La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 www.eupragma.com dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 La gestione del Team work Udine 27 novembre 2003 a cura di Stefano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 www.eupragma.com dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 La gestione del Team work Udine 27 novembre 2003 a cura di Stefano."— Transcript della presentazione:

1 1 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 La gestione del Team work Udine 27 novembre 2003 a cura di Stefano Minisini

2 2 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Le organizzazioni moderne presentano alcuni tratti peculiari Trasversalità Connettività visibilità Responsabilità diffusa Integrazione

3 3 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 ….ritrovabili Sul fronte interno: - gestione per processi/progetti - gestione di progetti di miglioramento Nellambito delle relazioni esterne - rapporti integrati con i fornitori - partnership con il trade - rapporti con i distretti

4 4 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Comunicazione Leadership Teamworking Le competenze relazionali richiamate:

5 5 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Cosè un team work? Insieme di soggetti che in modo interdipendente perseguono un obiettivo comune. Il perseguimento dell obiettivo assegnato è lunica ragion dessere del team work definito in ambito organizzativo. Quale lo scopo di un team?

6 6 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 I vantaggi del lavorare in team work Maggiore potenziale creativo Molteplicità di competenze Maggiore capacità di tollerare lo sforzo Sostegno psicologico e motivazionale Permette di raggiungere risultati non ottenibili individualmente.

7 7 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 I rischi del lavorare in team Maggiore difficoltà nel prendere decisioni Investimento di tempo per creare integrazione Maggiori vincoli e limiti alle libertà del soggetto Difficoltà nel mediare i punti di vista dei singoli componenti, soprattutto quando molto divergenti.

8 8 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Aspetti cruciali del team Tanto i vantaggi quanto i rischi del lavoro in team incrociano alcune dimensioni fondamentali: diversità pluralità interdipendenza integrazione

9 9 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Elementi a cui prestare attenzione per rendere efficiente ed efficace il team Gestione della dimensione strumentali-funzionale Centratura sugli obiettivi Pianificazione Definizione dei ruoli Controllo Gestione del tempo Gestione delle dimensione affettivo-emotiva Leadership Comunicazione Gestione dei conflitti Costruzione clima Valori condivisi

10 10 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Coesione Gruppo Negoziazione Interazione Interdipendenza Integrazione Gruppo di lavoro Dal gruppo al gruppo di lavoro

11 11 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Definizione degli obiettivi. A Analisi dei fattori che compongono lobiettivo e dei problemi che generano impedimento B Formulazione e attuazione di soluzioni C Valutazione dellintervento. D Metodo per limpostazione di un lavoro di gruppo Gestione della dimensione strumentali-funzionale

12 12 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Definizione degli obiettivi. A Definire lobiettivo in termini di risultato (dati ed ipotesi plausibili) Esplicitarlo nelle sue motivazioni e promuoverne la condivisione Scomporlo in sotto-obiettivi e compiti Curarsi che sia oggettivamente perseguibile dal gruppo Condividere i parametri di valutazione con il gruppo Gestione della dimensione strumentali-funzionale

13 13 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Analisi dei fattori che compongono lobiettivo e dei problemi che generano impedimento B 1.Individuare le macro-famiglie di causali 2.Scomporre in micro-caratteristiche le causali 3.Definizione del peso specifico di ciascuna causale (es:matrice peso economico/gestibilità) 4.Assegnazione delle priorità 5.Collocazione del problema allinterno di flussi di processo (attraverso diagrammi di flusso) 6.Misurazione puntuale Gestione della dimensione strumentali-funzionale

14 14 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Peso economico del problema Grado di gestibilità del problema AltoBasso Alto Gestione della dimensione strumentali-funzionale

15 15 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Formulazione e attuazione di soluzioni C 1. Fase creativa: esplorazione destrutturata di tutte le possibili soluzioni facendo ricorso a tecniche che favoriscano al produzione di idee e soluzioni. 2. Fase progettuale: declinare poi le idee più concretamente traducibili in veri e propri piani dazione articolati specificano Chi fa cosa Come Entro quando Con quali risorse (impatto economico della soluzione). 3. Fase sperimentale: individuare larea pilota presso cui effettuare una sperimentazione concreta. Gestione della dimensione strumentali-funzionale

