La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Composizione grafica dott. Simone Cicconi CORSO DI ECONOMIA POLITICA MACROECONOMIA Docente: Prof.ssa M. Bevolo Lezione n. 13 II SEMESTRE A.A. 2009-2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Composizione grafica dott. Simone Cicconi CORSO DI ECONOMIA POLITICA MACROECONOMIA Docente: Prof.ssa M. Bevolo Lezione n. 13 II SEMESTRE A.A. 2009-2010."— Transcript della presentazione:

1 Composizione grafica dott. Simone Cicconi CORSO DI ECONOMIA POLITICA MACROECONOMIA Docente: Prof.ssa M. Bevolo Lezione n. 13 II SEMESTRE A.A

2 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.1 I limiti del modello IS-LM  I limiti del modello sono insiti nelle ipotesi semplificatrici  In particolare, l’assunzione di prezzi costanti (le imprese siano disposte ad offrire – ad un dato livello di prezzo – qualsiasi quantità) può essere accettata solo nel breve periodo  Nel medio periodo è impossibile sostenere la costanza dei prezzi -Prezzi costanti sono compatibili solo con costi costanti -Costi costanti implicano salari costanti La determinazione dei salari (e dei costi) avviene nel Mercato del lavoro

3 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.2 Schemi alternativi di mercato del lavoro Nel mercato del lavoro, in equilibrio, si determinano il livello dell’occupazione e il saggio di salario Il modello neoclassico di mercato del lavoro assume che: - Vi sia competizione perfetta nel mercato dei beni e dei fattori produttivi - Il salario, perfettamente flessibile, equilibra il mercato del lavoro In un contesto non perfettamente concorrenziale -Il salario è tendenzialmente rigido verso il basso -La rigidità del salario può dar luogo ad equilibrio con disoccupazione

4 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.3 Lo schema neoclassico L’equilibrio nel mercato del lavoro si determina dall’interazione fra domanda ed offerta di lavoro Il salario, perfettamente flessibile, porta sempre in equilibrio domanda ed offerta di lavoro - Non c’è spazio per una disoccupazione di lungo periodo - Un eventuale disoccupazione di lungo periodo è volontaria L’impresa che massimizza i profitti domanda lavoro sino al punto in cui il prodotto marginale del lavoro (in valore) è uguale al costo marginale del lavoro (il salario reale) - Aumenti del salario reale riducono la domanda di lavoro I lavoratori offrono lavoro in funzione diretta del salario reale

5 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.4 Schema neoclassico del mercato del lavoro Rappresentazione grafica W/P Occupazione Lo Ld W/Pe N Disoccupazione

6 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.5 Il comportamento delle imprese in un contesto oligopolistico In oligopolio le imprese adottano comportamenti collusivi o strategici Per far fronte a riduzioni di domanda non si riducono i prezzi, ma il livello della produzione Le imprese riducono l’organico in risposta ad una diminuzione della domanda dei beni o servizi La domanda di lavoro è una domanda derivata Una carenza di domanda riduce l’impiego dei fattori produttivi Le imprese riducono il numero di lavoratori Riduzione del numero di assunzioni associata ad un aumento dei licenziamenti.

7 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.6 Equilibrio del mercato del lavoro in un contesto non concorrenziale Ipotesi: i salari sono rigidi verso il basso W = salario nominale La curva di offerta di lavoro è orizzontale in corrispondenza del salario contrattuale Il salario cresce solo quando si raggiunge la zona della piena occupazione

8 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.7 Forza lavoro = occupati + disoccupati in cerca di lavoro L =N + U Tasso di disoccupazione = disoccupati / forza lavoro u = U / L Tasso di partecipazione = forza lavoro / popolazione lav Alcune definizioni

9 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.8 La determinazione dei salari in un mercato non concorrenziale La fissazione dei salari segue modalità e regole diverse a seconda dei diversi contesti istituzionali · Contrattazioni bilaterali tra datore di lavoro e lavoratori · Contratti collettivi: i salari vengono contrattati tra i sindacati e le imprese. La contrattazione collettiva avviene a livello aziendale industriale nazionale

10 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo 13.9 Contrattazione salariale  Il potere contrattuale di un lavoratore dipende da due fattori: - quanto costoso sarebbe sostituire il lavoratore nel caso di interruzione del rapporto lavorativo - quanto difficile sarebbe per il lavoratore trovare un altro lavoro  Due implicazioni: - Il potere contrattuale di un lavoratore dipende dalla natura del lavoro e dalle competenze richieste. - Il potere contrattuale di un lavoratore dipende dalle condizioni del mercato - Fattori istituzionali (diversi tra Paesi) - Livello di disoccupazione

11 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo Elementi generali della determinazione dei salari  I salari dipendono dalle condizioni prevalenti del mercato del lavoro (fattori istituzionali e livello occupazionale)  Quanto più è basso il tasso di disoccupazione, tanto maggiori sono i salari  In presenza di bassa disoccupazione le imprese entrano in concorrenza per accaparrarsi i lavoratori disponibili  Generalmente, i lavoratori ricevono un salario superiore al proprio salario di riserva  Il salario di riserva è il salario che rende i lavoratori indifferenti tra lavorare e non lavorare Anche in presenza di disoccupazione il salario risulta più elevato rispetto al salario di riserva

12 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo Elementi generali della determinazione dei salari La rigidità del salario impedisce l’aggiustamento del mercato ed il raggiungimento del pieno impiego  Perché in presenza di disoccupazione i salari non si riducono? - Le imprese non vogliono ridurre i salari al di sotto di un certo livello - Le imprese non possono ridurre i salari al di sotto di un certo livello  La prima tipologia di spiegazione è illustrata dalla teoria dei salari di efficienza  La seconda tipologia è riconducibile ai modelli di contrattazione salariale e al modello “insider-outsider”

13 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo Salari di efficienza  Le teorie dei salari di efficienza legano la produttività o l’efficienza dei lavoratori al salario percepito. - Due sono i presupposti:  L’impresa non è in grado di controllare con precisione la produttività dei lavoratori (asimmetria informativa)  Il salario influenza la produttività Le imprese potrebbero voler pagare salari superiori per incentivare la produttività dei lavoratori -La riduzione del salario, riducendo la produttività del lavoro influenza negativamente il CUP

14 CORSO DI MACROECONOMIA Docente Prof.ssa Bevolo Il modello insider-outsider insideroutsider  Un’ulteriore teoria proposta per spiegare la rigidità verso il basso dei salari è quella che contrappone gli interessi degli occupati (insider) a quelli dei disoccupati (outsider)  Gli insider dispongono di maggiore esperienza lavorativa e di protezione sindacale  Le imprese sono restie a sostenere elevati costi di turnover Gli insider, sfruttando il loro potere contrattuale, impediscono l’ingresso degli outsider (impediscono la potenziale concorrenza dei lavoratori disoccupati) Ostacolando la potenziale concorrenza degli outsider si impedisce la contrazione del salario


Scaricare ppt "Composizione grafica dott. Simone Cicconi CORSO DI ECONOMIA POLITICA MACROECONOMIA Docente: Prof.ssa M. Bevolo Lezione n. 13 II SEMESTRE A.A. 2009-2010."

Presentazioni simili


Annunci Google