La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Percorso didattico multimediale per le scuole secondarie superiori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Percorso didattico multimediale per le scuole secondarie superiori."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Percorso didattico multimediale per le scuole secondarie superiori

2 Il progetto Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro Lora di Sicurezza promosso da ISFOL, lIstituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, intende sviluppare nei ragazzi dai 15 ai 18 anni frequentanti istituti, cfp e scuole superiori, la cultura della sicurezza e della prevenzione dai rischi lavorativi. La gravità del problema delle morti bianche, degli infortuni sul lavoro, delle malattie professionali impone lindividuazione di strategie di intervento che conducano un adeguamento strutturale dei luoghi di lavoro ma contemporaneamente un serio e efficace sviluppo culturale nei lavoratori. In questo senso lISFOL, in quanto ente pubblico di ricerca a favore dello sviluppo della formazione professionale, delle politiche sociali e del lavoro, intende contribuire al miglioramento della preparazione degli allievi e del trasferimento di competenze in merito ai temi della sicurezza. Intervenire sulla sicurezza dei lavoratori fin dal periodo della formazione scolastica

3 La sicurezza perchè possa trasformarsi da dimensione burocratica-normativa in approccio, forma mentis, è importante che sia affrontata secondo unottica integrata. Possiamo pensare alla sicurezza come un costrutto a più livelli: la sicurezza è cultura, riguarda ogni ambito della vita, dello studio e del lavoro, quindi va vissuta (saper essere); la sicurezza è una materia specifica e precisa, quindi va appresa (sapere); la sicurezza è un sistema di azioni di prevenzione e gestione, quindi va organizzata (saper fare). COME INTENDIAMO LA SICUREZZA Tale visione di sistema consente un reciproco rinforzo tra i tre livelli, un rinforzo funzionale alla comprensione della complessità del concetto di sicurezza da un punto di vista organizzativo e pedagogico.

4 Datore di lavoro Responsabile Servizio sicurezza Medico competente Rappresentante dei lavoratori LavoratoreVigilanzaDirigente competente Super Securityman Il progetto propone un Kit di materiali didattici multimediali che affrontano aspetti generali della sicurezza: quali sono i protagonisti della sicurezza, le cornici normative che consentono la tutela della sicurezza nel contesto lavorativo, le sanzioni. Si approfondiranno ad esempio le procedure di prevenzione, i dispositivi di protezione, le norme di primo soccorso. Gli argomenti sono trattati in modo che possano essere utilizzati in contesti formativi molto diversi relativi a diversi ambiti lavorativi. IL PROGETTO LORA DI SICUREZZA

5 Per assistere e acquisire suggerimenti di miglioramento gli esperti ISFOL saranno a disposizione per tutta la durata del progetto ad uno scambio collaborativo in rete. Il progetto infatti mette a disposizione una web community a cui ogni docente potrà accedere, comunicando tramite , forum e video conferenza con gli esperti ISFOL della sicurezza. Il Kit multimediale sarà la base contenutistica la cui potenziale efficacia va attuata attraverso un orientamento didattico teso alla partecipazione attiva degli studenti. A tale scopo è stata redatta una Guida metodologica per i docenti che descrive nel dettaglio il progetto e fornisce indicazioni per il coinvolgimento attivo degli studenti. Unassistenza ISFOL per tutta la durata del progetto Unassistenza ISFOL per tutta la durata del progetto

6 Si tratta di vere e proprie dispense a colori realizzate in formato Word di Windows Office. Possono essere stampate anche in bianco nero e/o fotocopiate in base al numero di ragazzi interessati alle attività didattiche. Ciascuna dispensa è corredata da interruzioni di sezione come: …le parole chiave, con i termini più interessanti messi in evidenza e sui quali è possibile ad esempio effettuare ricerche ai fini della creazione di un Glossario; oppure con ….. i tuoi appunti per fissare alcuni concetti essenziali affrontati; oppure …pillole di multimedialità con indirizzi Internet per scaricare video o testi di approfondimento; infine abbiamo realizzato anche le sezioni ….approfondimenti normativi nei casi in cui i testi di legge devono essere riportati per intero. Quando possibile, nelle dispense sono riportate anche alcune slide di riepilogo, ricavate dalle Presentazioni in Power Point. GLI STRUMENTI – LE DISPENZE

