La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LAPPRENDIMENTO È il passaggio dal non saper fare al saper fare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LAPPRENDIMENTO È il passaggio dal non saper fare al saper fare."— Transcript della presentazione:

1 LAPPRENDIMENTO È il passaggio dal non saper fare al saper fare

2 Che cosa ci deve essere perché ci sia apprendimento? Un individuo Un ambiente che interagiscono

3 Ci sono vari tipi di APPRENDIMENTO: IL CONDIZIONAMENTO CLASSICO IL CONDIZIONAMENTO OPERANTE LAPPRENDIMENTO COGNITIVO LAPPRENDIMENTO SOCIALE

4 CONDIZIONAMENTO CLASSICO Studiato dalla scuola della riflessologia russa da Pavlov, fisiologo russo Compì studi sulle ghiandole salivari dei cani per conoscerne il funzionamento e vedere quanto succo produce una ghiandola. Sottoponeva i cani a interventi chirurgici con i quali deviava il succo della ghiandola allesterno tramite fistole salivari, in modo da poterlo raccogliere. I cani venivano messi in torri del silenzio luoghi isolati e silenziosi. Mentre studiava il funzionamento delle ghiandole iniziò ad interessarsi ai RIFLESSI CONDIZIONATI Grazie al condizionamento classico un organismo riesce ad estendere il numero di stimoli in risposta ai quali attua un dato comportamento.

5 Quando il cane ha il cibo in bocca, in risposta cè la salivazione - RISPOSTA INCONDIZIONATA. = STIMOLO INCONDIZIONATO. Pavlov notò che i cibi possono scatenare la salivazione nei cani non solo quando vengono posti in bocca, ma anche quando lanimale li vede o annusa = STIMOLAZIONE A DISTANZA. I cani salivavano anche quando linserviente che di solito portava loro il cibo si avvicinava, ne udivano i passi e producavano saliva - SALIVAZIONE PSICHICA. = RIFLESSO CONDIZIONATO. Aggiunse il suono di un campanello - STIMOLO NEUTRO, che produceva nellanimale attenzione e orientazione. Quando il suono veniva sistematicamente accoppiato al cibo in bocca, smetteva di essere neutro -STIMOLO CONDIZIONATO. Al solo suono del campanello seguiva, dopo un certo periodo, la salivazione = RISPOSTA CONDIZIONATA.

6 CONDIZIONAMENTO OPERANTE Thorndike, psicologo, voleva capire il funzionamento della mente I soggetti sperimentali (pulcini, cani e gatti) erano più liberi e potevano esibire una varietà di comportamenti. I soggetti (animali) avevano un certo controllo o influenza sulla somministrazione dei rinforzi, per questo si parla di CONDIZIONAMENTO OPERANTE o STRUMENTALE, perché in questo caso i soggetti tengono comportamenti finalizzati a certi risultati, quindi devono OPERARE. Richiudeva gli animali in gabbie chiuse da particolari congegni di apertura, dalle quali dovevano cercare di uscire. Lanimale poteva uscire solo se indovinava lazione da compiere per far scattare lapertura (puzzle box= gabbie rompicapo). Condusse osservazioni sistematiche su come labilità di fuga dalle gabbie era influenzata dallesperienza.

7 Costruì delle CURVE DI APPRENDIMENTO, indicando il tempo che occorreva ad un animale per uscire. Lanimale procede, secondo Thorndiker, per tentativi ed errori. LA LEGGE DELLEFFETTO = un atto che ha conseguenze soddisfacenti acquista maggiori probablità di essere ripetuto, mentre uno che dà effetti insoddisfacenti ha minori probabilità di ripetersi. Skinner, psicologo americano, studiò la scienza del comportamento. I soggetti sperimentati erano ratti e piccioni Utilizzava le gabbie dette skinner box, che contenevano SISTEMI PROGRAMMATI DI RINFORZO. Se lanimale compiva una determinata azione, riceveva un rinforzo. I rinforzi erano di due tipi: RINFORZO POSITIVO (gli davano del cibo= STIMOLO PRESENTE), RINFORZO NEGATIVO (veniva tolto allanimale qualcosa di spiacevole, scossa, rumore = STIMOLO ASSENTE). LEGGE DELLACQUISIZIONE = la forza di un comportamento operante aumenta tutte le volte che il comportamento è seguito dalla presentazione o dalla scomparsa di uno stimolo rafforzante.

8 Skinner programmò una serie di PROGRAMMI DI RINFORZO: 1.BASATI SUL TEMPO rinforzo continuo o costante= il rinforzo viene dato a intervallo regolare di tempo. Il condizionamento dura meno nel tempo; Rinforzo a intervallo variabile= il tempo che intercorre tra un rinforzo e laltro varia notevolmente. I comportamenti condizionati così sono tra i più difficili da estinguere; 2.BASATI SUL NUMERO DELLE AZIONI Rinforzo a ragione fissa= il rinforzo viene dato solo dopo che lanimale ha eseguito un numero prestabilito di comportamenti a vuoto. Ci sarà un apprendimento più rapido e marcato; Rinforzo a ragione variabile= il rinforzo viene somministrato dopo un numero di comportamenti a vuoto che varia da una volta allaltra. E il più efficace dei quattro: non sapendo quando arriva il rinforzo lanimale è sempre attento e pronto.

