in rapporto alle capacità dell’uomo e all’accettazione di Dio”. (S.Th.II-II, q.81, a.5)

13 2. Fondamento biblico: A.Il dono dell’alleanza:Es 3;Gs 24;Dt 4.30;Ger 31 Es 3: vocazione di Mosè - rivelazione del ‘nome’ (Es 2,11-3,15)  Mosè “figlio” di una storia.  Di fronte al “tu” che subisce Mosè non resta indifferente.  Mosè cerca di reagire usando del suo privilegio.  La ‘prova’ di Mosè, il fallimento, il deserto...

14 Es 3: Vicenda di un uomo, vicenda di un popolo. Dio si lascia riconoscere prossimo e salvante nella relazione. La “volontà” di Dio: ho visto...sono sceso per liberare...verso... “Io con te”. Non tu e le tue forze...non semplice compito. Ejeh aser ejeh. Vicino e salvante nella tua storia. Libertà liberata da Dio: novità di Mosè. Una vocazione fondata nel dono: divenire fratelli.

15 Struttura di alleanza: Gs 24 Macro- struttura di alleanza in Gs 24,1-28 I. (AUTO) PRESENTAZIONE [Preambolo]: 24,2b II. RIEVOCAZIONE/KERIGMA [Prologo storico]: 24,2c-13 III. CHIAMATI A DECISIONE [Dichiarazione fondamentale]: 24,14-15 (16-24) IV. COMANDAMENTO E LEGGI [clausole]: 24,25-26 cf Cd. Alleanza: Es 20, ; Cod. Deuteronomico: Dt 12-26; Cod. Santità : Lv cf Decalogo: Es 20,2-17; Dt 5,6-22 V. I TESTIMONI: 24,26b-27 (24,1.22). Cf Dt 4,26 ecc. VI. BENEDIZIONE (maledizioni): 24, cf Dt 28.30

16 I. (AUTO) PRESENTAZIONE [Preambolo]: 24,2b “Così dice il Signore Dio d’Israele”  Esperienza personale del mediatore [non patriarca]  Jahvè, colui che è in relazione [‘io’ –’tu’]

17 II. RIEVOCAZIONE/KERIGMA [Prologo storico]: 24,2c-13 “Io presi…feci uscire…condussi…liberai.. …vi diedi una terra…abitate…mangiate…”  Principio e fondamento nel dono  Rivelazione – relazione – liberazione [“io”…“i vostri padri” - “voi”]  Relazione gratuita: non necessitata - non parziale – incondizionata  Salvezza: creazione di vita come comunione capacità di risposta, di libertà e futuro

18 III. CHIAMATI A DECISIONE [Dichiarazione fondamentale]:24,14-15 (16-24) “Scegliete dunque chi volete servire” W e attah: dunque [logico, cronologico, assiologico, normativo]  Fatti interlocutori di Dio, capaci di libera responsabilità Il dono è offerto alla libera responsabilità della risposta “In forza di”…“come”: assumendo l’intenzionalità del Signore  Conoscere Dio = riconoscere questo Dio = voler essere popolo nato da Dio – affidato a lui – popolo di “prossimi”.

19 IV. COMANDAMENTO E LEGGI [clausole]: 24,25-26 “Giosuè in quel giorno concluse un’alleanza”  Bontà nella ricerca di giustizia – correttezza  Normatività della moralità e norme morali  Integrazione di fede e vita morale:  Le regole di condotta proprie del patrimonio etico condiviso vengono capite come comandamenti di Dio.  Integrazione e purificazione dell’esperienza etica precedente di solidarietà.

20 V. I TESTIMONI: 24,26b-27 (24,1.22). Cf Dt 4,26 ecc. “Voi siete testimoni” “Giosuè prese una pietra”  Vita personale - sociale.  ‘Privato’ e ‘Pubblico’  L’ambiente mediatore di rapporti “umani”  Nell’uso delle cose la relazione con l’altro.  Azione umana e conseguenze.  Teleologia e proporzione.

