La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Martina Franca 26 Novembre 2011 Area Uro-Andrologia Società Italiana Interdisciplinare Cure Primarie Responsabile Nazionale Ciro Niro San Severo - Fg.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Martina Franca 26 Novembre 2011 Area Uro-Andrologia Società Italiana Interdisciplinare Cure Primarie Responsabile Nazionale Ciro Niro San Severo - Fg."— Transcript della presentazione:

1 Martina Franca 26 Novembre 2011 Area Uro-Andrologia Società Italiana Interdisciplinare Cure Primarie Responsabile Nazionale Ciro Niro San Severo - Fg

2

3 RCT multicentrico Totali partecipanti 556 Età > 54 aa – LUTS/IPB 280 = randomizzati gruppo chirurgia (TURP) 276 = gruppo VA LUTS = Ss moderato(10-20) QoL grado di fastidiosità dei sintomi= intermedio (circa 60) FU di 5 anni

4 1. Fallimento terapeutico (morte, ritenzione urinaria acuta, RPM > 150 ml, sviluppo di calcolosi vescicale, incontinenza urinaria persistente, peggioramento dello score sintomatologico, raddoppio valori cretininemia) a.26% braccio VA b.10% braccio Turp 2. Crossover a.34% braccio VA passa alla Turp Eventi avversi

5 QoL unico fattore indipendente per il crossover a chirurgia maggior impatto maggior crossover

6 397 uomini – osservazionale longitudinale I-PSS < 8 (lieve) a.84% peggioramento dei sintomi nel corso dei 4 anni b.31% significativa progressione (aumento IPSS > 3 e sviluppo di LUTS moderati-severi) Urology, 64: 1144–1148, 2004.

7 Metodologia GRADE Raccomandazioni definiscono la gerarchia delle opzioni terapeutiche disponibili Raccomandazioni L opzione terapeutica raccomandata Positiva forte Un opzione terapeutica che può essere presa in considerazione Positiva debole Unopzione terapeutica da limitare a casi selezionati Negativa debole Unopzione terapeutica che non dovrebbe essere presa in considerazione come trattamento Negativa forte definisce il trattamento in esame come opzione terapeutica da evitare (causa rapporto beneficio/rischio sfavorevole o assenza di evidenze sperimentali)

8 La Vigile Attesa è una opzione terapeutica che non dovrebbe essere considerata come trattamento per migliorare i parametri soggettivi ed oggettivi nei pazienti con LUTS/IPB ed impatto sulla qualità di vita (IPSS-Q8 4) La Vigile Attesa è una opzione terapeutica che non dovrebbe essere considerata come trattamento per migliorare i parametri soggettivi ed oggettivi nei pazienti con LUTS/IPB ed impatto sulla qualità di vita (IPSS-Q8 4)

9 RCT multicentrico Totali pazienti arruolati 140 i.Età media= 63 aa ii.73= vigile attesa e modifiche stili di vita (SC + SM) iii.67= esclusiva Vigile Attesa iv.LUTS/IPB = I-PSS moderato-severo (8-35) - non complicati v.BPHii = 5.4 (VA+SM) vs 4.6 (VA) vi.IPSS-Q8= 4 (VA+SM) vs 3.3 (VA) vii.Follow up = 12 mesi

10 Tre componenti essenziali 1.educazione – rassicurazione 2.modifiche di stile di vita 3.interventi comportamentali minzionali

11

12

13 Jonathan et al Am Fam Physician 2008

14 A 12 mesi A. Failure Aumento > 3 punti IPSS 30% circa: 17/59 self management 72% circa: 40/56 standard care RAU e ricorso a t. medica o chirurgica 31% per il SM 79% per sola VA RRR - riduzione del rischio relativo del SM 61% (ss)

15 B. QoL significativamente migliorata nel SM vs VA IPSS-Q8 (2.6 vs 3.1): 0,5 (Ss) BPHii (3.0 vs 4.3): 1,3 (Ss) C. I-PSS migliorato nel SM in modo statisticamente significativo (sia rispetto al basale sia alla sola VA) 6,3

16 … The precise role of lifestyle advice in conferring benefit seen in the studies reported to date remains uncertain. Minor changes in lifestyle and behaviour can have a beneficial effect on symptoms and may prevent deterioration requiring medical or surgical treatment. Lifestyle advice can be obtained through informal and formal routes

17 .. la vigile attesa rappresenta unopzione terapeutica accettabile per i pazienti con sintomi lievi, moderati o anche gravi, finché questi non pregiudicano la qualità di vita o finché non insorge una delle indicazioni imperative alla chirurgia (principalmente dilatazione delle alte vie urinarie e/o aumento della creatinina)

18 Raccomandazioni L opzione terapeutica raccomandata Positiva forte Un opzione terapeutica che può essere presa in considerazione Positiva debole Unopzione terapeutica da limitare a casi selezionati Negativa debole Unopzione terapeutica che non dovrebbe essere presa in considerazione come trattamento Negativa forte Metodologia GRADE Raccomandazioni definiscono la gerarchia delle opzioni terapeutiche disponibili indica la possibilità di considerare come prima opzione la strategia terapeutica analizzata, consapevoli però di avere a disposizione alternative

19 I cambiamenti di stile di vita sono unopzione terapeutica che può essere presa in considerazione per migliorare i parametri soggettivi ed oggettivi nei pazienti con LUTS/IPB ed impatto sulla qualità di vita (IPSSQ84)

20 Emberton M. et al Eur Urol suppl 2006;

21 …However, the recommendations universally incorporate patient education and shared decision making - IDM and SDM Modif. da Am Fam Physician. 2008;78(12):


Scaricare ppt "Martina Franca 26 Novembre 2011 Area Uro-Andrologia Società Italiana Interdisciplinare Cure Primarie Responsabile Nazionale Ciro Niro San Severo - Fg."

Presentazioni simili


Annunci Google