La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

27/03/2015Ilaria ortolani GRUPPI DI INFORMAZIONE SUPPORTO E RIFLESSIONE PER GENITORI DI RAGAZZI ADOLESCENTI L’ADOLESCENZA COME PERIODO CRITICO: ASPETTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "27/03/2015Ilaria ortolani GRUPPI DI INFORMAZIONE SUPPORTO E RIFLESSIONE PER GENITORI DI RAGAZZI ADOLESCENTI L’ADOLESCENZA COME PERIODO CRITICO: ASPETTI."— Transcript della presentazione:

1 27/03/2015Ilaria ortolani GRUPPI DI INFORMAZIONE SUPPORTO E RIFLESSIONE PER GENITORI DI RAGAZZI ADOLESCENTI L’ADOLESCENZA COME PERIODO CRITICO: ASPETTI EVOLUTIVI E RUOLO DELLA FAMIGLIA PRIMO INCONTRO DR.SSA ILARIA ORTOLANI

2 27/03/2015Ilaria ortolani OBIETTIVI DEL CORSO: SUPPORTO Favorire l’acquisizione di abilità comunicative in famiglia Favorire l’acquisizione di abilità comunicative in famigliaINFORMAZIONE Migliorare le conoscenze dell’adolescenza come periodo critico Migliorare le conoscenze dell’adolescenza come periodo critico Favorire la distinzione tra comportamenti evolutivi e comportamenti a rischio Favorire la distinzione tra comportamenti evolutivi e comportamenti a rischioRIFLESSIONE Migliorare la comprensione dei comportamenti adolescenziali e delle proprie reazioni emotive Migliorare la comprensione dei comportamenti adolescenziali e delle proprie reazioni emotivePREVENZIONE Migliorare la possibilità di prevenire il disagio attraverso l’identificazione dei segni precoci Migliorare la possibilità di prevenire il disagio attraverso l’identificazione dei segni precoci

3 27/03/2015Ilaria ortolani ALCUNI QUESITI Perché trattare il tema dell’adolescenza? Perché trattare il tema dell’adolescenza? Perché pensare ad un coinvolgimento dei genitori? Perché pensare ad un coinvolgimento dei genitori? Come cambia il ruolo del genitore nel periodo adolescenziale? Come cambia il ruolo del genitore nel periodo adolescenziale?

4 27/03/2015Ilaria ortolani PREVENIRE IN ADOLESCENZA L’adolescenza è il momento critico per individuare le prime difficoltà o i primi segni di disagio che, in seguito ad ulteriori esperienze, potrebbero evolvere verso disagi psicologici di varia natura. L’adolescenza è il momento critico per individuare le prime difficoltà o i primi segni di disagio che, in seguito ad ulteriori esperienze, potrebbero evolvere verso disagi psicologici di varia natura. In adolescenza potrebbero, quindi, comparire primi segni di “vulnerabilità” ai disagi che solo in seguito all’azione di fattori stressanti potrebbero evolvere verso malesseri psicologici. In adolescenza potrebbero, quindi, comparire primi segni di “vulnerabilità” ai disagi che solo in seguito all’azione di fattori stressanti potrebbero evolvere verso malesseri psicologici. L’adolescenza è inoltre un momento evolutivo “critico” per tutti i ragazzi L’adolescenza è inoltre un momento evolutivo “critico” per tutti i ragazzi

5 27/03/2015Ilaria ortolani PERCHE’ COINVOLGERE I GENITORI Non solo il giovane si trova ad affrontare momenti di crisi dovuti alla modificazione della propria personalità, ma anche i genitori vivono un momento di “ristrutturazione” in quanto legati inestricabilmente all’adolescente. I familiari si trovano, infatti di fronte alla necessità di contenere i livelli emotivi-affettivi dei loro figli con modalità del tutto diverse rispetto a quelle infantili e a dover costruire giornalmente nuovi “stili di relazione”. Questo induce spesso una crisi di identità simile a quella adolescenziale Non solo il giovane si trova ad affrontare momenti di crisi dovuti alla modificazione della propria personalità, ma anche i genitori vivono un momento di “ristrutturazione” in quanto legati inestricabilmente all’adolescente. I familiari si trovano, infatti di fronte alla necessità di contenere i livelli emotivi-affettivi dei loro figli con modalità del tutto diverse rispetto a quelle infantili e a dover costruire giornalmente nuovi “stili di relazione”. Questo induce spesso una crisi di identità simile a quella adolescenziale

