La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Universita degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario G.Rodolico – Catania Unità Operativa Complessa di Ginecologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Universita degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario G.Rodolico – Catania Unità Operativa Complessa di Ginecologia."— Transcript della presentazione:

1 Universita degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario G.Rodolico – Catania Unità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. A. Cianci TUMORI MALIGNI DELLOVAIO Prof. M. Panella

2 CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO E IL TUMORE MALIGNO DELLAPPARATO GENITALE CHE PROVOCA LA PIU ELEVATA MORTALITA 85-90% derivano dallepitelio celomatico, spt il carcinoma sieroso (si sviluppa trai 50-65aa) 10% derivano dalla cell. germinale (20aa) 4% tumori dei cordoni sessuali ( cell. della granulosa,della teca e ilari dellovaio)

3 CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO Familiarità >40 aa di cicli ovulatori Nulliparità,Primiparità dopo 30 aa Menopausa tardiva,Menarca dopo 14aa Infertilità,Endometriosi Irradiazioni pelviche; Obesità, ipertensione, utilizzo di estrogeni K mammario Gonadi disgenetiche Cicli ovulatori per molti aa Sindromi familiari che impediscono la riparazione del DNA: S.di Lynch II FATTORI DI RISCHIO

4 CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO FATTORI PROTETTIVI Numero >gravidanze e allattamenti Menopausa precoce Uso di contraccettivi orali EP Vegetali verdi, vit. A e C

5 CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO SI POSSONO DISTINGUERE DUE TIPI DI CARCINOMA OVARICO: SOLIDO CISTICO LE VARIETA ISTOLOGICHE PIU COMUNI DEL CISTO-ADENO CARCINOMA DELLOVAIO SONO: IL CISTO-ADENOCARCINOMA SIEROSO IL CISTO-ADENOCARCINOMA MUCINOSO IL CISTO- ADENOCARCINOMA ENDOMETRIOIDE IL CISTO -ADENOCARCINOMA INDIFFERENZIATO IL CISTO -ADENOCARCINOMA A CELL. CHIARE

6 CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO SINTOMATOLOGIA Asintomatico Non caratteristica: digestione difficile, meteorismo, dolori addominali, senso di peso Se raggiunge una notevole massa V addome,massa palpabile,ascite,dolore Sintomi da compressione: stipsi Pollachiuria, disuria, ematuria: per coinvolgimento vescica e uretra Metrorragie in post menopausa per attività funzionale neoplasia o mts endometriali Cachessia, anemia, ipoproteinemia, astenia profonda: elevata domanda metabolica della neoplasia

7 DIAGNOSI V.ginecologica: Rapida crescita, bilateralità, fissità, irregolarità superficie, ascite, occlusione intestinali, noduli palpabili omento e fegato, cachessia Eco: massa,diametro, contenuto, ascite, mts epatiche Flussimetria con color Doppler tv: K maligno: PI( indice di pulsatilità) e RI( indice di resistenza) bassi( <0.60 e <0.50 rispett) perchè i vasi tumorali hanno solo lintima con bassa resistenza e velocità, vasi ematici localizzati centralmente e in modo irregolare. Prelievo bioptico ecoguidato RMN /TAC Markers: CA125,βhCG,CA15.3,CEA,AFP Dosaggi ormonali: tu ovario funzionante Laparoscopia

8 MODALITA DI DIFFUSIONE CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO Disseminazione diretta ( dalla capsula le cellule esfoliano) al peritoneo pelvico, sierosa, organi pelvici, omento, fluido peritoneale Trasporto mediante fluido endoperitoneale alle docce paracoliche superficie sottodiaframmatica e epatica Via linfatica: drenaggio linfatici retroperitoneali Via intratubarica (spiega le mts allendometrio) Via ematica: mts epatiche, polmonari, cerebrali.

9 CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO DETERMINAZIONE DELLO STADIO SI BASA SECONDO LA CLASSIFICAZIONE DELLA FIGO SULLESAME CLINICO SULLESPLORAZIONE CHIRURGICA (LAPAROTOMICA) REPERTI ISTOLOGICI REPERTI CITOLOGICI LA PRESENZA DI ASCITE LA PRESENZA DI TUMORE SULLA SUPERFICE DELLA CAPSULA INTEGRITA O ROTTURA DELLA CAPSULA

10 ESPLORAZIONE LAPAROTOMICA Prelevare fluido peritoneale o ascite se presente o in mancanza lavaggio peritoneale per es citologico Ispezionare peritoneo pelvico, viscerale e parietale delladdome, quello delle docce paracoliche, sottodiaframmatico e lomento, superficie epatica. I linfonodi sospetti alla linfografia o alla TC o alla palpazione intraoperatoria devono essere esaminati istologicamente Biopsie random peritoneali Si asporta la cisti ovarica sospetta intatta se possibile es istologico estemporaneo al congelatore Conferma diagnostica: debulking, azzeramento massa tu CANCRO EPITELIALE DELLOVAIO

