La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 WAI - W omen A mbassadors in I taly Donne, lavoro e imprese Firenze, 20 gennaio 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 WAI - W omen A mbassadors in I taly Donne, lavoro e imprese Firenze, 20 gennaio 2011."— Transcript della presentazione:

1 1 WAI - W omen A mbassadors in I taly Donne, lavoro e imprese Firenze, 20 gennaio 2011

2 2 ITALIA 2020 Programma di azioni per linclusione delle donne nel mercato del lavoro ( 1 DICEMBRE 2009)

3 3 1. Loccupazione come misura della identità di un Paese Landamento della occupazione femminile costituisce, soprattutto in un Paese come lItalia, il parametro più efficace per comprendere e misurare la doppia valenza, non solo economica ma anche sociale, della modernizzazione del mercato del lavoro e, più in generale, del nostro modello sociale nellottica della società attiva.

4 4 2. Occupazione: presupposto oppure ostacolo alle scelte della vita? Solo sostenendo loccupabilità delle persone, ladattabilità di lavoratori e imprese, lauto-imprenditorialità avremo mercati del lavoro aperti e inclusivi e una più effettiva parità di opportunità tra uomini e donne. Così come solo sostenendo adeguatamente la famiglia e, allinterno di essa, la donna potremo avere maggiore prosperità e sviluppo e con esso maggiore inclusione e giustizia sociale.

5 5 Le cinque priorità di Europa 2020 il 75% delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni deve avere un lavoro; il 3% del PIL dellUE deve essere investito in ricerca e sviluppo (R&S); i traguardi 20/20/20 in materia di clima/energia devono essere raggiunti; il tasso di abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% e almeno il 40% dei giovani deve avere una laurea o un diploma; 20 milioni di persone in meno devono essere a rischio povertà.

6 6 Occupazione: target di Lisbona 75%. Dati Eurostat 2009 Totale Femmine Maschi Europa a 27 69,162,575,8 Italia61,749,773,8 Germania 74,869,879,7 Francia69,665,174,2 Stati Uniti 71,366,576,3

7 7 Aree TotaleFemmineMaschi Nord66,157,075,1 Centro62,553,371,9 Mezzogior no 45,030,759,6 Italia57,946,969,0 Tassi di occupazione per genere e per circoscrizione geografica. Fonte Istat 2009

8 8 Si legge in Italia 2020 Il ritardo rispetto allEuropa e ai benchmark di Lisbona è attribuibile per intero ai modesti tassi di occupazione femminile nelle Regioni del Mezzogiorno che, infatti, si colloca sui livelli più bassi di tutti i restanti Paesi dellUnione. Le problematiche della occupazione femminile nel nostro Paese sono, dunque, largamente imputabili ai persistenti differenziali tra Nord e Sud rispetto alla domanda di lavoro e alle reali opportunità occupazionali offerte dalle economie locali.

9 9 Occupabilità delle persone Adattabilità di lavoratori e imprese Auto-imprenditorialità Politiche di sviluppo nei territori con maggior divario di sviluppo (Regioni convergenza, Regioni competitività) Conciliare tempi di lavoro e di vita Politiche nazionali condivise con i territori

10 10 Fondi strutturali per lItalia Convergenza ( Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Phasing out statistico (Basilicata) Totale Competitività regionale e occupazione Phasing in (Sardegna) Tutte le rimanenti Regioni e P. A. Totale Cooperazione territoriale europea Totale Italia

11 11 Priorità strategiche Miglioramento delle risorse umane 2.Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dellinnovazione per la competitività 3.Energia e ambiente: uso sostenibile ed efficiente delle risorse per lo sviluppo 4.Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita 5.Valorizzazione delle risorse naturali e culturali 6.Reti e collegamenti per la mobilità 7.Competitività dei sistemi produttivi e occupazione 8.Competitività e attrattività delle città 9.Apertura internazionale e attrazione degli investimenti 10.Governance e capacità istituzionali

12 12 Il 3% del PIL dellUE deve essere investito in ricerca e sviluppo (R&S) Priorità 2. Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dellinnovazione per la competitività. Nellambito delle politiche volte a valorizzare il capitale umano per favorire i processi di ricerca e innovazione le strategie e gli interventi messi in atto dovranno aumentare la dimensione della componente femminile dei laureati in discipline tecnico-scientifiche con lobiettivo di aumentare loccupazione femminile e ridurre il divario esistente tra donne e uomini in queste aree professionali. In questo ambito le strategie e gli interventi dovranno essere rivolti a ridurre i fenomeni di segregazione verticale che impediscono alle donne di raggiungere posizioni apicali e configurano una vera e propria situazione di sottorappresentazione femminile in ruoli e livelli di responsabilità.

