La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Letteratura e cibo Di Palo Giorgia II SANU. Sono pochissime le specie che più del melo sono legate a miti e simbolismi, la cui universalità testimonia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Letteratura e cibo Di Palo Giorgia II SANU. Sono pochissime le specie che più del melo sono legate a miti e simbolismi, la cui universalità testimonia."— Transcript della presentazione:

1 Letteratura e cibo Di Palo Giorgia II SANU

2 Sono pochissime le specie che più del melo sono legate a miti e simbolismi, la cui universalità testimonia la diffusione e l'importanza di questo albero presso i popoli antichi. Sono pochissime le specie che più del melo sono legate a miti e simbolismi, la cui universalità testimonia la diffusione e l'importanza di questo albero presso i popoli antichi. LA MELA

3 Nel Paradiso Terrestre è il frutto proibito, simbolo della caduta dell'uomo e allo stesso tempo frutto della conoscenza, ma non e' solo nella cultura cattolica che questo frutto assume uno straordinario valore simbolico. Nel Paradiso Terrestre è il frutto proibito, simbolo della caduta dell'uomo e allo stesso tempo frutto della conoscenza, ma non e' solo nella cultura cattolica che questo frutto assume uno straordinario valore simbolico. La mela è anche considerata la regina della seduzione. La mela è anche considerata la regina della seduzione. La mitologia, sia essa greca o celtica, ha fatto della mela una protagonista essenziale delle sue storie. Ogni cultura, ogni tradizione si richiamano a una mela, perfino la storia e la scienza ! La mitologia, sia essa greca o celtica, ha fatto della mela una protagonista essenziale delle sue storie. Ogni cultura, ogni tradizione si richiamano a una mela, perfino la storia e la scienza !

4 Le mele del giardino delle Esperidi Anche Ercole ha avuto a che fare con il frutto leggendario. Per compiere la sua 11ª fatica, deve recuperare le mele doro delle Esperidi. Le mele delle Esperidi erano stati regalati da Gea ad Era per le sue nozze con Zeus. Queste mele erano custodite nellestremo Occidente presso il monte Atlante e guardate dal drago Ladone. Ercole si recò in quel lontano paese uccise Ladone prese i tre pomi e li portò a Euristeo trionfando! Anche Ercole ha avuto a che fare con il frutto leggendario. Per compiere la sua 11ª fatica, deve recuperare le mele doro delle Esperidi. Le mele delle Esperidi erano stati regalati da Gea ad Era per le sue nozze con Zeus. Queste mele erano custodite nellestremo Occidente presso il monte Atlante e guardate dal drago Ladone. Ercole si recò in quel lontano paese uccise Ladone prese i tre pomi e li portò a Euristeo trionfando!

5 Il frutto della saggezza celtica Tra i Celti, la mela era prima di tutto il frutto della scienza e della magia. Non dimentichiamo che il mago Merlino insegnava le sue conoscenze sotto un melo. I Celti credevano che le mele provenissero dallisola di Avalon, lisola delle mele. Questo lembo di terra, posto al di là delloceano, segnava la frontiera tra il mondo degli dei e quello dei mortali. Nessun dubbio che la mela per i mortali avesse un valore sacro, se non mistico! Tra i Celti, la mela era prima di tutto il frutto della scienza e della magia. Non dimentichiamo che il mago Merlino insegnava le sue conoscenze sotto un melo. I Celti credevano che le mele provenissero dallisola di Avalon, lisola delle mele. Questo lembo di terra, posto al di là delloceano, segnava la frontiera tra il mondo degli dei e quello dei mortali. Nessun dubbio che la mela per i mortali avesse un valore sacro, se non mistico!

6 La Tentazione e leredità del peccato Chi non ha mai sentito parlare dei disinganni di Adamo ed Eva ! Si racconta che un pezzetto del frutto proibito sia rimasto incastrato nella gola di Adamo. Da questo incidente sarebbe apparso il famoso «pomo di Adamo» della fisionomia maschile. Alla fine, però, si trattava proprio di una mela ? La Bibbia dice un «frutto», ma nulla di più. Il nome della mela compare con linterpretazione latina, da una confusione tramalum (la mela) e malus (il male). Chi non ha mai sentito parlare dei disinganni di Adamo ed Eva ! Si racconta che un pezzetto del frutto proibito sia rimasto incastrato nella gola di Adamo. Da questo incidente sarebbe apparso il famoso «pomo di Adamo» della fisionomia maschile. Alla fine, però, si trattava proprio di una mela ? La Bibbia dice un «frutto», ma nulla di più. Il nome della mela compare con linterpretazione latina, da una confusione tramalum (la mela) e malus (il male).

7 Guglielmo Tell Allinizio del XIV secolo, limperatore dAustria nominò un governatore austriaco, Gessler, a capo del villaggio di Artof. Al suo arrivo, il nuovo balivo decise di appendere il suo copricapo sulla pubblica piazza, obbligando gli abitanti del villaggio a salutarlo simbolicamente ogni volta che passavano. Un giorno Guglielmo Tell attraversò la piazza con suo figlio senza sottomettersi allobbligo. Fu immediatamente arrestato. Il balivo Gessler lo costrinse a scegliere tra la pena di morte e una sfida : centrare con la balestra una mela posata sulla testa di suo figlio. Guglielmo Tell raccolse la sfida e superò la prova. Questo episodio sarebbe allorigine della ribellione degli Svizzeri contro i Duchi dAustria e dellindipendenza della Svizzera. Allinizio del XIV secolo, limperatore dAustria nominò un governatore austriaco, Gessler, a capo del villaggio di Artof. Al suo arrivo, il nuovo balivo decise di appendere il suo copricapo sulla pubblica piazza, obbligando gli abitanti del villaggio a salutarlo simbolicamente ogni volta che passavano. Un giorno Guglielmo Tell attraversò la piazza con suo figlio senza sottomettersi allobbligo. Fu immediatamente arrestato. Il balivo Gessler lo costrinse a scegliere tra la pena di morte e una sfida : centrare con la balestra una mela posata sulla testa di suo figlio. Guglielmo Tell raccolse la sfida e superò la prova. Questo episodio sarebbe allorigine della ribellione degli Svizzeri contro i Duchi dAustria e dellindipendenza della Svizzera.

8 La mela di Newton La tradizione vuole che Newton fosse seduto La tradizione vuole che Newton fosse seduto sotto un albero di mele quando una mela cadde alberomelaalberomela sulla sua testa e questo gli fece capire che la forza gravitazionale terrestre e celeste sono la forza gravitazionale terrestre e celeste sonoforza gravitazionaleforza gravitazionale la stessa cosa. la stessa cosa. Questa in realtà è un'esagerazione di un episodio narrato da Newton stesso secondo il quale egli sedeva ad una finestra della sua casa e vide una mela cadere dall'albero. In ogni modo si ritiene che anche questa storia sia stata inventata dallo stesso Newton più avanti negli anni, per dimostrare quanto fosse abile a trarre ispirazione dagli eventi di tutti i giorni.

9 Bibliografia f28/la-mela-nel-mito-t2365.htm f28/la-mela-nel-mito-t2365.htm f28/la-mela-nel-mito-t2365.htm f28/la-mela-nel-mito-t2365.htm Tutti i siti sono stati verificati in data 16/04/2010 Tutti i siti sono stati verificati in data 16/04/2010


Scaricare ppt "Letteratura e cibo Di Palo Giorgia II SANU. Sono pochissime le specie che più del melo sono legate a miti e simbolismi, la cui universalità testimonia."

Presentazioni simili


Annunci Google