La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Patologia dei genitali maschili Prof. Vittorio Cavallari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Patologia dei genitali maschili Prof. Vittorio Cavallari."— Transcript della presentazione:

1 Patologia dei genitali maschili Prof. Vittorio Cavallari

2

3 Pene normale

4

5 Spermatozoi maturi

6 Cellule interstiziali

7 Patologia Malformazioni Traumi e alterazioni vascolari Difetti di posizione Infertilità Processi infiammatori Tumori

8 Malformazioni Anorchidismo e monorchidismo. Sinorchidismo Poliorchidismo (reperto occasionale) Testicoli ectopici.

9 Traumi e alterazioni vascolari Contusione Torsione del funicolo

10 Torsione: necrosi emorragica

11 Necrosi emorragica Fibrosi Torsione

12 Criptorchidismo Ritenzione totale o parziale del testicolo lungo la normale via di migrazione. Cause molteplici: brevità dei vasi spermatici e deferenti; aderenze del peritoneo; ipoplasia del canale inguinale; deficit ormonali. Si presenta nei primi mesi di vita ed è presente nel 4% dei bambini sotto i 15 anni

13 Conseguenze della ritenzione del testicolo Alterazioni regressive della linea germinale: riduzione o assenza degli elementi germinali, sostituiti da cellule di Sertoli. I tubuli seminiferi mostrano pareti ispessite, le cellule interstiziali sono conservate. Aumento dell’incidenza dei tumori nel testicolo ritenuto (50:1 rispetto alla media)

14 Alterazioni strutturali nell’infertilità Riduzione o assenza di spermatozoi maturi Alterazioni maturative e blocco maturativo Importante la microbiopsia con valutazione quantitativa degli elementi germinali. Monitoraggio mediante esame a fresco dello sperma ed analisi della motilità.

15 Blocco maturativo parziale

16 Blocco maturativo completo Iperplasia cellule interstiziali

17

18

19 Cause di infertilità Agonadismo Arresto maturativo Ipospermatogenesi Sindrome di Klineferter Orchite da parotite in soggetti in età post- puberale Lesioni da raggi Varicocele.

20 Processi infiammatori Orchite acuta da batteri e virus (tipica l’orchite da parotite). Restitutio ad integrum o esiti fibrosi. Orchite cronica Orchite granulomatosa Idiopatica Interstiziale TBC del testicolo

21 Tumori Rari (1% circa di tutte le neoplasie del sesso maschile). Primitivi nel 90% dei casi Tumori benigni: cisti dermoidi Tumori maligni: Tumori dello stroma gonadico Tumori delle cellule germinali.

22 Tumori dello stroma gonadico Rappresentano il 5% dei tumori testicolari Derivano dalle cellule mesenchimali primitive, presenti nelle gonadi maschili e femminili. Tumori a cellule di Leydig, più frequenti nei testicoli ritenuti. Tumori a cellule di Sertoli Tumori a cellule della granulosa Incidenza più elevata in bambini e adolescenti.

23 Tumori derivati dalle cellule germinali primitive Seminoma Carcinoma embrionale Tumore del sacco vitellino (carcinoma embrionale infantile) Corion-carcinoma Teratoma

24 Seminoma Soggetti giovani Infiltrazione dell’albuginea tardiva Aspetto grigio-biancastro al taglio con aree di necrosi Aspetto istologico monomorfo: grandi cellule con nuclei a cromatina dispersa e citoplasmi contenenti glicogeno Infiltrati linfocitari intratumorali Forme anaplastiche e spermatocitiche

25 Seminoma

26

27

28

29

30

31 Carcinoma embrionale Comportamento maligno, prognosi infausta Tumore di forma irregolare, infiltrante l’albuginea. Macroscopicamente, aspetto variegato per ampie aree di necrosi Istologicamente, grandi cellule atipiche.

32 Carcinoma embrionale

33

34

35

36

37

38 Tumore del seno endodermico Età infantile Aspetto macroscopico giallastro mucoide Istologicamente, organizzazione reticolare Alfa-fetoproteina iperespressa. Mortalità a 5 anni 33%

39 Tumore del seno endodermico Corpo di Schiller-Duval

40 Corion-carcinoma Identico al corrispondente tumore dell’utero. Aspetto macroscopico emorragico Cellule atipiche del cito- e sinciziotrofoblasto Gonadotropina corionica elevata

41 Corion-carcinoma

42

43 Teratomi Tumori costituiti da cellule derivanti da più foglietti embrionali. Possibilità di coesistenza di differenti tessuti maturi o immaturi Teratocarcinoma: associazione di teratoma e carcinoma embrionale.

44 Teratoma

45 Teratoma maturo

46

47 Teratoma immaturo

48

49

50 Teratoma maligno

51 Diffusione e metastasi La diffusione locale è ritardata dall’albuginea, spessa e robusta. In caso di invasione dei tessuti extraalbuginei, sono possibili metastasi ai linfonodi inguinali Metastasi linfonodali di elezione: l. iliaci comuni, lomboaortici e para-aortici Metastasi ematogene a fegato, polmoni, ossa, surreni e pleura

52 Stadiazione Stadio 1: tumore confinato ad un solo testicolo senza metastasi evidenti Stadio 2: metastasi linfonodali, non metastasi ematogene. Stadio 3: metastasi ematogene

53 TNM T 0: non evidenza di tumore primitivo T 1: tumore limitato al corpo del testicolo T 2: tumore esteso oltre l’albuginea T 3: tumore infiltrante la rete testis o l’epididimo T 4: tumore infiltrante il funicolo spermatico (4a) o la parete scrotale (4b) o entrambi


Scaricare ppt "Patologia dei genitali maschili Prof. Vittorio Cavallari."

Presentazioni simili


Annunci Google