La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Per lo più i farmaci agiscono combinandosi con macromolecole specifiche in modo tale da alterarne le proprietà biochimiche e biofisiche Corpora non agunt.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Per lo più i farmaci agiscono combinandosi con macromolecole specifiche in modo tale da alterarne le proprietà biochimiche e biofisiche Corpora non agunt."— Transcript della presentazione:

1 Per lo più i farmaci agiscono combinandosi con macromolecole specifiche in modo tale da alterarne le proprietà biochimiche e biofisiche Corpora non agunt nisi fixata ( P. Ehrlich) Recettori Si definisce RECETTORE il componente di una cellula che interagisce con un farmaco dando inizio alla catena di eventi biochimici che portano agli effetti farmacologici osservati FARMACODINAMICA

2 Recettori Macromolecole presenti sulla cellula o al suo interno classici di sostanze endogene (neurotrasmettitori, ormoni…) (aspirina inibisce la cicloossigenasi) (anestetici locali e farmaci calcio antagonisti) (molti antibiotici o antimicotici hanno come Recettore DNA o RNA) (la colchicina impedisce la polimerizzazione della tubulina) Macromolecole presenti sulla cellula o al suo interno (farmaci antidepressivi inibitori del trasporto della serotonina)

3

4 Il legame farmaco-recettore è… Reversibile: Linterazione F-R è mediata da legami chimici deboli a bassa energia: legami ionici ponti idrogeno attrazioni di van der Waals interazioni idrofobiche F R AR A R B Stereospecifico: Saturabile: F R AR A F F

5 Il legame farmaco-recettore Il legame farmaco-recettore può essere reversibile (quando il legame chimico farmaco-recettore è dovuto a legami deboli in genere) Ma anche irreversibile (quando il farmaco si lega con legami covalenti al suo recettore. Es. acido acetilsalicilico che acetila irreversibilmente lenzima COX-1)

6 Nel caso che il farmaco formi legami reversibili con il suo recettore, molecole libere di recettore e molecole libere di farmaco sono in equilibrio dinamico: R + FRF Se il legame farmaco-recettore è irreversibile, leffetto della molecola si esaurisce fino a quando sono state ripristinate nuove proteine recettoriali. R + F RF Il legame farmaco-recettore

7 La percentuale di farmaco legato al recettore (e quindi la sua efficacia) dipende dal numero di molecole del farmaco presenti nel sito recettoriale, dal numero dei recettori e dalla affinità del farmaco per il recettore stesso (maggior affinità, maggior legame)

8 Inoltre……. Lattività di un farmaco non è soltanto funzione del numero di molecole legate al recettore, ma anche del numero di recettori presenti in un sistema, delle loro proprietà biologiche, della regolazione funzionale, della distribuzione tissutale e delle modificazioni fisiopatologiche di questi ultimi. Anche alterazioni genetiche a carico dei recettori o dei loro sistemi di trasduzione possono influenzarne lattività.

9 RELAZIONE DOSE- EFFETTO Lintensità delleffetto prodotto da un farmaco è proporzionale alla dose somministrata

10 Farmaco Agonista Farmaco Agonista: un Farmaco che si lega ad un Recettore in modo da generare una risposta biologica Sono divisi in due classi in base alla risposta massima che si ottiene quando tutti i Recettori sono occupati: Agonisti totali Agonisti totali (ad occupazione recettoriale completa danno una risposta massimale) Agonisti parziali Agonisti parziali (ad occupazione recettoriale completa danno una risposta massima inferiore rispetto a quella degli Agonisti totali)

11 Farmaci agonisti reversibili Il legame farmaco-recettore inizia una cascata di eventi intracellulari (secondi messaggeri) che portano a risposte cellulari, e quindi dellorgano e del sistema. F + R RF* (complesso attivo)

12 Curva dose-effetto % effetto Dose DE 50 Effetto massimo EFFICACIA POTENZA

13 Curva dose-effetto semi-logaritmica % effetto Log Dose DE Effetto massimo 50

14 Come si valuta lattività di una molecola agonista? 1E-111E-101E-91E-81E-71E AgonistaA AgonistaB AgonistaC AgonistaD % Effetto Agonista [Log M] Agonista parziale B Agonista pieno Agonista parziale A Agonista pieno

15 Farmaco Antagonista: Farmaco Antagonista: un F. che, pur legandosi ad un R. è incapace di produrre una risposta biologica, ma inibisce (parzialmente o completamente) leffetto di un agonista che agisca attraverso lo stesso recettore Sono divisi in 2 classi a seconda che competano o meno con lAgonista per il legame col recettore Antagonista competitivo Antagonista competitivo o sormontabile ( Il legame antagonista-recettore può avvenire sullo stesso sito recettoriale dellagonista e quindi le due molecole competono per un sito comune) Antagonista non competitivo Antagonista non competitivo o insormontabile (Il legame antagonista-recettore può essere irreversibile oppure può avvenire su un sito allosterico cioè regolatorio e rendere il recettore meno accessibile allattivazione da parte dellagonista)

16 Antagonista competitivo Antagonista competitivo o sormontabile ( Il legame antagonista-recettore può avvenire sullo stesso sito recettoriale dellagonista e quindi le due molecole competono per un sito comune) AntagonistaRecettore Complesso antagonista-recettore NESSUNA RISPOSTA!

