La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mutazioni dinamiche Vincenzo Nigro Dipartimento di Patologia Generale Seconda Università degli Studi di Napoli Telethon Institute of Genetics and Medicine.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mutazioni dinamiche Vincenzo Nigro Dipartimento di Patologia Generale Seconda Università degli Studi di Napoli Telethon Institute of Genetics and Medicine."— Transcript della presentazione:

1 Mutazioni dinamiche Vincenzo Nigro Dipartimento di Patologia Generale Seconda Università degli Studi di Napoli Telethon Institute of Genetics and Medicine (TIGEM)

2 Circa il 2% della popolazione ha un IQ<70 (ritardo mentale) il 15-20% di tutti I ritardi mentali sono attribuibili a geni del cromosoma X Il ritardo mentale legato al cromosoma X (XLMR) è geneticamente eterogeneo con 202 loci responsabili di forme che si sovrappongono clinicamente 46 geni sono stati a tutt’oggi identificati il locus che contribuisce alla frazione maggiore causa la sindrome di Martin- Bell, oggi nota come sindrome dell’X fragile

3 X fragile ritardo mentale: IQ tra 20 e 70 deficit di memoria a breve termine di informazioni complesse ritardo nel linguaggio ridotte abilità visuo-spaziali ipersensibilità agli stimoli iperattività con deficit di attenzione comportamento autistico Macrocefalia con fronte, mento e orecchie sporgenti Macroorchidismo (<30ml) dopo la pubertà Anomalie connettivali: prolasso della mitrale, lassità articolare, piede piatto Disfunzioni ipotalamiche?

4

5 Nel 1969 Lubs osservò una costrizione (marker X) sul braccio lungo del cromosoma X in quattro maschi affetti e tre carriers obbligate della stessa famiglia

6 Il sito fragile a Xq27.3 rottura o costrizione dei cromosomi in metafase che insorge quando le cellule sono esposte ad una perturbazione della replicazione del DNA siti fragili sono su tutti i cromosomi e prendono il nome della banda cromosomica, es fra(X)(q27.3) la nomenclatura HUGO chiama questo sito FRAXA, cioè il primo sito fragile identificato sul cromosoma X

7 I II IV III Segregazione, paradosso di Sherman perché non è affetto? perché è affetta? Il 20% dei maschi che portano l’allele mutato sono normali (NTM) Il 30% delle carrier presenta ritardo mentale

8 Fragile X syndrome

9

10 Il gene FMR

11 CONTROLSPREMUTATIONS Zhong et al. Am J Hum Genet 1995

12 Eag I Normal alleles : Stable in the family and in the individual Unstable in the population (Polymorphism) Premutation : Unstable in the family Stable in the individual Full mutation : Unstable in the individual (somatic mutations) Repress FMR1 transcription CpG island/5 ’UTR FMR1 gene probe (CGG) ~ 6 to 50 (CGG) 59 to ~ 200 (CGG) > 250 Methylation EcoRI 2.4kb2.8kb

13 Premutazioni e mutazioni Le premutazioni si espandono quando sono trasmesse dalla madre La donna con premutazioni ha un maggiore rischio di menopausa precoce POF (premature ovarian failure) Il più corto allele descritto che in una sola generazione è diventato mutazione piena è di 59 triplette Espansione stabile (CGG) 9 -AGG-(CGG) 9 -AGG-(CGG) 9 Ha almeno 2 A che interrompono la serie di 9 triplette Espansione instabile (CGG) 9 -(CGG) 9 -(CGG) 9- (CGG) 9…… NON ha A che interrompono la serie

14 Il gene FMR1 (fragile X mental retardation 1) è all’interno di deserto genico: quindi il fenotipo NON è da geni contigui Mutazioni puntiformi o delezioni di FMR1 causano un fenotipo identico alle espansioni e questo dimostra che il ruolo del gene non è importante nelle prime fasi dello sviluppo, quando le triplette non sono ancora metilate

15 cosa fa FMR1? FMRP una RNA-binding protein selettiva associata con i poliribosomi ed espressa nei neuroni nelle spine dendritiche regola la traduzione degli mRNA, funzione cruciale per la plasticità sinaptica e la maturazione neuronale interagisce con gli mRNA e con il pathway dei miRNA Nell’X fragile le spine dendritiche sono immature e lunghe Cerebral Cortex, Vol. 10, No. 10, , October 2000