6 27/03/2015Ilaria ortolani ADOLESCENZA L’adolescenza è il periodo di vita di un individuo che si interpone tra l’infanzia e la vita adulta. Cronologicamente, l’adolescenza potrebbe essere collocata in un’età compresa tra i dodici e i ventidue anni, anche se è piuttosto difficile darne un’indicazione anagrafica. L’adolescenza è caratterizzata da una molteplicità di cambiamenti che riguardano diversi aspetti.

7 27/03/2015Ilaria ortolani PERCHE’ L’ADOLESCENZA E’ UN PERIODO CRITICO? Darsi un’ideantità. Conflitto diffusione/individuazione (Erikson) diffusione/individuazione (Erikson) Autonomia affettiva l’interiorizzazione della base sicura Acquisire nuove capacità di relazionarsi agli altri relazionarsi agli altri Acquisire un pensiero Acquisire un pensiero Ipotetico-deduttivo (Piaget) Ipotetico-deduttivo (Piaget) I COMPITI DELL’ADOLESCENZA

8 27/03/2015Ilaria ortolani IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE Per individuazione intendiamo il processo con cui l’adolescente crea un’immagine interna di sé stabile legata alla coscienza estesa e caratterizzata dall’integrazione dei vissuti emozionali facenti parte del sé Per individuazione intendiamo il processo con cui l’adolescente crea un’immagine interna di sé stabile legata alla coscienza estesa e caratterizzata dall’integrazione dei vissuti emozionali facenti parte del sé L’individuazione necessità di un buon livello di sviluppo emotivo L’individuazione necessità di un buon livello di sviluppo emotivo

9 27/03/2015Ilaria ortolani IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE Per raggiungere l’individuazione l’adolescente passa spesso attraverso: Per raggiungere l’individuazione l’adolescente passa spesso attraverso: 1. L’oppositività: opponendosi all’altro si conferisce forma e struttura 2. La diffusione dell’identità: Assume tante pseudoidentità quanti sono i contesti di sviluppo 3. L’utilizzazione del gruppo di pari come “base d’appoggio”

10 27/03/2015Ilaria ortolani Il processo di formazione di un’immagine stabile e coerente di sé in adolescenza, implica anche l’acquisizione di una rappresentazione di sè sessuata Il processo di formazione di un’immagine stabile e coerente di sé in adolescenza, implica anche l’acquisizione di una rappresentazione di sè sessuata I rapporti con l’altro sesso implicano contatti affettivi ravvicinati che necessitano di un buon livello di sicurezza I rapporti con l’altro sesso implicano contatti affettivi ravvicinati che necessitano di un buon livello di sicurezza La formazione di un’immagine sessuata implica l’accettazione delle differenze e l’abbandono talvolta luttuoso della propria immagine infantile per abbracciarne una adulta. La formazione di un’immagine sessuata implica l’accettazione delle differenze e l’abbandono talvolta luttuoso della propria immagine infantile per abbracciarne una adulta. IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE

11 27/03/2015Ilaria ortolani AUTONOMIA AFFETTIVA Per autonomia affettiva si intende la capacità dell’adolescente di svincolarsi dalle figure genitoriali portandole dentro di sé. Questo processo, iniziato già durante l’infanzia, trae origine dalla formazione di quello che in psicologia viene detto “attaccamento sicuro” (Bowlby) Per autonomia affettiva si intende la capacità dell’adolescente di svincolarsi dalle figure genitoriali portandole dentro di sé. Questo processo, iniziato già durante l’infanzia, trae origine dalla formazione di quello che in psicologia viene detto “attaccamento sicuro” (Bowlby) In adolescenza la presenza di un attaccamento sicuro permetterebbe la formazione di nuovi legami, l’esplorazione dell’ambiente, l’interazione con il gruppo di pari, le relazioni con l’altro sesso In adolescenza la presenza di un attaccamento sicuro permetterebbe la formazione di nuovi legami, l’esplorazione dell’ambiente, l’interazione con il gruppo di pari, le relazioni con l’altro sesso

