La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Limitare gli effetti derivanti dalluso delle biotecnologie in agricoltura: dal principio di precauzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Limitare gli effetti derivanti dalluso delle biotecnologie in agricoltura: dal principio di precauzione."— Transcript della presentazione:

1 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Limitare gli effetti derivanti dalluso delle biotecnologie in agricoltura: dal principio di precauzione alla tutela delle conoscenze tradizionali Focus sui paesi in via di sviluppo Dott.ssa Mery Ciacci, Lezione Diritto dellAmbiente

2 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Introduzione Argomenti lezione: -Focus sugli impatti economici, sociali, culturali ed ambientali derivanti dalluso delle biotecnologie in agricoltura, con particolare attenzione al contesto dei paesi in via di sviluppo -Fornire una panoramica generale sulla regolazione delluso degli OGM nel contesto internazionale, focus sulle sementi -Esplorare le possibili soluzioni offerte dal diritto internazionale: Principio precauzionale c. certezza scientifica Soluzioni alternative: la protezione delle conoscenze tradizionali connesse alluso di risorse genetiche

3 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Agricoltura biotecnologica: di cosa stiamo parlando? Biotecnologia: definizione Art. 2 Convenzione Diversità Biologica (1992): Ogni applicazione tecnologica che utilizza sistemi biologici, organismi viventi o da essi derivati, per creare o modificare prodotti o processi per usi specifici -Una gamma di tecnologie molecolari, quali la manipolazione e riproduzione di processi genetici, il trasferimento di geni, la clonazione di DNA, piante, animali, etc… Agricoltura biotecnologica: -basata sulla manipolazione del patrimonio genetico, attraverso tecniche, conoscenze e strumenti, di bio-risorse (risorse naturali, per es: sementi, capi di allevamento, flora e fauna marina, delle foreste, etc… ) -luso di tali risorse genetiche é connesso a conoscenze tradizionali (patrimonio di comunitá rurali indigene, particolarmente importante nei paesi in via di sviluppo)

4 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Conoscenze tradizionali: che cosa sono? Non esiste una definizione (universale) ufficiale adottata a livello internazionale, in quanto il termine può acquisire diversi significati a seconda dei tempi e dei contesti socio-culturali Tuttavia: elementi di comune comprensione (maggiori esperti, strumenti internazionali, accademici, stakeholders) che ne delineano criteri generali di riconoscimento

5 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Conoscenze tradizionali: Elemento temporale: conoscenza sviluppata nel tempo; Trasmissione da generazione in generazione; tipicamente trasmissione orale; Tipicamente possesso e proprietà (tradizionalmente) sono detenuti dalla collettività: patrimonio comune di una determinata collettività; Di natura pratica (es: artigianato, tecniche di agricoltura tradizionale), connesse alluso di risorse naturali (altrimenti ricadono nellambito del folklore) Sono dinamiche ed evolvono a seconda dellambiente e delle influenze esterne; Spesso implicano elementi di innovazione e sperimentazione (know-how); Solitamente nascono e si sviluppano in determinati contesti ambientali, sociali e culturali e sono reperibili negli usi e costumi locali, lingue locali, patrimonio culturale; Prendono spesso la forma storie, canzoni, proverbi, valori culturali, credenze, riti, leggi consuetudinarie, lingue locali, pratiche di agricoltura e usi e gestione di risorse naturali tradizionali; Aspetto olistico: spesso rappresentano una visione spirituale della natura e del suo funzionamento e ne rispettano limiti e regole; rispecchiano il legame tra biodiversitá e diversitá culturale; approccio eco-centrico

6 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Uso delle biotecnologie in agricoltura: aspettative -Aumentare la produzione di cibo nel mondo per realizzare il diritto al cibo (sicurezza alimentare) -Ridurre la povertá nel mondo e le diseguaglianze sociali -Ridurre gli effetti nocivi e pericolosi dellagricoltura moderna sullambiente -Sviluppare prodotti agricoli OGM con maggiore capacitá di resilienza ai cambiamenti climatici -contribuire al raggiungimento dello sviluppo sostenibile Similitudini con la Green Revolution Similitudini con la Green Revolution

