La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Estratto del P.O.F dellIstituto Comprensivo di Teglio Scuole dellInfanzia di Teglio, Tresenda, San Giacomo FORMAZIONE COMPLETA E ARMONICA del bambino PARTECIPAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Estratto del P.O.F dellIstituto Comprensivo di Teglio Scuole dellInfanzia di Teglio, Tresenda, San Giacomo FORMAZIONE COMPLETA E ARMONICA del bambino PARTECIPAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 Estratto del P.O.F dellIstituto Comprensivo di Teglio Scuole dellInfanzia di Teglio, Tresenda, San Giacomo FORMAZIONE COMPLETA E ARMONICA del bambino PARTECIPAZIONE dei genitori alla vita della scuola NUOVI ORIENTAMENTI educativi e didattici TRASPARENZA E PIENA INFORMAZIONE sulle scelte della scuola ACCOGLIENZA specifica per i bambini al primo anno CONTINUITA con la scuola elementare UGUAGLIANZA E IMPARZIALITA nei confronti degli alunni e delle famiglie REGOLARITA dellattività didattica EFFICACIA E FLESSIBILITA dellorganizzazione amministrativa INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI in particolare condizione, in collaborazione con lAzienda Sanitaria COLLABORAZIONE CON I COMUNI e con altri Enti Locali per servizi e progetti A.s. 2008/2009

2 IL P.O.F: rappresenta la descrizione dellIstituto Comprensivo e offre le informazioni generali sulle fondamentali linee di intervento a livello educativo, curricolare, organizzativo. IL PROGETTO EDUCATIVO contiene le principali scelte educative delle scuole dellinfanzia relativamente agli orari delle sezioni e degli insegnanti, ai progetti di raccordo con la scuola primaria, ai progetti di collaborazione scuola - famiglia, alle modalità di valutazione. LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA: la scuola è responsabile della qualità delle attività educative e si impegna a garantirne ladeguatezza alle esigenze formative degli alunni, secondo le finalità e gli obiettivi indicati nei documenti programmatici. La programmazione elaborata dal Collegio Docenti indica: le finalità dellintervento formativo, le linee metodologiche,gli obiettivi, gli strumenti per la verifica e la valutazione, in attuazione della Riforma degli Ordinamenti. LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE: contiene lanalisi della situazione, lindicazione delle risorse della scuola, lorganizzazione di spazi e tempi, le modalità di rapporto con le famiglie, i contenuti (sfondo integratore e unità didattiche), le verifiche periodiche dellattività svolta. Tutti i documenti sono in visione presso le scuole. TEMPO SCUOLA Massimo 40 ore settimanali da LUNEDI a VENERDI. E possibile la frequenza del solo turno antimeridiano (25 ore). Ogni altra tipologia di frequenza va concordata con i docenti e la Dirigenza Scolastica. E prevista a richiesta unuscita intermedia dei bambini tra le ore – OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: Il sé e laltro Il corpo in movimento (identità, autonomia, salute) Linguaggi, creatività, espressione (gestualità, arte, musica) I discorsi e le parole (comunicazione, lingua, cultura) La conoscenza del mondo (ordine, misura, tempo, natura) LINEE METODOLOGICHE: cura del benessere fisico e delle sue condizioni ambientali; attenzione allaccoglienza e al benessere relazionale; rispetto dei ritmi personali, valorizzazione delle caratteristiche individuali, uso dei rinforzi positivi; ricerca di continuità con lesperienza familiare ed extrascolastica facilitazione di un clima sociale positivo che offra la possibilità di coinvolgimento diretto, confronto, assunzione e responsabilità; gradualità della mediazione didattica (attiva, iconica, simbolica…)

