La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Centro Esperto Demenze dellU.O. di Geriatria a Ferrara: dati di attività e outcome terapeutici A. Zurlo°, C. Vavalle°, F. Guerzoni*, V. Guerra* ° U.O.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Centro Esperto Demenze dellU.O. di Geriatria a Ferrara: dati di attività e outcome terapeutici A. Zurlo°, C. Vavalle°, F. Guerzoni*, V. Guerra* ° U.O."— Transcript della presentazione:

1 Il Centro Esperto Demenze dellU.O. di Geriatria a Ferrara: dati di attività e outcome terapeutici A. Zurlo°, C. Vavalle°, F. Guerzoni*, V. Guerra* ° U.O. Geriatria * Unità di Statistica Sanitaria Az. Ospedaliera-Universitaria Ferrara Reggio Emilia 25/11/2005

2 IL CENTRO ESPERTO DEMENZE A FERRARA SEDI U.O GERIATRIA U.O NEUROLOGIA U.O. ISTITUTO DI MEDICINA INTERNA II CENTRI DELEGATI CENTO TRESIGALLO PORTOMAGGIORE COMACCHIO

3 Il Centro Esperto Demenze U.O. Geriatria di Ferrara: dati di attività Ambulatorio dei disturbi cognitivi (dal 1989): prestazioni/anno: > 1300 DH per lo studio dei disturbi cognitivi (dal 1996): >100 ricoveri/anno Impegno settimanale operatori: 30 ore medico, 18 ore psicologa Attivazione Progetto Cronos: Ottobre 2000 Da Ottobre 2000 a Settembre 2005 seguiti 664 pazienti in progetto Cronos ed ex-Cronos fuori ex-Cronos Drop out: effetti collaterali, decessi, non compliance e fine trattamento per inefficacia (MMSE < 10): circa 30%

4

5 Caratteristiche della casistica e possibili outcome terapeutici (efficacy in everyday practice)

6 VERIFICA DI EFFICACIA TERAPEUTICA RCT : POPOLAZIONE ALTAMENTE SELEZIONATA (condizioni cliniche stereotipiche) REAL WORLD PRACTICE : POPOLAZIONE NON SELEZIONATA (soggetti più anziani, con maggior durata della malattia, comorbidità e farmacoterapia non predefinite )

7 DATA-BASE CENTRO ESPERTO DEMENZE Nome, età, sesso, scolarità Patologie concomitanti Terapia specifica (tipo e dose anticolinesterasici) Eventi avversi Switch terapeutici Fine terapia per inefficacia Drop-out Terapia aspetti comportamentali

8 IL PROGETTO CRONOS IN ITALIA : QUALI RISULTATI ?

9 1. 1.Outcomes of Alzheimers disease treatment: the Italian Cronos project Bianchetti A. et al. Int. J. Geriatr. Psychiatry 2003; 18, Cholinesterase inhibitors in Alzheimers disease: efficacy in a non-selected population Sinforiani E. et al. Funct. Neurol Oct-Dec; 18(4): Alzheimers disease and acetylcholinesterase inhibitor agents: a two-year longitudinal study Fuschillo C. et al. Arch Gerontol Geriatr Suppl. 2004;(9): Effectiveness and safety of cholinesterase inhibitors in elderly subjects with Alzheimers disease: a real World study Mossello E. et al. Arch Gerontol Geriatr Suppl. 2004;(9): Progetto Cronos: i risultati dello studio osservazionale AIFA-Ministero della Salute. Bollettino dinformazione sui farmaci Sett-Dic 2004 n.5-6: Results of a multi-level therapeutic approach for Alzheimers disease subjects in the real world (Cronos project): a 36-week follow-up study. Bellelli G. et al. Aging Clin Exp Res Feb; 17(1): A cohort study of effectiveness of acetylcholinesterase inhibitors in Alzheimers disease Raschetti R. et al. European Journal of Clinical Pharmacology 2005 Jul; 61(5-6):

