La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli LABORATORIO RICERCA-AZIONE: VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE UNO SGUARDO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli LABORATORIO RICERCA-AZIONE: VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE UNO SGUARDO."— Transcript della presentazione:

1 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli LABORATORIO RICERCA-AZIONE: VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE UNO SGUARDO ALLEUROPA a cura della prof.ssa A. Orabona

2 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

3 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

4 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

5 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

6 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli Per facilitare la mobilità di una manodopera qualificata, questi settori dovrebbero anche incoraggiare l'utilizzo degli strumenti europei in materia di qualifiche (EQF), crediti (ECVET) e garanzia della qualità (EQAVET). È stata introdotta una serie di strumenti europei a sostegno della mobilità dei discenti e dei lavoratori, quali ad esempio il quadro europeo delle qualifiche (EQF), Europass, il sistema europeo di trasferimento dei crediti accademici (ECTS ed ECVET), la classificazione multilingue europea delle abilità/competenze, qualifiche e professioni (ESCO) e i quadri di riferimento per la garanzia della qualità. Questi strumenti contribuiscono a migliorare la trasparenza: ad esempio rendono comparabili tra paesi le qualifiche (EQF) e rendono trasferibili i punti dei crediti (ECTS).

7 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli La strategia europea di sviluppo della mobilità Nel 2003 un Gruppo di Coordinamento della Commissione dettava alcune importanti linee di lavoro: Migliorare la trasparenza e la portabilità delle certificazioni (Decisione Europass, 2004) Generare un single framework europeo a cui referenziare le qualificazioni (Raccomandazione EQF, 2008) Sviluppare un sistema di crediti europeo per il sistema VET (Raccomandazione ECVET, 2009) Definire criteri comuni per il miglioramento della qualità dellofferta (Raccomandazione EQARF, 2009) Valorizzare gli apprendimenti informali e non formali (proposta di Raccomandazione del Consiglio europeo, sulla convalida dellapprendimento non formale e informale, 5 settembre 2012)

8 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli Nel processo di riforma dei sistemi di apprendimento si sono nel tempo consolidate alcuni principi e alcune soluzioni tecniche come: Centralità del concetto di competenza Descrizioni delle qualificazioni in termini di learning outcome Identificazione di livelli diversi delle qualificazioni e dei learning outcome Rappresentazione in Unit delle qualificazioni e dei relativi learning outcome Indicazioni per la valutazione e, inversamente, assenza di criteri riferiti alla formazione Pluralità e pari dignità dei contesti di apprendimento Certificabilità delle qualificazioni e/o delle singole Unità che le compongono Indicazione di punti di credito per ciascuna Unità quale frazione di una qualifica più ampia Trasparenza delle certificazioni

9 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli La strategia Europa 2020, competenze e occupazione La centralità dellistruzione e della formazione in EUROPA 2020 La Strategia Europa rilancia le sfide di Lisbona e nel programma Europa 2020 definisce di tre priorità che si rafforzano a vicenda e che mirano a una crescita : intelligente (uneconomia basata sulla conoscenza e sullinnovazione), sostenibile (uneconomia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva) inclusiva (uneconomia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale).

10 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli In questo quadro di sintesi si collocano le quattro linee strategiche che definiscono la centralità delleducazione e della formazione nel disegno Europa La prima chiede che listruzione, la formazione permanenti e la mobilità dei discenti divengano una realtà. La seconda è volta a migliorare la qualità e lefficacia dellistruzione e della formazione attraverso la promozione delle conoscenze linguistiche, anche nella formazione professionale, lo sviluppo professionale degli insegnanti e dei formatori e le dimensioni della governance e del finanziamento, con linvito, in particolare, alla sostenibilità degli investimenti pubblici e privati. La terza riguarda la promozione dellequità e della cittadinanza attiva, perché tutti i cittadini siano in grado di acquisire, di aggiornare e di sviluppare lungo tutto larco della vita le competenze professionali e le competenze essenziali necessarie per laccesso alla formazione continua, per la cittadinanza attiva e per il dialogo interculturale.

11 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli la quarta linea strategica intende incoraggiare, a tutti i livelli dellistruzione e della formazione: linnovazione e la creatività, compresa limprenditorialità, e stabilisce le priorità della piena integrazione delle competenze trasversali fondamentali nei programmi, della valutazione, dellaggiornamento delle qualifiche, della messa a punto di metodi distruzione e di apprendimento specifici e dello sviluppo di partenariati tra organismi distruzione e di formazione e le imprese, gli istituti di ricerca, i soggetti e le imprese attivi nel settore culturale.

