La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE ENERGIE del nostro FUTURO Classe 3D a.s. 2010/2011 Scuola Secondaria di 1 Grado PONTECCHIO POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI POLESELLA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE ENERGIE del nostro FUTURO Classe 3D a.s. 2010/2011 Scuola Secondaria di 1 Grado PONTECCHIO POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI POLESELLA."— Transcript della presentazione:

1 LE ENERGIE del nostro FUTURO Classe 3D a.s. 2010/2011 Scuola Secondaria di 1 Grado PONTECCHIO POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI POLESELLA

2 “L’ENERGIA è la capacità di un corpo di svolgere un determinato lavoro” “L’ENERGIA non si crea, nè si distrugge ma si trasforma” COS’E’ L’ENERGIA?

3 PROTOCOLLO DI KYOTO Il PROTOCOLLO di Kyoto, è un trattato internazionale in materia ambientale che riguarda il riscaldamento della Terra. E’ stato scritto a Kyoto (Giappone), l’11 dicembre 1997 ed è entrato in vigore il 16 febbraio 2005; unisce più di 160 paesi. Questo Protocollo prevede l’obbligo di ridurre le emissioni di sostanze inquinanti da parte dei paesi industrializzati aderenti. Per ridurre le emissioni si è pensato di utilizzare i Meccanismi flessibili ed a eliminare quelli di mercato.

4 Termini e condizioni Il trattato prevede per i paesi industrializzati di operare una riduzione delle emissioni di elementi inquinanti in una misura non inferiore al 5% rispetto alle emissioni registrate nel Perché il trattato potesse entrare in vigore, si richiedeva che fosse ratificato da non meno di 55 nazioni e che esse producessero almeno il 55% delle emissioni inquinanti questa condizione è stata raggiunta solo nel 2004 quando anche la Russia ha aderito. Oggi 174 ed un’organizzazione economica regionale sono aderite e contribuiscono al 61% alle emissioni di gas serra globali.

5 Paesi aderenti al protocollo Nel novembre 2001 si tenne la Conferenza di Marrakech dove 40 paesi sottoscrissero il protocollo di Kyōto. Due anni dopo più di 120 paesi avevano aderito al trattato fino all’adesione della Russia nel 2004, considerata importante poiché produce da sola il 17% delle emissioni. Ad ottobre 2009 gli stati che hanno aderito risultano 184.

6 Paesi non aderenti Tra i paesi non aderenti figurano gli USA, cioè i responsabili del 36% del totale delle emissioni. Il presidente Bill Clinton aveva firmato il protocollo, ma George Bush ritirò l’adesione. Alcune città americane come Chicago e Los Angeles, stanno studiando possibilità di emettere provvedimenti che permettono a livello locale di applicare il trattato. Anche se il provvedimento riguardasse solo una parte del paese, non sarebbe un evento significante perché comunque ci sono altre città o regioni, non aderenti che produrrebbero molto di più.

7 Altri stati I paesi in via di sviluppo, per non ostacolare la loro crescita economica non sono stati invitati a ridurre le loro emissioni. Infatti L’india e la Cina, paesi che stanno avviando la loro economia solo negli ultimi anni, pur avendo firmato il protocollo non sono tenute a ridurre le loro emissioni di gas-serra. Questo perché all’inizio dell’ industrializzazione non sono stati i principali responsabili delle emissioni.

8 LE ENERGIE ALTERNATIVE Le energie principali sono: Solare Idroelettrica Eolica Geotermica Biomasse Le centrali principali sono: Centrale solare Centrale idroelettrica Centrale eolica Centrale geotermica Le energie alternative sono fonti d’energia diverse dai combustibili fossili già presenti in natura,sono rinnovabili e sono utilizzate nelle centrali elettriche.

9 ENERGIA SOLARE L’energia solare è una risorsa pulita e rinnovabile, indispensabile per la vita sulla Terra che viene scoperta dal fisico francese Edmond Becquerel nel 1839.

10 ENERGIA SOLARE Solare termico Nel solare termico i pannelli sono utilizzati per scaldare l’acqua per utilizzi domestici. Ci sono 2 tipi di pannelli termici: Tubi sottovuoto Piano vetrato Solare fotovoltaico Nel solare fotovoltaico i pannelli sono utilizzati per produrre energia elettrica. Solitamente vengono utilizzati in 2 luoghi: Sopra il tetto delle case Nelle centrali fotovoltaiche La luce solare è una radiazione elettromagnetica formata da fotoni (particelle d’energia luminosa). Ci sono 2 modi di utilizzare l’energia solare:

11 ENERGIA IDROELETTRICA L’energia idroelettrica si ottiene da una massa d’acqua situata ad alta quota che possiede energia potenziale. viene condotta poi dalle condotte forzate a 2 tipi di centrali: Centrale a serbatoio: Si trova alle pendici della montagna. l’acqua arriva dalle condotte forzate e mette in funzione una turbina Pelton che mette in funzione l’alternatore Centrale di generazione e pompaggio: E una centrale in caverna che funziona come la precedente solo che durante la notte pompa l’acqua da un serbatoio a valle e la riporta a monte.