21 VI. BENEDIZIONE (maledizioni): 24, cf Dt “Noi serviremo il Signore”…”Scegli la vita” (Dt 30)  Continuità e diversità tra II e VI: il dono “affidato”  Differenza e reale reciprocità di partners: Popolo “di Dio” nel divenire popolo di fratelli  La risposta del popolo creatrice di prossimità autonomia morale del credente il futuro/storia è affidato  Discernere per decidere : criteri di discernimento  Discernere - decidere nel Signore.

22 2. Fondamento biblico: B. La Promessa-Alleanza nel “si” di Gesù Cristo  “Dio vicino”(Ejeh..) nella Parola - esistenza di Gesù Nella storia fatta anche di peccato [gratuità incondizionata] La redenzione dall’interno della storia [unità incarnazione e pasqua] Nell’umanità di Gesù in comunione con il Padre [esistenziale cristico] L’alleanza nuova: è possibile vivere con - in Gesù Cristo

23 B. La Promessa-Alleanza nel “si” di Gesù Cristo  L’esperienza dei discepoli: chiamati a partecipare  Nella familiarità con Gesù si sono visti salvati  Nella familiarità con Gesù hanno visto il Padre  Nella familiarità con Gesù hanno visto l’umano L’umanità di Gesù: luogo di scandalo La vita con Gesù: luogo di scandalo La sequela dei discepoli: conversione continua

24 B. La Promessa-Alleanza nel “si” di Gesù Cristo Seguire Gesù non è ripeterlo, è vivere in - con lui L’annuncio di Gesù nei criteri di vita Tentazioni e Beatitudini Gesù eticamente interpretante l’umano Poter leggere il vangelo sulla storia Nel ricordo condiviso del Signore

25 3. Eucaristia e vita morale Consideriamo la realtà dell’eucaristia con domande tipiche della riflessione morale. 1.Quale rapporto esiste tra culto e vita di fede, preghiera personale e liturgica, all’interno della storia di fede di una comunità credente? -Tentazione di ‘esteriorità’ e ‘possesso’ di Dio -Tentazione di ‘separazione’ di culto e moralità 2. Se l’eucaristia è culmen et fons dell’esistenza cristiana (SC), in che senso il celebrare chiama in causa la libera responsabilità nel vivere l’eucaristia? [personale esperienza/alimento]

26 CONVOCATI DALLA PAROLA: COSTITUITI INTERLOCUTORI Comune ascolto della Parola: realtà costitutiva della comunità credente Nella condivisione della Parola che lo Spirito svela nell’interiorità di ciascuno, riconosciamo la presenza salvante di Dio.

27 Convocati dalla Parola A.T. Israele diventa popolo di Dio riconoscendo nel rivelarsi di Dio una relazione di alleanza donata, che chiede adesione [cf Gs 24]. L’esperienza di essere costituiti interlocutori di Dio, in forza del suo gratuito rivelarsi, diventerà centrale e strutturante i modi di esprimere la fede stessa [cf creazione, interpretazione peccato alla luce della fedeltà di Dio, conversione possibile].

28 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA N.T. L’evento definitivo della salvezza è Gesù: Parola fattasi carne L’uomo è nuovamente e decisamente fatto interlocutore di Dio, capace di accogliere il dono e di rispondervi nella sequela.

29 Nella celebrazione Eucaristia siamo convocati e interpellati dalla parola di Dio: ci è chiesto di ascoltare e di rispondere. Siamo costituiti interlocutori. Come comunità credente siamo di fronte al consegnarsi di Dio nella sua Parola, che è il Cristo. La sua parola è riproposta dalla Traditio vivente. La Parola non è generica: Dio continua a operare in noi. La nostra familiarità con la parola di Dio, diventa il luogo della nostra identità come comunità credente [conoscere lui, noi, il mondo]. La Parola incarnata come benedizione in noi

