La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

QUESTIONI DI METODO Il metodo sperimentale è alla base delle ricerche degli studi condotti in ambito psicologico. Tale metodo permette di rilevare la presenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "QUESTIONI DI METODO Il metodo sperimentale è alla base delle ricerche degli studi condotti in ambito psicologico. Tale metodo permette di rilevare la presenza."— Transcript della presentazione:

1 QUESTIONI DI METODO Il metodo sperimentale è alla base delle ricerche degli studi condotti in ambito psicologico. Tale metodo permette di rilevare la presenza di relazioni tra eventi. In alcuni casi le relazioni indagate sono di tipo causale

2 Il metodo sperimentale prevede sempre la considerazione di una o più variabili indipendenti e della variabile dipendente:variabili indipendentivariabile dipendente: Si deve tenere presente anche la distinzione tra gruppo sperimentale e gruppo di controllo

3 La variabile indipendente è quella manipolata dallo sperimentatore. Solitamente a questa vengono attribuiti diversi valori per verificare come tali modifiche si ripercuotano sulla variabile dipendente. E’ la variabile che viene ritenuta causale di un dato fenomeno

4

5

6 85% 17% Riconoscimenti di volti presentati regolarmente Riconoscimenti di volti presentati capovolti

7 Alla base della conduzione di un esperimento vi è sempre la sua progettazione che ne determina le caratteristiche: il disegno sperimentale. Si possono distinguere esperimenti “between subjects” (confronti tra i soggetti) ed esperimento “within subjects” (confronti di diverse manifestazioni della stessa variabile)

8 La var dipendente è il numero di dettagli ricordati di una figura complessa presentata per 5 secondi stimolo bambini9 giovani4 adulti3

9 La var dipendente è il numero di dettagli ricordati di una figura complessa presentata per 5 secondi Bambini Stimolo 13 Stimolo 27 Stimolo 39 Stimolo 1 Figure in bianco e nero Stimolo 2 Figure a colori Stimolo 3 Immagini fotografiche

10 Si deve tenere presente anche la distinzione tra gruppo sperimentale e gruppo di controllo

11 Pazienti che hanno subito un impianto di pace-maker e che vengono movimentati dopo 3 ore dall’intervento

12 Oltre agli esperimenti in laboratorio, il metodo sperimentale si avvale anche di altre metodiche

13 Negli esperimenti solitamente vengono rilevate misure comportamentali Esempi: Tempi di reazione Scelte Errori commessi Movimenti oculari

14 Queste misure possono essere accompagnate dalla rilevazione di parametri fisiologici Esempi: Risonanza magnetica funzionale (fMRI) Risposta psico-galvanica Livello di arousal Battito cardiaco Livello di ossigenazione del sangue

15 In tanti altri casi è il soggetto stesso a fornire, in maniera più o meno esplicita le informazioni che lo studioso ricerca

16 Gli strumenti per rilevare informazioni tramite le espressioni esplicite dei soggetti sono diversi e collocabili lungo un continuum che ne esprime il grado di determinatezza. Il colloquio L’intervista Il questionario I test

17 Colloquio Strutturazione - - Info esplicite +/- Info implicite + Dati quantif. - Compet. Int ++ Particolarmente efficace in circostanze in cui occorre esplorare dei fenomeni avendo la consapevolezza della rilevanza di alcuni problemi, problemi intorno ai quali si struttura il colloquio

18 Tecniche dialogiche nel colloquio a) Creare un clima di collaborazione Presentarsi Raccontare gli obiettivi dello studio senza intimorire Garantire rispetto privacy…..

19 Tecniche dialogiche nel colloquio B) Elicitare informazioni Assensi-dissensi Colpi di sonda Ricapitolazioni Linguaggio del corpo

20 signalpart of body possible meaning(s) detailed explanation Left and right are for the person giving the signals and making the movements. looking right (generally) eyescreating, fabricating, guessing, lying, storytelling Creating here is basically making things up and saying them. Depending on context this can indicate lying, but in other circumstances, for example, storytelling to a child, this would be perfectly normal. Looking right and down indicates accessing feelings, which again can be a perfectly genuine response or not, depending on the context, and to an extent the person. looking left (generally) eyesrecalling, remembering, retrieving 'facts' Recalling and and then stating 'facts' from memory in appropriate context often equates to telling the truth. Whether the 'facts' (memories) are correct is another matter. Left downward looking indicates silent self-conversation or self- talk, typically in trying to arrive at a view or decision.

