La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ciclo economico Ciclicità e politiche macroeconomiche The economics of fear Dr. Mario Mazzocchi Ricevimento: indicativamente venerdì

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ciclo economico Ciclicità e politiche macroeconomiche The economics of fear Dr. Mario Mazzocchi Ricevimento: indicativamente venerdì"— Transcript della presentazione:

1 Ciclo economico Ciclicità e politiche macroeconomiche The economics of fear Dr. Mario Mazzocchi Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta elettronica) www2.stat.unibo.it\mazzocchi\macroeconomia

2 Ciclicità delleconomia Mentre nel lungo periodo non appaiono con evidenza, le oscillazioni di breve periodo (fasi di recessione ed espansione) sono rilevanti e interessano: –Consumi –Produzione –Inflazione –Disoccupazione

3 Esempi di politiche e shock P Y AS AD Y0Y0 P0P0 POLITICA ESPANSIVA SHOCK NEGATIVO OFFERTA (CRISI PETROLIFERA)

4 Piena occupazione? Nel modello classico, nel lungo periodo si assume che lavorino tutti quelli che vogliono lavorare Esiste comunque una disoccupazione frizionale, per cui il tasso di piena occupazione è inferiore al 100% (95% in genere)

5 Piena occupazione e inflazione Il pieno impiego non rappresenta un equilibrio stabile La domanda di beni cresce, ma lofferta è inelastica nel punto di massimo impiego, per cui i prezzi salgono In pieno impiego le rivendicazioni dei lavoratori in termini di salario sono più efficaci, i salari crescono, i prezzi anche

6 P Y AS AD Y0Y0 P0P0 Poiché cè disoccupazione, le imprese possono scegliere quanto lavoro impiegare per un dato salario. Nel breve periodo le imprese preferiscono cambiare il livello di produzione piuttosto che prezzi o salari Curva AS di breve periodo (keynesiana) Il livello dei prezzi non dipende dal PIL

7 Politiche espansive Una politica espansiva fa aumentare la domanda aggregata (e la curva AD si sposta a destra mediante): Aumento dellofferta di moneta Aumento della spesa pubblica Taglio delle tasse Ma anche la fiducia del consumatore e degli investitori fa spostare la curva verso dx

8 Mercato monetario e mercato dei beni Per derivare la curva di domanda aggregata (la relazione tra prodotto e prezzi) ci si riferisce al modello IS-LM La domanda aggregata dipende dallofferta reale di moneta (M), cioè il valore effettivo del denaro emesso dalla banca centrale e dal sistema bancario aggiustato secondo il livello dei prezzi (P) (inflazione) Se aumenta M/P, diminuiscono i tassi di interesse (il prezzo del denaro), aumentano gli investimenti ed aumenta la domanda (e viceversa) INCLINAZIONE NEGATIVA DELLA CURVA DI DOMANDA Quindi a parità di offerta di moneta, linflazione agisce sul mercato dei beni – ovviamente se crescono i prezzi diminuisce lofferta reale di moneta, aumentano i tassi di interesse e diminuisce la domanda aggregata

9 Politiche supply-side Rimuovere regolamentazioni e leggi superflue Avere un sistema legale efficiente Incoraggiare il progresso tecnico Vodoo Economics – Tagliare le tasse aumenta lofferta –Reagan policy: Meno tasse FED - Tassi di interesse alti Debito pubblico in aumento

10 P Y AS (lungo periodo) AD Y0Y0 P0P0 Effetti di una riduzione fiscale AS (breve periodo) Y1Y1 Y2Y2 Risultato: Crescita limitata PIL Prezzi più alti Diminuzione introiti fiscali Aumento debito

11 Il modello IS-LM Il modello IS-LM identifica i valori del PIL e del tasso di interesse per i quali sono in equilibrio sia il mercato dei beni che quello del denaro IS: equilibrio sul mercato dei beni –IS significa I=S (investimenti = risparmio) LM: equilibrio sul mercato della moneta –LM significa L=M (domanda di moneta=offerta) –Moneta reale e non nominale

12 IS I = I 0 – b·i eY = f(I) Y i Linclinazione della curva è maggiore quanto è minore la reattività al tasso di interesse

