La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LO SPAZIO DELLUMANO Modulo 3AST 2005 PAOLO VIDALI Liceo scientifico G.B.Quadri 24 gennaio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LO SPAZIO DELLUMANO Modulo 3AST 2005 PAOLO VIDALI Liceo scientifico G.B.Quadri 24 gennaio 2005."— Transcript della presentazione:

1 LO SPAZIO DELLUMANO Modulo 3AST 2005 PAOLO VIDALI Liceo scientifico G.B.Quadri 24 gennaio 2005

2 Paolo Vidali - Spazio dell'umano2 Lumanesimo Con Umanesimo intendiamo quel movimento vario ed articolato che, muovendo dallItalia, si espande in tutta Europa del XV secolo allinsegna di un profondo rinnovamento culturale. Lumanesimo è senso della storia, riflessione sul passato, recupero del ruolo e del valore dell'umano in rapporto all'ordine naturale e divino.

3 Paolo Vidali - Spazio dell'umano3 Gli interessi degli umanisti Lumanesimo è attenzione ai valori e ai modelli trasmessi dal mondo antico e in questo è un vero e proprio programma di educazione culturale delluomo. Gli studi umanistici vertono su un nuovo interesse rivolto ai testi e agli autori classici, recuperando la tradizione antica, al di là della tradizione cristiana, anche se non contro di essa. E studio della lingua latina e greca – in misura minore ebraica e araba - e determina un nuovo slancio nella linguistica e soprattutto nella filologia. Con lumanesimo riprende vigore lo studio filologico, anche per la libertà intellettuale con cui si analizzano i testi laici degli antichi, rispetto alla più canonica e controllata analisi dei testi biblici.

4 Paolo Vidali - Spazio dell'umano4 La visione delluomo Tra i temi centrali della riflessione umanistica vi è – una nuova concezione delluomo – una nuova filosofia della natura – una diversa concezione di Dio Queste tre concezioni, al di là delle differenze, si integrano in una nuova geografia in cui luomo rappresenta il centro

5 Paolo Vidali - Spazio dell'umano5 Alcuni umanisti... Coluccio Salutati ( ) a cui dobbiamo la riscoperta di opere di Cicerone e la ricostruzione di testi di Seneca e Agostino; Leonardo Bruni (1370/74 – 1444) che studia ed restaura un Aristotele ben diverso da quello scolastico e traduce e corregge molti dialoghi di Platone; Poggio Bracciolini ( ) che riscopre il De rerum natura di Lucrezio, rilanciando con ciò lo studio dellepicureismo latino; Marsilio Ficino ( ) che studia e traduce integralmente Platone e Plotino; Lorenzo Valla ( ), alla cui analisi filologica dobbiamo la dimostrazione della falsa donazione di Costantino (De falso credita et ementita Costantini donatione, 1440), il testo con cui si giustificava il potere temporale della Chiesa a cui Costantino avrebbe donato limpero dOccidente. Valla mostra invece che la lingua, la cultura giuridica, i riferimenti di quel testo non possono risalire allinizio del IV secolo, ai tempi di papa Silvestro I, ma sono di molti secoli successivi.

6 Paolo Vidali - Spazio dell'umano6 La riscoperta dell'umano LUmanesimo non rappresenta tanto un fenomeno esclusivamente filosofico quanto, più in generale, un fenomeno di carattere culturale. Esso consiste, per il suo tratto fondamentale, nellaffermarsi di una visione del mondo che pone al centro luomo: anche laddove questultimo sia concepito, anzitutto, come ente creato e, in quanto tale, come parte delluniverso, la sfera dellumano diventa il centro focale dellindagine.

7 Paolo Vidali - Spazio dell'umano7 Gli strumenti filosofici Gli strumenti filosofici utilizzati dagli Umanisti non sono nuovi; nuova è, invece, la prospettiva in cui essi li collocano. La maggior parte di essi proviene dalla tradizione platonica e, in particolare, da quella agostiniana, ribadendo lidentificazione dellessenza delluomo con la sua anima; in secondo luogo, l'anima viene vista come frammento di divinità recuperando la tradizione neoplatonica e magica; in terzo luogo la relazione fra macrocosmo e microcosmo, dove la dimensione antropologica (il microcosmo) mostra, in sé, la presenza di tutti gli elementi che costituiscono la sfera del reale nella sua totalità (il macrocosmo). Si recupera così un'altra tradizione antica, quella di Empedocle e della partecipazione di tutto in tutto. Originale è comunque il quadro in cui essi collocano tali elementi tradizionali. Esso consiste in un orientamento della ricerca che guarda sempre meno alla totalità del reale e al suo aspetto di ente creato, per privilegiare invece la realtà umana e le sue caratteristiche; fra esse, quella del rapporto con il Creatore diventa, agli effetti dellindagine filosofica, sempre meno rilevante.

8 Paolo Vidali - Spazio dell'umano8 Nicolò Cusano Nicola da Cues, ( ) renano, vescovo di Bressanone e cardinale partecipò con incarichi di prestigio alla fertile stagione conciliaristica della Chiesa. Nella sua opera principale (Dotta ignoranza), Cusano sostiene come applicandosi al concetto di infinito si riesca a concepire Dio come massimo assoluto. Pur riconoscendo il valore della mistica, si può usare la matematica per avvicinarsi alla teologia poiché nelluno come nellaltro caso luomo esprime delle congetture che sono lo strumento migliore dellintelletto per avvicinarsi indefinitamente alla verità. Come gli opposti coincidono nellinfinito così nellinfinito lEssere divino coincide tutta la realtà. Tuttavia ciò non comporta una concezione panteista. Il testo Il testo

9 Paolo Vidali - Spazio dell'umano9 Pico della Mirandola Giovanni Pico della Mirandola ( ) intellettuale poliedrico e dottissimo, pensa ad una filosofia religiosamente ispirata in cui possano confluire la Rivelazione cristiana, lermetismo e la cabbala. Tale progetto mastodontico venne alfine sintetizzato in 900 tesi che avrebbe voluto sottoporre ad un convegno di dotti a Roma che, in realtà, non si tenne mai. Il brano che segue, scritta nel 1486, è l'incipit della Oratio de hominis dignitate (Discorso sulla dignità dell'uomo) che doveva precedere le 900 tesi. Il testo Il testo

10 Paolo Vidali - Spazio dell'umano10 Concludendo... Concludendo... L'uomo acquista una posizione ontologica nuova, legata alla sua libertà e alla sua capacità di determinare la propria essenza. Egli va inteso come chiave di lettura della realtà tutta, posto il rapporto tra microcosmo umano e macrocosmo naturale. Ciò produce una diversa immagine dello spazio in cui agisce luomo: nuovo centro dellazione, della trasformazione di sé e delle cose Lo spazio fisico e simbolico delluomo moderno ne esce trasformato: centro finito di un universo infinito.

11 LUMANESIMO Modulo 3AST 2004 PAOLO VIDALI Liceo scientifico G.B.Quadri 6 febbraio2004


Scaricare ppt "LO SPAZIO DELLUMANO Modulo 3AST 2005 PAOLO VIDALI Liceo scientifico G.B.Quadri 24 gennaio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google