17 Antagonista competitivo Antagonista competitivo o sormontabile ( Il legame antagonista-recettore può avvenire sullo stesso sito recettoriale dellagonista e quindi le due molecole competono per un sito comune) AntagonistaRecettore Complesso antagonista-recettore

18 Come si valuta lattività di una molecola antagonista competitivo? AA Antagonista Agonista A da solo AA +Antagonista conc 1 AA +Antagonista conc 10 AA +Antagonista conc 100 % Effetto Agonista [Log M]

19 Antagonista non competitivo Antagonista non competitivo o insormontabile (Il legame antagonista-recettore può essere irreversibile oppure può avvenire su un sito allosterico cioè regolatorio e rendere il recettore meno accessibile allattivazione da parte dellagonista) AgonistaRecettore Antagonista NESSUNA RISPOSTA! Complesso antagonista-recettore

20 Come si valuta lattività di un antagonista non competitivo? AA Antagonista 1E-101E-91E-81E-71E % Effetto Agonista [Log M] Agonista A da solo AA +Antagonista conc 1 AA +Antagonista conc 10 AA +Antagonista conc 100

21 Come si valuta lattività di una molecola ? Agonista:Agonista: Concentrazione efficace 50% (EC 50, ED 50 ) Antagonista:Antagonista: Concentrazione inibitoria 50% (IC 50, ID 50 )

22 Si definisce indice terapeuticoSi definisce indice terapeutico di un farmaco il rapporto tra dose tossica 50% (TD 50 *) e dose efficace 50% (ED 50 ) Un buon indice terapeutico dovrebbe essere > di 10 (TD 50 >> > ED 50 ) finestra terapeuticaLa finestra terapeutica è lintervallo di [C] nel quale si ottiene un buon risultato terapeutico senza che si manifestino effetti collaterali Sicurezza di un farmaco

23 1E-101E-91E-81E-71E Effetto terapeutico Effetto tossico % Soggetti trattati Farmaco [Log dose]

24 Sicurezza di un farmaco 1E-101E-91E-81E-71E Effetto terapeutico Effetto tossico % Soggetti trattati Farmaco [Log dose]

25 Lo stesso medicamento dovrebbe avere sempre la stessa azione, ma così non è poiché essa varia molto nei vari casi. nuocciono I farmaci evacuanti ora purgano molto, ora poco, ora giovano, ora nuocciono, secondo i vari individui in cui sono adoperati (Ippocrate, De locis in homine).

26 REAZIONE AVVERSA DA FARMACI DEFINIZIONE DELLOMS (Tech Rep Serv WHO, n. 498, 1972) normalmente Una risposta ad un farmaco che procuri danno e che sia non intenzionale, e che si verifica alle dosi normalmente utilizzate nelluomo per profilassi, diagnosi o terapia.

27 REAZIONI AVVERSE DA FARMACI – Definizioni - La quasi totalità delle ADR conosciute sono aspecifiche ADR SPECIFICA La reazione ha come unica causa un determinato farmaco e non avviene naturalmente o per altre cause. sindrome oculomucocutanea da practololo. Esempio: sindrome oculomucocutanea da practololo. ADR ASPECIFICA La reazione oltre che provocata da un farmaco può avvenire naturalmente o essere provocata da altre cause. diarrea da antibatterici Esempio: diarrea da antibatterici.

28 CLASSIFICAZIONE DELLE ADR IN BASE AL MECCANISMO Effetti collaterali Effetti tossici Reazioni immuno-mediate (ipersensibilità o allergie) Reazioni farmacogenetiche (idiosincrasia, iperattività) Farmacodipendenza Teratogenesi (embrio- fetotossicità)

29 Effetti che accompagnano lazione terapeutica del farmaco e che si verificano in organi o distretti diversi da quelli desiderati. Sono dovuti essenzialmente alla sua distribuzione in tutto lorganismo Cefalea da nitrati Nausea da digitale Ipokaliemia da diuretici Sono espressione della tossicità del farmaco e si possono verificare anche a dosi terapeutiche in particolari pazienti, o in determinate condizioni cliniche Alcalosi respiratoria da aspirina Danno epatico da paracetamolo Aritmie da digitale EFFETTI COLLATERALI EFFETTI TOSSICI

30 Cute Orticaria Rash maculopapulare Eritema nodoso Eczema Eruzione lichenoide Vasculite Sindrome di Stevens-Johnson Necrolisi epidermica tossicaSangue Trombocitopenia Agranulocitosi Anemia emolitica Anemia aplasticaFegato Epatite colestatica Epatite epatocellulareRene Nefrite interstiziale GlomerulonefritePolmone Polmonite (eosinofila, alveolare, interstiziale)Sistemiche Anafilassi Vasculiti Malattia da siero LES Esempi di reazioni avverse da farmaci su base immunologica