13 IS e domanda aggregata AD = C + I + G + NX = c 0 +c 1 (Y-T) + I 0 – b·i + G + NX = A + c 1 (Y-T) – b·i Curva IS:Y = (A - c 1 T - b·i) / (1-c 1 ) La domanda aggregata cresce al crescere del PIL (reddito) La domanda aggregata cala al crescere del tasso di interesse

14 LM Combinazioni del tasso di interesse per cui lofferta di moneta è uguale alla domanda di moneta (reale) L = kY – hiDomanda di moneta Lofferta di moneta M/P è controllata dalla banca centrale La curva LM esprime L=M/P= kY – hi Quindi i = (kY – M/P)/h Più alto è il reddito, più moneta serve Più alto è il tasso di interesse, più si preferisce risparmiare e investire (valore del denaro)

15 LM Y i Linclinazione della curva è maggiore quanto più alta è la risposta della domanda di denaro al reddito (k) e quanto più bassa è la risposta a variazioni nel tasso di interesse (i)

16 Equilibrio curva IS-LM

17 Politica monetaria i Y IS LM 0 LM 1 Aumento Base Monetaria

18 Il modello di Mundell-Fleming (1963) Generalizzazione del modello IS-LM keynesiano per economia aperta BP = 0 IS:

19 Bilancia dei pagamenti i i*i* Y*Y* Y Pareggio BdP InflazioneDeflazione Surplus/apprezzamento Deficit/deprezzamento

20 Gli obiettivi della politica fiscale Variazione del reddito Variazione delloccupazione Nel breve periodo

21 Il bilancio dello stato T-C g -Tr c -INT-I g -TR k = B s Tentrate correnti (tasse) C g consumi pubblici Tr c Trasferimenti correnti INTInteressi sul debito pubblico I g Investimenti pubblici netti Tr k Trasferimenti in conto capitale G = C g + I g Tr = Tr c + Tr k + INT Saldo complessivo

22 Imposizione progressiva Aliquota non costante, ma funzione progressiva del reddito individuale del contribuente –Informazioni su distribuzione reddito Fondazione microeconomica t come aliquota media (pressione fiscale media) t e correlato positivamente alla spesa autonoma se questa influenza il reddito pro capite Leffetto di un aumento nella spesa autonoma sul reddito pro-capite viene attenuato nel caso di imposizione progressiva (stabilizzatore automatico)

23 Fiscal drag (drenaggio fiscale) Piena occupazione Aumento prezzi Aumento prelievo fiscale Riduzione reddito disponibile Riduzione domanda

24 Finanziamento spesa pubblica 1.Pareggio di bilancio (incremento spesa pubblica finanziato da imposte) 2.Finanziamento in deficit Finanziamento con base monetaria Indebitamento

25 Finanziamento in deficit Effetti piu elevati se la spesa pubblica non e interamente finanziata da imposte T-G p -INT+ΔBM/p+ ΔB/p = 0 Aumento base monetaria Emissione titoli debito pubblico

26 Politica monetaria accomodante i Y LM 0 LM 1 IS 0 IS 1

27 Indebitamento La critica monetarista: spesa in deficit inefficace –Finanziamento monetario Inflazione che vanifica la politica espansiva –Finanziamento con emissione titoli Investimento in titoli spiazza investimento privato (laumento del tasso di interesse riduce gli investimenti, effetto freno)

28 Alternative di politica fiscale (espansiva) Tasso dinteresse ConsumiInvestimentiPIL Riduzione tasse++-+ Aumento spesa pubblica ++-+ Sussidi per gli investimenti ++++

29 Politica fiscale vs politica monetaria Reddito di equilibrioTasso di interesse di equilibrio Politica monetaria espansiva +- Politica fiscale espansiva ++

30 Debito pubblico Motivi dellaumento del debito pubblico: –Caso di pareggio primario (G p =T) e assenza di finanziamento monetario Il rapporto tra debito pubblico e PIL cresce se il tasso di interesse reale (es. CCT, BOT…) e piu grande del saggio di crescita del PIL (nominale) –Caso di deficit primario Finanziato con emissione di moneta – si torna al caso precedente (il deficit primario non influisce) Non completamente finanziato da emissione di moneta – Il rapporto B/Y puo crescere comunque a causa del deficit primario