30 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA CONVOCATI A SPEZZARE IL PANE: COSTITUITI COMMENSALI I SEGNI DEL PANE E VINO Realtà - simbolo di ciò che è necessario per vivere e per cui ci si divide [senso umano del pane e interpretazione della vita]

31 Significazione per la coscienza I SEGNI DEL PANE E VINO Realtà – simbolo di comunione: il corpo di Gesù che dà vita Realtà - simbolo di ciò che fa vivere e viene “spezzato”

32 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA Il “senso” è affidato alla libera responsabilità delle persone I SEGNI DEL PANE E VINO Condividere la vita è condividere il pane. La comunione non si fa “a distanza”

33 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA I SEGNI DEL PANE E VINO “Il mio corpo dato per voi” “Il mio sangue versato per voi e per tutti” La vita consegnata diventa luogo di COMUNIONE

34 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA La vita consegnata diventa luogo di COMUNIONE Modello e possibilità del vivere umano autentico, di un’umanità riconciliata, di una vita che sia veramente comunione nella reale condivisione.

35 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA “Fate questo in memoria di me” Vivere la realtà - simbolo Dire in parole e gesti, una realtà che si riconosce come dono e salvezza, assumendola, impegnando la vita.

36 “Fate questo in memoria di me” Il ricordo del Signore conosciuto Gesto liturgico che fa presente al Padre i l compimento della Pasqua in Gesù. Criterio interpretante la moralità quotidiana, perché la salvezza accolta diventi Regno di Dio nella relazionalità interumana.

37 LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA La celebrazione eucaristica propone l’indicazione di una responsabilità etica precisa: Nel consegnarsi di Gesù ci è svelato il suo senso decisivo e nella comunione fraterna che da quel consegnarsi deriva è indicato il risultato di una moralità pienamente trasparente.

38 In forza del farsi prossimo di Gesù ci è donato e affidato il compito di farci prossimi. Nel riconoscere il risorto siamo liberati dalla paura che il consegnarsi senza previe garanzie porti alla morte come annullamento della vita. LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA

39 CELEBRARE E VIVERE L’ EUCARISTICA Riflessioni Conclusive Rito, preghiera e vita costituiscono nel cristiano l’unità del suo credere come dimensioni che si integrano a vicenda e che insieme fanno la sua verità e la sua storia

40 SECONDA PARTE: INCONTRO CON DIO E VITA CREDENTE 1.I primi tre comandamenti del Decalogo - Il termine  -Provenienza -Diversità di formulazioni e tradizioni -Tradizione ebraica antica: le “due vie”, -Tradizione tardo giudaica (Talmud, Filone, Giuseppe Flavio…) -Tradizione cristiana (Agostino)

41 1.I primi tre comandamenti del Decalogo Es 20,1-17; Dt 5, Unità di esperienza di fede e tradizioni distinte - Differenze nei due testi: il comando del “sabato” e quello del “non desiderare” - L’alleanza come unico criterio di riferimento

42 Es 20,1-17; Dt 5,6-21 “Io sono il Signore Dio tuo” Il primo comandamento? Prologo e Dichiarazione fondamentale Principio e fondamento

43 1.1 Non altri dei Primo comandamento: “Non avrai altri dei di fronte a me”  Né idolo, né immagine, né prostrazione… [Dio prossimo: affidamento]  La relazione di fede unifica la vita [personale adesione radicale]  ‘No’ ai molti possibili “signori” [sicurezze]  Fini e motivazioni che ci conducono [morale]

44 1.2 Il nome del Signore Secondo comandamento: “Non pronuncerai invano il nome del Signore tuo Dio” Tentazione del nome “strumento” [possesso] Il senso nella verità del rapporto [lode, grazie e testimonianza] Professione di fede con la vita [Parola]