12 27/03/2015Ilaria ortolani LO SVILUPPO RELAZIONALE Lo sviluppo del senso di sé implica anche acquisire nuove modalità di relazione. Lo sviluppo del senso di sé implica anche acquisire nuove modalità di relazione. In particolare l’adolescente si troverà ad oscillare tra una posizione infantile in cui vorrà ancora essere protetto ed indirizzato ad una cui rivendicherà i propri bisogni di autonomia In particolare l’adolescente si troverà ad oscillare tra una posizione infantile in cui vorrà ancora essere protetto ed indirizzato ad una cui rivendicherà i propri bisogni di autonomia L’oscillazione tra le due posizioni determinerà l’assunzione di modalità relazionali e comunicative “pseudoadulte” (il linguaggio del gruppo di pari, l’opposizione alle norme, la ricerca delle norme). L’oscillazione tra le due posizioni determinerà l’assunzione di modalità relazionali e comunicative “pseudoadulte” (il linguaggio del gruppo di pari, l’opposizione alle norme, la ricerca delle norme).

13 27/03/2015Ilaria ortolani LO SVILUPPO DEL PENSIERO Il pensiero in adolescenza diventa ipotetico deduttivo e astratto Il pensiero in adolescenza diventa ipotetico deduttivo e astratto Tale processo è anche collegato alla capacità di mantenere dentro di sé la “memoria affettiva” dell’altro Tale processo è anche collegato alla capacità di mantenere dentro di sé la “memoria affettiva” dell’altro I due processi sono spesso tra loro collegati, talvolta il calo del rendimento scolastico, infatti, è solo indice di un’alterazione dello sviluppo affettivo. I due processi sono spesso tra loro collegati, talvolta il calo del rendimento scolastico, infatti, è solo indice di un’alterazione dello sviluppo affettivo.

14 27/03/2015Ilaria ortolani I 4 COMPITI EVOLUTIVI, LA CRISI E LE TENDENZE TIPICHE DEGLI ADOLESCENTI TENDENZETIPICHE OPPOSITIVITA’ COMPORTAMENTI ETEROGENEI ETEROGENEI USO DI SOSTANZE O CANNABINOIDI VIOLAZIONE DELLE NORME RICERCA DELLE NORME DELLE NORME TRISTEZZAPERL’INFANZIAPERDUTA IL LINGUAGGIO DEI PARI /L’ADESIONE AI GRUPPI LAMESSA IN ATTO LA MESSA IN ATTO DI COMPORTAMENTI DI COMPORTAMENTI A RISCHIO A RISCHIO

15 27/03/2015Ilaria ortolani I CONTESTI DI SVILUPPO DELL’ADOLESCENTE ADOLESCENTE FAMIGLIA SCUOLA GRUPPO DI PARI

16 27/03/2015Ilaria ortolani LA FAMIGLIA Il ragazzo in questo periodo ha due esigenze: da un lato sente il bisogno di essere protetto, dall’altro vuole differenziarsi. La famiglia deve affrontare l’arduo compito di trovare un nuovo equilibrio, di rinegoziare le distanze interpersonali. Il ragazzo in questo periodo ha due esigenze: da un lato sente il bisogno di essere protetto, dall’altro vuole differenziarsi. La famiglia deve affrontare l’arduo compito di trovare un nuovo equilibrio, di rinegoziare le distanze interpersonali. E’ importante che la famiglia permanga come “base sicura” in cui tornare nei momenti di difficoltà. E’ importante che la famiglia permanga come “base sicura” in cui tornare nei momenti di difficoltà. E’ importante che la famiglia conferisca uno spazio dato da regole flessibili in cui il ragazzo possa essere indirizzato e contenuto ed esercitare i suoi bisogni di autonomia E’ importante che la famiglia conferisca uno spazio dato da regole flessibili in cui il ragazzo possa essere indirizzato e contenuto ed esercitare i suoi bisogni di autonomia

