La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FIGLI A METÀ LA “SINDROME” DA ALIENAZIONE PARENTALE: RILIEVI CRITICI E PROPOSTE DI PREVENZIONE DOTT. ERNESTO MARIA AMICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FIGLI A METÀ LA “SINDROME” DA ALIENAZIONE PARENTALE: RILIEVI CRITICI E PROPOSTE DI PREVENZIONE DOTT. ERNESTO MARIA AMICO."— Transcript della presentazione:

1 FIGLI A METÀ LA “SINDROME” DA ALIENAZIONE PARENTALE: RILIEVI CRITICI E PROPOSTE DI PREVENZIONE DOTT. ERNESTO MARIA AMICO

2 Prima Parte La teoria di PAS  Definizione  Strategie  Modelli  Ruolo dei bambini  Conseguenze  “Terapie”  Rilievi critici  PAS e abuso  Cogenitorialità Seconda Parte Proposte di prevenzione Contesto introduttivo (Malagoli Togliatti 2005): partecipazione attiva dei bambini alle dinamiche relazionali degli adulti. Dalle famiglie “disimpegnate” alle famiglie “invischiate”: modalità relazionali rigide. Il bambino “triangolato” mantiene il conflitto (Bowen). PAS sindrome emergente (3° rapporto Telefono Azzurro - Eurispes).

3 1.1. Definizione di PAS (Gardner) Controversie riguardo all'affido Programmazione (brainwashing) da parte di un genitore “alienante” (GA) con contributo dei figli, contro l'altro genitore “alienato” o “bersaglio” (GB)

4

5 1.1. Definizione - 10 Tecniche di pro- grammazione (Giordano 2006). - “Sgenitorializzazione” (Gulotta 1998) - Dai figli senza preferenze ai figli alienati, passando da affinità e allineamento (Buzzi 1998) - Tratti comuni tra organizzazione delle sette religiose e famiglie alienate (Baker 2005) - I GA favoriscono difese primitive: a) scissione della realtà: “buona” e “cattiva” e b)identificazione proiettiva (Gordon 2008 con MMPI-2)

6 1.2. “Strategie” dei GA (Baker e Darnall 2006) Espressione di cattiverie contro l'altro Limitazione nei contatti Denigrazione: “l'altro è pericoloso” Il figlio deve scegliere tra uno e l'altro “Non nominarlo” … cancellare il ricordo “Il papà (la mamma) non ti vuole bene” Limiti di contatto con la famiglia di origine Lowenstein 2008: la teoria dell'attaccamento (Bowlby) non può essere usata per giustificare l'allontanamento del GB.

7 1.3. Modelli di PAS (Baker 2006) 1.Personalità narcisistiche all'interno della coppia divorziata  Persone che si sentono ferite: rabbia contro l'ex- partner  Non sopportano l'autonomia emotiva dei figli  Sentono il vuoto quando i figli non sono presenti 2.Personalità narcisistiche nella coppia non divorziata  Confidenze ai figli circa le carenze dell'altro 3.GA freddo e respingente: la relazione con il GA non è più vista positivamente.  Campagna di paura e denigrazione

8 1.4. Ruolo dei bambini Nella PAS assumono potere (Gardner 2002) Attivi nel conflitto Adolescenti: risentimento; tradimento e distacco emotivo; consolatori del genitore debole; rimpiazzano il ruolo mancante (Malagoli Togliatti 2005)

9 1.5. Conseguenze Bassa autostima Senso di colpa (da adulti) Depressione e tristezza per il tempo perduto Difficoltà ad avere fiducia in sé e negli altri Il bambino impara a negare i suoi sentimenti Non impara il rispetto Ostacolo al processo di separazione e individuazione (Baker 2005) Confusione tra relazione simbiotica e amore (Goudard 2008)

10 1.6. A lungo termine … (Baker 2005) Bassa autostima Depressione Abuso di alcool e droghe Perdita di fiducia Alienazione dai propri figli Divorzio

11 1.7. “Terapie” (Gardner 2001)

12 1.7. “Terapie” Non intervenire sul rapporto GA - figlio ma rafforzamento del rapporto GB – figlio (Meier 2009) Interventi in accordo (tribunale, op. sociosanitari). Trattamenti cognitivi e comportamentali (Lowenstein 2008) Intervento di un parenting coordinator e terapie individuali (Bernet 2008) Lavorare con il GB (Baker 2007) Frequentazione libera per mostrare il lato positivo del GB (Salluzzo 2006) Attenzione ai ruoli: “padri Walt Disney” (Malagoli Togliatti 2005)

13 1.8. Critica (Bruch 2001) Gardner confonde problematiche evolutive e psicosi (l' “allineamento” con il genitore debole è normale prima e dopo la separazione) Gardner afferma che nel contesto della separazione le accuse di abuso siano false: non è così Gardner distoglie l'attenzione da un possibile abusatore, magari trasferendogli la custodia!

14 1.8. Critica (Emery 2005) Chi formula una teoria deve assumersene l'onere della prova. Non c'è alcuna evidenza scientifica riguardo la PAS. Il riferimento è alla pratica clinica di Gardner (che cita se stesso) Esistono situazioni di ostilità e rifiuto da parte dei figli e programmi di denigrazione da parte di un genitore, ma non è dimostrato ci si debba riferire ad una “sindrome”

15 1.8. Critica (Clarkson 2007) Il DSM-IV descrive patologie che non hanno una eziologia certa (per Gardner la PAS ha eziologia certa); fa riferimento a sintomi (mentre PAS descrive un processo interpersonale) Meglio parlare di “rifiuto genitoriale post- separativo (post-separation parental rejection). Interazione complessa tra “sraniamento realistico” e ”alienazione patologica” (Kelly e Johnston).