45 1.3 Il sabato Terzo comandamento: “Ricordati del giorno di sabato per santificarlo” Es 20, 8-11 e Dt 5, 12-15: diversità di costruzioni, motivazioni, formulazioni (alternate) -Contesti storici e culturali: interpretazioni e istanza -“Ricordati”: l’esperienza dell’Esodo-Sinai (motivazione storico-salvifica con rimando al Prologo ‘fondante’: Dt 5,6) -“Ricordati”: rimando alla teologia della creazione (motivazione teologica e apertura universale) -“Sacro” è più che “cultuale” -“Santificare” non significa “non fare”

46 1.3 Il sabato  Vivere da creature il “tempo”. Operosità “umana” come valore Divenire persone, rendere “umana” l’esistenza Natura e cultura: coltivare la terra nella relazione Orientare culturalmente la ‘natura’ mediata Operare: trascendenza e costruzione della “terra” Operosità come tentazione L’operare (risultato) come “fine” dell’esistenza: relazioni strumentali Il produrre come dimensione totalizzante: la persona “misurata” dal suo operare [vita opera propria,eteronomia e massificazione]

47 1.3 Il sabato “Liberare dal lavoro” o “liberare il lavoro”? (P. Beauchamp)  “Come il Signore tuo Dio ti ha comandato … perciò ti ordina”(Dt, 5,12.15). Il “riposo”: volontà di Dio e istanza critica. Cura dell’interiorità e comunità.  “Ricordati”: la memoria del dono di Dio chiede di divenire storia di comunione liberante. Gratuito il dono, gratuità come “senso” dell’umano.  “Perché il tuo schiavo e la tua schiava si riposino con te”. Cura di giustizia: difesa dei deboli.  Sacralità del sabato. Ritmo di lavoro e preghiera.

48 2. Relazione con Dio in Gesù Cristo. 2.1 Esperienza personale di relazione Figure bibliche di relazione/preghiera Punto saltato e trasversalmente recuperato in ogni passo nell’anno

49 3. Comprendere e decidere nel Signore l’unificazione è nel soggetto morale 3.1 Unità della vita personale: l’unificazione è nel soggetto morale Unità di comprendere e agire:  conoscenza/decisione di sé e del mondo  storicità: autocomprensione e decisione maturano attraverso singoli passi  la fede come incontro con il Signore

50 3.1 Unità della vita personale Unità di libertà e responsabilità:  nel rapporto alle cose relazione al “tu”  l’altrui senso non si aggiunge al mio: libertà come chiamata a responsabilità Vita morale all’interno della fede: nuovo “orizzonte” nel ricordo del Signore (coscienza di Gesù) agire-dono:compimento nella comunione

51 3.1 Unità della vita personale Unità di opzione fondamentale e scelte concrete  intenzionalità nell’unità-continuità  cura della scelta, cura della coscienza  la fede operante nella ‘persona’ [criteri]  cura della preghiera, cura della moralità

52 3.2 - Decisione di fede “in coscienza” Vivere “in Cristo” nel vivere “etico”  cura dell’opzione fondamentale: nella verità di coscienza la risposta a una chiamata  la volontà di Dio come esigenza etica  la volontà di Dio nei “criteri” di scelta  non basta la “conformità oggettiva”del comportamento con l’indicazione evangelica  la bontà morale nella ricerca del comportamento “giusto”/possibile  preghiera: interiorità e verità concreta

53 3.3 Decisione di vita Decisione della persona: consapevole scelta, frutto di “sufficiente” libertà

54 3.3 Decisione di vita  Opzione fondamentale, decisione di vita, scelte particolari:  persona, direzione tematizzata, singolo passo analogia e rapporto “Decisione di vita”:  “Figura” che dà unità ai molteplici “tratti”.  Tante “vie”, un’unica meta. La “mia” via.  Direzione decisa per “l’unità-continuità” della vita.