7 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Aspetti critici di questo modello: Agricoltura OGM e diritto al cibo: falso mito Radice del problema: non é la quantitá di cibo prodotta, ma laccesso al cibo (Commento Generale n. 12 Diritto al cibo adeguato del Comitato NU per i diritti economici,sociali e culturali, 1999) Visione improntata sul paradigma di sviluppo fondato sulla crescita economica Paesi in via di sviluppo: contribuisce a creare dipendenza dallaiuto (umanitario) Similitudini con la Green Revolution Similitudini con la Green Revolution

8 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Effetti reali (ad oggi riscontrabili) Effetti economici Effetti sullambiente e sulla salute Effetti socio- culturali - Aspettative deluse - Effetti inattesi - Aspettative deluse - Effetti inattesi

9 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Effetti economici A vantaggio dellagricoltura estensiva su larga scala Privilegia monocolture e necessita di grandi estensioni di terra Necessita di investimenti economici per lacquisto delle sementi, tecnologie e fertilizzanti, pesticidi e diserbanti adatti allagricoltura OGM

10 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Effetti sullambiente e sulla salute Salute umana: Incertezza scientifica Diffidenza verso i prodotti OGM ( approccio UE basato sul principio precauzionale) Ambiente: Effetti manifesti: negativi Nascita di super-erbe e super- parassiti: crescente uso di fertilizzanti, diserbanti, anti- parassitari ed erbicidi deforestazione Perdita di fertilità dei suoli e inaridimento Perdita di biodiversità e dellequilibrio di micro e macro ecosistemi

11 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Effetti socio-culturali Comunità rurali indigene e locali Comunità rurali indigene e locali Agricoltura OGM Marginalizzazione per gli agricoltori di piccola e media scala Perdita dei modelli di agricoltura tradizionale, basata su tecniche e conoscenze tradizionali (la perdita delle pratiche tradizionali e collegata alla perdita di biodiversità) Aumento delle diseguaglianze economiche e sociali: perdita del lavoro, indebitamento dei piccoli agricoltori, cambiamento delle occupazioni lavorative e della società Questione delle sementi: bio-pirateria e perdita delle pratiche tradizionali; equa ripartizione dei benefici Marginalizzazione per gli agricoltori di piccola e media scala Perdita dei modelli di agricoltura tradizionale, basata su tecniche e conoscenze tradizionali (la perdita delle pratiche tradizionali e collegata alla perdita di biodiversità) Aumento delle diseguaglianze economiche e sociali: perdita del lavoro, indebitamento dei piccoli agricoltori, cambiamento delle occupazioni lavorative e della società Questione delle sementi: bio-pirateria e perdita delle pratiche tradizionali; equa ripartizione dei benefici

12 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Biopirateria Uso di risorse biologiche e/o di conoscenze tradizionali associate (in particolare provenienti da paesi in via di sviluppo o comunità indigene e locali) senza adeguata autorizzazione, e/o brevetto che utilizzi tale conoscenza o risorsa senza garantire equo e adeguato riconoscimento o compenso al legittimo proprietario. Problematiche: Identificare le vittime: chi sono i legittimi proprietari

13 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Allorigine del problema: la brevettabilità dei semi Il regime internazionale: -Art. 27.3(b) Accordo TRIPS (Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale) (OMC)

14 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Principali rischi e problematiche Diritti di proprietà intellettuale: proprietà privata v. proprietà collettiva/beni comuni Appropriazione indebita di conoscenze tradizionali Sleale e non equa condivisione dei benefici derivanti dalluso delle risorse naturali e delle conoscenze ad essi connesse

15 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Soluzioni nel panorama internazionale Approccio basato sullevidenza scientifica Accordo Misure Sanitarie e Fitosanitare(SPS) (WTO) (Articolo 2.2) Accordo Barriere tecniche al Commercio (TBT) (WTO) (Articolo 2.2) Approcio basato sul Principio di Precauzione Convenzione per la Diversità Biologica (Preambolo) Protocollo di Cartagena sulla Biosicurezza alla CDB (Articolo 10.6)