12 ENERGIA EOLICA Il vento è una massa d’aria in movimento (quindi ha energia cinetica). Questo vento, muovendosi fa girare delle pale a circa 50/100 m da terra collegate a un rotore che produce energia. Le centrali eoliche (wind farm) hanno un grande impatto ambientale soprattutto visivo perché occupano tanto terreno e perché le torri sono molto alte. IL GENERATORE EOLICO: È una torre d’acciaio alta m con in cima una navicella con un rotore formato da 2-3 pale. La navicella contiene il generatore, un cuscinetto d’appoggio e degli ingranaggi che moltiplicano i giri delle pale.

13 ENERGIA GEOTERMICA CENTRALE GEOTERMICA La centrale geotermica è un impianto simile a la centrale termoelettrica la differenza che il vapore è un prodotto naturale. Dopo l’utilizzo, il vapore viene rincondensato in acqua e reiniettato nel sottosuolo per mantenere la giusta pressione GEOTERMIA E AMBIENTE Un’area geotermica per produrre energia elettrica è attraversata da molti vapordotti, e quindi un passaggio unico e regolare. Non esistono movimenti contro il geotermico perché è quasi sconosciuto. Il fluido geotermico lavora a circuito chiuso e quindi ecologico perché eventuali inquinamenti non vengono dispersi nell’ambiente esterno. L’energia geotermica proviene dal calore contenuto all’interno della terra in punti vicini alla superficie.

14 BIOMASSE La parola biomasse indica tutti i tipi di materiale organico. I principali tipi biomasse sono 3: Coltivazioni energetiche per la riproduzione di carburanti come il bioetano e biodisel. Legname e scarti forestali per il riscaldamento domestico e per la produzione di energia elettrica. Frazione organica dei RSU cioè scarti alimentari e di giardinaggio BIOETANOLO = l’etanolo è un alcol che può essere ottenuto da Coltivazioni zuccherine. Il Bioetanolo può essere estratto anche da scarti agricoli,ma il costo di produzione e maggiore. BIODISEL : è un olio di origine biologica ottenuto da sostanze oleose. Si presenta come un liquido ambrato e trasparente.

15 ENERGIA NUCLEARE Che cos’è : E’ l’energia liberata dalle reazioni all’interno dell’atomo dell’uranio 235. Per ricavare energia dall’ uranio esistono due procedimenti: FISSIONE: divisione del nucleo dell’uranio (pesante) FUSIONE: unione dei nuclei dell’idrogeno (leggeri) Per ridurre le emissioni radioattive si è pensato di costruire dei reattori nucleari di III generazione, più economici e sicuramente più “puliti”. Di recente sono stati creati dei prototipi di reattore nucleare di III+ generazione, basati su quelli di III.

16 Il risveglio del nucleare Centrali nucleari di terza generazione Dopo l’esplosione della centrale nucleare a Cernobyl si stanno progettando reattori di terza generazione. In queste centrali si produce elettricità attraverso la fissione che avviene per mezzo dello scontro tra neutroni e nuclei di uranio-235. Il calore che viene prodotto raggiunge l’acqua che diventa vapore e fa muovere le turbine. Sicurezza Gli esperti dicono che le nuove centrali non causeranno danni come quella di Cernobyl perché sono protetti da uno doppio strato di cemento armato. Le società di smaltimento di scorie radioattive dicono che le nuove centrali saranno più pericolose di quelle vecchie perché l’emissione di scorie è superiore.

17

18 IL RISVEGLIO DEL NUCLEARE Dopo l’incidente di Cernobyl, la richiesta di energia nucleare è molto diminuita e molti progetti per delle centrali sono stati sospesi. Negli ultimi anni, comunque, la richiesta del nucleare è aumentata a causa dell’ esaurimento di combustibili fossili. L’Italia nel 1986, con un referendum, ha scelto di non installare centrali nei proprio territorio, ad oggi il tema è stato riaperto.


Scaricare ppt "LE ENERGIE del nostro FUTURO Classe 3D a.s. 2010/2011 Scuola Secondaria di 1 Grado PONTECCHIO POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI POLESELLA."

Presentazioni simili


Annunci Google