7 GLI STRUMENTI – LE ANIMAZIONI Realizzate in formato Shockwave Flash e/o MPEG, sono facilmente riproducibili su qualsiasi PC dotato di casse acustiche o cuffie e di un comune browser per la navigazione in Internet. Sono molto brevi ed introducono, con un linguaggio molto semplice e adatto ad un pubblico di ragazzi, i concetti principali di ciascuna unità didattica. Particolare attenzione è stata rivolta, con un forte impegno creativo, a trasformare le noiose normative, con animazioni simboliche al limite dei cartoni animati comici. GLI STRUMENTI – LE PRESENTAZIONI Sono realizzate in formato Microsoft Power Point. Abbiamo contenuto la descrizione di ciascuna unità didattica in una ventina di slide per non appesantire linevitabile lezione frontale che ne consegue. Rappresentano lo sforzo di concentrare in poche slide, quelli che riteniamo i concetti principali di ciascuna unità didattica e, più in generale, quelli che dovrebbero essere le informazioni minimali da mediare ai ragazzi, avendo lobiettivo di favorire una cultura della sicurezza.

8 Ciascuna unità didattica è corredata da una o più schede quiz la cui compilazione richiede al ragazzo di ricercare, negli argomenti presentati sia nelle Dispense che nelle Presentazioni, la soluzione di non più di 5 o 6 item specifici. Di solito il primo item viene dato già risolto. Gli altri vanno completati con la stessa strategia seguita nel primo. Non si tratta di una valutazione del ragazzo, ma di un momento di riflessione che può essere aperto alla discussione del gruppo classe per ricercare insieme la soluzione ottimale dei quiz. GLI STRUMENTI – LE SCHEDE QUIZ

9 GLI STRUMENTI – I FILE VIDEO Si tratta di precedenti filmati in formato digitale disponibili e/o reperibili facilmente in rete, collegandosi con i siti che trattano della cultura della sicurezza. Abbiamo inserito anche alcuni filmati del personaggio Napo, molto utilizzati a livello europeo per la formazione dei ragazzi sui temi della sicurezza. I filmati possono essere visti tramite un qualsiasi PC o mediante un proiettore a tutto il gruppo classe. La qualità dei filmati non è eccezionale, ma quello che conta è il linguaggio utilizzato. Lo riteniamo infatti semplice, accessibile e non tecnico. GLI STRUMENTI – LA VIDEO TRACCIA Ciascun Video-filmato è corredato da una scheda denominata Video Traccia. Ci siamo cioè chiesti come verificare che il ragazzo abbia, dopo aver visionato il filmato, appreso i concetti fondamentali presentati nel filmato stesso. Abbiamo quindi realizzato alcune schede di riepilogo, nelle quali, ad un tempo prestabilito del filmato, al ragazzo viene chiesto se è risultata chiara lesposizione. Di solito vengono presentati 5 o 6 momenti del filmato con il TEMPO in minuti e secondi e lIMMAGINE o il fermo immagine di quel determinato ARGOMENTO. Il ragazzo arrivato a quel punto, segna con un SI o con un NO, se ha compreso largomento e prosegue con la visualizzazione. A fine filmato la discussione con il gruppo classe scioglie eventuali incomprensioni.

10 La Prova oggettiva dingresso è composta da 30 item a scelta multipla che coprono i contenuti di tutte e 10 le Unità Didattiche. La Prova Intermedia si somministra dopo la 5 Unità Didattica ed è composta dai primi 15 Item. La Prova Finale è di nuovo composta dai 30 Item iniziali ma presentati con numerazione casuale rispetto alla prova dingresso. Le risposte vengono date su un apposito Foglio di Risposta di facile correzione da parte del docente. I punteggi grezzi vanno trasformati sui soliti 5 livelli di valutazione con A uguale al massimo punteggio fino ad E con il minimo punteggio. GLI STRUMENTI - 30 ITEM E FOGLIO RISPOSTA

11 CONTENUTO DEL KIT - LORA DI SICUREZZA Tutti i nuovi materiali sono stati inseriti in un CD Rom a disposizione per qualsiasi formatore che voglia introdurre la propria classe ai temi della PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Sia le prove Oggettive, che le Dispense e le schede di Quiz, sono facilmente stampabili e fotocopiabili. I filmati in formato windows sono proposti sia in bassa che in alta risoluzione per una visione sia da postazione personale che per tutto il gruppo classe.

12 FINE PRESENTAZIONE LO STAFF SICUREZZA Colombo Conti Mara Marincioni Ermanno Laganà Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori Via G. B. Morgagni, 30/E – 00161, Roma Telefono:


Scaricare ppt "INTRODUZIONE E FINALITÀ DEL D.LGS 81/08 Percorso didattico multimediale per le scuole secondarie superiori."

Presentazioni simili


Annunci Google