La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Trasformazione societaria: aspetti contabili. 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo2 Disciplinacodicistica TrasformazioneomogeneaTrasformazioneeterogenea.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Trasformazione societaria: aspetti contabili. 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo2 Disciplinacodicistica TrasformazioneomogeneaTrasformazioneeterogenea."— Transcript della presentazione:

1 La Trasformazione societaria: aspetti contabili

2 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo2 Disciplinacodicistica TrasformazioneomogeneaTrasformazioneeterogenea TrasformazioneprogressivaTrasformazioneregressiva

3 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo3 SOGGETTI Società Non commerciali Commerciali Diversi da Società Consorzi Associazioni di persone di capitali Società semplici s.n.c. s.a.s. Lucrative Non lucrative s.a.p.a. s.p.a. s.r.l. cooperative consortili

4 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo4 TRASFORMAZIONE Omogenea Tra società commerciali Eterogenea Da associazione in società Da consorzio in società lineare Non lineare da-a società di persone da-a società di capitali Progressiva da società di capitali in società di persone Regressiva da società di persone in società di capitali Da comunioni di aziende in società Da cooperative in società e NON viceversa!

5 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo5 NON LINEARE Trasformazione regressiva Trasformazione Progressiva (art ter) società persone in società capitale società persone in società capitale

6 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo6 ADEMPIMENTI Istanza per nomina esperto Perizia di stima Delibera di trasformazione (con perizia allegata) Tribunale in cui si trova la sede della società (SpA o SApA) trasformanda Predisposizione di una situazione patrimoniale aggiornata assestata Bilancio di trasformazione Tribunale per SpA o SApA Nomina esperto Società per Srl

7 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo7 Iscrizione Controllo valutazioni Fine periodo amministrativo Redazione bilancio desercizio (con dati comparativi, se disponibili) Data effetto comunicazione IVA/Ag. Entrate rettifiche valori contabili chiusura conti bilancio di chiusura bilancio di apertura ADEMPIMENTI

8 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo8 Bilancio di chiusura Trasformazione progressiva: richiede TRE diversi bilanci Bilancio di trasformazione coincide con RELAZIONE DI STIMA DELLESPERTO assolve alla previsione fiscale determina risultato ADEMPIMENTI Bilancio di apertura coincide con bilancio di trasformazione

9 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo9 DEFINIZIONE INVENTARIO GENERALE IN FORMA ANALITICO – DESCRITTIVA CUI SI APPLICANO LA MAGGIOR PARTE DEI PRINCIPI PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO SI GOING CONCERN COMPETENZA PRUDENZA NO COMPARABILITA SCHEMI CONTINUITA SCHEMI IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE CRITERIO DEL COSTO STORICO (ALMENO IN LINEA DI PRINCIPIO) Art ter richiede valutazione

10 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo10 STRUTTURA SI NO IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

11 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo11 CONTENUTO SI NO IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

12 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo12 Immobilizzazioni immateriali a)Diritti a)Diritti valore residuo in base alla possibilità di utilizzo futuro (ri/svalutazione) b)Costi pluriennali b)Costi pluriennali valore contabile eventualmente svalutato per ridotta vita utile c)Prestazioni soci dopera se non iscritte ma in corso in base al valore di capitalizzazione di corrispettivi mediamen- te praticati, tenuto conto durata residua IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

13 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo13 Immobilizzazioni materiali Valore di iscrizione o se minore valore di riacquisto o di ricostituzione, al netto della svalutazione per usura e obsolescenza e tenuto conto della funzionalità e possibile economica utilizzabilità Immobilizzazioni finanziarie a)Quotate b)Controllate/ collegate c)Altre corso medio se significativamente superiore net equity method o, almeno, al patrimonio netto contabile IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

14 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo14 Crediti Presumibile valore di realizzo; quelli in valuta, al cambio corrente alla data di riferimento della stima IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

15 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo15 Rimanenze a) Materie prime b) Prodotti c/lavorazione c/lavorazione c) Prodotti finiti merci merci costo di riacquisto valori di realizzo al netto dei costi di completamento, vendita e commercializzazione valore di realizzo al netto dei costi di vendita e commercializzazione IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

16 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo16 Fondi per rischi e oneri Controllo della congruità di quelli iscritti IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

17 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo17 Debiti Valutati al nominale; quelli in valuta, al cambio corrente alla data di riferimento della stima Attenzione !! Sulle plusvalenze deve essere calcolato lONERE FISCALE POTENZIALE! IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE

18 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo18 E necessario predisporre il BILANCIO DI TRASFORMAZIONE! IL BILANCIO DI TRASFORMAZIONE TRASFORMAZIONE REGRESSIVA

19 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo19 È un bilancio ORDINARIO infrannuale il cui scopo è la determinazione del RISULTATO PERIODICO (utile anche ai fini tributari) È utile per la determinazione del quantum spettante in caso di recesso È utile per la determinazione delle quote di partecipazioni IL BILANCIO DI CHIUSURA

20 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo20 1. Struttura e contenuto 2. Data di riferimento 3. Adempimenti societari 4. Distribuzione utile di periodo IL BILANCIO DI CHIUSURA

21 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo21 1. Struttura e contenuto È lultimo BILANCIO con la precedente veste sociale formato da: Stato patrimoniale (ex art opportunamente adattato) Conto economico Nota integrativa (adattata) CRITERI: art IL BILANCIO DI CHIUSURA

22 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo22 2. Data di riferimento È la DATA DI EFFETTO della delibera DATA DI ISCRIZIONE ATTO E RICHIESTA CESSAZIONE TRASFORMATA CESSAZIONE TRASFORMATA DATA BILANCIO TRASFORMAZIONE COINCIDE CON DATA BILANCIO DI CHIUSURA IL BILANCIO DI CHIUSURA

23 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo23 3. Adempimenti societari Poiché ha finalità analoghe al bilancio desercizio FORMAZIONE – CONTROLLO – APPROVAZIONE ATTENZIONE !! Se coincide con il bilancio di trasformazione è IMPLICITAMENTE approvato in sede di delibera! IL BILANCIO DI CHIUSURA

24 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo24 4. Distribuzione utile di periodo Normalmente ……..BILANCI STRAORDINARI NON CONSENTONO! …..ma nel nostro caso è …….. BILANCIO INFRANNUALE redatto come il bilancio desercizio Se sottoposto allapprovazione dei soci è possibile distribuire! (è interesse dei vecchi soci!) E LA PERDITA ?……. Riduce il patrimonio netto! IL BILANCIO DI CHIUSURA

25 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo25 Scritture contabili TrasformandaTrasformata assestamento e rettifica epilogo al conto economico rilevazione risultato chiusura generale conti apertura generali conti cambio nome riserve iscrizione ai valori di perizia

26 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo26 ALFA di ics & c. snc SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 MARZO 2009 ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Avviamento100 Immobilizzazioni materiali Fabbricati500 Macchinari150 Altre150 Attivo circolante Rimanenze finali 50 Crediti v/clienti100 Altri crediti 50 Disponibilità liquide 100 TOTALE ==== PASSIVO Patrimonio netto Capitale250 Utili indivisi 50 Trattamento fine rapporto 200 Debiti Banche100 Fornitori200 Altri300 Ratei e risconti 100 TOTALE ====

27 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo27 ALFA di ics & c. snc PERIZIA DI STIMA AL 31 MARZO 2009 ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Avviamento100 Immobilizzazioni materiali Fabbricati660 Macchinari120 Altre 70 Attivo circolante Rimanenze finali 70 Crediti v/clienti 80 Altri crediti 50 Disponibilità liquide 100 TOTALE ==== PASSIVO Patrimonio netto Capitale netto di trasformazione350 Trattamento fine rapporto 200 Debiti Banche100 Fornitori200 Altri300 Ratei e risconti 100 TOTALE ====

28 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo28 AVVIAMENTO AVVIAMENTO = FABBRICATI FABBRICATI MACCHINARI MACCHINARI ALTRE IMMOBILIZZAZIONI ALTRE IMMOBILIZZAZIONI RIMANENZE RIMANENZE CREDITI CREDITI DISPONIBILITA DISPONIBILITA = TOTALE TOTALE PATRIMONIO PATRIMONIO T.F.R. T.F.R = BANCHE BANCHE = FORNITORI FORNITORI = ALTRI DEBITI ALTRI DEBITI = RATEI E RISCONTI RATEI E RISCONTI = TOTALE TOTALE ==== ==== CONTABILESTIMADIFFERENZA SE non rivaluto ma svaluto (prudenza!) ^ patrimonio 170 (- 130!!)

