La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Supporto allattività didattica Il patto formativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Supporto allattività didattica Il patto formativo."— Transcript della presentazione:

1 Supporto allattività didattica Il patto formativo

2 Le finalità e gli obiettivi contenuti nel documento di progetto del Piano per la diffusione delle LIM sono di carattere generale. Nel pianificare lattività di Supporto allattività didattica, il tutor dovrebbe declinare le indicazioni di progetto in funzione dei bisogni specifici e degli interessi dei propri corsisti. Le finalità generali del Piano e i bisogni specifici dei corsisti Formazione LIM

3 Coinvolgere i corsisti nella scrittura di un patto formativo per lazione di Supporto può essere loccasione per: identificare e condividere bisogni ed aspettative chiarire ai corsisti ruolo e funzione del tutor in questa fase della formazione negoziare con i corsisti obiettivi specifici che non risultino troppo astratti programmare le attività da svolgere affinché risultino sostenibili e significative per tutor e corsisti condividere procedure e strumenti di lavoro che rendano possibile la partecipazione di tutti i corsisti Il patto formativo Formazione LIM

4 Patto è proposto come strumento per organizzare il processo di negoziazione tra tutor e corsisti sul percorso formativo della fase di Supporto. Non è un contratto, né un adempimento formale, ma la sceneggiatura per costruire un accordo sul percorso e un orizzonte di significati condivisi tra i membri del gruppo di lavoro. Il patto formativo come strumento di negoziazione Formazione LIM

5 La costruzione del Patto Formativo è un processo nel quale i corsisti dovrebbero essere coinvolti come soggetti attivi. Nel proporre il lavoro, il tutor può trovarsi di fronte alla necessità di motivarli proponendo lattività come parte integrante dellazione di formazione. Sarebbe preferibile che il tutor organizzasse l'attività nell'arco di un tempo breve (ad esempio, 7/10 giorni) e, se possibile, utilizzando il gruppo di lavoro Edulab (forum, mailing list, wiki) per riservare il tempo degli incontri in presenza all uso della LIM: ossia alla risoluzione di problemi con la tecnologia, alla sperimentazione delle risorse, confronto sulla progettazione e sui materiali didattici etc... Il processo di scrittura del patto Alcune raccomandazioni Formazione LIM

6 Il processo di negoziazione tra tutor e corsisti può essere organizzato prevedendo: 1.una fase rilevazione dei bisogni 2.un momento di restituzione condivisa degli esiti della rilevazione 3.la redazione e sottoscrizione del patto vero e proprio. Il processo di scrittura del patto: unipotesi di lavoro Formazione LIM

7 Nella fase di preparazione alla scrittura del patto sarebbe opportuno coinvolgere i corsisti in attività di 1. valutazione sugli esiti della Formazione metodologica 2. autovalutazione delle competenze acquisite nella prima fase 3. aspettative relative alla fase di Supporto La rilevazione può essere indirizzata: al singolo corsista, ad esempio attraverso linvio via posta elettronica di una scheda a tutto il gruppo dei corsisti, ad esempio predisponendo dei thread tematici nel forum Edulab oppure proponendo unattività di brainstorming nel laboratorio sincrono ad alcuni sottogruppi nel caso siano già facilmente identificabili ad esempio, docenti dello stesso consiglio di classe, gruppi con interessi specifici, gruppi con diverso livello di competenze in ingresso. Rilevazione dei bisogni e delle aspettative Formazione LIM

8 Rilevazione dei bisogni e delle aspettative: un modello di scheda Formazione LIM Considerazioni sugli esiti della fase di formazione metodologica Quali sono gli obiettivi che pensi di aver raggiunto nella I fase di formazione? Quali obiettivi ti saresti aspettato di raggiungere ? Quali sono state le principali criticità incontrate nella formazione? Autovalutazione delle competenze Come autovalutaresti le tue competenze relativamente all'uso della LIM? Come autovalutaresti le tue competenze relativamente alla progettazione e realizzazione di attività didattiche con la LIM? Aspettative relative alla fase di Supporto all'attività didattica Cosa ti aspetti dalla fase di Supporto all'attività didattica? Quali sono gli obiettivi vorresti raggiungere in questa fase? Cosa ti aspetti dal tutor? Modello di scheda

9 Restituzione e condivisione degli esiti della rilevazione Formazione LIM La presentazione sintetica delle considerazioni relative alla prima fase e delle aspettative relative alla seconda può costituire unoccasione per stilare con i corsisti una bozza di Patto formativo. La restituzione, che ha come funzione principale supportare il dialogo tra il tutor e i corsisti, può essere organizzata, ad esempio, per domande-chiave da utilizzare in un incontro sincrono o nel forum di Edulab. Contestualmente alla presentazione degli esiti, il tutor può proporre ai corsisti alcune soluzioni ai problemi incontrati nella prima fase, le proposte di lavoro per la seconda fase e alcune ipotesi per lorganizzazione del percorso. Potrà risultare utile che, in questa fase, il tutor inviti i corsisti ad esprimersi, in tempi brevi, su: la chiarezza delle proposte di lavoro e degli obiettivi la sostenibilità del percorso in relazione agli impegni professionali e al livello di familiarizzazione con la tecnologia

10 Il patto formativo. Il documento Formazione LIM Il tutor, accogliendo le osservazioni dei corsisti sugli obiettivi e il percorso di lavoro proposto, condivide con i corsisti il Patto formativo. Il tutor propone il documento del Patto nella modalità che ritiene più congeniale ai bisogni e agli stili dei corsisti: in forma discorsiva, come presentazione, mappa, etc Vi proponiamo un modello ed una esemplificazione Modello di patto formativo Esempio di patto formativo

11 Il patto formativo. Destinatari Formazione LIM Poiché la rilevazione e la negoziazione di obiettivi e procedure potrebbe far emergere, tra i corsisti, bisogni formativi e organizzativi diversificati, potrà essere utile diversificare anche i patti formativi in funzione dei destinatari. I Patti formativi, dunque, possono avere come destinatari tutti i corsisti o anche sottogruppi organizzati ad esempio sulla base della sede di servizio, sul consiglio di classe, su interessi comuni o su livelli di familiarizzazione con la tecnologia.

12 Il patto formativo. Revisioni Formazione LIM Il Patto formativo dovrebbe servire, durante lazione di Supporto, a rendere chiari gli obiettivi e le fasi del percorso condiviso. Potrà essere utile verificare periodicamente con i corsisti lefficacia e la sostenibilità del percorso invitandoli ad una revisione in itinere del Patto.

13


Scaricare ppt "Supporto allattività didattica Il patto formativo."

Presentazioni simili


Annunci Google