21 looking right and up eyesvisual imagining, fabrication, lying Related to imagination and creative (right-side) parts of the brain, this upwards right eye-movement can be a warning sign of fabrication if a person is supposed to be recalling and stating facts. looking right sideways eyesimagining sounds Sideways eye movements are believed to indicate imagining (right) or recalling (left) sounds, which can include for example a person imagining or fabricating what another person has said or could say. looking right and down eyesaccessing feelings This is a creative signal but not a fabrication - it can signal that the person is self-questioning their feelings about something. Context particularly- and other signals - are important for interpreting more specific meaning about this signal.

22 looking left and up eyesrecalling images truthfulness Related to accessing memory in the brain, rather than creating or imagining. A reassuring sign if signalled when the person is recalling and stating facts. looking left sideways eyesrecalling or remembering sounds Looking sideways suggests sounds; looking left suggests recalling or remembering - not fabricating or imagining. This therefore could indicate recalling what has been said by another person. looking left down eyesself-talking, rationalizing Thinking things through by self-talk - concerning an outward view, rather than the inward feelings view indicated by downward right looking.

23 Tecniche dialogiche nel colloquio C) Concludere il rapporto positivamente Dare la disponibilità ad incontri successivi Dare la disponibilità a fruire dei risultati dello studio Ringraziare

24 Intervista liberasemi-strutturata strutturata liberasemi-strutturata strutturata Strutturazione -+/-+ Info esplicite +++ Info implicite ++/-+/- Dati quantif. --+/- Compet. Int +++ Particolarmente efficace in circostanze in cui i fenomeni sono abbastanza noti ma non in tutte le loro sfaccettature.

25 Questionario Strutturazione + Info esplicite + Info implicite - Dati quantif. + Compet. Int +/- E’ come un’intervista strutturata somministrata in forma cartacea. I vantaggi, rispetto all’intervista, sono nella libertà del soggetto (anonimato, tempo soggettivo) e nella possibilità di moltiplicare la quantità delle applicazioni (molti soggetti, pochi sperimentatori).

26 Determinazione della struttura del questionario Introduzione (il più breve possibile): Esplicitazione dei soggetti che conducono la ricerca; Esplicitazione degli obiettivi della ricerca; Spiegazione con esempi della modalità di compilazione. Corpo dei quesiti Parte per l’espressione libera Ringraziamenti

27 Test 1 I test sono un procedimento scientifico ripetibile, strutturati per consentire la misurazione di alcuni attributi Strutturazione ++ Info esplicite + Info implicite +/ - Dati quantif. + Compet. Int + Devono soddisfare i requisiti di validità e fedeltà

28 Test 2 Possono svolgere diverse funzioni Predittiva Valutativa Diagnostica

29 Test 3 Ed essere classificati diversamente Caratteristiche esterne: a) carta e matita, b) performance Mod. somministrazione: a) individuali b) collettivi Funz. Misurata: a) di efficienza: intelligenza, di attitudine, di acquisizione b) di personalità: questionari, proiettivi,

30 IO ASPIRAZIONI SPIRITUALITA’ ISTINTI INCONSCIO INTROVERSIONE PASSATO ESTROVERSIONE FUTURO

31 buone maniere chiusura allegria, socievolezza mancanza di struttura volontà debole rassegnazione

32

33

34

35 La scala STAI-X1 misura l'ansia di stato, relativa cioè a un particolare contesto spazio-temporale; l'attendibilità test-retest varia da.16 a.54 (r di Pearson), mentre, per quanto riguarda la consistenza interna, è stata calcolato un indice che varia nella gamma compresa tra.83 e.92 (alpha di Cronbach). La scala STAI-X2, che invece si riferisce all'ansia di tratto, presenta una correlazione test-retest con una gamma da.73 a.86, mentre l'indice di consistenza interna varia nella gamma compresa tra.86 e.92 (alpha di Cronbach). Alcuni indici dello STAI

36 CORRELAZIONI

37

38

39 X = Y=

40 CORELAZIONI

41 16PF Cattell A. warmth o espansività o distacco o orientamento agli altri; B. reasoning (intellect) o ragionamento, ovvero alta o bassa intelligenza; C. emotional stability o stabilità emozionale o emotività o forza dell’Io; E. dominance (assertiveness) o dominanza contrapposta a sottomissione o umiltà; F. liveliness (gregariousness) o vivacità, ovvero riservatezza o silenziosità contrapposta a estroversione o apertura; G. rule consciousness (dutifulness) o coscienziosità, ovvero incostanza contrapposta a scrupolo; H. social boldness (friendliness) o audacia sociale contrapposta a prudenza; I. sensitivity o sensibilità contrapposta a cinismo; L. vigilance (distrust) o vigilanza, ovvero fiducia contrapposta a sospetto; M. abstractedness (imagination) astrattezza, ovvero conformismo contrapposto a eccentricità; N. privateness (reserve) o prudenza, ovvero semplicità contrapposta a sofisticheria; O. apprehension (anxiety) o apprensività, ovvero sicurezza contrapposta a insicurezza; Q1. openness to change (complexity) o apertura al cambiamento, ovvero: conservatore contro radicale; Q2. Self-reliance (introversion) o fiducia in sé, ovvero: dipendente contro autonomo; Q3. Perfectionism (orderliness) o perfezionismo, ovvero: basso contro alto autocontrollo; Q4. Tension (emotionality) o tensione, ovvero: rilassato contro irritabile.