13 13 Il tasso di abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% e almeno il 40% dei giovani deve avere una laurea o un diploma Priorità 1. Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane migliorare lorientamento degli individui nella scelta dei percorsi favorire lintegrazione tra orientamento allo studio e al lavoro, affinché la scelta dei percorsi formativi avvenga sulla base della conoscenza dei dati relativi alle prospettive occupazionali promuovere azioni di incentivazione dellaccesso a percorsi di istruzione e formazione scientifica e tecnologica, con attenzione alla partecipazione femminile

14 14 20 milioni di persone in meno devono essere a rischio povertà. Il Quadro strategico nazionale (QSN) mette in evidenza la declinazione al femminile della povertà, soprattutto se si considera che, nel 2004, l83,8 per cento degli anziani soli poveri sono donne e che l83,2 per cento dei genitori soli poveri sono madri. Le percentuali più elevate si riscontrano nelle regioni meridionali (26 per cento contro 5,3 per cento e l8,8 per cento rispettivamente delle regioni settentrionali e del centro).

15 15 Loccupazione che favorisce le scelte di vita Intesa sui criteri di ripartizione delle risorse, le finalità, le modalità attuative nonché il monitoraggio del sistema di interventi per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Atto n.26/CU del 29 aprile 2010

16 16 Le risorse destinate dallart. 1, lettera a) del Decreto del Ministro per le Pari Opportunità del 12 maggio 2009 sono pari a Euro e sono finalizzate a rafforzare la disponibilità dei servizi e/o degli interventi di cura alla persona per favorire la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro nonché a potenziare i supporti finalizzati a consentire alle donne la permanenza, o il rientro, nel Mercato del Lavoro:

17 17 a) nidi, nidi famiglia, servizi e interventi similari (mamme di giorno, educatrici familiari o domiciliari, ecc.) b) facilitazione per il rientro al lavoro di lavoratrici che abbiano usufruito di congedo parentale o per motivi comunque legati ad esigenze di conciliazione

18 18 c) incentivi allacquisto di servizi di cura in forma di voucher/buono per i servizi offerti da strutture specializzate o buono lavoro per prestatori di servizio d) modalità di prestazione di lavoro e tipologie contrattuali facilitanti (o family friendly) come banca delle ore, telelavoro, part time, programmi locali dei tempi e degli orari, ecc.; e) altri eventuali interventi innovativi e sperimentali proposti dalle Regioni e dalle Province autonome

19 19 Abruzzo ,00 Emilia Romagna ,00 Friuli V.G ,00 Lazio ,00 Liguria ,00 Lombardia ,00 Marche ,00

20 20 Piemonte ,00 Puglia ,00 Sardegna Sicilia ,00 Toscana ,00 Umbria ,00 Valle d'Aosta92.720,00 Veneto , ,00

21 21 Finalità Regioni Finalità - a12 Finalità - b8 Finalità - c11 Finalità - d6 Finalità - e7

22 22

23 23

24 24 Alcune proposte regionali: Toscana a 1) offerta servizi educativi per la prima infanzia b 1) percorso formativo per il rientro al lavoro dopo lunghe assenze b 2) newsletter alle dipendenti assenti per maternità b 3) colloqui prima e dopo la maternità c 1) voucher di conciliazione c 2) sostegno al lavoro di cura delle donne d 1) promozione di modalità organizzative flessibili d 2) telelavoro e 1) cittadinanza del genere

25 25 Abruzzo c 1) Incentivi all'acquisto di servizi di cura in forma di voucher (voucher friendly) d 1) Modalità di lavoro flessibili (Family friendly)

26 26 Basilicata Studi e modellizzazione servizi per la conciliazione Calabria a 1) Creazione o implementazione di nidi per l'infanzia (giochiamo insieme) c 1) buoni per servizi per l'infanzia e per soggetti non autosufficienti

27 27 Emilia Romagna a 1) conciliazione tramite sostegno a servizi educativi per la prima infanzia b 1) orientamento professionale a donne adulte con metodologia retravailler e 1) progetti innovativi territoriali per l'armonizzazione di tempi di vita e di lavoro

28 28 Sul sito del Dipartimento Pari Opportunità sono pubblicati tutti i programmi attuativi presentati dalle Regioni e finanziati con le risorse dellIntesa conciliazione tempi di vita e di lavoro : Home page Sezione Focus

29 29 Concludendo: Le policy sulla conciliazione sono definite a livello nazionale con la concertazione con le Regioni: le risorse del DPO dedicate nel 2010 sono pari a 40 meuro Le risorse assegnate alle Regioni per le politiche di sviluppo sono pari a 25 miliardi di euro (contributo comunitario) cui si aggiunge un cofinanziamento nazionale equivalente


Scaricare ppt "1 WAI - W omen A mbassadors in I taly Donne, lavoro e imprese Firenze, 20 gennaio 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google