La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LEADERSHIP 2010: ESSERE MANAGER IN UN MONDO CHE CAMBIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LEADERSHIP 2010: ESSERE MANAGER IN UN MONDO CHE CAMBIA."— Transcript della presentazione:

1 1 LEADERSHIP 2010: ESSERE MANAGER IN UN MONDO CHE CAMBIA

2 ESSERE MANAGER IN UN MONDO CHE CAMBIA 1) Esci dalla zona di comfort 2) Insegui una meta 3) Gestisci il tempo 4) Crea Capitale Relazionale: sviluppa Leadership! 5) Segui letica delle relazioni 6) Studia/Migliora te stesso

3 3 Diapositive dellintervento:

4 4

5 La fine dellA.B.C. Attendance Based Compensation = Compensi basati sulla presenza

6 IL MONDO E CAMBIATO. DOBBIAMO CAMBIARE ANCHE NOI.

7 RISULTATI AZIONI IDEE (PARADIGMI CHE NON FUNZIONANO PIU)

8 Cambio di paradigma

9 POSSO FARLA FRANCA ANCHE SE…

10 Capitali Materiali (visibili) Capitali Immateriali (invisibili)

11 a) Sempre più spesso sono le relazioni costruite dallazienda a fare la differenza sul mercato

12 b) Larmonia del gruppo di lavoro è un fattore determinante

13 PREMESSA A VOLTE LA CURA E PEGGIORE DELLA MALATTIA

14 20/80

15 4/37

16 PERCHE?

17 COUNTER-INTUITIVE = Contrario al buon senso, contrario al senso comune. Un principio contro-intuitivo a naso o a prima vista non sembra vero. Molti principi scientifici accettati oggi, a prima vista sembravano sbagliati o sembravano andare contro il senso comune.

18 Non serve andare nella fisica Quantistica… La terra è piatta La terra gira attorno al sole

19

20 I colori dei quadrati A e B sono uguali!?

21

22 Sei Convinto?! Torna indietro se vuoi... E no... Nessuno ha cambiato i colori dei quadrati quando erano isolati... Anche se è contro-intuitivo, il cervello esalta i contrasti.

23 MOLTE DELLE AZIONI E ATTEGGIAMENTI CHE PORTANO ALLA PROSPERITA SONO CONTRO-INTUITIVI, A PRIMA VISTA CONTRARI ALLA LOGICA

24 LO SCAMBIO IN ABBONDANZA

25 SE VUOI CHE LE COSE CAMBINO COME PRIMA COSA DEVI CAMBIARE TU IL PRIMO PASSO DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE AZIENDALE E MIGLIORARE SE STESSI

26 Se vuoi migliorare un collaboratore che sbaglia… devi lavorare soprattutto sui suoi lati positivi e non su quelli negativi. Per vendere ad un cliente devi essere tu interessato a lui e non cercare di essere interessante.

27 27 6 STRATEGIE DEL MANAGER VINCENTE OGGI

28 1) IL LAVORO DURO E CAMBIATO

29 COMFORT ZONE

30

31 31 GIANLUCA GESSI: SCOMODITA

32

33 Accettare una sfida che ti fa paura… Fare una scelta coraggiosa

34

35 2) SOGNA (INSEGUI DELLE METE)

36 Le cose che ci circondano sono fatte di sogni

37 LA VITA E UNA SERIE DI EVENTI CASUALI A MENO CHE TU NON ABBIA UNA META

38 TUTTE LE COSE VENGONO CREATE DUE VOLTE. LA PRIMA VOLTA NELLA NOSTRA TESTA. Il nostro cervello

39 Le persone che hanno mete chiare (ma non scritte) guadagnano in media il doppio di chi non ha una meta chiara Le persone che hanno scritto le proprie mete guadagnano 10 volte di più rispetto alle persone che non hanno una meta chiara

40 Che cose una meta ? Una meta è una descrizione precisa di una determinata scena che al momento non esiste, ma che si desidera realizzare. Una meta non è una sensazione. E una fotografia ben precisa di quello che dovrà accadere nella tua vita.

41 3) GESTISCI IL TEMPO!

42 URGENTE VS. IMPORTANTE Qual è quellattività che, se fatta regolarmente per i prossimi mesi (anni?), farebbe unenorme differenza per la tua attività?

43 Lavorando sulle coseimportanti ma non urgenti Il manager efficace comprime le crisi del futuro

44 4) CREA CAPITALE RELAZIONALE

45 Oggi delle cose normali è pieno il mondo…

46 PROBLEMI

47 Controllo Far andare le cose come uno vorrebbe = Labilità di dirigere qualcosa a proprio piacimento

48 Responsabilità –LA SENSAZIONE DI SENTIRSI LUNICO INCARICATO –=–= –LABILITA DI CONSIDERARSI LA CAUSA! DI FRONTE AD UN PROBLEMA, POSSIAMO SCEGLIERE LA NOSTRA RISPOSTA: –CAUSA O EFFETTO?

49 Causa ed Effetto Per risolvere un problema o per controllare una situazione che non va come vorremmo dobbiamo vederci come la causa di tale situazione. Se non lo facciamo, la situazione controllerà noi. Se non ci vediamo come la causa delle prestazioni e rendimento dei nostri collaboratori, loro di fatto ci controllano. Case history scuola

50 Scala della Causatività CONTROLLO ESTERNO La persona è principalmente convinta che le sue sfortune o le sue disgrazie siano causate dagli altri o dallambiente. CONTROLLO SOLAMENTE SULLE PROPRIE AZIONI Si considera causa solo per quelle cose che fa lei, ma non si vuole prendere assolutamente responsabilità per ciò che fanno gli altri o per ciò che accade fuori dallazienda. Non riuscirà a realizzare i suoi sogni. CONTROLLO INTERNO Si considera causa di come agisce lui e anche di come agiscono o sono gli altri e lambiente

51 CAUSATIVITA GENERA CAUSATIVITA SE IO MI CONSIDERO CAUSA DI UN PROBLEMA CON UNA PERSONA, PRIMA O POI ANCHE LEI SVILUPPERA UN ATTEGGIAMENTO CAUSATIVO. SE IO MI CONSIDERO EFFETTO, ANCHE LEI SI CONSIDERA EFFETTO.

52 Primo dato relativo alla Leadership Riuscirai ad avere Leadership solamente sulle persone del cui comportamento ti consideri completamente CAUSA.

53 5) SEGUI LETICA DELLE RELAZIONI

54 UN BUON SENSO ETICO E UNO DEI FONDAMENTI PER AGIRE CON SUCCESSO NEL PRESENTE SCENARIO ECONOMICO

55 6) STUDIA (MIGLIORA TE STESSO)

56 LAZIENDA E LO SPECCHIO DEL MANAGER 1) Per crescere come azienda devi avere un programma per migliorare te stesso

57 Thomas Stanley: I milionari nella società hanno un sistema ed il know how per riguadagnare il proprio entusiasmo e la propria carica positiva quando la perdono.

58 LA COMMODITY PIU IMPORTANTE: NON TI VIENE GRATIS


Scaricare ppt "1 LEADERSHIP 2010: ESSERE MANAGER IN UN MONDO CHE CAMBIA."

Presentazioni simili


Annunci Google