42 TIPI Questionnaire Un questionario che misura 5 dimensioni di personalità con soli 10 items Il riferimento è alla teoria dei Big five Estroversione Amicalità Coscienziosità Stabilità emotiva Apertura mentale developed/ten-item-personality-measure-tipi/

43 Sottodimensioni Big Five Sottodimensioni dell'Estroversione: Dinamismo Dominanza Sottodimensioni dell'Amicalità: Cooperatività/Empatia Cordialità/Atteggiamento amichevole Sottodimensioni della Coscienziosità: Scrupolosità Perseveranza Sottodimensioni della Stabilità Emotiva: Controllo delle emozioni Controllo degli impulsi Sottodimensioni della Apertura Mentale: Apertura alla cultura Apertura all'esperienza

44 Adesso le leggerò alcuni tratti di carattere che possono corrispondere o no a lei. Vorrei che lei mi indicasse con una scala da 1 a 7 quanto è d ’ accordo oppure no con il fatto che ognuna di queste caratteristiche corrisponda a lei. Le chiedo di valutare in che misura ogni coppia di caratteristiche corrisponde a lei, anche se trova che una delle due descrizioni sia piu ’ adatta dell ’ altra. Per rispondere, la prego di usare la stessa scala da 1 a 7 per indicare in che misura è d ’ accordo o meno. TIPI Questionnaire

45 Mi considero una persona: Per niente d’accordo Né d’accordo né in disaccordo Totalmente d’accordo Estroversa, entusiasta  Critica, litigiosa  Affidabile, auto-disciplinata  Ansiosa, facile da sconvolgere  Aperta alle nuove esperienze, eclettica  Riservata, silenziosa  Comprensiva, affettuosa  Disorganizzata, noncurante  Tranquilla, emotivamente stabile  Comune non particolarmente creativa  TIPI Questionnaire

46 Campioni I campioni possono essere probabilistici (tutti hanno le stesse probabilità) oppure non probabilistici (non tutti hanno le stesse probabilità) I primi si basano su procedure di selezione di tipo casuale Possono essere A) casuali B) sistematici C) stratificati

47 A)Casuali B) Sistematici C) stratificati OOXOOOOOOOXOXOXOOOOOOOOXOOOOOOOXOXOXOOOOOO OOOXOOOXOOOXOOOXOOOXOOOOXOOOXOOOXOOOXOOOXO OXXOOXXOOXOXOOOOOXOOOOXXOOXXOOXOXOOOOOXOOO

48 Negli esperimenti di laboratorio si raccolgono generalmente dati prestazionali

49 Indici della tendenza centrale

50 Indici della tendenza centrale La mediana: è il valore dell’osservazione centrale d’una distribuzione ordinata di dati è quel valore che si lascia a destra e a sinistra un ugual numero di dati.

51 La media:

52 La moda è il dato più frequente in una distribuzione:

53 Voti degli studenti universitari di questo corso

54 La deviazione standard è un indice di dispersione dei dati

55 disponendo di un campione di numerosità limitata, si può affermare che la media µ della popolazione da cui esso è stato estratto è diversa dal valore prestabilito µp ? Media =25,77

56 Trasformazione in punti z

57

58

59 La inferenza statistica è un processo di indagine che ha lo scopo di permettere, con una probabilità prefissata, la valutazione di un parametro di una popolazione:

60 Se il valore della variabile z risulta minore di -1,96 oppure maggiore di 1,96 allora si può affermare, con una probabilità di insuccesso pari al 5%, che µx è diverso da un valore prestabilito µp. Questo viene espresso comunemente con p>0.05

61 Oggi si tende ad includere nell’ambito della ricerca sperimentale anche altre modalità. La ricerca simulativa, dell’intelligenza artificiale e del connessionismo è ormai considerata al pari del metodo sperimentale

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71


Scaricare ppt "QUESTIONI DI METODO Il metodo sperimentale è alla base delle ricerche degli studi condotti in ambito psicologico. Tale metodo permette di rilevare la presenza."

Presentazioni simili


Annunci Google