La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Economia Aziendale1 La rilevazione delle operazioni di assestamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Economia Aziendale1 La rilevazione delle operazioni di assestamento."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Economia Aziendale1 La rilevazione delle operazioni di assestamento

2 Corso di Economia Aziendale 2 Dalla contabilita al bilancio d’esercizio: il principio di competenza economica La differenza tra costi e ricavi risultanti dalla Co. Ge. NON esprime il reddito d’esercizio.  La Co. Ge. rileva i fatti di gestione solo nel momento in cui questi hanno la manifestazione finanziaria.  I costi e i ricavi che hanno avuto la manifestazione finanziaria nell’esercizio non sono necessariamente quelli che concorrono a determinare il REDDITO DELL’ESERCIZIO.

3 Corso di Economia Aziendale 3 Per far sì che la Co.Ge. esprima costi e ricavi di competenza economica e, quindi, da essa si possa trarre il risultato d’esercizio, è necessario effettuare: 1) SCRITTURE INTEGRATIVE hanno lo scopo di includere nel reddito dell’esercizio quei costi e quei ricavi che, pur non avendo avuto manifestazione finanziaria nell’esercizio, sono di competenza economica dello stesso. 2) SCRITTURE RETTIFICATIVE (O DI STORNO) hanno lo scopo di escludere dal reddito dell’esercizio quei costi e quei ricavi che, pur avendo avuto manifestazione finanziaria nell’esercizio, non sono, in tutto o in parte, di competenza economica dello stesso (costi e ricavi sospesi). SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Dalla contabilita al bilancio d’esercizio: il principio di competenza economica

4 Corso di Economia Aziendale 4 1) Le scritture di assestamento integrative Con esse si INTEGRANO quei costi e ricavi con manifestazione finanziaria differita che sono di competenza economica dell’esercizio. Quindi occorrerà rilevare: - il costo o il ricavo di competenza economica (variazione economica); - il correlativo debito o credito (variazione finanziaria).

5 Corso di Economia Aziendale 5 Scritture di assestamento integrative: rilevazione di ratei Al termine di un determinato esercizio “n” è noto che: a) nell’esercizio “n+1” verranno pagati fitti passivi per € , di cui € di competenza dell’esercizio in chiusura. In Co. Ge.: Fitti passiviRatei passivi DADA 5.000

6 Corso di Economia Aziendale 6 Scritture di assestamento integrative: rilevazione di fatture da emettere Al termine di un determinato esercizio “n” è noto che: b)l’azienda ha consegnato ai propri clienti merci per € senza aver emesso la relativa fattura. In Co. Ge.: Fatture da emettereMerci c/vendite DADA

7 Corso di Economia Aziendale 7 Scritture di assestamento integrative: rilevazione della quota di T.F.R. Al termine di un determinato esercizio “n” è noto che: c) la quota del T.F.R. maturata nell’esercizio in chiusura a favore dei dipendenti è di € In Co. Ge.: Quota T.F.R.Fondo T.F.R. DADA

8 8 Effettuando le scritture di assestamento integrative possono sorgere: Semplici crediti o debiti, quando si rilevano ricavi e/o costi certi e definiti nel loro ammontare; Ratei attivi (crediti) o passivi (debiti), quando si rilevano ricavi e/o costi in corso di maturazione e che maturano in relazione al tempo; Fondi, quando sorgono debiti connessi a costi autodeterminati dall’azienda e a carattere incerto nell’esistenza e/o nell’ammontare e/o nella scadenza. In sintesi …

9 Corso di Economia Aziendale 9 2) Le scritture di assestamento rettificative (o di storno) Con esse si RETTIFICANO quei costi e ricavi con manifestazione finanziaria anticipata allo scopo di riportarli alla competenza economica. Si tratta dei: a) COSTI SOSPESI (o anticipati) b) RICAVI SOSPESI (o anticipati)

10 Corso di Economia Aziendale 10 a) Costi sospesi (o anticipati) Possono essere relativi a: fattori produttivi correnti (beni a fecondità semplice) quali materie prime, servizi di assicurazione, etc. fattori produttivi pluriennali (beni a fecondità ripetuta) quali impianti, macchinari, brevetti, etc.