12 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli LUnione Europea, fissa degli indicatori di risultato da raggiungere entro il 2020: almeno il 15% di adulti dovrebbe essere coinvolto nella formazione permanente, la percentuale dei quindicenni con risultati insufficienti in lettura, matematica e scienze dovrebbe essere inferiore al 15%, almeno il 40% delle persone tra i trenta e i trentaquattro anni dovrebbe aver conseguito un diploma distruzione superiore post secondario, la percentuale di giovani che abbandonano prematuramente listruzione la formazione dovrebbe essere inferiore al 10%, almeno il 95% dei bambini di età compresa tra i quattro anni e letà dellistruzione primaria obbligatoria dovrebbe frequentare la scuola della prima infanzia. indicatori di risultato EUROPA 2020

13 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli È necessario iniziare a sviluppare, entro il 2015, procedure nazionali per il riconoscimento e la validazione dellapprendimento non formale e informale. Passi in avanti sono stati fatti a livello europeo con il Quadro europeo delle qualifiche (EQF) e con il sistema europeo di certificazione ECVET, ma nei Paesi membri questo quadro non si è ancora affermato.

14 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

15 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli EQF

16 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

17 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli 1.comunicazione nella madre lingua, 2.comunicazione nelle lingue straniere, 3.competenza matematica 4.competenze di base in scienza e tecnologia, 5.competenza digitale, 6. imparare ad imparare, 7.competenze sociali e civiche, 8.spirito di iniziativa e imprenditorialità,consapevolezza ed espressione culturale.

18 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

19 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

20 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

21 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

22 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli ACCORDO RAGGIUNTO FRA IL GOVERNO E LE REGIONI La Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 20 dicembre 2012 ha sancito laccordo sulla referenziazione del sistema italiano delle qualificazioni al quadro europeo delle qualifiche per lapprendimento permanente (EQF) istituito con Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile LItalia dimostra così di rispondere alle sollecitazioni rivolte dallUnione europea ai Paesi membri affinché i cittadini abbiano lopportunità di veder riconosciuti i propri percorsi formativi e le esperienze di vita e di lavoro nellintero territorio comunitario.

23 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 giugno 2009 sull'istituzione di un sistema europeo di crediti per l'istruzione e la formazione professionale (ECVET) 1. Lo sviluppo e il riconoscimento delle conoscenze, delle abilità e delle competenze dei cittadini rivestono una funzione chiave ai fini del loro sviluppo personale e professionale nonché della promozione della competitività, dell'occupazione e della coesione sociale nella Comunità. A questo proposito essi dovrebbero agevolare la mobilità transnazionale dei lavoratori e dei discenti e contribuire a soddisfare le necessità dell'offerta e della domanda sul mercato del lavoro europeo. Occorre pertanto promuovere e migliorare a livello comunitario la partecipazione all'apprendimento permanente senza frontiere per tutti, nonché il trasferimento, il riconoscimento e l'accumulo dei risultati dell'apprendimento individuale ottenuti in contesti formali, non formali e informali.

24 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli ( 3) I sistemi di istruzione e formazione professionale, uno dei principali settori dell'apprendimento permanente, sono direttamente legati sia all'istruzione generale e superiore sia alla politica in materia di occupazione e alla politica sociale di ciascuno Stato membro. Attraverso il loro impatto transettoriale, essi promuovono non solo la competitività dell'economia europea e la soddisfazione delle esigenze del mercato del lavoro, ma anche la coesione sociale, l'uguaglianza e la partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini. 6. Scopo della presente raccomandazione è la creazione di un sistema europeo di crediti per l'istruzione e la formazione professionale («ECVET») inteso ad agevolare il trasferimento, il riconoscimento e l'accumulo dei risultati comprovati dell'apprendimento delle persone interessate ad acquisire una qualifica. Ciò consentirà di migliorare la comprensione generale dei risultati dell'apprendimento dei cittadini nonché la loro trasparenza, mobilità transnazionale e portabilità tra gli Stati membri e, se del caso, all'interno degli stessi……

25 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli ( 8) Il sistema ECVET è applicabile per tutti i risultati dell'apprendimento conseguibili in linea di principio attraverso vari percorsi di istruzione e di apprendimento a tutti i livelli del Quadro europeo delle qualifiche per l'apprendimento permanente («EQF») e successivamente trasferiti e riconosciuti. La presente raccomandazione contribuisce pertanto al conseguimento dei più ampi obiettivi della promozione dell'apprendimento permanente e dell'accrescimento dell'occupabilità, dell'apertura alla mobilità e dell'inclusione sociale dei lavoratori e dei discenti. Essa facilita in particolare lo sviluppo di percorsi flessibili e individualizzati e il riconoscimento dei risultati dell'apprendimento conseguiti attraverso l'apprendimento non formale e informale. (10) La presente raccomandazione dovrebbe migliorare la compatibilità, la comparabilità e la complementarità tra i sistemi di crediti utilizzati nell'istruzione e nella formazione professionale e il sistema europeo di accumulazione e trasferimento dei crediti («ECTS») utilizzato nel settore dell'istruzione superiore, contribuendo pertanto a una maggiore permeabilità tra i livelli di istruzione e formazione, conformemente alla normativa e alle prassi nazionali.

