La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UTILIZZARE LINEE GUIDA STANDARDIZZATE IN OCCASIONE DI MANOVRE “CRITICHE” OBIETTIVI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UTILIZZARE LINEE GUIDA STANDARDIZZATE IN OCCASIONE DI MANOVRE “CRITICHE” OBIETTIVI."— Transcript della presentazione:

1

2

3 UTILIZZARE LINEE GUIDA STANDARDIZZATE IN OCCASIONE DI MANOVRE “CRITICHE” OBIETTIVI

4 PER AUMENTARE LA SICUREZZA DI TUTTI …. ….E PORTARE A TERMINE LA MISSIONE PERCHE’

5 CAUSE INCIDENTI

6 DISTRAZIONE

7 100-car naturalistic study and findings National Traffic Safety Administration ore di guida, 12 mesi di sperimentazione, 241 autisti e 2 milioni di miglia Registrazione della velocità, reazione dell’autista, accelerazioni, distanze da ostacoli, posizione del veicolo, riprese video (esterne e interne) 69 collisioni, 761 mancate collisioni

8 Il 78% delle collisioni e il 65% delle mancate collisioni hanno quale causa principale la disattenzione dovuta a: car naturalistic study and findings National Traffic Safety Administration

9  farsi carico, da parte del guidatore, di un compito secondario  la stanchezza  la “disattenzione alla strada davanti a sé” (non si presta attenzione agli aspetti critici)  lo “sguardo rapido non preciso” car naturalistic study and findings National Traffic Safety Administration

10 Sorgenti delle disattenzioni:  dispositivi senza fili (principalmente cellulari)  distrazioni interne all’abitacolo  compiti secondari collegati con i passeggeri (conversazione) E’ stato notato che il 93% delle collisioni con il veicolo che precede ha come fattore di rilievo la disattenzione per la strada davanti a se’ car naturalistic study and findings National Traffic Safety Administration

11 ABITACOLO ASETTICO Effettuare solo comunicazioni e conversazioni attinenti allo svolgimento del servizio, soprattutto in tutte le fasi in cui l’attenzione deve essere mantenuta al massimo livello

12 INCIDENTI MISSIONI 118 BS

13 POSIZIONAMENTO AMBULANZA LUCI E SIRENE INCROCIO RETROMARCIA RIBALTAMENTO CINTURE MASSIMA VELOCITA’ DISTANZA DI SICUREZZA PREVENZIONE INCIDENTI (SPUNTI) PROCEDURE

14 PROCEDURE: POSIZIONAMENTO 5/2/1997 (TO) Autostrada / / Visibilità buona / Ambulanza ferma con lampeggianti e 4 frecce / Tir sventra l’ambulanza e si ferma dopo 100 mt / 2 morti / 1 socc. amput.

15 POSIZIONAME NTO

16

17 Posizionare il proprio veicolo in modo tale che sia a protezione della scena dell’intervento, interponendolo tra il flusso del traffico e l’evento stesso, a protezione di chi, in quella scena, dovrà operare PROCEDURE: POSIZIONAMENTO

18 - Proteggere le operazioni di soccorso - Predisporre l’arrivo di altri mezzi di soccorso - Prevenire gli impedimenti al momento della partenza dalla scena dell’ evento Primo mezzo ad arrivare sulla scena Regola delle 3P: PROCEDURE: POSIZIONAMENTO

19 Il mezzo deve essere parcheggiato sempre in posizione di protezione dell’equipaggio e con le ruote sterzate, se possibile, con un angolo di circa 45° rispetto alla scena dell’evento Lasciare uno spazio per far passare la barella in zona sicura DPI correttamente indossati !!! PROTEGGERE 1

20 Tenere sempre i lampeggianti blu, le doppie frecce e le luci anabbaglianti accese L’ambulanza può essere spostata davanti all’incidente per caricare il ferito In assenza delle Forze dell’Ordine, fare viabilità passiva Su strade a scorrimento veloce, avvistato l’incidente, cominciare a rallentare il traffico (Safety Car) PROTEGGERE 2

21 INCIDENTE ASSICURARSI SEMPRE UNA VIA DI FUGA PROTEGGERE 3

22 1.Offro 2 lati su 4 del mezzo alla vista dei veicoli che sopraggiungono 2.Offro la vista di 3 o più punti luminosi (lampeggianti blu) 3.Lascio il portellone aperto sul lato protetto; 4.Se un automobilista non si accorge dell’incidente andrà ad urtare contro il nostro mezzo invece dei soccorritori I vantaggi PROTEGGERE 4