16 1.8. Critica Impossibile distinguere dolo e trasmissione a fini educativi di una realtà alterata (Salluzzo 2006) PAS può essere usata per non riconoscere la validità di accuse di abuso e violenza domestica (Surface 2009) Le accuse di abuso sessuale su minori nel contesto di dispute riguardo la custodia sono meno del 2% e la metà di queste si sono dimostrate vere. Gardner afferma il contrario basandosi solo sulla propria pratica clinica (Meier 2009) Argomentazioni di Gardner vicine ai movimenti filopedofili (Crisma e Romito 2007) La PAS ha un'eziologia legale e non medica (Hoult 2006)

17 1.8. Critica Si preferisce il termine di Alienazione Parentale (Bruch 2001) In realtà PAS sarebbe un sottoinsieme patologico di PA ( Hoult 2006) “Allineamento” (Parental alignment: Johnston 2003) Disturbo di Alienazione Parentale (Parental alienation disorder: Bernet 2008) disturbo relazionale da inserire nel DSM-V. Tale disturbo potrebbe essere un modo per sottrarsi alla conflittualità coniugale. I problemi posti da Gardner sono reali (Hirsch 2002). Occorre un metodo di diagnosi standardizzato (Turkat 2002)

18 1.9. PAS e Abuso Per Gardner: false accuse come “strategia di alienazione” Se c'è abuso non c'è PAS “falso ricordo”: i bambini non sono credibili  In realtà i bambini negano spesso l'abuso  Mostrano spesso affetto nei confronti dell'abusatore: legame forte  Prendere sul serio le accuse e verifica

19 1.9. Pas e abuso La Pas appartiene a un pensiero negazionista (Foti 2007) Differenze (D'Agostino 2007): False accuse: distinguere tra buona fede e intenzioni malevole; tra autori adulti e bambini; tra infondate e sospette (Trocmé e Bala 2005) Pas come abuso emozionale (Warshak 2008) Abuso psicologico: ambiente familiare ostile; disistima; dipendenza eccessiva; adultizzazione... Attenzione a non estendere troppo per non svilire il concetto di abuso (Bessette 2008). PASABUSO Denigrazione del GBNessuna denigrazione Razionalizzazioni deboli Nessuna razionalizzazione Mancanza di ambivalenza: legame con il GA Presenza di ambivalenza: legame forte con l'abusatore Pensatore indipendente Appoggio al GAOstilità verso chi non ha protetto Assenza senso colpaSensi di colpa Scenari presi a prestitosessualizzazione

20 1.9. Pas e abuso Uno studio è stato condotto in Canada alla fine degli anni '90 su 7672 casi: il CIS-98. Si stima che su circa accertamenti di maltrattamento sui bambini nel 1998 (21,58 per mille), 42% delle indagini sono state motivate e un ulteriore 23% delle indagini di maltrattamento è rimasto sospetto. Il restante 35% di tutte le indagini è stato considerato infondato. Di queste il 31% fatto in buona fede e solo il 4% delle accuse sono state considerate intenzionalmente false. Il CIS-98 documenta solo due accuse intenzionalmente false mosse contro padri non aventi l'affidamento. I genitori non aventi l'affidamento erano responsabili per il 43% di rapporti intenzionalmente falsi nei casi di controversie sull'affidamento o in materia di accesso. I genitori affidatari (14%) e i bambini (2%) sono stati responsabili di false accuse intenzionali in relativamente pochi casi. Il problema di fabbricazione deliberata di false accuse da parte dei genitori non aventi l'affidamento (soprattutto padri) è più diffuso di quelle da parte dei genitori affidatari (soprattutto le madri) e da parte dei figli (Trocmé e Bala 2005).

21 1.10. Cogenitorialità Criteri per la custodia dei figli (USA): - Agevolare la relazione con l'altro genitore (Stato del Michigan e Association of Family and Court Conciliators) - APA non menziona PAS (ma Gardner in Bibliografia) - Ricerca della Professional Academy of Custody Evaluators ( ): 75%: la PAS è da considerare (eccetto i casi di abuso)

22 2. Proposte di prevenzione 1. Prevenzione primaria: Riconoscere Resistere Riferire Rassicurare 2. Incontri con figli di separati (Andre e Baker 2009). Pensa in prima persona Puoi scegliere Ascolta il tuo cuore Impara a chiedere consiglio e aiuto

23 Conclusioni 1. L'esistenza della PAS come Sindrome patologica non è dimostrata 2. La PAS esprime un problema reale, da studiare con criteri scientifici 3. Per fare questo, liberare il campo da connotazioni culturali, contrapposizioni sessiste, interessi di parte. Deve prevalere l'interesse per i minori. La ricerca scientifica è necessaria per arrivare a parlare un linguaggio comune. 4. I bambini sono abusati quando: a) sono costretti ad interrompere i rapporti con un genitore (abuso psicologico ed emotivo) b) sono abusati sessualmente e non vengono creduti a causa della PAS (doppio abuso) c) sono strumentalizzati e costretti ad accusare falsamente di abuso o maltrattamento un genitore 5. Interventi: rafforzare il legame con il GB senza interrompere quello con il GA.

24 “Sono stanco di essere un figlio a metà...” (Diego 12 anni – Azzurro Child) “Ogni bambino ha il diritto di intrattenere rapporti con entrambi i genitori...” (Convenzione ONU 1989). Grazie!


Scaricare ppt "FIGLI A METÀ LA “SINDROME” DA ALIENAZIONE PARENTALE: RILIEVI CRITICI E PROPOSTE DI PREVENZIONE DOTT. ERNESTO MARIA AMICO."

Presentazioni simili


Annunci Google