55 3.3 Preghiera e decisione di vita Perché la decisione di vita? Una questione di senso. Il “tu” domanda la vita. Decidere è compromettersi. Un desiderio non è ancora progetto deciso. - Due tentazioni frequenti: - “disponibili” senza decidere - affidati al “caso”

56 3.3 Preghiera e decisione di vita Status e vocazione: Status e decisione: distinzione e rapporto. Vocazione è grazia e non prestazione umana. Decisione è ricerca e risposta all’interno di mediazioni. Valori ordinati in progetto/stile di vita, che comporta pure rinuncia/patire. Modi riconosciuti [pubblico, canonico], modi vincolanti [verità morale]. Occorre un tempo per arrivare a scegliere. La preghiera: luogo della decisione di vita.

57 3.3 Preghiera e decisione di vita Fedeltà, irrevocabilità, storia  E’ possibile l’errore?  Fallimento e errore non sono la stessa cosa.  Sapienza delle indicazioni della chiesa.  Correzione o cambiamento?  Quali “criteri” di discernimento?

58 3.3 Decisione di vita in conversione Storia e fedeltà di progetto interpretante Criteri, non tecnica. La persona al centro. Conoscere il Signore nella familiarità della relazione con lui: dove ha chiamato e chiama? Rivalutare le ragioni/storia della chiamata. La “certezza morale”chiede la verifica condivisa, non i ‘salti’ improvvisi. Chi siamo “diventati”. Irrevocabilità è fedeltà, cioè conversione “continua”

59 La dimensione della preghiera emerge “come storia di un inizio discernente e come discernimento di una storia che continua: la storia personale della presenza di Dio riconosciuta e il riconoscimento di un’opera da lui creata nella propria vita, alla quale con la propria vita la persona credente aderisce e risponde” (S. BASTIANEL, MF,89)

60 TERZA PARTE: ORDINARE LA VITA NEL SIGNORE  1. Una preghiera ordinata e decisa Moralità implicata nell’incontro di fede e verità morale alimentata dall’incontro: Cura del rapporto con Dio significa cura della interiorità [non funzionale]. Decidere di ordinare ‘tempi’ e modi’ Decido adesso, a partire da dove sono Il bene oggettivo concretamente possibile [realismo, oltre i modelli].

61 1.1 Il “tempo” del nostro vivere...Non c’è tempo o io non trovo tempo per pregare?... Una questione che “mi” chiama in causa Molteplicità e velocità delle ‘esperienze’. Ritmo e stile di vita/ Necessità e urgenze. Dare il tempo è dare la vita. L’interiorità ha bisogno di radice. Non basta il “sentire”. Ordinare: fine e mezzi Ordinare: continuità del soggetto, non solo atti. Tempi e modi adeguati: verifica ‘personale’ Funzione dei modelli indicativi

62 1.2 Criteri di valutazione e decisione Unità personale non indotta, ma da “ordinare”:  i criteri che guidano la nostra vita - Unità tra contenuto di valore e modo della comunicazione, nel rimando al termine di riferimento di ogni valore: la relazione libera e responsabile con l’altro/Altro. - Unità dei criteri di valutazione e decisione.  atteggiamenti e logiche - Unità di povertà, castità, gratuità, fedeltà.. - Amore di prossimità: Dio e l’altro uomo - Testimonianza di fede attraverso/nell’umano

63 1.3 Il “corpo” del passato e lo “spontaneo” ambiguo  Dispersione e frammentazione: - condotti dalle cose, circostanze, attese altrui... - eteronomia e prevalere della fattualità  Ordinare la vita nel Signore: crescita “personale”, fede come realtà unificante - trascendenza è tendenziale assunzione, interpretazione, integrazione del ‘fattuale’ - con il Signore, nel discernimento circa se stessi, il senso e le possibilità da attuare - nei gesti concreti diventiamo ciò che siamo

64  2. Preghiera per unificare la vita “Sii un uomo di preghiera: diventerai uomo di pace” 2.1 Preghiera e consapevolezza - Implicito ed esplicito. Attingere all’esperienza compresa di moralità e di fede. Non “tralcio secco”. - Esplicitare per vivere in consapevole gratuità - Cerchiamo il Signore o la consolazione? - Una questione di verità da “fare” - L’incontro ‘ presente’ con Cristo

