La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Equilibrio tra le fasi 1 FASE 1 FASE 2 Equilibrio prima dopo Concentrazione 0 C 1 Volume V 1 V 1 Concentrazione C 0 C 2 Volume V 2 V 2 Dc = C1/C2, dove.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Equilibrio tra le fasi 1 FASE 1 FASE 2 Equilibrio prima dopo Concentrazione 0 C 1 Volume V 1 V 1 Concentrazione C 0 C 2 Volume V 2 V 2 Dc = C1/C2, dove."— Transcript della presentazione:

1 Equilibrio tra le fasi 1 FASE 1 FASE 2 Equilibrio prima dopo Concentrazione 0 C 1 Volume V 1 V 1 Concentrazione C 0 C 2 Volume V 2 V 2 Dc = C1/C2, dove C indica la somma della concentrazione delle varie forme in cui può essere presente la sostanza che si ripartisce tra le fasi.

2 2 p = frazione di soluto nella fase 1 = q = frazione di soluto nella fase 2 = C0 V2 = C1 V1+ C2 V2 Dividendo per C2V2 numeratore e denominatore si ha: p = q =

3 3 r =0 r= 1 r= 2 r= 3 n= 0 n= 1 n= 2 n= 3 n= 4 Le frazioni di soluto nei recipienti dopo l’equilibrio sono i termini individuali dell’espressione (q+p) n Se indichiamo con (F r,n ) la frazione di soluto contenuta in r dopo n trasferimenti abbiamo:

4 4 r max È possibile dimostrare che, matematicamente Il calcolo di F mediante l’espressione fattoriale diventa particolarmente lungo quando n ed r diventano grandi. Fortunatamente, in queste condizioni, la distribuzione binomiale può essere approssimata ad una distribuzione normale (gaussiana) che ha la forma: Per n>24

5 5 Separazione di due soluti (Dc 1 =3, Dc 2 =1/3) per n=25 ed n=100

6 6 Lyman C. Craig ( ) A manual version of Lyman C. Craig's CCD machine designed by Erich Hecker

7 TEORIA DEL PIATTO relazione con la distribuzione in controcorrente 7 In cromatografia sia r che n sono molto grandi, ma n>> r, per cui Applicando l’approssimazione di Stirling

8 8 La frazione di ogni soluto sarà distribuita entro un certo numero di recipienti (piatti teorici) specificato dalla precedente equazione. Se vogliamo calcolare la frazione di soluto per r max (massimo del picco), ricordando che r max = np si ha Consideriamo la situazione in cui il soluto costituito da m moli totali, e la sua massima concentrazione si trovi in r max = N, avremo che la quantità totale Q nel recipiente r max = N sarà

9 9 Il soluto si muove lungo la colonna di N piatti in un tempo =t R (tempo impiegato dal massimo della concentrazione ad uscire dalla colonna), per cui la velocità di uscita espressa come piatti/tempo sarà N/t R e la velocità della massima quantità S max sarà

10 10 La quantità m è proporzionale all’area del picco, mentre la velocità del massimo di concentrazione di uscita (massimo del picco) è proporzionale alla sua altezza. considerando in prima approssimazione il picco triangolare ed esprimendo l’altezza in unità arbitrarie e la base in unità di tempo avremo e considerando il picco gaussiano (t w = 4τ), dove τ è la deviazione standard espressa in unità di tempo

11 Piatti teorici Per descrivere il processo cromatografico è utilizzata una similitudine derivante dalla teoria della distillazione. Il sistema cromatografico è immaginato simile ad una colonna di distillazione, cioè composta da una serie di strati sottili chiamati piatti teorici; in ognuno di questi microelementi della colonna si realizza l’equilibrio di distribuzione del soluto tra fase stazionaria e fase mobile. Lo spostamento del soluto lungo la colonna è dovuto all’azione dinamica della fase mobile I termini numero di piatti teorici (N) e altezza del piatto (HETP, Height Equivalent to Theoric Plate) sono comunemente utilizzati in cromatografia per quantificare le prestazioni dei sistemi cromatografici 11

12 12 1)Altezza equivalente di piatto teorico H 2)Numero di piatti teorici N L = lunghezza colonna Piatto teorico: sezione della colonna che consente di realizzare un equilibrio reversibile di ripartizione di un componente fra le fasi. Poiché in cromatografia si ha una sequenza continua di stati di equilibrio e non vi è possibilità di realizzare una singola separazione, N ha un significato puramente matematico. Più elevato è il numero di piatti teorici, più grande è la probabilità di una separazione (migliore è la capacità di separazione della colonna). N è proporzionale alla lunghezza della colonna. L’altezza equivalente al piatto teorico (H = L/N) consente di confrontare l’efficienza di colonne di differente lunghezza. W