31 Esempi di farmaci che provocano reazioni allergiche Anafilassi AspirinaAspirina CefalosporineCefalosporine DiclofenacDiclofenac PenicillinePenicilline StreptochinasiStreptochinasi CotrimossazoloCotrimossazolo SuxametonioSuxametonio TiopentaleTiopentale TubocurarinaTubocurarina Discrasie ematiche CaptoprilCaptopril ClorpromazinaClorpromazina PenicillinePenicilline SulfasalazinaSulfasalazina CotrimossazoloCotrimossazolo Ac. ValproicoAc. Valproico TiclopidinaTiclopidina Reazioni epatiche CarbamazepinaCarbamazepina FANSFANS AlotanoAlotano FenitoinaFenitoina ACE-inibitoriACE-inibitori AmiodaroneAmiodarone Reazioni cutanee CarbamazepinaCarbamazepina PenicillinePenicilline LamotriginaLamotrigina FenitoinaFenitoina FenobarbitaleFenobarbitale FluorochinoloniFluorochinoloni

32 Tempo di comparsa delle reazioni allergiche Malattie di organo, dermatiti Esantema, porpora vascolare, pneumopatie agranulocitosi, trombocitopenia, malattia da siero, angioite allergica Orticaria/angioedema/asma bronchiale/febbre Shock anafilattico 1g-varie settimane Reazioni ritardate 1-24 ore Reazioni subacute 0-60 min Reazioni acute

33 Reazioni avverse su base genetica Legate a variazioni su base genetica che possono alterare la farmacocinetica (iper-reattività) o la risposta tissutale (idiosincrasia) ai farmaci. IPER-REATTIVITA Polimorfismi genetici a livello del sistema citocromo P-450 o di altri enzimi farmacometabolizzanti (es. apnea da succinilcolina, neuropatie da isoniazide) IDIOSINCRASIA Carenza di G6PD (anemia emolitica da agenti ossidanti) Carenza di metaemoglobina reduttasi (metaemoglobinemia da clorochina) Carenza di glutatione (epatotossicità da paracetamolo)

34 Ulteriori reazioni avverse da farmaci Farmacodipendenza: oppioidi, benzodiazepine, amfetamine, purganti,……. Teratogenesi: ACE-inibitori, carbamazepina, tetracicline, warfarin, fenitoina, ciclofosfamide, retinoidi, danazolo,…..

35 FATTORI RILEVANTI PER LA COMPARSA DI ADR -1- Caratteristiche chimico-fisiche e farmacocinetiche Dose Frequenza e via di somministrazione Durata della terapia Formulazione farmaceutica Relativi al farmaco

36 FATTORI RILEVANTI PER LA COMPARSA DI ADR -2- Età Età Sesso Gravidanza Gravità della patologia Patologie concomitanti-intercorrenti Allergie Predisposizioni genetiche Relativi al paziente

37 Esempi di ADR dovute a patologie concomitanti -1- PatologiaFarmacoADRMeccanismo Insuff. renaleAminoglicosidiOtotossicitàInib. eliminazione CirrosiLidocainaTossicità SNCInib. metabolismo Patologie emorragiche Aspirina rischio sanguinamento Farmacodinamico Gastroenterite acuta CO Gravidanza indesiderata Inib. assorbimento SchizofreniaCorticosteroidi Aggravamento schizofrenia Farmacodinamico Asmaβ-antagonisti Broncospasmo acuto Farmacodinamico

38 PatologiaFarmacoADRMeccanismo Insuff. renaleDigossinaToss. digitalicaInib. eliminazione Ulcera pepticaFANSEmorragia GIFarmacodinamico IpertiroidismoACO risposta terap. Alteraz. sensibilità tissutale Infezioni oculari Corticosteroidi topici Esacerbazione infezione Farmacodinamico IperuricemiaTiazidiGottaFarmacodinamico Glaucoma Corticosteroidi sistemici pressione endoculare Farmacodinamico Esempi di ADR dovute a patologie concomitanti -2-

39 RILEVANTI FATTORI PER LA COMPARSA DI ADR -3- Interazioni tra farmaci Autosomministrazione Interazioni con cibo/bevande Consumo di alcool Farmaci scaduti Conservazione del farmaco Inquinanti ambientali Estrinseci addizionali

40 Le interazioni tra farmaci sono una delle principali fonti di problemi clinici farmacodinamicheLe interazioni farmacodinamiche in genere si possono prevedere in base allazione dei farmaci farmacocineticheLe interazioni farmacocinetiche sono di difficile previsione, sia quali- che quantitativamente Il metabolismo da citocromo P450Il metabolismo da citocromo P450 rappresenta il principale sito di interazioni farmacocinetiche INTERAZIONI TRA FARMACI

41


Scaricare ppt "Per lo più i farmaci agiscono combinandosi con macromolecole specifiche in modo tale da alterarne le proprietà biochimiche e biofisiche Corpora non agunt."

Presentazioni simili


Annunci Google