16 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Convenzione Diversità Biologica : Firmata a Rio de Janeiro il 5 giugno 1992 (e ratificata dallItalia con Legge 14 febbraio 1994, n. 124) 3 obiettivi: 1.La conservazione della diversità biologica 2.Luso sostenibile dei componenti della diversità biologica 3.La giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dallutilizzo delle risorse genetiche

17 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Protocollo di Cartagena Protocollo di Cartagena della CBD è uno strumento normativo internazionale che regolamenta il trasporto e il commercio degli organismi geneticamente modificati (OGM). E stato adottato a Montreal (Canada) il 29 Gennaio 2000, è entrato in vigore il 29 Dicembre 2003 ed è stato ratificato dallItalia il 15 gennaio 2004 (L. 27/2004). Obiettivo del Protocollo: assicurare una adeguata protezione relativamente al trasferimento, al trattamento e all'uso degli OGM ottenuti con le moderne biotecnologie, con particolare attenzione ai movimenti transfrontalieri, a tutela della biodiversità e dei possibili rischi per la salute umana. Elemento centrale: la procedura di accordo preliminare (AIA, Advanced Informed Agreement) che assicura al Paese importatore l'accesso a tutte le informazioni necessarie per valutare i rischi ambientali legati agli OGM e la possibilità di prendere una decisione prima dell'importazione, in accordo con l'approccio precauzionale contenuto nel Principio 15 della Dichiarazione di Rio (3-14 Giugno 1992)

18 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Principio precauzionale nella CDB e nel Protocollo di Cartagena : CDB Preambolo: where there is a threat of significant reduction or loss of biological diversity, lack of full scientific certainty should not be used as a reason for postponing measures to avoid or minimize such a threat Protocollo di Cartagena Articolo 10(6) Lack of scientific certainty due to insufficient relevant scientific information and knowledge regarding the extent of the potential adverse effects of a living modified organism on the conservation and sustainable use of biological diversity in the Party of import, taking also into account risks to human health, shall not prevent that Party from taking a decision, as appropriate, with regard to the import of the living modified organism in question […], in order to avoid or minimize such potential adverse effects

19 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Limiti: Evidenza Scientifica La richiesta della valutazione del rischio limita il margine di azione degli Stati Accordi SPS and TBT non prendono in considerazione gli impatti economici e socio culturali degli OGM, né i rischi per la biodiversità LInterpretazione degli accordi SPS e TBT é vincolata dal preambolo dellAccordo OMC: lo scopo finale é quello di eliminare ogni possibile barriera al commercio Principio precauzionale CDB e Protocollo di Cartagena sulla Biosicurezza: piú vasto campo di applicazione(biodiversità; considerazioni socioeconomiche) MA Status giuridico incerto Relazione tra essi e lOMC non pacifica Caso Biotech: molto dipende dallinterpretazione dei giudici

20 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Altre soluzioni: Riforma dell Articolo 27.3(b) Accordo TRIPS (OMC) Richieste dei paesi in via di sviluppo: -Divieto totale sulla possibilità di brevettare organismi e microorganismi viventi -Il contenuto dei diritti di PI dovrebbe tenere in considerazione le diversità culturali: riconoscimento di sistemi non-formali di innovazione; diverso concetto di proprietá -Riconoscimento del ruolo importante delle conoscenze tradizionali per lo sviluppo delle comunità locali [WIPO Roundtable on IPRs and TK] -Equa e corretta condivisione dei benfici derivanti dalluso di sostanze genetiche e conoscenze tradizionali connesse: PIC (Prior informed consent)

21 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Soluzioni alternative: le misure di tutela del patrimonio culturale Le misure di tutela del patrimonio immateriale sembrano piú adatte a: -Meglio accomodare i diversi concetti di propietá(riconoscono la proprietà comune e collettiva) -Riconoscere il valore spirituale e culturale incluso nelle conoscenze tradizionali -Contribuire a creare condizioni piú eque e idonee per la ripartizione dei benefici attraverso la protezione di regole consuetudinarie delle comunità Dal momento che - Le conoscenze tradizionali spesso riproducono il legame tra diversità biologica e diversità culturale - Le conoscenze tradizionali promuovono un uso sostenibile ed eco-friendly della terra e delle risorse naturali, e sono al contempo (Articoloe 2 Convenzione UNESCO per la tutela del patrimonio immateriale)