11 Corso di Economia Aziendale 11 Costi sospesi relativi a fattori produttivi correnti Il costo di acquisizione di tali fattori viene inizialmente considerato coincidente con il costo di utilizzazione (costo di competenza economica). Al termine dell’esercizio, dopo aver verificato l’effettivo utilizzo del fattore produttivo, il costo deve essere rettificato della quota eventualmente non ancora utilizzata. Ciò rende necessario scomporre il costo in due quote: quella di competenza economica e quella anticipata. I costi anticipati che riguardano servizi si denominano risconti attivi.

12 Corso di Economia Aziendale 12 Scritture di assestamento rettificative: rilevazione delle rimanenze di magazzino Al termine di un determinato esercizio “n” si stima che: d) le materie in rimanenza abbiano un valore di € In Co. Ge.: Materie in rimanenzaMaterie c/rim. finali DADA

13 Corso di Economia Aziendale 13 Scritture di assestamento rettificative: rilevazione di risconti attivi Al termine di un determinato esercizio “n” si stima che: e) I premi di assicurazione pagati nell’esercizio (€ ) si riferiscono, per € 2.000, all’esercizio “n+1”. In Co. Ge.: Risconti attiviPremi di assicurazione DADA 2.000(12.000)2.000

14 Corso di Economia Aziendale 14 Costi sospesi relativi a fattori produttivi pluriennali Il costo di acquisizione di tali fattori non coincide con il loro costo di utilizzazione (costo di competenza economica). Occorre rettificare il costo di acquisizione sottraendo la quota di costo utilizzata nell’esercizio cioè di competenza economica dello stesso (quota di ammortamento). AMMORTAMENTO: PROCESSO CON CUI SI DISTRIBUISCE UN COSTO PLURIENNALE (ANTICIPATO) SU TUTTI GLI ESERCIZI IN CUI VIENE UTILIZZATO.

15 Corso di Economia Aziendale 15 Scritture di assestamento rettificative: rilevazione della quota di ammortamento Al termine di un determinato esercizio “n” si stima che: f)la quota del costo di impianti e macchinari utilizzata nell’esercizio in chiusura sia pari al 10% del costo complessivamente sostenuto (€ ). In Co. Ge.: Quota amm.to impianti e macchinari F.do Amm.to Impianti e macchinari DADA

16 Corso di Economia Aziendale 16 b) Ricavi sospesi (o anticipati) Nel corso dell’esercizio può accadere che si rilevano ricavi che non si possono considerare interamente di competenza economica dello stesso, ma in parte da rinviare al futuro, perché connessi a prestazioni non ancora erogate. Ciò rende necessario scomporre il ricavo in due quote: quella di competenza economica e quella anticipata. I ricavi anticipati relativi a servizi prendono il nome di risconti passivi.

17 Corso di Economia Aziendale 17 Scritture di assestamento rettificative: rilevazione di risconti passivi Al termine di un determinato esercizio “n” si stima che: g) gli interessi attivi riscossi nell’esercizio (€ ) si riferiscono, per € , all’esercizio “n+1”. In Co. Ge.: Interessi attiviRisconti passivi DADA (50.000)10.000

18 18 Ratei e risconti: confronto RATEI VALORI FINANZIARI Ratei ATTIVI: CREDITI Ratei PASSIVI: DEBITI Originano da operazioni di gestione a cavallo tra due esercizi con manifestazione finanziaria POSTICIPATA RISCONTIVALORI ECONOMICI Risconti Attivi: costi anticipati Risconti Passivi: ricavi anticipati Originano da operazioni di gestione a cavallo tra due esercizi con manifestazione finanziaria ANTICIPATA

19 Corso di Economia Aziendale 19 Le scritture di chiusura Dopo aver effettuato le scritture di assestamento, si può procedere alla CHIUSURA DEI CONTI (determinazione del SALDO e successiva iscrizione nella sezione dove il totale è minore affinché le due sezioni pareggino) Esempio: “Oggetto” DA (S)

20 Corso di Economia Aziendale 20 La chiusura avviene con le seguenti fasi: I. Si determina il saldo dei conti accesi a costi e ricavi di competenza economica e lo si epiloga in CONTO ECONOMICO II. Si determina il saldo di Conto economico (utile o perdita d’esercizio) III. Si determina il saldo dei conti ancora rimasti accesi e lo si epiloga in STATO PATRIMONIALE Le scritture di chiusura

21 Corso di Economia Aziendale Chiusura dei conti accesi a costi di competenza economica I conti accesi a costi hanno tutti un saldo (eccedenza) Dare, pertanto, per chiuderli, occorre iscrivere il saldo in Avere ed addebitare, in contropartita, il conto di epilogo “Conto Economico”. Es: Acquisti di materieConto economico DADA (…) Saldo

