La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GEO MARKETING Anno Accademico 2011-2012 Università degli studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Gian Piero Cervellera

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GEO MARKETING Anno Accademico 2011-2012 Università degli studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Gian Piero Cervellera"— Transcript della presentazione:

1 GEO MARKETING Anno Accademico Università degli studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Gian Piero Cervellera

2 2 Cosè il Geomarketing: definizione "Il geomarketing è uno strumento per stabilire il rapporto ottimale tra le proprie capacità di offerta e la localizzazione della domanda." ACNielsen Il geomarketing è lo strumento tramite il quale si possono unire le potenzialità degli strumenti statistici allanalisi cartografica, in modo tale da governare le variabili territoriali Nostro punto di vista Analisi Classica di Marketing Analisi Cartografica GEOMARKETING STATISTICO STATISTICOGEOMARKETING

3 3 Cosè il Geomarketing: concetti base Il GeoMarketing può essere definito: il complesso di applicazioni di marketing condotte su una serie di dati ottenuti da basi geografiche Dallo stesso termine di GeoMarketing emerge che lanalisi riguarda linterazione fra: il Marketing - considerato come il business percepito dal punto di vista del cliente. il Dato Geografico, cioè lambiente in cui viene effettuata la proposta produttiva e commerciale dellImpresa. Analisi Classica di Marketing Analisi Cartografica GEOMARKETING STATISTICO STATISTICOGEOMARKETING

4 4 Cosè il Geomarketing: concetti base Analisi Cartografica Analisi Classica Indagine Esplorativa Territoriale Completa

5 5 Analisi Cartografica Analisi Classica di Marketing Geo Marketing Statistico Cosè il Geomarketing statistico

6 6 Cosè il Geomarketing: un esempio 1/2 * Dati relativi ad alcune sezioni di censimento del comune di Milano

7 7 Cosè il Geomarketing: un esempio 2/2

8 8 Il Geo Marketing Statistico, Ipotesi: Lipotesi alla base del geomarketing è che la dinamica della domanda sia espressione di specifiche leggi armoniche: per ogni punto vendita questa dipende dalle caratteristiche della clientela che, a loro volta, dipendono dalle variabili caratterizzanti il bacino di gravitazione territoriale. Clienti Paniere di Produzione Punto Vendita 1) Numero e Tipologia di clienti=f (localizzazione) 2) Composizione Paniere Produzione = f (tipologia clienti) 3) Dinamica della domanda= f (composizione P.P.) Bacino

9 9 Il Bacino: quattro ipotesi Clienti Paniere di Produzione Punto Vendita Bacino Il bacino naturale Il poligono di Thiessen Il raggio esploratore Lanalisi del cliente (curva di Lorenz)

10 10 il Bacino Naturale: Popolazione (dati 1991) Popolazione senza Istruzione / Popolazione (dati 1991) Numero di Imprese (dati 1991)

11 11 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: I Poligoni di Thiessen: Ipotesi: 1)La superficie in analisi è completamente coperta 2)Il cliente si reca nel punto vendita più vicino Step 1: georeferenziazione punti vendita

12 12 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: I Poligoni di Thiessen: Ipotesi: 1)La superficie in analisi è completamente coperta 2)Il cliente si reca nel punto vendita più vicino Step 2: il disegno dei poligoni

13 13 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: I Poligoni di Thiessen: ……….dal bacino naturale al bacino reale

14 14 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: Il Raggio Espolatore: Il Raggio come distanza: Il Raggio come tempo di guida:

15 15 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: Lanalisi del cliente (curva di Lorenz): Step 1: la georeferenziazione della clientela

16 16 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: Lanalisi del cliente (curva di Lorenz): Step 1:la georeferenziazione della clientela

17 17 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: Lanalisi del cliente (curva di Lorenz): Step 2:il disegno dei raggi esploratori (radiali o stradali)

18 18 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: Lanalisi del cliente (curva di Lorenz): Step 3: lestrapolazione dei dati

19 19 Il Bacino, i Bacini costruiti ad hoc: Lanalisi del cliente (curva di Lorenz): Step 4: verifica dellesistenza di una legge

20 20 Prime Ipotesi di Apertura nuovo Punto Vendita curva di Lorenz: L80 % dei clienti si trovano in un raggio inferiore a 1,1 km Si geo-referenziano tutti i possibili clienti e si traccia il raggio esploratore Analisi di fattibiltà

21 21 Prime Ipotesi di Valutazione del Potenziale curva di Lorenz: L80 % dei clienti si trovano in un raggio inferiore a 1,1 km Si geo-referenziano tutti i possibili clienti e si traccia il raggio esploratore Analisi di potenziale: quello che potrei fare è effettivamente quello che faccio?