65 2.2 Cura del discernimento nel Signore Il colloquio e la meditazione: - per comprendere oggettivamente - per valutare con libertà interiore - per decidere il bene possibile Accompagnamento spirituale: - Lo Spirito maestro interiore - Sguardo esterno, carità della chiesa_____________________________________________________________________________________________________________________________________________  Efficacia diretta della preghiera  Efficacia indiretta della preghiera

66 2.3 La vita concreta nella preghiera La vita, non solo se stessi. Riconoscendo e affidando all’Altro ciò che ci sta a cuore [cf “Contemplatio ad amorem”]. Contraddizione, momento di vita. La preghiera cambia me, non le cose....fino a toccare, tendenzialmente, intelligenza, sensibilità, affettività.. “tutto”

67  3. Moralità cristiana come conversione “Venne fra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto... A quanti l’hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio” (Gv 1,11-12) L’esperienza del dono di Dio suppone la volontà di accogliere il bene. Non basta ascoltare il vangelo perché diventi vita. La comunione con Dio passa attraverso lo stato della nostra coscienza: per noi ‘sequela’ significa ‘conversione’. Maturare in onestà rimanendo-imparando dal Signore (cf Pietro e Cornelio, Paolo…). Cambiare ‘personalmente’ mente e cuore. Liberati..rimproverati..inviati “con” il Signore.

68 3.1 Gesù, figlio di Dio nella “carne” “...si fece carne, venne ad abitare in mezzo a noi” ‘Con’ il Padre nel modo ‘umano’di vivere Preghiera e tentazioni - La preghiera, luogo di tentazione? - Logiche mondane mentalità condivise Gesù, i discepoli, noi... - Decidere nella fede: - in relazione con Gesù - in conversione continua

69 3.2 Conoscere Dio e conversione Gratitudine Dal perdono [nessuna condizione preclusa] anche la percezione del peccato/male morale:  il proprio peccato [anche veniale] … l’altro peccatore [cosa voglio nel capire cosa fare?] Responsabilità e speranza:  far vivere è ricerca oggettiva di comunione Moralità, sequela, croce:  ‘de-cidere’ all’interno dei limiti  storia umana, peccato, rinuncia  gratuità della consegna

70 Veracità, veridicità, dialogo. Comunicazione morale e compito di verità. Perché questo tema nel nostro itinerario? Rimando al Decalogo [1°e 8°comandamento]. Vita morale nella fede come conversione continua alla comunione La comunione attraverso la parola.

71 Analogia del termine 1. Verità scientifico-positiva Vero è ciò che si prova, che è evidente, il dato - Primato del phisicum - Tentazione di naturalismo e positivismo 2. Verità logico-ontologica [categoria originaria, non solo formale/ speculativa-teorica] Verità e essere coincidono (io non sono creatore della verità) “Ens et verum convertuntur” [De Veritate, I,1] - “Il vero e il falso non sono nelle cose, ma nella ragione” [Aristotele, Metafisica, VI, 4] - Il giudizio è “misura” della verità - Tentazione di realismo ingenuo o di idealismo

72 Analogia del termine 4. Verità storica - Eventi e interpretazione - Possibilità e limiti di un divenire da interpretare 3. Verità del senso - Vero è ciò che compie la vita (auto-consapevolezza e libertà) - Comprendere l’esistenza ordinandola a un fine - L’uomo è soggetto di verità: riconosce ciò che vale, in una storia (trascendenza sulla fattualità) 5. Verità di [soggettivo e oggettivo] fede - Incontro con Dio in G.Xto - mediato dalla Traditio vivente della chiesa - la Verità e le verità

73 La tradizione filosofica greca (e occidentale) connette verità con razionalità - razionalità della realtà - razionalità del conoscere - razionalità riflessa (concetto di verità) ■ “Adaequatio rei et intellectus” [Tommaso, De Veritate, I,2] nell’epoca moderna (con istanze già antiche) - verità diveniente, storica, non naturalistica - verità di senso che si dispiega nelle strutture esistenziali dell’esserci alla libertà (M. Heidegger) - verità del soggetto (interiore) - verità dell’oggetto (positivo, materiale) - verità è ciò che “serve” (funzione)