23 1.In caso di urto, avendo le ruote sterzate, il mezzo di soccorso non piomberà sulla scena dell’evento 2.La posizione “inclinata” dell’ambulanza dà la percezione all’automobilista in arrivo che si sta muovendo per partire inducendolo perciò a rallentare I vantaggi PROTEGGERE 5

24 Nel posizionare il veicolo dobbiamo tenere presente che, presumibilmente, arriveranno altri mezzi di soccorso. L’autista dovrà preoccuparsi di lasciare spazio sufficiente al defluire del traffico al fine di non creare un blocco dello stesso che impedirebbe l’intervento degli altri mezzi di soccorso. PREDISPORRE

25 L’autista dovrà posizionare il mezzo di soccorso in modo tale da poter abbandonare la scena con rapidità, sia per il crearsi di una situazione di pericolo o per potersi avviare al Pronto Soccorso senza dover compiere, lunghe e talvolta pericolose manovre di disimpegno. PREVENIRE

26 Il mezzo di soccorso che ci ha preceduto è già correttamente posizionato … … ci fermeremo dopo aver oltrepassato il luogo dell’evento, lasciando comunque posto sufficiente all’arrivo di altri eventuali soccorritori. Non siamo il primo mezzo a giungere sulla scena CASI PARTICOLARI 1

27 Chi ci ha preceduto NON è correttamente posizionato … … ci posizioneremo come se fossimo il primo mezzo sulla scena fornendo protezione a tutto il personale impegnato nei soccorsi CASI PARTICOLARI 2

28 Quando noi giungiamo in appoggio ci accorgiamo che il mezzo già presente sul posto è una ambulanza correttamente posizionata a protezione dei soccorritori ma che al nostro arrivo sta già caricando un ferito In questo caso, invece di oltrepassare il luogo dell’evento, ci posizioneremo a fianco dell’altra ambulanza perché è ragionevole pensare che partirà prima della fine del nostro intervento, lasciandoci quindi privi di protezione. CASI PARTICOLARI 3

29 La strada dove è avvenuto l’incidente è in salita. CASI PARTICOLARI 4

30 In questo caso, se uno dei mezzi incidentati fosse una cisterna o fosse ragionevole supporre la fuoriuscita di carburante dai serbatoi dei veicoli, noi arresteremo il mezzo di soccorso a monte dell’evento (se possibile) e a distanza di sicurezza. CASI PARTICOLARI 5

31 PARENTESI: AUTOPROTEZIONE E’ così banale scendere dall’ambulanza ?

32 Divieto di viabilità attiva: se provocate un incidente potete essere ritenuti responsabili Concetto di viabilità passiva: attività di segnalazione del pericolo – deve essere attuata da tutti gli operatori che effettuano servizio d’emergenza PARENTESI: VIABILITA ’

33 DOMANDE

34 PROCEDURE: LUCI E SIRENE I dispositivi di segnalazione acustica e visiva supplementari devono essere utilizzati congiuntamente e ininterrottamente e solo in Codice Giallo / Rosso autorizzati dalla Centrale Operativa 118 Le sirene elettroniche NON devono essere utilizzate in sostituzione della bitonale

35 In caso di parcheggio del mezzo sulla sede stradale durante l’esecuzione di un intervento:  accendere le luci di posizione,  accendere le 4 frecce,  accendere i lampeggianti (sempre in caso di incidente stradale). Non abbagliare i veicoli che sopraggiungono con luci dirette soprattutto di notte PROCEDURE: LUCI E SIRENE

36 Evita di farti “ipnotizzare” dalla cadenza della bitonale aumentando inconsciamente la velocità Cerca di conoscere sempre la velocità del mezzo guardando il tachimetro e mettendo in relazione la velocità letta ai limiti di velocità presenti sul tratto che si sta percorrendo e alle condizioni ambientali PROCEDURE: LUCI E SIRENE

37 IL MONDO REALE Tu pensi che ti abbiano sentito Sai che ti devono aver visto Forse ti hanno visto Ma ….. Non hanno la possibilità di fermarsi RICORDA: i dispositivi di segnalazione richiedono il diritto di precedenza ma non lo assicurano

38

39

40

41

42 PROCEDURE: INCROCI L’autista dell’ambulanza deve fermarsi ad un segnale di stop o ad un semaforo rosso, prendere contatto visivo con tutti gli altri veicoli e rispettivi autisti (guardare dove stanno guardando). Considerare una corsia di traffico per volta, pensando ogni corsia attraversata come un diverso incrocio. Con semaforo verde o con diritto di precedenza muovere il piede destro dell’acceleratore al pedale del freno e rallentare l’ambulanza fino a che l’incrocio non sia superato.