22 22 Prime Ipotesi di Apertura nuovo Punto Vendita Poligoni di Thiessen: Si lascia come esercizio Curva di Lorenz: Nota: fino ad ora abbiamo ragionato in termini di numerosità di clientela, in genere si ragiona in termini di ricavi es:....l80% dei ricavi attesi sono da reputarsi in un raggio inferiore a x km

23 23 Introduzione al GeoMarketing: Lo studio di fattibilità di unapertura di una attività di ristorazione nella provincia di Arezzo a cura di Gian Piero Cervellera Siena 08/04/2005

24 24 Domanda e Offerta: un caso di studio Clienti Paniere di Produzione Punto Vendita Bacino Lo studio di fattibilità di unapertura di una attività di ristorazione nella provincia di Arezzo Spunti tratti da una tesina di un vostro collega

25 25 LINDAGINE Con lindagine/tesi di seguito presentata vogliamo spiegare dove e perché sarebbe auspicabile impiantare una attività di ristorazione. Questa indagine si compone di cinque steps che verranno illustrati tramite diapositive, fogli di calcolo e considerazioni scritte. Come termine della presentazione, dopo un breve riepilogo e sulla base dei risultati ottenuti dalle analisi svolte, verrà indicato il luogo più adatto su cui impiantare un esercizio di ristorazione, ne verranno ribaditi i perché e ne saranno tratte conclusioni generali. Tesina

26 26 I CINQUE MOMENTI DELLINDAGINE 1) Per prima cosa occorre delimitare il raggio dazione di cui disponiamo. Nel nostro caso Arezzo e la sua provincia. In seguito dobbiamo effettuare tre tipi di analisi: 2)Analisi offerta: si cercano tramite Internet, ad esempio consultando siti quali quelli di pagine gialle o pagine bianche, i competitors che ci interessano (diretti – indiretti). 3)Analisi domanda: sempre tramite Internet consultando siti di regione, provincia, comune, Istat, ecc. si contestualizza la quantità di clienti su cui possiamo contare. 4)Si uniscono le analisi precedentemente svolte al fine di determinare il luogo dove vi sono meno competitors e più clienti, in altre parole il luogo più adatto per intraprendere lattività menzionata. Successivamente per avere un dato di sintesi si usa lindice di domanda: n° competitors = f (abitanti) Se ne fa poi una stima e si vede quale luogo è più indicato per lapertura del locale. 5) Analisi cliente: Usando dati indicanti le capacità di reddito (reddito del comune, pro-capite, ecc.) e grado di scolarizzazione (n° laureati, n° diplomati ecc.) si trovano la qualità, la quantità e il prezzo dei nostri prodotti più idonei alla clientela che a noi interessa. Questa analisi viene effettuata per offrire un servizio il più centrato possibile rispetto alle aspettative di qualità, quantità e prezzo dei clienti. Tesina

27 27 INDICE DI DOMANDA Tesina

28 28 LA DOMANDA Tesina

29 29 LOFFERTA Tesina

30 30 DOMANDA SU OFFERTA Tesina

31 31 Tesina

32 32 STIMA CURVA DI DOMANDA Tesina

33 33 INDICE DI DOMANDA: stima della curva Tesina Output della regressione in excel

34 34 STIMA CURVA DI DOMANDA Eccesso di Offerta Eccesso di Domanda Tesina

35 35 INDICE DI DOMANDA Tesina Ricordandoci che lerrore di previsione del valore medio di Y 0 è:

36 36 INDICE DI DOMANDA Tesina

37 37 STIMA CURVA DI DOMANDA Eccesso di Offerta Eccesso di Domanda Montevarchi Tesina

38 38 INDICE DI DOMANDA Tesina Selezione Comuni con eccesso di domanda

39 39 ANALISI DEL CLIENTE: una volta trovato il sito più adatto per lapertura del locale occorre procedere con lanalisi della clientela e quindi stabilire i tipi di servizi (qualità e quantità) che più si addicono agli utenti, onde evitare di produrre servizi sproporzionati, per costo e/o qualità, alle aspettative e bisogni del cliente. Con questo studio si cerca di offrire alla clientela i prodotti più adeguati. Si utilizzano due variabili: Indice di scolarizzazione Indice di reddito ANALISI CLIENTE Tesina

40 40 INDICE di SCOLARIZZAZIONE e di REDDITO Tesina

41 41 ANALISI CLIENTE Tesina

42 42 CONCLUSIONI 1) In primis diciamo che il ristorante/pizzeria deve essere aperto non in Arezzo comune, ma in provincia, per lesattezza nel comune di Montevarchi, avendo di fatto in questa località una domanda elevata e pochi concorrenti con cui confrontarsi (non che il confronto sia una cosa sgradevole!). Si capisce che è il comune più conveniente osservando la graduatoria dellindice di domanda. 2) Seconda conclusione che possiamo trarre è che il tipo di locale da aprire è elegante, raffinato, con accorgimenti anche culturali (quadri, musiche, opere darte in genere) che rendano lambiente distinto (senza spingersi oltre un livello che può rappresentare la media cultura), in quanto la clientela che si va a contattare saprà apprezzare queste qualità del locale, essendo mediamente acculturata. 3) Il locale, sempre in base ai risultati ottenuti con lanalisi del cliente, dovrebbe offrire una qualità culinaria anche questa né misera, né eccessiva, ma di media qualità: mi riferisco sia ai piatti cucinati, che al modo di servire, che alle stoviglie utilizzate. Tutto questo può esser fatto pagare una somma abbondante, ma chiaramente non esosa, poiché, come si vede dallanalisi del reddito di comune, questa cittadina ha un buon reddito. Tesina