31 Ma qual e il rischio di un debito pubblico costantemente crescente? Rischio di insolvenza (concentrazione dei debitori) –Fallimento dello stato –Razionamento del credito da parte del mercato

32 Politiche di rientro Sviluppo del reddito (PIL) –Difficile (servono risorse per le politiche espansive) Miglioramento in termini di efficienza (allocazione spesa pubblica) Politica monetaria espansiva Deprezzamento del cambio Moderazione salariale Politiche sul saldo primario –Avanzo primario Riduzione della spesa pubblica Politica delle entrate Abbassamento del tasso di interesse Diversificazione caratteristiche titoli Allungamento scadenze Vincolo di portafoglio per le banche (costrette ad acquistare obbligazioni) Riduzione mobilita dei capitali, e.g. Tobin tax Rafforzare la stabilita del cambio (afflusso dei capitali)

33

34 Crisi finanziarie e politiche macroeconomiche Nei mercati emergenti (PVS) le politiche macroeconomiche sono procicliche in occasioni di crisi –Taglio del deficit –Innalzamento dei tassi di interesse In periodi buoni di afflusso di capitali dallestero –Spesa pubblica e indebitamento in aumento

35 La letteratura empirica generalmente dice che… La politica fiscale è prociclica nei paesi in via di sviluppo e aciclica nelle economie avanzate Alcuni studi indicano politiche anticicliche nelle economie avanzate

36 Perchè i paesi in via di sviluppo adottano politiche fiscali procicliche 1)I paesi debitori non riescono a chiedere in prestito nei periodi di recessione e sono forzati a ripagare il debito (politica fiscale stringente) 2)Effetto voracità nelle strutture decentrate in tempi di espansione (quindi il governo centrale evita grossi surplus)

37 Obiettivo del paper Cercare di documentare in misura più affidabile ciclicità –Indicatori adeguati –Distinzione tra paesi per livello di sviluppo economico Paesi più ricchi: accesso continuo ai mercati dei capitali Paesi a basso reddito: quasi senza accesso Paesi medio-reddito: relazione precaria e volatile con I mercati dei capitali

38 Ipotesi Flusso di capitali Ciclo economico Politiche macroeconomiche

39 Definizione di politica fiscale controciclica In letteratura: –Deficit di bilancio in periodi negativi, eccesso di bilancio in periodi positivi (correlazione tra bilancio e variazione PIL) Ma: –Il bilancio non è una buona misura per le politiche fiscali –Anche il rapporto tra indicatori fiscali e PIL non è una buona misura

40 Definizioni: flussi di capitale Se il PIL cresce (cala), e il flusso è prociclico, cioè I capitali aumentano (calano), il rapporto può variare in qualsiasi direzione

41 Relazione tra flusso capitali e ciclo economico Flussi controciclici I consumatori vogliono mantenere un livello di consumo stabile –Recessione: I consumi vengono sostenuti attraverso I prestiti (flusso di capitali) –Espansione: aumentano I risparmi –I flussi controciclici dovrebbero essere correlati positivamente con il ciclo Conto corrente (flusso beni e servizi): prociclico

42 Flussi capitale prociclici Shock produttivo alla base del ciclo economico Shock positivo = risparmi (come prima) Risparmi = investimenti produttivi (aumento PIL) Leffetto (rendimenti da) investimento domina sulleffetto prestito Paesi in via di sviluppo: –Distorsioni legate a politiche temporanee (stabilizzazione inflazione, liberalizzazioni temporanee) che portano ad un abbassamento dei prezzi nelle fasi di espansione –Aumento consumi e prestiti Variazione del flusso di capitali con il variare del rischio per I paesi (soprattutto in via di sviluppo) –Fasi espansive: rischio più basso

43 Il ruolo delle riserve Anche con un flusso di capitali positivo non è detto che il conto corrente sia negativo, perchè dipende anche dalla variazione nelle riserve internazionali Non è quindi scontata la correlazione negativa tra flussi e conto corrente

44 Politiche fiscali

45 Uso di indicatori 1)I migliori indicatori sarebbero G e t (spesa pubblica e aliquota fiscale), perchè sono gli unici discriminanti. Però I dati su t non sono sistematicamente disponibili 2)Le entrate fiscali possono essere utilizzate solo se sono negativamente o non correlate con il ciclo economico, lunico caso indicherebbero senza ambiguità una politica prociclica 3)I rapporti tra indicatori e GDP sono ambigui 4)Il bilancio primario non è un buon indicatore, perchè dipende dalla variazione della base imponibile

