La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 FED E BCE, DUE ISTITUZIONI A CONFRONTO. ANALISI DELLA CRISI SUBPRIME. Tesi di laurea in Economia del Commercio Internazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 FED E BCE, DUE ISTITUZIONI A CONFRONTO. ANALISI DELLA CRISI SUBPRIME. Tesi di laurea in Economia del Commercio Internazionale."— Transcript della presentazione:

1 1 FED E BCE, DUE ISTITUZIONI A CONFRONTO. ANALISI DELLA CRISI SUBPRIME. Tesi di laurea in Economia del Commercio Internazionale

2 2 SOMMARIO 1) Confronto fra FED e BCE 1) Confronto fra FED e BCE Storico Storico Strutturale Strutturale Operativo Operativo 2) La crisi subprime 2) La crisi subprime Le cause Le cause La crisi La crisi 3) Gli interventi delle banche centrali 3) Gli interventi delle banche centrali Critiche alla FED Critiche alla FED Reazioni della FED Reazioni della FED Reazioni della BCE Reazioni della BCE

3 3 1) CONFRONTO FRA FED E BCE STORICO STORICO STRUTTURALE STRUTTURALE OPERATIVO OPERATIVO

4 4 1) CONFRONTO FRA FED E BCE STORICO STORICO FED nasce dopo lo stato, BCE prima FED nasce dopo lo stato, BCE prima FED istituita nel 1913, BCE nel 1998 FED istituita nel 1913, BCE nel 1998 FED frutto di conflitti e compromessi, BCE creata a tavolino FED frutto di conflitti e compromessi, BCE creata a tavolino

5 5 1) CONFRONTO FRA FED E BCE STRUTTURALE STRUTTURALE Contribuiscono allattuazione operativa delle misure di politica monetaria e assicurano il buon funzionamento del sistema dei pagamenti. Una per ciascun paese membro dellUME. 17 Banche Centrali Nazionali Facilitano i pagamenti, regolano e vigilano le banche, partecipano al FOMC. Presidenti nominati dal C.d.A. con il consiglio e consenso del Board. 12 Federal Reserve Banks PERIFERIA FUNZIONINOMINA N° MEMBRI ISTITUZIONERAPPRESENTA

6 6 1) CONFRONTO FRA FED E BCE STRUTTURALE STRUTTURALE Gestisce la politica monetaria sulla base degli indirizzi del Consiglio Direttivo; è parte del Consiglio. Membri nominati di comune accordo dai Capi di Stato o di Governo dei paesi dellUME. 6 Comitato Esecutivo Fissa il tasso di sconto, determina gli obblighi di riserva, partecipa al FOMC Membri nominati dal Presidente USA con il consiglio e consenso del Senato. 7 Board of Governors GOVERNO FEDERALE FUNZIONINOMINA N° MEMBRI ISTITUZIONERAPPRESENTA

7 7 1) CONFRONTO FRA FED E BCE STRUTTURALE STRUTTURALE Fissa limpostazione della politica monetaria Composto da 6 membri del Comitato Esecutivo + i governatori delle BCN 23 Consiglio Direttivo E lorgano preposto alla politica monetaria; determina il tasso sui Federal Funds attraverso operazioni di mercato aperto. Composta da 7 membri Board e 5 Presidenti Fed banks. 12 Federal Open Market Commetee POTERE MONETARIO FUNZIONINOMINA N° MEMBRI ISTITUZIONERAPPRESENTA

8 8 1) CONFRONTO FRA FED E BCE OPERATIVO OPERATIVO A) Le funzioni A) Le funzioni Differenze statutarie Differenze statutarie B) Lindipendenza B) Lindipendenza Istituzionale e la legittimazione democratica Istituzionale e la legittimazione democratica Personale Personale Finanziaria Finanziaria

9 9 2) LA CRISI SUBPRIME A) LE CAUSE A) LE CAUSE CARTOLARIZZAZIONE CARTOLARIZZAZIONE CREDIT SCORE CREDIT SCORE SUBPRIME SUBPRIME MERCATO IMMOBILIARE USA MERCATO IMMOBILIARE USA B) LA CRISI LE FASI INIZIALI CREDIT CRUNCH