16 Spine dendritiche nel neocortex lunghe ed immature anche nel topo KO

17 Malattie da triplette ripetute DiseaseGene Locus/ProteinRepeatLocation Fragile X syndrome Fragile XE syndrome Friedreich ataxia Myotonic dystrophy 1 Myotonic dystrophy 2 Spinobulbar muscular atrophy Huntington disease Dentatorubralpallidoluysian atrophy SCA type 1 SCA type 2 SCA type 3 (Machado-Joseph disease) SCA type 6 SCA type 7 SCA type 8 SCA type 12 Xq27.3/FMR-1 protein Xq28/FMR-2 protein 9q13-9q21.1/frataxin 19q13/myotonic dystrophy protein kinase 3q21 Xq13-Xq21/androgen receptor 4p16.3/huntington 12p13.31/atrophin-1 6p23/ataxin-1 12q24/ataxin-2 14q32.1/ataxin-3 19p13/  -1A (voltage-ependent calcium channel subunit) 3p12-3p13/ataxin-7 13q12/none identified 5q31-5q33 CGG GCC GAA CTG CCTG CAG CAG CAG CAG CAG CAG CAG CAG CTG CAG Noncoding Noncoding Noncoding Noncoding Noncoding Coding Coding Coding Coding Coding Coding Coding Coding ? Noncoding

18 Malattie da triplette ripetute non codificanti

19 anticipazione nella distrofia miotonica

20 Malattie da triplette ripetute di poliglutammina

21 la Huntingtina con poliglutammina forma aggregati nei neuroni causandone la morte all'inizio sintomi psichiatrici quali depressione, irritabilità, difficoltà a prendere decisioni, poi presenta movimenti incontrollati simili a una danza e demenza pur con una grande variabilità individuale, la malattia avanza inesorabilmente fino alla morte tentativi terapeutici sono in corso con la cistamina che inibisce la transglutaminasi coinvolta nella formazione degli aggregati

22 Caratteri complessi Vincenzo Nigro Dipartimento di Patologia Generale Seconda Università degli Studi di Napoli Telethon Institute of Genetics and Medicine (TIGEM)

23

24

25 un carattere non Mendeliano ha una componente genetica? i genitori trasmettono i genitori trasmettono –i geni –l’ambiente (questo vale specialmente per caratteri quali IQ e i disordini psichiatrici) anche le abitudini alimentari, il clima, ecc. anche le abitudini alimentari, il clima, ecc. Occorre provare il ruolo dei geni al di là della ricorrenza familiare Occorre provare il ruolo dei geni al di là della ricorrenza familiare

26 gemelli monozigoti gemelli monozigoti fratelli, genitori-figli fratelli, genitori-figli fratellastri, zii-nipoti fratellastri, zii-nipoti cugini I grado cugini I grado cugini II grado cugini II grado 1/1 consanguineità 1/1 consanguineità 1/2 consanguineità 1/2 consanguineità 1/4 consanguineità 1/4 consanguineità 1/8 consanguineità 1/8 consanguineità 1/32 consanguineità 1/32 consanguineità geni condivisi

27 gemelli monozigoti MZ hanno lo stesso sesso hanno lo stesso sesso hanno gli stessi alleli hanno gli stessi alleli hanno gli stessi polimorfismi hanno gli stessi polimorfismi se femmine, hanno un differente pattern di inattivazione dell’X se femmine, hanno un differente pattern di inattivazione dell’X hanno un differente repertorio di immunoglobuline hanno un differente repertorio di immunoglobuline hanno un differente TCR hanno un differente TCR spesso hanno un ambiente più simile spesso hanno un ambiente più simile

28 gemelli dizigoti DZ hanno lo stesso sesso nel 50% dei casi hanno lo stesso sesso nel 50% dei casi hanno il 50% degli alleli in comune hanno il 50% degli alleli in comune hanno il 50% dei polimorfismi in comune hanno il 50% dei polimorfismi in comune Occorre considerare il rapporto MZ/DZ che può essere inferiore a 2 o superiore a 2 in funzione del numero dei geni coinvolti