17 27/03/2015Ilaria ortolani LA SCUOLA La scuola rappresenta un luogo privilegiato in cui sperimentare un nuovo senso di sé La scuola rappresenta un luogo privilegiato in cui sperimentare un nuovo senso di sé La scuola rappresenta uno spazio di transizione tra la famiglia (intesa come base affettiva) e il mondo del lavoro (inteso come ambiente esterno). La scuola, quindi potrebbe rappresentare una sorta di palestra in cui esercitare i propri livelli di autonomia La scuola rappresenta uno spazio di transizione tra la famiglia (intesa come base affettiva) e il mondo del lavoro (inteso come ambiente esterno). La scuola, quindi potrebbe rappresentare una sorta di palestra in cui esercitare i propri livelli di autonomia

18 27/03/2015Ilaria ortolani IL GRUPPO DI PARI I bisogni di individuazione del giovane lo spingono a rifiutare l’identità infantile per acquisirne una adulta I bisogni di individuazione del giovane lo spingono a rifiutare l’identità infantile per acquisirne una adulta All’interno di un gruppo il giovane puo’ migliorare la propria autostima puo’ sperimentare un senso di appartenenza e quindi, riflettendosi in esso,un nuovo senso di sé. All’interno di un gruppo il giovane puo’ migliorare la propria autostima puo’ sperimentare un senso di appartenenza e quindi, riflettendosi in esso,un nuovo senso di sé. Il gruppo, proprio come la scuola rappresenta inoltre, una base affettiva transizionale: nel gruppo il giovane puo’ trovare nuovi legami più evoluti rispetto a quelli con le figure genitoriali. Il gruppo, proprio come la scuola rappresenta inoltre, una base affettiva transizionale: nel gruppo il giovane puo’ trovare nuovi legami più evoluti rispetto a quelli con le figure genitoriali.

19 27/03/2015Ilaria ortolani COMPORTAMENTI ADOLESCENZIALI EVOLUTIVI O CRITICI L’adolescenza costituisce un momento critico per tutti i giovani L’adolescenza costituisce un momento critico per tutti i giovani Per tale motivo è molto difficile stabilire quando un comportamento sia evolutivo, quando il risultato di una crisi destinata a passare, quando il segno di una vulnerabilità al disagio. Per tale motivo è molto difficile stabilire quando un comportamento sia evolutivo, quando il risultato di una crisi destinata a passare, quando il segno di una vulnerabilità al disagio. Anche comportamenti apparentemente a rischio potrebbero evolvere positivamente grazie all’effetto di “fattori protettivi” come i legami, i contesti di crescita positivi ecc Anche comportamenti apparentemente a rischio potrebbero evolvere positivamente grazie all’effetto di “fattori protettivi” come i legami, i contesti di crescita positivi ecc

20 27/03/2015Ilaria ortolani COSA SAPER OSSERVARE INTENSITA’ DURATA IMPULSIVITA’/RIFLESSIVITA’ PRESENZA DI UNA BASE SICURA PRESENZA DI UNA BASE SICURA OPPOSITIVITÀ E ALTRE TENDENZE ADOLESCENZIALI

21 27/03/2015Ilaria ortolani CRISI EVOLUTIVA E RICHIESTA DI AIUTO DUE ADOLESCENZE A CONFRONTO SOTTO 3 PUNTI DI VISTA: 1 L’OPPOSITIVITA’ 3 LA REGOLA INTERNA 4 L’EPRESSIONE DELLE EMOZIONI

22 27/03/2015Ilaria ortolani TRE METRI SOPRA IL CIELO Babi e Step provengono da due realtà completamente diverse. Lei (Katy Louise Saunders) ha 18 anni, è una studentessa modello, ha un buon rapporto con i suoi genitori ricchi e borghesi e ha tanti amici tra cui Pallina, quella a cui è più legata e a cui confida tutto. Step (Riccardo Scamarcio) ha 19 anni è un tipo violento che passa il suo tempo tra corse di moto clandestine e piccoli furti, e i suoi amici, anche Pollo, il suo migliore amico, sono tutti teppisti (ma anche lui è figlio di papà). Babi e Step si incontrano per caso e nonostante le differenze si innamorano. La loro storia va avanti per circa un anno, ma inevitabilmente crescono seguendo strade differenti e sono destinati a lasciarsi, anche se questa storia d’amore rimarrà per sempre nei loro ricordi...

