La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GIOVANNI GENTILE (CASTELVETRANO 1875- FIRENZE 1944)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GIOVANNI GENTILE (CASTELVETRANO 1875- FIRENZE 1944)"— Transcript della presentazione:

1 GIOVANNI GENTILE (CASTELVETRANO FIRENZE 1944)

2 Note biografiche  Aderisce al fascismo, a cui dà una base filosofica;  ministro della pubblica istruzione, vara nel ‘23 la riforma della scuola che, per le superiori, è sostanzialmente ancora in vigore.  Aderisce alla Repubblica di Salò, per questo viene ucciso a Firenze da un gruppo di partigiani nel 44.

3 CARATTERISTICHE DELL’ATTUALISMO  Neoidealista, è contro il positivismo, il materialismo marxista, la scienza (posizione che avrà molto peso nella storia della scuola e della cultura italiana).  Riafferma la priorità dello spirito sulla materia: il materiale, inerte, non può spiegare lo spirito, libero e creatore, né la storia, né il divenire.

4  La realtà va tutta ricondotta ad un principio spirituale, ad un’attività del soggetto: atto del pensiero.  Il pensiero è quindi atto puro, originario e condizione di ogni altra realtà, che è in quanto è pensata.  Pensiero quindi attività, creatività libertà, autocoscienza, unità della realtà.

5 La pedagogia  L’educazione è il farsi dello spirito, che è uno; quindi l’atto educativo è unico: i diversi aspetti dell’educazione (maestro-scolaro, i vari saperi) sono momenti interni dello Spirito che si auto-educa: non c’è quindi un maestro che educa uno scolaro insegnando le diverse discipline, ma c’è il farsi dello spirito in quell’atto, che il maestro non riproduce, ma ricrea.

6 IL MAESTRO  Quando il maestro insegna, insegna a se stesso, ripercorre e rivive, ricrea quel sapere; lo scolaro vive attraverso il maestro, immedesimandosi nel sapere che fa suo: si genera una “compenetrazione delle anime”, che rende questo momento educativo unico e unitario, senza distinzioni tra maestro e scolaro.  “È il sacerdote, l’interprete, il ministro dell’essere divino, dello Spirito”

7  Non ha bisogno di una preparazione tecnico- didattica, basta una buona cultura: i tecnicismi creano una distinzione e frattura tra soggetti e lacerano il processo unitario dello spirito  La scuola è centrata sul maestro e sull’autorità, non sul fanciullo

8 LA DIDATTICA  Non ci sono competenze e abilità che valgono prima dell’atto educativo. La didattica non è, ma si fa, il metodo è il maestro nel suo rivivere il sapere.  Non c’è attenzione per le problematicità dei processi di apprendimento, per i casi difficili: è quindi autoritaria e selettiva

9  Le uniche indicazioni che possono venire dalla didattica riguardano le categorie generali del processo educativo, che traducono in sede pedagogica la dialettica dello spirito: A) il soggettivo, su cui si incentra la scuola elementare (espressione e arte) B) l’oggettivo, la scuola media (scienza, religione, autorità) C) la sintesi, le scuole superiori (letteratura e filosofia)


Scaricare ppt "GIOVANNI GENTILE (CASTELVETRANO 1875- FIRENZE 1944)"

Presentazioni simili


Annunci Google