La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A PPUNTI SULLO SVILUPPO DEL BAMBINO SECONDO MELANIE KLEIN Secondo M. Klein la vita psichica del bambino, i suoi desideri e le sue frustrazioni producono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A PPUNTI SULLO SVILUPPO DEL BAMBINO SECONDO MELANIE KLEIN Secondo M. Klein la vita psichica del bambino, i suoi desideri e le sue frustrazioni producono."— Transcript della presentazione:

1 A PPUNTI SULLO SVILUPPO DEL BAMBINO SECONDO MELANIE KLEIN Secondo M. Klein la vita psichica del bambino, i suoi desideri e le sue frustrazioni producono fantasie ; Le fantasie, quando ancora il bambino non sa parlare, si esprimono attraverso i comportamenti ; seno ; La prima rappresentazione mentale o fantasia di un’esperienza di soddisfazione o pena si riferisce al seno ; Il seno è oggetto della pulsione del bambino cioè il bambino rivolge il suo desiderio al seno perché da esso riceve gratificazione (attraverso l’allattamento).

2 Nelle prime fantasie del bambino il seno non considerato come un oggetto esterno, ma è considerato un « oggetto parziale »; Il bambino cioè vede il seno come autonomo dalla madre. Addirittura può immaginarselo come una persona da cui riceve gratificazione  Seno buono, oppure se l’esperienza è dolorosa  Seno cattivo; Il bambino rivolge i propri sentimenti al seno. Se è indentificato come seno cattivo il bambino rivolge ad esso il proprio ODIO e cerca di difendersi attraverso l’identificazione proiettiva, un maccanismo di difesa che consiste nel cercare di espellere il seno dalla propria mente; Se è visto come seno buono rivolge ad esso il proprio AMORE e viene idealizzato e interiorizzato nella propria mente attraverso il processo di interiorizzazione.

3 Fantasia = attività mentale del bambino E’ principalmente rivolta al seno da cui riceve Esperienze di gratificazione Esperienze dolorose SENO BUONOSENO CATTIVO

4 F ASI DELLO SVILUPPO Le fasi di sviluppo emotivo del bambino sono definite da M. Klein POSIZIONI e sono tre. 1) La prima fase è definita schizoparanoide: il bambino dive gli «oggetti parziali» del mondo interno in oggetti buoni ed oggetti cattivi. Ciò comporta identificazione proiettiva e interiorizzazione; 2) Nella seconda fase detta depressiva, il bambino capisce che gli oggetti buoni derivano dalle esperienze di gratificazione della madre e che gli oggetti cattivi non sono nemici esterni ma esperienze dolorose legate all’assenza della madre. Il bambino capisce quindi che esiste un solo seno che può considerare buono o cattivo. Da questa consapevolezza deriva un senso di colpa perché il bambino capisce che ha odiato un oggetto di desiderio da cui riceve nutrimento e gratificazione;

5 La terza fase è quella della riparazione. Il bambino è assalito dall’esperienza della perdita e della colpa per aver voluto distruggere, con i propri impulsi aggressivi, la madre. Da questa sofferenza il processo di riparazione : come il suo impulso distruttivo ha annientato l’oggetto d’amore, così l’amore per l’oggetto potrà ricostruirlo. Le fantasie e le azioni riparative rappresentano momenti fondamentali per una maggiore integrazione dell’Io. Le tre posizioni sono per Melanie Klein fondamentali per lo sviluppo emotivo del bambino. Si mantengono alternandosi anche nell’età adulta e spiegano il funzionamento della nostra mente.


Scaricare ppt "A PPUNTI SULLO SVILUPPO DEL BAMBINO SECONDO MELANIE KLEIN Secondo M. Klein la vita psichica del bambino, i suoi desideri e le sue frustrazioni producono."

Presentazioni simili


Annunci Google