74 Il linguaggio biblico connette alla radice ‘emeth[amam= essere fondato, fondamento] con: relazione, fidatezza, fedeltà. e auto-comunicazione di Dio con risposta al dono di comunione (da’at) (grazia e risposta,amore di Dio e del prossimo) “Giustizia e verità si incontreranno” [sal 85,11]. La teologia biblica vede l’uomo capace (per dono) di riconoscere l’intenzionalità di Dio di assumerla orientandosi alla comunione di verità nel cogliere l’oggettività del valore, dell’altro, di Dio (chiamata-volontà di Dio).

75 Verità, veridicità, comunicazione Se verità è termine analogo Analogatum princeps è Dio, La Verità e il fondamento di ogni vero. Mediazione umana è la coscienza, fatta capace di riconoscere cosa è vero e farsene responsabile. Compimento del vero è la comunione-amore.

76 La Verità in comunione con Gesù In una storia in cui è efficace il peccato la verità dell’uomo nella relazione con Dio diviene possibile in Gesù e in coloro che lo accolgono - “vero” Dio e “vero” uomo, “pieno di grazia e di verità” (Gv 1) - “veramente quest’uomo era figlio di Dio” (Mc 15) L’esperienza dei discepoli: fatti capaci di essere “amici” - “Sono io la via, la verità, la vita”... (Gv 14) - “Ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi” (Gv 15) -“Conoscerete la verità e...vi farà liberi” (Gv 8) Nella relazione con Gesù è possibile - conoscere il Padre “in spirito e verità”.. (Gv 4) - “camminare nella verità” [2Gv 4; Gal 5, Gc 1 ecc.]

77 Verità morale Verità di incontro con l’altro: implica consapevole e libera responsabilità verso il “tu” nella mediazione dei beni Verità è gratuità: implica il compito di costruire reciprocità Verità non è passivo adempimento della legge: implica il compito di veracità attraverso il dialogo

78 Veracità, veridicità, dialogo. VERACITA’ è virtù (habitus). Essa implica:  sincerità - non riserva di sé, “velamento”, autogiustificazione (razionalizzata)  ricerca di oggettività (bontà...correttezza) - attraverso la continua conversione VERIDICITA’ è verità del rapporto attraverso la parola vera - comunicabilità del vero/valori - non semplice informazione - unità contenuto e modo della comunicazione

79 Errore - bugia – menzogna “Per esserci menzogna è necessaria la volontà di inganno” (Agostino, Contra Mendacium, 26) “...basta la volontà di dire il falso” (Tommaso, S.Th.II-II, q. 110, a.1) lo stratagemma ambiguo della restrictio mentalis il male della calunnia.

80 “Diritto” alla verità  Verità non è semplice manifestare quanto ho in testa  Diritto non è pretesa o invadenza sull’altro  Verità e “segreto”[naturale, promesso, commesso, sacramentale]. Verità non è un semplice verbum, ma il frutto di un giudizio che corrisponde all’oggettività reale: dei valori e dei soggetti nelle circostanze [interiori ed esteriori]  che significa verità a un malato?  diritto all’informazione vera e controllo dell’informazione mediatica.  come comporre bene comune e diritto della persona in situazioni di oggettivo conflitto?

81 Verità come dia-lógos Verità è rapporto di comunione [parola-vita] Dialogo come virtù ascolto previo alla parola/ascolto dell’altro la parola procede dal dia-logo (“tra”) l’altro non è “da convincere” il favore dell’altro/fiducia nella coscienza verità nella carità: compito e testimonianza


Scaricare ppt "Teologia morale speciale/1 Vita religiosa I: Il fondamento II:Incontro con Dio e vita credente III: Ordinare la vita nel Signore."

Presentazioni simili


Annunci Google