29

30

31

32 Analisi nonparametrica Senza un modello Non si sa a priori se la trasmissione è dominante o recessiva o mista o poligenica, ecc Si valuta quanta parte si condivide dei segmenti di DNA nelle famiglie o nelle popolazioni

33 Studi di associazione Sono diventati il metodo migliore per identificare fattori di rischio per malattie complesse Più potente del linkage se le varianti che conferiscono suscettibilità sono comuni, mentre è meno potente se le varianti sono rare È necessario procedere con una mappa che comprende molti marcatori a breve distanza l’uno dall’altro

34 usare SNPs comuni Associazione indiretta Gli SNPs sono genotipizzati sulla base del linkage disequilibrium (LD)

35 Infinium, Illumina Infinium HD BeadChip Markers (per sample) Median Marker Spacing Human1M- Duo >1.1 million1.5kb Human660W -Quad >658,0002.5kb HumanCytoS NP-12 ~300,00010kb Human510S- Duo* >510,0003.2kb

36

37 GWA (genomic wide association) studies GWAs servono a comprendere la base genetica dei tratti complessi Per alcuni tratti ci sono molti loci: diabete, cancro della prostata e della mammella, malattia infiammatoria intestinale, ecc Per altri tratti i loci sono pochi: asma, malattia coronarica, fibrillazione atriale A Catalog of Genome-Wide Association Studies

38 punti critici dei GWAs Selezione dei casi –minimizzare l’eterogeneità fenotipica? –focalizzazione su casi familiari? –scegliere casi ad insorgenza precoce? Selezione dei controlli –Controlli comuni a differenti tratti? –3000 controlli della Wellcome Trust Case Control Consortium Significatività statistica –p < 5 x 10–8 –Replica dello studio

39 Tremore 02/25/09 Stefansson February 01, 2009 Nat Genet Variant in the sequence of the LINGO1 gene confers risk of essential tremor Essential tremor Variant in the sequence of the LINGO1 gene confers risk of essential tremor 452 cases 14,378 controls 15q24.3 LINGO1 1 x 10-9 Illumina [305,624]

40 obesità 01/15/09Thorleifsson December 14, 200Nat Genet Genome-wide association yields new sequence variants at seven loci that associate with measures of obesity Genome-wide association yields new sequence variants at seven loci that associate with measures of obesity Body mass index Studio iniziale: 80,969 individuals Replica: 11,036 individuals 16q12.2 FTO 1 x p25.3 TMEM18 4 x q q q p31.1 3q p p p14.1 1q q p p14.1 FTO MC4R KCTD15, CHST8 NEGR1 SFRS10, ETV5, DGKG SH2B1, ATP2A1 BDNF BDNF SEC16B, RASAL2 BCDIN3D, FAIM2 NR BDN 4 x x x x x x x x x x x x [ ] % SD 6.12 [ ] % SD 5.25 [ ] % SD 4.38 [ ] % SD 4.18 [ ] % SD 3.77 [ ] % SD 4.42 [ ] % SD 3.63 [ ] % SD 4.58 [ ] % SD 3.85 [ ] % SD 3.36 [ ] % SD 3.28 [ ] % SD 2.6 [ ] % SD 3.15 [ ] % SD Illumina [305,846]

41 Aneurismi intracranici Bilguvar November 09, 2008 Nat Genet Susceptibility loci for intracranial aneurysm in European and Japanese populations Susceptibility loci for intracranial aneurysm in European and Japanese populations 1,580 European cases, 6,276 European controls 495 Japanese cases, 676 Japanese controls 8q11.23 SOX17 1 x q21.3 CDKN2A CDKN2B 1 x Illumina [289,271]

42 Manhattan plot GWA Diabete di tipo 2 Crom 10 TCF7L2 transcription factor 7-like 2 Crom 16 FTO fat mass and obesity associated Crom 6 CDKAL1 = CDK5 regulatory subunit associated protein 1-like 1


Scaricare ppt "Mutazioni dinamiche Vincenzo Nigro Dipartimento di Patologia Generale Seconda Università degli Studi di Napoli Telethon Institute of Genetics and Medicine."

Presentazioni simili


Annunci Google