16 16 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Valutazione dellintervento. D Specificare: Grado di efficacia dellazione pilota Come estendere ad altre aree il progetto Come diffondere i risultati Come consolidare ed implementare definitivamente il miglioramento/raggiungimento dellobiettivo. Gestione della dimensione strumentali-funzionale

17 17 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 LEADERSHIP Bisogno di equilibrio Bisogni individuali Bisogni di gruppo Gestione della dimensione affettivo-emotiva

18 18 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Interazione COMUNICAZIONE Informazione Trasformazione ConoscenzaFlusso CreativitàCambiamento DialogoContratto Gestione della dimensione affettivo-emotiva

19 19 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Essere chiari Essere completi Esporre in modo logico e ordinato Suscitare interesse ed attenzione Essere persuasivi Ottenere consenso Rimanere aderenti al tema Adattare il linguaggio allinterlocutore Risolvere dubbi e incertezze Esporre Convincere Ascoltare Rispondere COMUNICAZIONE Lasciare parlare Dimostrare attenzione e coinvolgimento Verificare di aver capito Gestione della dimensione affettivo-emotiva

20 20 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Condurre i partecipanti lungo un percorso di acquisizione di consapevolezza di sé dei propri stati emotivi, delle proprie credenze, motivazioni, obiettivi, risorse e competenze. Creare consapevolezza sul proprio modo di relazionarsi con il gruppo. Favorire un forte senso di appartenenza ed integrazione ed affiatamento con il gruppo, creare un clima positivo. Alcuni passaggi cruciali del team building

21 21 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Stimolare motivazione ed energia da canalizzare verso il cambiamento e lo sviluppo delle proprie competenze. Lavorare sulle abilità e sulle competenze specifiche: da quelle metodologiche a quelle relazionali. continua

22 22 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Un esempio di indicatori comportamentali della competenza Teamworking 1.Conquista l'attenzione del gruppo, motiva, incoraggia. 2.Assume con sicurezza il ruolo di guida/riferimento. 3.Coordina, suddivide il lavoro assegna i ruoli, chiarisce i compiti. 4.Pianifica il lavoro, controlla i tempi, chiede quanto manca. 5.Fa convergere i singoli verso l'obiettivo di gruppo. 6.Sa dare feedback costruttivi, riconosce comportamenti funzionali e sottolinea quelli non funzionali al raggiungimento dell'obiettivo. 7.Sostiene chi è in difficoltà. 8.Partecipa attivamente al lavoro di gruppo, esprime pareri/idee, è operativo, non si defila. 9.Si adatta alle esigenze del gruppo per l'obiettivo comune, non "rema contro. 10.Risulta chiaro e comprensibile al gruppo nella sua esposizione 11.Ascolta il punto di vista degli altri, riformula, fa domande di approfondimento, non interrompe. 12.Contribuisce a creare clima positivo, comprende lo stato d'animo del gruppo, sa quando fare la battuta per sdrammatizzare. 13.Anche nei momenti di maggior tensione non perde la calma, non attacca in modo aggressivo. 14.Accetta la critica in modo costruttivo, si mette in discussione.

23 23 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Elementi che rendono lOMT particolarmente efficace: Avventura Concretezza Metafora Committment Osservazione

24 24 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre Azione 2. Riflessione e osservazione 3. Definizione di Modelli Il principio di funzionamento di un percorso di Outdoor Management Training

25 25 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Azione Coinvolgimento concreto in situazioni che metaforizzano la realtà e che implicano le competenze target definite: Teamworking Leadership comunicazione

26 26 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Riflessione Debriefing a caldo Feedback Confronto e discussione sui vissuti cognitivi ed emotivi dellesperienza.

27 27 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Definizione di modelli concettuali Ricavare dei modelli di riferimento che facilitino lapplicazione dellapprendimento al proprio contesto professionale.

28 28 dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 Scopri di più in una persona in un'ora di gioco che in un anno di conversazione" Platone


Scaricare ppt "1 www.eupragma.com dr. Stefano Minisini La gestione del Team working 27 novembre 2003 La gestione del Team work Udine 27 novembre 2003 a cura di Stefano."

Presentazioni simili


Annunci Google