13 w½= 2.35σ

14 LIMITI DELLA TEORIA DEL PIATTO K è costante ed indipendente dalla concentrazione del soluto L’equilibrio è rapido rispetto alla velocità della fase mobile Non c’è diffusione longitudinale del soluto (recipienti con pareti) La fase mobile è aggiunta per incrementi e non in continuo. 14

15 15 DI queste assunzioni solo la prima è valida nella cromatografia analitica ed è mantenuta nella teoria dinamica che risulta anche essa valida solo per la cromatografia con isoterma di ripartizione lineare I piatti nella colonna non esistono, sono una approssimazione e non una realtà fisica, l’equilibrio non è istantaneo e la diffusione avviene lungo tutta la colonna, mentre il passaggio da una fase all’altra avviene prima che l’equilibrio sia stabilito. Infine, la larghezza del picco dipende dalla velocità con cui la fase mobile fluisce lungo la colonna.

16 Le molecole di un analita non si muovono lungo la colonna con la stessa velocità: la loro dispersione ha generalmente un profilo Gaussiano. Il centro del profilo (banda di eluizione) rappresenta la velocità media. 16 I fattori che provocano deviazioni dal valore medio sono: 1.diffusione longitudinale (diffusione delle molecole dalla zona a maggiore concentrazione a quella a minore in direzione parallela all’asse della colonna); 2.percorsi multipli; 3.trasferimento di massa tra fase mobile e fase stazionaria.

17 17

18 18

19 LA TRATTAZIONE FISICA DI QUESTI FENOMENI HA DATO ORIGINE ALLA TEORIA DINAMICA 19

20 TEORIA DINAMICA σ 2 = Σσ j 2 H = ΣH j Diffusione longitudinale σ md = (2γ m D m t) ½ Ricordando che * N = t r 2 /σ t 2 = L 2 / σ L 2 ; H = L/N = σ L 2 /L e t/L =1/u H md = 2γ m D m /u ; H sd = 2k’γ s D s /u Dove γ è il fattore di ostruzione, D il coefficiente di interdiffusione e u la velocità lineare 20

21 MOLTEPLICITA DEI CAMMINI 21 Detta anche “eddy diffusion” H fed = 2 λ d p λ è una misura della non eguaglianza dei flussi vale solo per le colonne impaccate

22 TRASFERIMENTO DI MASSA Colonne impaccate Nella fase mobile H mfd = ω d p 2 u/D m ω = fattore di impaccamento d p = diametro delle particelle Nella fase stazionaria H sfd = 2/3 (2k’/[1+k’] 2 ) (d f 2 /D s ) u d f = spessore del film di fase stazionaria Colonne tubolari Nella fase mobile H mfd = (1+6k’+11k’ 2 )d t 2 u/96(1+k’) 2 D m d t = diametro del tubo Nella fase stazionaria la formula è come per le impaccate 22

23

24 24

25 Equazione di Van Deemter L’equazione che meglio riproduce i dati sperimentali è la combinazione di tre equazioni che esprimono i tre fenomeni diffusivi H = A + B/u + C m u + C s u 25

26

27 L’equazione di Giddings modifica l’equazione di Van Deemter

28

29 Sources of Extra Column Dispersion 29

30 Risoluzione cromatografica La possibilità di separare due o più sostanze è descritta dal parametro detto risoluzione, che misura la capacità di un sistema cromatografico di separare due analiti con caratteristiche simili: Se la risoluzione non è sufficiente (R < 1), i due picchi non possono essere quantificati in maniera corretta 30

31 Effetto della selettività, dell’efficienza e del fattore di capacità sulla risoluzione risoluzione scarsa picchi non separati buona risoluzione dovuta a buona efficienza picchi stretti buona risoluzione dovuta a buona selettività picchi distanti risoluzione scarsa dovuta ad un basso fattore di capacità 31

32 Risoluzione e separazione

33

34

35 Capacità di picco 35

36 36

37 ELUIZIONE IN GRADIENTE 37

38 38

39 39

40 40


Scaricare ppt "Equilibrio tra le fasi 1 FASE 1 FASE 2 Equilibrio prima dopo Concentrazione 0 C 1 Volume V 1 V 1 Concentrazione C 0 C 2 Volume V 2 V 2 Dc = C1/C2, dove."

Presentazioni simili


Annunci Google