43 43 ESERCITAZIONE: UNA APPLICAZIONE DI GEOMARKETING STATISTICO /1 La nostra azienda è costituita da una rete di 28 supermercati situati nelle province di Firenze, Pistoia e Siena. Dei 28 negozi, 7 sono tradizionali, con superficie di vendita unitaria inferiore ai 200 mq., 8 appartengono alla tipologia superette (superficie compresa tra I 200 e I 400 mq) e 13 sono supermercati con superficie ai 400 mq. Tra i supermercati ve ne sono otto che sono centri commerciali al dettaglio che prevedono, accanto allesercizio, la presenza di altre attività commerciali quali: bar, palestra, edicola, abbigliamento, calzature e sport, casalinghi, lavanderia, parrucchiera, etc. I progetti di sviluppo della nostra azienda sono orientati sempre di più verso ulteriori realizzazioni di questo tipo, che appare il più dotato di maggiori prospettive di sviluppo e più adeguato per dimensioni al bacino di utenza potenziale. In particolare il management ha intenzione di aprire tre nuovi punti vendita nella provincia di Arezzo, dove sono stati rintracciati alcuni locali.

44 44 ESERCITAZIONE: UNA APPLICAZIONE DI GEOMARKETING STATISTICO /2 Nella tabella sono riportate le località ove sono disponibili locali con dimensioni coerenti ai progetti del management della nostra azienda. Nella seconda colonna sono elencate le distanze tra I locali individuati ed il punto vendita competitor più vicino

45 45 ESERCITAZIONE: UNA APPLICAZIONE DI GEOMARKETING STATISTICO /3 Dalle Pagine Gialle risultano presenti, in Provincia di Arezzo, 67 supermercati concorrenti.

46 46 ESERCITAZIONE: UNA APPLICAZIONE DI GEOMARKETING STATISTICO /4 La prima analisi viene effettuata calcolando un Indice domanda- offerta rapportando le famiglie residenti nei Comuni ove sono ubicati i locali disponibili al numero dei supermercati competitors:

47 47 IL GRAFICO DOMANDA-OFFERTA-DISTANZA Il grafico mostra la combinazione tra lIndice Famiglie per Supermercati (Ascissa) e la distanza media tra i locali individuati ed il Supermercato competitor più vicino (Ordinata). Nel quadrante in alto a destra sono raffigurati i locali maggiormente distanti dalla concorrenza con una domanda maggiore dellofferta. I tre Comuni cerchiati sembrano avere le condizioni più interessanti

48 48 INDICI DI SCOLARIZZAZIONE E DI REDDITO Lindice di scolarizzazione viene calcolato rapportando (per Comune) la somma dei laureati e dei diplomati al totale della popolazione residente. Il reddito medio viene calcolato rapportando il reddito complessivo di Comune al totale della popolazione residente.

49 49 INDICI DI SCOLARIZZAZIONE E DI REDDITO: COME OPERARE UNA PRIMA SEGMENTAZIONE /1 Questa analisi porta alla determinazione di un grafico, costruito sulle due variabili collocate in ascissa (Indice di scolarizzazione) e ordinata (Indice di reddito), che si viene ad essere ripartito in quattro quadranti (le secanti vengono tracciate in corrispondenza delle medie. QUADRANTE AA: comprende Comuni ove il tasso di scolarizzazione ed il reddito è alto. Sono le località abitate da Avvocati, Commercialisti, etc. già affermati. I prodotti da vendere sono elevati qualitativamente e di prezzo; QUADRANTE AB: comprende Comuni con tasso di scolarizzazione alto e reddito basso. Vi sono nuove coppie con giovani laureati allinizio della carriera. Prodotti con elevato rapporto qualità/prezzo QUADRANTE BA: comprende Comuni ove sono residenti molti liberi professionisti con tasso di scolarizzazione basso. I prodotti sono appariscenti, di moda, lanciati da campagne pubblicitarie TV QUADRANTE BB: Prodotti Best Price

50 50 INDICI DI SCOLARIZZAZIONE E DI REDDITO: COME OPERARE UNA PRIMA SEGMENTAZIONE /2


Scaricare ppt "GEO MARKETING Anno Accademico 2011-2012 Università degli studi di Siena Facoltà di Economia Richard M. Goodwin Gian Piero Cervellera"

Presentazioni simili


Annunci Google