22 Corso di Economia Aziendale Chiusura dei conti accesi a ricavi di competenza economica I conti accesi ai ricavi hanno tutti un saldo (eccedenza) Avere, pertanto, per chiuderli, occorre iscrivere il saldo in Dare ed accreditare, in contropartita, il conto di epilogo “Conto Economico”. Es: Ricavi di venditaConto economico DADA Saldo(…) Saldo

23 Corso di Economia Aziendale 23 Dopo l’epilogo il Conto Economico avrà il seguente contenuto: CONTO ECONOMICO DareAvere COSTI di competenza economica dell’esercizio RICAVI di competenza economica dell’esercizio

24 Corso di Economia Aziendale Chiusura di Conto Economico Conto economicoUtile d’esercizio DADA Se Ricavi > Costi Saldo: Utile Se Ricavi < Costi Saldo: Perdita Conto economicoPerdita d’esercizio DADA

25 25 Determinazione e versamento delle imposte sul reddito dell’esercizio Il pagamento delle imposte avviene secondo le seguenti fasi: 1) versamento di due acconti d’imposta; 2) determinazione del costo per imposte da imputare all’esercizio; 3) evidenziazione di quanto ancora dovuto all’erario (debito), una volta dedotto l’importo già versato con gli acconti; 4) pagamento del saldo nell’esercizio successivo.

26 26 Determinazione e versamento delle imposte sul reddito dell’esercizio Erario c/accontiBanca c/c DADA Imposte sul redditoErario c/acconti DADA Debiti tributari DA Al termine di un determinato esercizio “n” si stima che: h) le imposte sul reddito di competenza economica sono pari a € , ma nell’esercizio sono stati versati acconti per € In Co. Ge.: II I

27 Corso di Economia Aziendale27 3. Chiusura dei conti rimasti ancora accesi: valori finanziari positivi e negativi, costi e ricavi sospesi Impianti e macch.Stato Patrimoniale DADA (…) Saldo Deb. v/fornitoriStato Patrimoniale DADA Saldo(…) Saldo Esempi:

28 28 3. Chiusura dei conti rimasti ancora accesi: conti economici di capitale I conti Capitale sociale e Utile d’esercizio hanno un saldo Avere, mentre il conto Perdita d’esercizio ha un saldo Dare. Per la loro chiusura si procede sempre con l’iscrizione del saldo nella sezione opposta del conto di riepilogo “Stato Patrimoniale Finale”. Es: Capitale socialeStato Patrimoniale DADA Saldo(…)Saldo Utile d’esercizioStato Patrimoniale DADA Saldo(…)Saldo Perdita d’esercizioStato Patrimoniale DADA (…)Saldo

29 Corso di Economia Aziendale 29 Dopo l’epilogo lo Stato Patrimoniale Finale avrà il seguente contenuto: STATO PATRIMONIALE FINALE Dare ( ATTIVITA’)(PASSIVITA’) Avere Valori finanziari positivi Valori economici di reddito (costi sospesi) Valori economici negativi di capitale Valori finanziari negativi Valori economici di reddito (ricavi sospesi) Valori economici positivi di capitale (capitale netto e sue parti ideali)

30 Corso di Economia Aziendale 30 Dalla Co.Ge. al bilancio d’esercizio Dopo aver chiuso tutti i conti è possibile pervenire alla redazione del BILANCIO D’ESERCIZIO documento in cui è sintetizzata la Contabilità Generale il suo scopo è quello di rappresentare il reddito conseguito nel corso dell’esercizio e il capitale a disposizione dell’azienda al termine dell’esercizio.

31 Corso di Economia Aziendale 31 Il bilancio d’esercizio Si compone dei seguenti documenti: Stato patrimoniale: serve a rappresentare il capitale nei suoi elementi attivi e passivi; Conto economico: serve a rappresentare il reddito d’esercizio nei suoi elementi positivi (ricavi) e negativi (costi); Nota integrativa: serve a fornire informazioni esplicative ed aggiuntive rispetto a quelle contenute negli altri due documenti.

32 Corso di Economia Aziendale32 Grazie per l’attenzione!


Scaricare ppt "Corso di Economia Aziendale1 La rilevazione delle operazioni di assestamento."

Presentazioni simili


Annunci Google