10 10 A) LE CAUSE Cartolarizzazione: Cartolarizzazione: Operazione mediante la quale un insieme di diritti su attività illiquide (…) sono incorporati in uno strumento negoziabile.Operazione mediante la quale un insieme di diritti su attività illiquide (…) sono incorporati in uno strumento negoziabile. Collateralized Debt Obligation Collateralized Debt Obligation Svantaggio per gli investitori: Svantaggio per gli investitori: La cartolarizzazione è una cessione pro soluto, cioè non vi è garanzia della solvenza del debitore ceduto, i rischi gravano sui portatori dei titoli. Clausola limited recurse Clausola limited recurse

11 11 A) LE CAUSE Credit Score: Credit Score: Negli Stati Uniti un punteggio di credito è un valore che, basato su analisi statistiche delle esperienze di credito della persona, è usato per rappresentare il rischio di credito della persona stessa. I cinque fattori: I cinque fattori: Puntualità dei pagamenti (35%) Puntualità dei pagamenti (35%) Ammontare totale dei debiti (30%) Ammontare totale dei debiti (30%) Lunghezza della posizione debitoria (15%) Lunghezza della posizione debitoria (15%) Tipo di credito richiesto (10%) Tipo di credito richiesto (10%) Recenti richieste di credito accettate o respinte (10%) Recenti richieste di credito accettate o respinte (10%)

12 12 A) LE CAUSE Credit Score: Credit Score: Compreso fra 300 e 850 Compreso fra 300 e 850 Media USA 678 Media USA % popolazione < % popolazione < 620

13 13 A) LE CAUSE Subprime: Subprime: Credit Score < 620 Credit Score < 620 Tipi: Tipi: Carte di credito Carte di credito Mutui ipotecari nel 00 valevano circa 50 miliardi di $ Mutui ipotecari nel 00 valevano circa 50 miliardi di $ nel 07 valevano circa 1300 miliardi di $ nel 07 valevano circa 1300 miliardi di $ costituivano circa il 25% dei mutui casa costituivano circa il 25% dei mutui casa

14 14 A) LE CAUSE Mercato immobiliare USA: Mercato immobiliare USA: Grande sviluppo dalla fine anni 90 Grande sviluppo dalla fine anni 90 Cause principali: Cause principali: Investimento sicuro Investimento sicuro Scoppio bolla dot-com Scoppio bolla dot-com Bassi tassi dinteresse Bassi tassi dinteresse

15 15 A) LE CAUSE Mercato immobiliare USA: Mercato immobiliare USA:

16 16 B) LA CRISI Cause precedenti Cause precedenti Aumento prestiti rischiosi Aumento prestiti rischiosi Inglobati in CDO Inglobati in CDO Grande diffusione presso il pubblico Grande diffusione presso il pubblico Bassi tassi dinteresse Bassi tassi dinteresse Aumento prestiti Aumento prestiti Rialzo dei tassi Rialzo dei tassi Insolvenze Insolvenze Scoppio bolla speculativa immobiliare Scoppio bolla speculativa immobiliare CDO non valgono più niente!!!

17 17 B) LA CRISI CDO facilmente smobilizzabili e sicuri CDO facilmente smobilizzabili e sicuri Usati come riserva di liquidità e forma di garanzia per emissioni obbligazionarie Usati come riserva di liquidità e forma di garanzia per emissioni obbligazionarie CDO perdono valore Soci richiedono le quote Soci richiedono le quote Società vendono CDO Società vendono CDO non è sufficiente Si ricorre alle banche ma: Si ricorre alle banche ma: Basilea 2 Basilea 2 Posizioni debitorie preesistenti Posizioni debitorie preesistenti

18 18 B) LA CRISI Credit crunch: Credit crunch: letteralmente stretta del credito, ovvero una situazione in cui si ha un grande calo o un inasprimento delle condizioni dei prestiti. La crisi si estende dai possessori di CDO e derivati: La crisi si estende dai possessori di CDO e derivati: ai loro creditori ai loro creditori alle banche alle banche

19 19 3) GLI INTERVENTI DELLE BANCHE CENTRALI A) CRITICHE ALLA FED A) CRITICHE ALLA FED B) REAZIONI DELLA FED B) REAZIONI DELLA FED C) REAZIONI DELLA BCE C) REAZIONI DELLA BCE RELAZIONE TRA LIQUIDITA E INFLAZIONE RELAZIONE TRA LIQUIDITA E INFLAZIONE