26 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli RACCOMANDAZIONI AGLI STATI MEMBRI 1. promuovere il sistema europeo di crediti per l'istruzione e la formazione professionale («ECVET») illustrato negli allegati I e II, a tutti i livelli dell'EQF in riferimento alle qualifiche dell'istruzione e della formazione professionale, al fine di favorire la mobilità transnazionale e il riconoscimento dei risultati dell'apprendimento nel settore dell'istruzione e della formazione professionale e dell'apprendimento permanente senza frontiere; 2. creare le condizioni necessarie e adottare misure, se del caso, in modo che dal 2012, conformemente alla legislazione e alle prassi nazionali ed alla luce di sperimentazioni e prove, il sistema ECVET possa essere gradualmente applicato alle qualifiche dell'istruzione e della formazione professionale a tutti i livelli dell'EQF e utilizzato allo scopo di trasferire, riconoscere e accumulare i risultati dell'apprendimento conseguiti da una persona in contesti formali e, se del caso, non formali e informali; 3. promuovere lo sviluppo di reti e partenariati nazionali ed europei, cui partecipino autorità e istituzioni responsabili in materia di qualifiche e diplomi, i soggetti erogatori di istruzione e formazione professionale, le parti sociali e le altre parti in causa, finalizzate a sperimentare, applicare e promuovere il sistema ECVET

27 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli Quadro europeo qualità - Eqarf Lo sviluppo e la garanzia della qualità nellistruzione e formazione professionale (Ifp) costituisce una delle priorità del Processo di Copenaghen. Nel 2004 tale priorità si è sostanziata nella realizzazione, su base volontaria, tra Commissione europea e Stati membri di un quadro di riferimento comune per la garanzia della qualità nellIFP (Cqaf – Common quality assurance framework), comprensivo di un modello per la programmazione, lo sviluppo, la valutazione e la revisione dei sistemi Ifp, di una metodologia per la valutazione e la modifica degli stessi, di un sistema di monitoraggio. In seguito, a partire dal 2005 è stata istituita una rete europea di garanzia della qualità in materia di Ifp (Enqa-Vet) nellambito della quale è stata elaborata nel 2007 la proposta di raccomandazione del Consiglio e del Parlamento in materia è stata dottata formalmente nel corso del 2009

28 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli LEqarf comprende: un ciclo di pianificazione, attuazione, valutazione e riesame dellIfp, sulla base di criteri qualitativi comuni, descrittori indicativi ed indicatori, per la garanzia ed il miglioramento della qualità; sistemi di monitoraggio, con una combinazione di meccanismi di valutazione interna ed esterna; luso di strumenti di misurazione dellefficacia.

29 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli INDICATORI EQARF

30 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

31 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

32 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli

33 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli Gli indicatori sono solo uno degli strumenti per di valutazione e molti stakeholder mostrano ancora riserve circa la loro efficacia. È necessario che siano in grado di comprendere il ruolo importante della valutazione nel processo di miglioramento e capire che il rischio legato al rifiuto del cambiamento è molto maggiore del potenziale rischio connesso allinnovazione. Gli indicatori devono essere presentati in modo chiaro e facile da capire. Se usati adeguatamente, sono un ottimo strumento per aiutare a capire come migliorare i sistemi, e di conseguenza i cambiamenti ai vari sistemi sono visti come possibili e necessari. A questo proposito è importante colmare il divario tra valutazione, comprensione e miglioramento. Gli indicatori devono essere messi in relazione con gli obiettivi dellerogatore o del sistema in questione. È auspicabile predisporre un buon piano di comunicazione a livello nazionale ai fini di discutere, interpretare e mettere in pratica il gruppo dei dieci indicatori nel contesto delle diverse realtà organizzative. La messa in pratica degli indicatori deve sviluppare un processo iterativo sia a livello di sistema sia di erogatore per migliorare il sistema di valutazione nazionale, ivi compresa la statistica e la raccolta dati. Ciò è possibile solo nel momento in cui i portatori di interessi utilizzano gli indicatori in modo attivo. Linsieme dei dieci indicatori a livello europeo dovrà essere capitalizzato attraverso lintegrazione organica degli indicatori nei programmi di lavoro Formazione e Istruzione 2020 e tramite il rafforzamento delle sinergie tra ENQA-VET ed il Gruppo Permanente per gli Indicatori ed i Benchmark.

34 Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli Anche se siete sulla strada giusta, resterete travolti dagli altri se vi siederete ad aspettare" Arthur Godfrey "Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile SAN FRANCESCO


Scaricare ppt "Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Polo Qualità di Napoli LABORATORIO RICERCA-AZIONE: VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE UNO SGUARDO."

Presentazioni simili


Annunci Google