23 27/03/2015Ilaria ortolani L’OPPOSITIVITA’ COME MEZZO DI INDIVIDUAZIONE E L’OPPOSITIVITA’ COME PASSAGGIO ALL’ATTO

24 27/03/2015Ilaria ortolani La famiglia come base affettiva in grado di fornire uno spazio in cui crescere limitato da norme e confini La famiglia come base affettiva in grado di fornire uno spazio in cui crescere limitato da norme e confini La famiglia come base affettiva in assenza di un contenimento adulto La famiglia come base affettiva in assenza di un contenimento adulto La famiglia colpevolizzante La famiglia colpevolizzante

25 27/03/2015Ilaria ortolani LA REGOLA INTERNA E IL SENSO DI COLPA In adolescenza la violazione della norma costituisce un indice importante di individuazione. Affinchè una norma sia violata, però, è necessario che essa esista nella mente del ragazzo. In adolescenza la violazione della norma costituisce un indice importante di individuazione. Affinchè una norma sia violata, però, è necessario che essa esista nella mente del ragazzo. La presenza del senso di colpa o la percezione della violazione costituisce un indice importante di strutturazione interna La presenza del senso di colpa o la percezione della violazione costituisce un indice importante di strutturazione interna

26 27/03/2015Ilaria ortolani La presenza del senso di colpa e della paura La reazione di rabbia

27 27/03/2015Ilaria ortolani QUALCHE MECCANISMO SANO…. L’Idealizzazione di sé e dell’altro nell’innamoramento…..

28 27/03/2015Ilaria ortolani LE EMOZIONI IN ADOLESCENZA Tutte le emozioni costituiscono reazioni dell’organismo che ne consentono l’adattamento Tutte le emozioni costituiscono reazioni dell’organismo che ne consentono l’adattamento Le emozioni in adolescenza sono intense a causa di una serie di cambiamenti cui l’individuo è sottoposto Le emozioni in adolescenza sono intense a causa di una serie di cambiamenti cui l’individuo è sottoposto Bisogna differenziare la tendenza a percepire il sé e le emozioni attraverso il corpo ed il passaggio all’atto dalla verbalizzazione dei vissuti emozionali Bisogna differenziare la tendenza a percepire il sé e le emozioni attraverso il corpo ed il passaggio all’atto dalla verbalizzazione dei vissuti emozionali

29 27/03/2015Ilaria ortolani LA RABBIA AGITA LA RABBIA VERBALIZZATA E LA CONSAPEVOLEZZA DELL’ALTRO

30 27/03/2015Ilaria ortolani LA TRISTEZZA La tristezza è un’emozione legata alla perdita e può essere evolutiva là dove porti l’individuo a fare scelte adattative o a trovare nuove strategie di problem solving La tristezza è un’emozione legata alla perdita e può essere evolutiva là dove porti l’individuo a fare scelte adattative o a trovare nuove strategie di problem solving La fuga da situazioni dolorose potrebbe essere talvolta adattativa talvolta distruttiva di altri legami o situazioni positive La fuga da situazioni dolorose potrebbe essere talvolta adattativa talvolta distruttiva di altri legami o situazioni positive

31 27/03/2015Ilaria ortolani LA TRISTEZZA DISTRUTTIVA IL RECUPERO DI LEGAMI POSITIVI E LA RIPRESA

32 27/03/2015Ilaria ortolani


Scaricare ppt "27/03/2015Ilaria ortolani GRUPPI DI INFORMAZIONE SUPPORTO E RIFLESSIONE PER GENITORI DI RAGAZZI ADOLESCENTI L’ADOLESCENZA COME PERIODO CRITICO: ASPETTI."

Presentazioni simili


Annunci Google