29 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo29 CASO 1: Continuità dei valori Se istantanea : bilancio finale = bilancio trasformazione PROSPETTO RIPARTO QUOTE Soci Partecipazione nella trasformanda trasformata Quote %Quote% Tizio Caio Sempronio

30 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo30 CASO 2: Discontinuità dei valori Ipotizziamo che il perito evidenzi i seguenti dati PERIZIA DI STIMA AL 31 MARZO 2009 ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Avviamento 0 Immobilizzazioni materiali Fabbricati580 Macchinari140 Altre150 Attivo circolante Rimanenze finali 50 Crediti v/clienti 90 Altri crediti 50 Disponibilità liquide 100 TOTALE ==== PASSIVO Patrimonio netto Capitalenetto di trasformazione260 Trattamento fine rapporto 200 Debiti Banche100 Fornitori200 Altri300 Ratei e risconti 100 TOTALE ====

31 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo31 C.N.T. > P.N.C. Poiché esistono plusvalori sui fabbricati. PRUDENZIALMENTE rilevo solo MINUSVALORI: SITUAZIONE PATRIMONIALE AL 31 MARZO 2009 ATTIVO Immobilizzazioni materiali Fabbricati500 Macchinari140 Altre150 Attivo circolante Rimanenze finali 50 Crediti v/clienti 90 Altri crediti 50 Disponibilità liquide 100 TOTALE ==== PASSIVO Patrimonio netto Capitale180 Trattamento fine rapporto 200 Debiti Banche100 Fornitori200 Altri300 Ratei e risconti 100 TOTALE ====

32 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo32 PROSPETTO RIPARTO QUOTE Soci Partecipazione nella trasformanda trasformata Quote%Quote% Tizio ,4 28 Caio ,6 12 Sempronio , ,0 100 Si decide di assegnare NUMERI DI QUOTE (perché espresse in Euro!)

33 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo33 COME FARE? A) Determinare il divisore comune Quote707/25 303/ / Quindi il divisore comune è 25

34 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo34 B) Determinare rapporto tra quote da assegnare ed il divisore comune 180/25 = 7,2 Quote da emettere 8 x 25 = Arrotondato in SOCI% QUOTE DA EMETTEREQUOTEPARTECIP. CONGUAGLIO Tizio Caio Sempronio ,020,0 12,0 2,4 5, ,4 21,6 108,0

35 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo35 Trasformazione di società ESEMPIO VERSAMENTO CONGUAGLIO SNC Tizio Caio Sempronio Mevio Totale ====== Perizia: n azioni da 25

36 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo36 Trasformazione di società Tizio Caio Sempronio SOCI SNCSPA Importo Rapporto partecipativo Valore Nominale TEORICO /92 7/92 24/92 92/ , , , ,00 VERSAMENTO CONGUAGLIO Mevio / ,61 Valore teorico non è multiplo del rapporto partecipativo

37 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo37 Trasformazione di società VERSAMENTO CONGUAGLIO Versare conguaglio n. Azioni denom.com. = = 284, x 92 = x 25 = Azioni da assegnare Valore nominale azioni da assegnare

38 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo38 Trasformazione di società CONGUAGLIO DEI SOCI SOCI IMPORTO RAPPORTO PARTECIP. PRIMA DEI CONGUAGLI DOPO I CONGUAGLI VERSATI N. AZIONI Tizio Caio Sempronio Mevio /92 7/92 24/92 36/ , , , , , , , ,00 81,52 22,83 78,26 117, / , ,00300,

39 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo39 Trasformazione di società PRELEVAMENTO A CONGUAGLIO Prelevare a conguaglio n. Azioni den.com. = = 284, x 92 = x 25 = Azioni da assegnare Valore nominale azioni da assegnare

40 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo40 Trasformazione di società PRELIEVO DEI SOCI Quota partecipazione nella Snc SOCI Ripartizione nella SpA Importo Rapporto partecip. Prima dei conguagli Dopo i conguagli Conguagli prelevati Tizio Caio Sempronio Menio /92 7/92 24/92 36/92 92/ , , , , , , , , , ,00 543,48 152,17 521,74 782, ,00 N. Azioni

41 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo41


Scaricare ppt "La Trasformazione societaria: aspetti contabili. 9 aprile 2009Nicola Cavalluzzo2 Disciplinacodicistica TrasformazioneomogeneaTrasformazioneeterogenea."

Presentazioni simili


Annunci Google