3 I docenti si impegnano: a conoscere lalunno, le sue potenzialità e le sue modalità di apprendimento attraverso opportuni momenti e strumenti di osservazione e di raccolta dei dati; a rispettare la legge 196 sulla privacy per quanto attiene ai dati sensibili riferiti agli alunni; a relazionarsi con gli alunni dimostrando disponibilità affettiva ed atteggiamento di fiducia, ponendosi come modelli positivi di riferimento e guide autorevoli nei processi di sviluppo; a valorizzare le esperienze extrascolastiche degli alunni e a tener conto degli apprendimenti spontanei; a dichiarare, motivare e documentare la propria proposta formativa (obiettivi, contenuti, metodologie, criteri di valutazione) adeguandola, quando necessario, alle specifiche esigenze del singolo alunno; tale proposta viene presentata nelle assemblee di sezione e nei colloqui individuali ; a verificare collegialmente ed individualmente lattività educativa in vista di un continuo miglioramento del servizio. Ai genitori si chiedono i seguenti impegni: assicurare la regolarità della frequenza ed il rispetto dellorario scolastico; giustificare le assenze superiori ai 5 giorni e controfirmare per presa visione gli avvisi di scioperi ed assemblee; conoscere la proposta della scuola, partecipando attivamente alle assemblee e ai momenti formativi; conoscere lesperienza scolastica del proprio figlio partecipando ai colloqui individuali anche chiedendo chiarimenti, offrendo informazioni, formulando proposte; aiutare il bambino a sviluppare atteggiamenti di apertura e curiosità nei confronti dellesperienza scolastica e di fiducia negli insegnanti; sostenere gli interventi educativi della scuola e concordare alcune azioni comuni per richiamare il bambino alle regole di convivenza (rispetto dei docenti, dei compagni, del materiale, delle strutture ……; fornire al bambino il materiale occorrente allattività scolastica. I genitori possono partecipare alla vita della scuola anche offrendo la collaborazione per la realizzazione di specifici progetti di plesso (mostre, rappresentazioni teatrali……). Le comunicazioni scuola-famiglia sono finalizzate alla condivisione della responsabilità educativa e alla conseguente collaborazione. A tal fine viene organizzato un Progetto rivolto a genitori e docenti per confrontarsi su problematiche educative Le comunicazioni avvengono secondo le seguenti modalità: 1 assemblea di inizio anno specifica per i nuovi frequentanti 1 assemblea durante la quale i docenti illustrano la programmazione annuale 2 assemblee in corso d'anno (su richiesta dei docenti o delle famiglie) 2 colloqui individuali per la comunicazione dei livelli di partecipazione e di apprendimento di ciascun alunno 1 colloquio aggiuntivo su appuntamento per particolari necessità della famiglia o della scuola Eventuali problemi riguardanti tutta la sezione vengono comunicati attraverso il rappresentante eletto nel Consiglio di Intersezione.

4 Per un buon funzionamento del servizio scolastico è necessario attenersi alle seguenti indicazioni: INGRESSO: All'entrata i bambini vengono affidati dai genitori o dall'assistente del servizio di trasporto direttamente ad un docente presente. USCITA: Al termine della giornata i bambini vengono consegnati ai genitori o a persone da essi delegate per iscritto. Nel caso di consegna a minorenni, la firma dei genitori esercitanti la patria potestà deve essere autenticata dal dirigente scolastico. USCITA ANTICIPATA: il prelievo anticipato è di norma preventivamente segnalato alle insegnanti al momento della consegna del bambino. Per motivi di urgenza è consentito al genitore prelevare senza preavviso il proprio figlio durante l'orario scolastico con dichiarazione sottoscritta dello stesso che attesti il fatto. Dal momento che l'alunno è libero per richiesta della famiglia, l'insegnante non ne è responsabile. ASSENZE: per motivi educativi e didattici si raccomandano la regolarità della frequenza ed il rispetto dell'orario. La ripresa della frequenza scolastica dopo unassenza dovuta a malattia infettiva, pur non essendo subordinata ad alcun certificato medico, richiede ugualmente da parte sia della famiglia che della scuola unattenzione particolare sulla completa guarigione del bambino. Le assenze superiori a 5 giorni dovute a motivi di famiglia devono essere preventivamente comunicate alle insegnanti e successivamente giustificate per iscritto. Ripetute e ingiustificate assenze compromettono l'adattamento del bambino all'ambiente scolastico e la continuità didattica. RITARDI: i casi di sistematico ritardo o di frequenza saltuaria non giustificati sono segnalati dalle insegnanti allUfficio per gli opportuni provvedimenti. INSERIMENTO: per facilitare linizio dellesperienza scolastica dei bambini nuovi iscritti si prevede un inserimento graduale di almeno due settimane: 1^ settimana uscita alle ore circa 2^ settimana uscita alle ore circa SALUTE: per motivi organizzativi e per opportunità igienico – sanitarie, di norma non è concesso somministrare medicinali da parte del personale docente e non docente. Qualora la famiglia faccia apposita richiesta di somministrazione di farmaci, suffragata da prescrizione medica, questa potrà avvenire o direttamente ad opera della famiglia, o ad opera di un docente soltanto se costui si dichiara disponibile, ma la responsabilità resta a carico della famiglia. Se il bambino presenta intolleranza verso qualche alimento, questa deve essere comunicata e documentata con certificato medico.


Scaricare ppt "Estratto del P.O.F dellIstituto Comprensivo di Teglio Scuole dellInfanzia di Teglio, Tresenda, San Giacomo FORMAZIONE COMPLETA E ARMONICA del bambino PARTECIPAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google