20 20 A) CRITICHE ALLA FED Riduzione dei tassi dinteresse Riduzione dei tassi dinteresse Allentamento standard di credito Allentamento standard di credito Subprime Subprime CDO CDO Aumento improvviso dei tassi dinteresse Aumento improvviso dei tassi dinteresse 5,02 %2007 4,97 %2006 3,22 %2005 1,35 %2004 1,13 %2003 1,67 %2002 3,88 %2001 TASSOANNO

21 21 B) REAZIONI DELLA FED Pronti contro termine: Pronti contro termine: sono operazioni con le quali un venditore cede un certo numero di titoli (pronti) e si impegna, nello stesso momento, a riacquistarne uguale quantità a un prezzo e ad una data (termine) predeterminati. Ragioni: Ragioni: Mancanza di liquidità (aumento rischio CDO) Mancanza di liquidità (aumento rischio CDO) Carenza di riserve Carenza di riserve

22 22 B) REAZIONI DELLA FED Riduzione dei tassi ufficiali: Riduzione dei tassi ufficiali: Ragioni: Ragioni: Rate più basse Rate più basse Incentivo ad investire Incentivo ad investire - 0,5%3,00%31/1 - 0,75%3,50%22/01/ ,25%4,25%11/12 - 0,25%4,50%30/10 - 0,5%4,75%18/9 ---5,25%1/8 VARIAZIONEFED FUNDSDATA

23 23 C) REAZIONI DELLA BCE Solo iniezioni di liquidità Solo iniezioni di liquidità Ragione: Ragione: Statuto obbliga a mantenere la stabilità dei prezzi Statuto obbliga a mantenere la stabilità dei prezzi Art. 105 paragrafo 1 del Trattato: lobiettivo principale del SEBC è il mantenimento della stabilità dei prezzi

24 24 RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE Equilibrio nei mercati finanziari: Equilibrio nei mercati finanziari: M d = M s dove M d = $Y * L(i) - MdMd i qM MsMs i

25 25 RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE Equilibrio nei mercati finanziari: Equilibrio nei mercati finanziari: MdMd i qM i*i* MsMs

26 26 RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE Espansive Espansive Restrittive Restrittive Operazioni di mercato aperto Operazioni di mercato aperto MdMd i qM i1i1 i0i0 MsMs MdMd i i1i1 i0i0 MsMs

27 27 Inflazione Inflazione Teoria quantitativa della moneta: Teoria quantitativa della moneta: M d = P * Q M s = qM * v eguagliando M d con M s otteniamo: P * Q = qM * v e quindi P = ( qM * v / Q ) RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE

28 28 Inflazione Inflazione Ipotizzando che v e Q costanti Ipotizzando che v e Q costanti P e qM sono le uniche variabili P e qM sono le uniche variabili Per cui graficamente: RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE P qM π

29 29 Unendo equilibrio nei mercati con inflazione Unendo equilibrio nei mercati con inflazione RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE qM i P π MdMd MsMs i0i0 P0P

30 30 RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE Politica monetaria ESPANSIVA Politica monetaria ESPANSIVA qM i π MdMd MsMs i0i0 P0P0 i1i1 P1P

31 31 RELAZIONE TRA LIQUIDITA ED INFLAZIONE Politica monetaria RESTRITTIVA Politica monetaria RESTRITTIVA qM i P π MdMd MsMs i0i0 P0P0 i1i1 P1P

32 32CONCLUSIONI 1. Cresciuta per tentativi e compromessi 2. Nessun obiettivo principale 3. Sistema più centralizzato 4. Ampia legittimazione democratica Intervento IMPREVEDIBILE Intervento IMPREVEDIBILE Annunci poco efficaci MENO sicurezza e certezza MENO sicurezza e certezza Sistema checks and balances Sistema checks and balances Scarsa TEMPESTIVITA Scarsa TEMPESTIVITA 1. Nata da un progetto ben preciso 2. Obiettivo statutario 3. Gran numero di Veto players 4. Bassa legittimazione democratica Intervento PREVEDIBILE Intervento PREVEDIBILE Annunci efficaci PIU sicurezza e certezza Indipendenza istituzionale Indipendenza istituzionale Alta TEMPESTIVITA FEDBCE

33 33 FINE FINEFINEFINEFINEFINEFINEFINE


Scaricare ppt "1 FED E BCE, DUE ISTITUZIONI A CONFRONTO. ANALISI DELLA CRISI SUBPRIME. Tesi di laurea in Economia del Commercio Internazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google