10 Progetto Cronos: i risultati dello studio osservazionale AIFA- Ministero della Salute. Bollettino dinformazione sui farmaci Sett-Dic 2004 n.5-6: pazienti da 118 UVA su totale nazionale di 503 (46 pazienti in media da ogni UVA campionata) Periodo considerato: primi 9 mesi di terapia (controlli T3 e T9) Responders: miglioramento di almeno 2 punti al MMSE 2 pazienti su 10 mostra risposta alla terapia dopo 3 mesi, di questi solo 1 su 10 mantiene la risposta dopo 9 mesi 1 paziente ogni 7 trattati ha effetti collaterali, nel 36% di questi casi viene interrotta la terapia possibilità di verificare sperimentalmente lefficacia di interventi terapeutici e riabilitativi diversi da quelli farmacologici

11 A cohort study of effectiveness of acetylcholinesterase inhibitors in Alzheimers disease Raschetti R. et al. European Journal of Clinical Pharmacology 2005 Jul; 61(5-6): pazienti, per 9 mesi Responders: miglioramento di almeno 2 punti al MMSE Proporzione responders dopo 9 mesi: 15,7% Dopo 9 mesi variazione media MMSE: di 0,5 punti Interruzione trattamento per effetti avversi farmaci: 5,2% lefficacia degli inibitori dellacetilcolinesterasi sui sintomi cognitivi dei pazienti con m. di Alzheimer medio-moderata è modesta

12 Results of a multi-level therapeutic approach for Alzheimers disease subjects in the real word (Cronos project): a 36-week follow-up study. Bellelli G. et al. Aging Clin Exp Res Feb; 17(1): pazienti Responders: aumento punteggio MMSE a 3 mesi risposta positiva (media 0,8 punti al MMSE) a 9 mesi perdita effetto (peggioramento 0,3 punti al MMSE) Dopo 9 mesi risultati positivi nel 60,3% della casistica ( MMSE >0), nel 15% > 3 punti. progressivo degrado ADL e IADL nei primi 9 mesi di terapia probabile effetto terapeutico mediato dal progetto stesso

13 Cognitive performance in patients with Alzheimers disease receiving cholinesterase inhibitors for up to 5 years R. Bullock, A. Dengiz Int. J. Clin. Pract. Jul. 2005, 59(7)

14 Confronto UVA Geriatria Ferrara con studio di coorte Progetto Cronos nazionale Caratteristiche della casistica AIFAUVA Geriatria Ferrara N° pazienti5.462 Età media, anni76 F/M2,2 MMSE medio18,2 ADL medio4,8 IADL medio4 Patologie concomitanti 17% N° pazienti437 Età media, anni78,8 F/M1,97 MMSE medio20,39 ADL medio4,9 IADL medio10,9 Patologie concomitanti 42,5%

15 MMSE nella popolazione non trattata (free-living) Peggioramento di 2-4 punti/anno (Honing e Mayeux, 2001) Peggioramento di 2,5-3,5 punti/anno (Salmon, 1990) Peggioramento medio di 3,7 punti/anno (Doody, 2001)

16

17

18

19

20

21

22 CONCLUSIONI ANTICOLINESTERASICI: Effetto sintomaticoEffetto sintomatico: RCT, prime fasi della malattia Effetto neuroprotettivoEffetto neuroprotettivo: clinical practice a lungo termine, rallentamento dellevoluzione della malattia

23 Problema della definizione degli obiettivi raggiungibili (target) It is important for patients and caregivers to understand that they should not expect increasing improvements over the long term, but rather the aim is to mantain the patients status at a manageable level, and for patients to continue to be themselves Bullock 2005

24 Centro Esperto Demenze Terapie specifiche farmacologiche Gestione complicanze mediche mediche Accuratezza diagnostica diagnostica Counsellingfamigliare Terapia delle manifestazionicomportamentali Regolarità dei controlli Riabilitazionecognitiva?


Scaricare ppt "Il Centro Esperto Demenze dellU.O. di Geriatria a Ferrara: dati di attività e outcome terapeutici A. Zurlo°, C. Vavalle°, F. Guerzoni*, V. Guerra* ° U.O."

Presentazioni simili


Annunci Google