9 Secondo Skinner i RINFORZI sono più efficaci della PUNIZIONI LE PUNIZIONI: affinché siano efficaci devono avere i caratteri della: 1.Tempestività: devono essere somministrate subito dopo il comportamento errato. 2.Intensità: devono avere una intensità adeguata al comportamento da correggere. 3.Coerenza: devono essere somministrate sepre quando si compie un dato errore. 4.Frequenza: devono avere una frequenza appropriata.

10 ABITUAZIONE TRA LE FORME PIU SEMPLICI ED ELEMENTARI DI APPRENDIMENTO È la progressiva riduzione della risposta al ripetersi dello stimolo. Con il tempo lo stimolo ci diventa indifferente. È quando ci abituiamo ad uno STIMOLO e impariamo a non reagire a STIMOLI IRRILEVANTI.

11 SENSIBILIZZAZIONE TRA LE FORME PIU SEMPLICI ED ELEMENTARI DI APPRENDIMENTO È laumento di reattività generica (stato di allerta) prodotta dalla ABITUAZIONE a determinati stimoli. La risposta che dà lorganismo sensibilizzato è superiore a quella che dava inizialmente, prima di abituarsi.

12 APPRENDIMENTO COGNITIVO Si suddivide in: 1.Assunzione di contenuti mentali: evitamento, apprendimento latente, apprendimento ad apprendere. 2.Insight (intuito)

13 ASSUNZIONE DI CONTENUTI MENTALI Lesperienza fa assumere al soggetto uninformazione, un contenuto mentale, una conoscenza, che non va a modificare direttamente il comportamento. Si conoscono tre tipologie di assunzione di contenuti mentali: - evitamento, - apprendimento latente, - apprendimento ad apprendere.

14 APPRENDIMENTO LATENTE Sono i casi in cui APPRENDIMENTO e PRESTAZIONE non coincidono. La prestazione è differita nel tempo rispetto allapprendimento, cioè imparo qualcosa ma lo metto in atto più tardi (perché è impedito, im possibilitato ad agire, non è motivato, o non ha ragione di agire). Fu studiato impiegando i labirinti: da Hunter.

15 EVITAMENTO Quando si acquisiscono conoscenze sulla situazione che consentono di pilotare le proprie esperienze future in quel posto. Fu sperimentata con la gabbia di Miller- Mowrer, dove lanimale per evitare lo schock (elettrico) si regola intelligentemente.

16 APPRENDIMENTO AD APPRENDERE Quando si apprende uno strumentario concettuale che ci serve per apprendere: learning set. Harlow, sperimentò sulle scimmie. Se lanimale si impossessa dei principi utili per imparare a fare la discriminazione che gli interessa, ha acquistato uno strumentario concettuale.

17 INSIGHT= INTUITO Indica un processo in cui compare un improvviso atto intelligente a sbloccare la situazione. Studiato da Kohler: 1.il soggetto sperimentale deve trovarsi alle prese con una difficoltà 2.il problema da risolvere deve trovarsi in una fascia adeguata di difficoltà 3.il soggetto deve poter conoscere gli elementi della situazione utili per risolvere il problema.

18 1. Latto intelligente è composto da una sequenza di azioni che portano alla meta, compiute come una sola sequenza. 2. Latto intelligente si stacca nettamente dal resto dei comportamenti. 3. Latto intelligente tende a essere ripetuto e trasferito.

19 APPRENDIMENTO SOCIALE E il processo con cui un soggetto impara dagli altri e rapidamente acquisisce comportamenti nuovi. E diviso in : imitazione, tradizione.

20 IMITAZIONE Questo tipo di apprendimento è comune nella vita quotidiana siua degli animali che degli esseri umani. Studiata da Bandura: Apprendimento osservativo e vicariante. 1. Laltro fa da modello: il soggetto acquisisce determinate abilità osservandole nellaltro. 2. Il modello fa da rinforzo: quando un soggetto osserva un altro viene spinto/condizionato a copiarlo. Rinforzo vicario: se il modello occupa una posizione importante, ciò ci spinge a imitarlo. Autorinforzo: se un soggetto vede un altro che compie unazione è portato a pensare che quellazione è lecita e utile, il rinforzo viene dallinterno del soggetto stesso.

21 TRADIZIONE Si tratta di modi di fare diffusi in seno a una popolazione e riconosciuti come utili. Possono essere codificati, ordinati e raccolti in modo da tramandarli. Esistono anche modi già programmeti per trasferirli: luoghi di riunione, momenti stabiliti, attività caratteristiche da imitare, sistemi di comunicazione. Esso tende a passare da una generazione allaltra e divenire duraturo nella storia di una comunità.

22 APPRENDIMENTO


Scaricare ppt "LAPPRENDIMENTO È il passaggio dal non saper fare al saper fare."

Presentazioni simili


Annunci Google