46 Ciclicità delle politiche fiscali Keynes: controciclico Optimal fiscal policy (aliquote costanti): aciclico Prociclicità: –Distorsioni politiche –Razionamento del credito al paese –Mercati incompleti

47 Politiche monetarie Indicatore: tasso di interesse a breve termine –Controciclica: correlazione positiva –Prociclica: correlazione negativa

48 Il rumore dellinflazione Dipende dal legame tra tassi a breve, ciclicità e inflazione (aspettative inflazionistiche) –Nei paesi sviluppati si tende ad avere una bassa correlazione positiva con il ciclo – Nei paesi in via di sviluppo la correlazione è negativa –Tendenza a valutare come controciclica la politicha dei paesi avanzati e viceversa –I tassi interbancari sono migliore

49 Regola di Taylor Se si segue la regola di Taylor, si dovrebbe avere un legame positivo tra tasso di interesse a breve (rispetto a quello obiettivo) e crescita

50 Misura delle recessioni Definizione tecnica su variazione PIL Metodo non parametrico (rispetto alla mediana) –Meglio per I paesi in via di sviluppo Definizione econometrica (filtri)

51 I risultati: flusso di capitali 1) I flussi di capitale sono prociclici nella maggioranza dei paesi OCSE e nei paesi in via di sviluppo

52

53

54

55 Risultati: politiche fiscali Paesi OCSE: controcicliche o acicliche PVS: procicliche

56

57 Correlazione positiva tra politica fiscale e flussi Nei paesi in via di sviluppo le politiche macroeconomiche rinforzano il ciclo (Quando piove, diluvia)

58 Politica monetaria Risultato 3: –Controciclica in OCSE –Prociclica o aciclica in PVS

59 Politica monetaria

60 Taylor rule B2 positivo e significativo = controciclica

61 Italia pre-euro…

62 The economics of fear

63 Media e crisi alimentari Aggregate consumer reaction to a food scare (Beardsworth and Keil, 1996): 1. No info 2. Info 3. News Spiral 4. Decreasing media attention (recovery) 5. Persisting anxiety Time Consumption

64 Approccio economico Utility = u (quantity, perceived quality) Perceived quality = f (information) Demand = f (price, income, information) Standard - Measurement of information through a media index (Smith et al., 1988; Burton, Young and Cromb, 1999; Verbeke and Ward, 2001…) TYPICAL PROBLEMS: Distinction between positive/negative information Discounting of information over time (and memory effect) News spiral Marginal impact of media in a crisis comeback Getting the data might be quite difficult (plus subjective and expensive) Alternative – Latent shock variable modelled as a random walk

65 Building a media index (Burton, Cromb, Young, 1999) Stock measure (68% depreciation rate) Raise this measure to the power of 0.9 (declining impact)

66 Panel data, 177 paesi dal 1968 al 2000 Dati sul terrorismo e su conflitti interni ed esterni Modelli VAR e panel regression In media leffetto negativo del terrorismo sulla crescita è negativo e significativo, ma molto più piccolo e meno persistente di quello associato a guerre esterne o conflitti interni –Meno spesa per investimenti, più spesa pubblica –Differenze tra paesi

67

68

69 Terror: Eventi a bassa probabilità oggettiva hanno grande impatto Prospect theory e percezione soggettiva

70 Approccio economico (Becker) La probabilità di un pericolo colpisce lutilità in qualsiasi stato naturale Expected utility anche in funzione della paura Capacità di acquistare skills (o beni?) per gestire la paura –Investimento in human capital –Sostituzione tra beni

71 Shock esogeno in termini di probabilità Canale del rischio: cambio nelle probabilità a parità di utilità marginale in ciascuno stato Canale della paura: lutilità attesa dal consumo cambia in ciascuno stato Esempio AIDS e sesso insicuro: –Incertezza sulloutcome –Cambiamento nel livello di utilità Mucca pazza


Scaricare ppt "Ciclo economico Ciclicità e politiche macroeconomiche The economics of fear Dr. Mario Mazzocchi Ricevimento: indicativamente venerdì"

Presentazioni simili


Annunci Google