43 Con semaforo rosso o segnale di Stop arrestare completamente il mezzo HAI UN DUBBIO ??? FERMATI !!!!! PROCEDURE: INCROCI

44

45 PROCEDURE: RETROMARCIA Se puoi evitare la retromarcia non farla! Mai indietreggiare in fretta Posizionare un collega a terra che sorvegli la manovra e che sia sempre in vista dell’autista In assenza di aiuto durante il giro attorno all’ambulanza (cerchio sicurezza) fissati nella mente gli ostacoli

46

47 PROCEDURE: RIBALTAMENTO Cause principali del ribaltamento: Velocità eccessiva in curva Perdita controllo del mezzo conseguente ad una uscita dalla sede stradale. In caso di uscita di strada: lasciar rallentare il mezzo e fermarsi; non frenare a fondo; non tentare di risalire accelerando sulla sede stradale.

48 Relative risk of injury and death in ambulance.. Accident Analysis & Prevention / incidenti / persone coinvolte (occupanti l’ambulanza) 72 % dei feriti erano seduti dietro / 73% incidenti durante corsa d’emergenza I soccorritori cinturati dell’ambulanza hanno un rischio di ferirsi 4 volte inferiore di riportare ferite invalidanti quasi 7 volte più basso PROCEDURE: CINTURE

49 Allaccia e fai allacciare le cinture prima che il veicolo si metta in movimento. Fai rimanere seduti e con le cinture allacciate i tuoi colleghi quando il veicolo è in movimento. Allaccia e fai allacciare le cinture anche per brevi spostamenti. L’attivazione dell’airbag in assenza di cinture è fonte di gravi traumi PROCEDURE: CINTURE

50 Come ti assicuri tu, assicura e fai assicurare anche tutto il materiale sanitario. Fatti avvisare dai tuoi colleghi se hanno la necessità di togliersi le cinture per assistere il paziente. Adeguare condotta guida. L’equipaggio non indosserà le cinture se non lo farai tu. Autista responsabile del mancato utilizzo da parte dell’equipaggio. PROCEDURE: CINTURE

51

52 DOMANDE

53 PROCEDURE: VELOCITA’ MAX La massima velocità di risposta dovrà essere ridotta ogniqualvolta le condizioni stradali (discesa, curva, centri abitati, incroci, passaggi stretti, ecc…), il traffico o le condizioni meteo non permettono la conduzione in sicurezza del veicolo, indipendentemente dai limiti vigenti. La velocità massima di risposta raccomandata in codice ROSSO / GIALLO è pari al limite di velocità vigente aumentato di circa 20 km/h.

54 Durante i periodi di tempo pessimo (condizioni di bagnato, neve o ghiaccio, nebbia), la massima velocità di risposta non dovrà eccedere i limiti vigenti In caso di attraversamento di incroci con diritto di precedenza o con semaforo verde, la massima velocità di risposta non dovrà eccedere i limiti vigenti PROCEDURE: VELOCITA’ MAX

55 La velocità massima è quella che consente in ogni condizione l’arresto del veicolo entro il campo di visibilità del conducente PROCEDURE: VELOCITA’ MAX

56 Ridurre la velocità di un quarto in caso di pioggia; di metà in caso di neve e di tre quarti in caso di ghiaccio. Guida difensiva: regola dei 3 secondi Quando le condizioni non sono buone aumentare la distanza a 6 o più secondi PROCEDURE: DISTANZA SICUREZZA

57 56

58 VEICOLO CHE SEGUE Aumenta la distanza dal veicolo che ti precede se chi ti segue non mantiene adeguata distanza di sicurezza. In prossimità del luogo di intervento, rallenta progressivamente e spostati sulla destra (es. per leggere numeri civici). Fermo ad incrocio per svoltare a sx: ruote dritte. Se ti tamponano non invadi la corsia di marcia opposta! PREVENZIONE INCIDENTI (SPUNTI)

59 SORPASSO Avvisa gli altri utenti per tempo mostrandoti in anticipo e mantenendo la posizione in modo che tutti possano spostarsi dalla stessa parte (NO ZIG – ZAG). PRESENZA DI PIU’ VEICOLI SOCCORSO No carovana! Mantenere notevole distanza in modo che gli utenti della strada percepiscano la tua presenza. Scegliere percorsi diversi (?) PREVENZIONE INCIDENTI (SPUNTI)

60 EVITIAMO L’EMMENTAL! Una serie di concause, che se si fossero verificate singolarmente non avrebbero causato l’incidente stesso

61 BUON LAVORO


Scaricare ppt "UTILIZZARE LINEE GUIDA STANDARDIZZATE IN OCCASIONE DI MANOVRE “CRITICHE” OBIETTIVI."

Presentazioni simili


Annunci Google