22 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Tutela del patrimonio culturale: panorama internazionale Convenzioni concernenti lo SS e lambiente Our Common Future 1992 CDB (Articolo 8(j)) 1993 FAO Treaty on Plant Genetic Resources for Food and Agriculture (Seed Treaty): farmers rights 2010 Protocollo di Nagoya alla CDB sullAccesso alle Risorse Genetiche e lEqua Condivisione dei Benefici Strumenti Ad hoc Convenzioni UNESCO: - Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale; - Convenzione per la Protezione e Promozione della Diversità delle Espressioni Culturali (2005) Ma…linterazione con lOMC é sempre problematica

23 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Protocollo di Nagoya Obiettivo: consiste nella giusta ed equa condivisione dei benefici che derivano dallutilizzazione delle risorse genetiche, ivi incluso lappropriato accesso alle risorse genetiche e lappropriato trasferimento delle relative tecnologie, tenendo in considerazione tutti i diritti riguardanti quelle risorse e quelle tecnologie e i fondi opportuni, contribuendo in tal modo alla conservazione della diversità biologica e alluso sostenibile dei suoi componenti. Applicazione: dovrà applicarsi alle risorse genetiche nellambito dei contenuti dellArticolo 15 della Convenzione sulla Diversità Biologica e ai benefici derivanti dallutilizzazione di tali risorse. Il presente Protocollo dovrà anche applicarsi alle conoscenze tradizionali associate alle risorse genetiche nellambito dei contenuti della Convenzione sulla Diversità Biologica e ai benefici che derivano da tali conoscenze. Oggetto del protocollo Il Protocollo di Nagoya risponde direttamente al terzo obiettivo della CBD e adotta un quadro giuridico condiviso che regolamenta laccesso alle risorse genetiche e garantisce una equa ripartizione dei benefici derivanti dal loro utilizzo. Da un lato, il Protocollo facilita l'accesso alle risorse genetiche e alle conoscenze tradizionali, dallaltro sostiene la giusta ed equa ripartizione dei vantaggi con il paese fornitore e le comunità indigene e locali. La sua applicazione dovrebbe fornire maggiore certezza giuridica e trasparenza, facilitando sia per i fornitori che per gli utilizzatori laccesso alle risorse genetiche ed alle conoscenze tradizionali. L'importanza del protocollo Il protocollo rappresenta un risultato storico in quanto costituisce un possibile anello di congiunzione tra le politiche per la conservazione della biodiversità e quelle per la lotta alla povertà. Esso, infatti, garantendo ai Paesi che dispongono di una ricca biodiversità la ripartizione dei benefici derivanti dall'utilizzo delle risorse, li incoraggia a preservare questa inestimabile ricchezza.

24 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Protezione del patrimonio culturale: la dimensione dei diritti umani Diritti Umani: -universali, indivisibili, non-condizionali: il rispetto e la realizzazione non deve essere subordinata ad altre norme convenzionali Esempi: -Diritti umani culturali: Accesso alla cultural, libertá religiosa, diversità linguistica (per es.: Article 27 Patto NU per i Diritti Civili e Politici) -Diritti degli Indigeni (UN Declaration on the Rights of Indigenous Peoples; ILO Convention 169)

25 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Protezione del patrimonio culturale: Misure costituzionali: - es. Costituzione Boliviana Misure nazionali Ad hoc per la salvaguardia del patrimonio immateriale: a)India (2001): Protection of Plant Varieties and Farmers Rights Act b)Sistemi Sui generis riconoscono la proprietà collettiva e leggi consuetudinarie delle comunità locali (Law No of Perú, 2002)

26 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Conclusioni Cosa ne pensate?


Scaricare ppt "Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Limitare gli effetti derivanti dalluso delle biotecnologie in agricoltura: dal principio di precauzione."

Presentazioni simili


Annunci Google