11 TERAPIA STADIO Ia neoplasia confinata ad 1 ovaio capsula intatta assenza tu sulla superficie esterna assenza di ascite citologia negativa TERAPIA : ovarosalpingectomia monolaterale se la pz è giovane e vuole conservare la fertilità. Altrimenti ovarosalpingectomia bilaterale + isterectomia + omentectomia infracolica e appendicectomia se a dx STADIO Ib coinvolte entrambe le ovaie come sopra TERAPIA: ovarosalpingectomiabilat + isterectomia+ omentectomia infracolica e appendicectomia se a dx, linfoadenectomia pelvica e/o lomboaortica

12 TERAPIA STADIO Ic tu sulla superficie della capsula capsula rotta ascite citologia pos STADIO II: estensione alla pelvi TERAPIA (Ic e II): ovarosalpingectomia bilat con isterectomia, omentectomia infracolica o tot, appendicectomia, linfoadenectomia pelvica e paraortica, biopsie random peritoneali Polichemioterapia STADIO III estensioni fuori dalla pelvi linfonodi retroperitoneali o inguinali pos TERAPIA: si tenta di asportare le ovaie, salpingi, utero, omento, lasciando tu max 1 cm Chemiotetapia

13 TUMORI GERMINALI COSTITUISCONO IL 10% CIRCA DEI TUMORI OVARICI E DERIVANO DALLA CELLULA GERMINALE PRIMITIVA (OVOGONIO-OVOCITA PRIMITIVO) NEL 60% DEI CASI COLPISCONO BAMBINE ED ADOLESCENTI

14 1) DISGERMINOMA E IL TUMORE MALIGNO GERMINALE PIU FREQUENTE LETA MEDIA DELLE PZ COLPITE E DI CIRCA 20aa E COSTITUITO DA CELL GERMINALI PRIMITIVE NON DIFFERENZIATE E INFILTRAZIONE LINFOCITARIA INSORGE DI PREFERENZA NELLOVAIO DI DESTRA SINTOMATOLOGIA Amenorrea primitiva Dolori basso ventre (bambina) Progressivo volume dell addome

15 1) DISGERMINOMA DIFFUSIONE Via linfatica: linfonodi pelvici e paraortici retroperitoneali, mediastinici, sovraclaveari Peritoneo pelvico e visceri pelvici Mts ossee e polmonari 1.Puro 2.Non puro: produce AFP e βhCG. Può dare pseudopubertà precoce isosex nelle bambine e manifestazioni androgeniche con irregolarità mestruale DIAGNOSI Rx torace/TC ad domino-pelvica/Eco ( massa ovarica solida)+color doppler/funzionalità epatica Linfografia Dosaggio AFP, βhCG, latticodeidrogenasi

16 1) DISGERMINOMA TERAPIA Ia: k confinato ovarosalpingectomia monolat Ib: tumorectomia ovaio meno colpito e ovarosalpingectomia dove il diametro è> Controllare citologia con lavaggio peritoneale e linfonodi se positivi chemiot Il tu è altamente chemio e radiosensibile quindi guaribile SEGNI DI CATTIVA PROGNOSI: Diametro >10cm, ascite o citologia peritoneale+ rottura della superficie tumorale, elevato numero di mitosi, markers+

17 2) TERATOMA IMMATURO Emolto raro, Letà media delle pz colpite è di 20aa Si presenta come:una grossa massa add, palpabile con sintomatologia dolorosa La diffusione avviene per disseminazione peritoneale ed agli organi vicini,rara è la diff.per via linfatica ed ematica TERAPIA Stadio Ia (limitato ad un ovaio): ovarosalpingectomia monolat. eventualmente si può associare omentectomia Stadio II : ovarosalpingectomia bilat + isterectomia+ omentectomia+polichemiot Stadio III: si asporta la > qnt di TU poi polichemiot

18 TUMORI DERIVATI DALLO STROMA OVARICO FUNZIONANTE I PRINCIPALI TUMORI DI QUESTO TIPO SONO IL: 1. TUMORI A CELLULE DELLA GRANULOSA 2. TUMORE A CELLULE DELLA TECA 3. TUMORI VIRILIZZANTI 4. TUMORI A CELLULE LUTEINICHE 5. TUMORE A CELLULE MISTE COMPAIONO FREQUENTEMENTE VERSO I 50aa E IN POST-MENOPAUSA,LA SINTOMATOLOGIA E RAPPRESENTATA DA DOLORI PELVICI ED ADDOMINALI E QUELLA LEGATA ALLA PRODUZIONE ORMONALE STEROIDEA,QUANDO E PRESENTE

19 TUMORI DERIVATI DALLO STROMA OVARICO FUNZIONANTE TUMORI A CELLULE DELLA GRANULOSA Esistono due varietà: FORMA ADULTA: peri e postmenopausale, basso potenziale di malignità e tendenza alle recidive. FORMA GIOVANILE: <30aa, crescita aggressiva, poichemioterapia Può produrre estrogeni: iperplasia endometriale e adenok con menometrorragie in età feconda e metrorragie in menopausa. TERAPIA CHIRURGICA Neoplasia ovarica monolat: ovariectomia monolat e controllo controlat + es cavità uterina con prelievo endometrio. K bilat o monolat con capsula rotta o diffusione pelvi: ovarosalpingectomia bilat + isterectomia+ polichemiot


Scaricare ppt "Universita degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Universitario G.Rodolico – Catania Unità Operativa Complessa di Ginecologia."

Presentazioni simili


Annunci Google