La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MENINGITI Rappresentano una delle più frequenti emergenze in malattie infettive MORTALITÀ IN ERA PREANTIBIOTICA : S. pneumoniae:95-100 % H. influenzae:90-94.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MENINGITI Rappresentano una delle più frequenti emergenze in malattie infettive MORTALITÀ IN ERA PREANTIBIOTICA : S. pneumoniae:95-100 % H. influenzae:90-94."— Transcript della presentazione:

1 MENINGITI Rappresentano una delle più frequenti emergenze in malattie infettive MORTALITÀ IN ERA PREANTIBIOTICA : S. pneumoniae: % H. influenzae:90-94 % N. meningitidis:70-90 % IN ITALIA : 10% Gram neg: 21.4% S. pneumoniae: 14.8% L. monocytogenes: 14.3%

2 MENINGITI: espressione clinica ed anatomo-patologica di un processo infiammatorio a carico della leptomeninge, causato dallinvasione dello spazio pio-aracnoideo da parte di un microrganismo.

3

4 MENINGITE PURULENTA : la membrana aracnoidea copre lo spazio sottostante purulento : i vasi presentano fatti vasculitici e trombotici

5 MENINGITE PURULENTA : lessudato infiammatoprio copre gli emisferi corticali

6 MENINGITE PNEUMOCOCCICA ( reperto autoptico ) con interessamento della fossa media e posteriore; i vasi congesti sono circondati dal pus

7 CLASSIFICAZIONE DELLE MENINGITI LIQUOR TORBIDO BATTERICHE MICOTICHE LIQUOR LIMPIDO VIRALI MICOTICHE (criptococco) BATTERICHE (TB, lue, brucella, leptospira) PROTOZOARIE (toxoplasmosi)

8

9

10 CARATTERISTICHE DEL LIQUOR NELLE MENINGITI BATTERICHE

11

12 PATOGENESI: VIA DI DIFFUSIONE –Ematica: la via più frequentemente seguita –Contiguità: 1) Passaggio dalla mucosa oro-rino-faringea, attraverso la lamina cribrosa delletmoide 2) Pregresse fratture mal consolidate della scatola cranica o infezioni otomastoidee 3) Malformazioni dello speco vertebrale, meningocele 4) Manovre diagnostiche o terapeutiche 5) Deficit di IgA a livello delle mucose respiratorie –Neuronale: mediante le guaine del nervo olfattorio

13 Patogenesi dellinfezione meningococcica Colonizzazione naso-faringea Invasione epiteliale Invasione ematica Ulteriore disseminazione Tessuti cerebro- spinali Sangue Barriera epiteliale cellulare Muco

14 SEGNI E SINTOMI INIZIALI IN PAZIENTI CON MENINGITE BATTERICA (Mandell, Douglas and Bennetts, 2000)

15 SEGNI MENINGEI POSIZIONE A CANE DI FUCILE: decubito later, capo iperesteso, dorso curvo in avanti, muscoli addominali contratti, coscie flesse, gambe flesse OPISTOTONO TOTALE: tronco iperesteso RIGOR NUCALE SEGNO DEL TRIPODE (AMOSS): impossibilità di alzarsi senza appoggiarsi con le mani SEGNO DI BRUDZINSKI: flessione arti inf accentuata da flessione nuca e dal sollevamento passivo del tronco (KERNIG) SEGNO CONTROLAT DI BRUDZINSKI: flessione pass di arto inf provoca movimento analogo controlat La torsione del capo provoca sollevamento della spalla. Nei casi peggiori, estensione arti controlat e flessione degli omolat (segno di MAGNUS-DE KLEIN).

16 SEPSI MENINGOCOCCICA : porpora con petecchie ed ecchimosi

17 MENINGITE MENINGOCOCCICA ( reperto autoptico ) ad andamento fulminante con congestione dei vasi e piccole emorragie perivascolari senza evidente meningite

18

19 ETIOLOGY OF BACTERIAL MENINGITIS IN UNITED STATES (Mandell, Douglas and Bennetts, 2000)

20

21 MENINGITIS Pyogenic Meningitis: Microbiology (N Engl Med J 1993; 328: 21)

22 COMMON BACTERIAL PATHOGENS BASED ON PREDISPOSING FACTORS IN PATIENTS WITH MENINGITIS (Mandell, Douglas and Bennetts, 2000)

23 CASI DI MENINGITE IN ITALIA (Bollettino Epidemiologico Nazionale) 1994: 603 CASI1999: 1029 CASI EZIOLOGIA : - S. pneumoniae: 32% - N. meningitidis: 29%(70% sierogr. B; 19% sierogr. C) - H. influenzae tipo b: 18% - Eziologia ignota: 20% Meningite da N. meningitidis: 4.7/milione di abitanti/anno (tra i valori più bassi in Europa) Meningite da S. pneumoniae: 5.1/milione di abitanti/anno. Sierogruppi più frequenti: 14 e 23; il 96% dei sierogruppi identificati incluso nei vaccini polisaccaridici. Meningite da H. influenzae: 1.3/milione di abitanti/anno (incidenza più elevata che in altri paesi europei). Tipo b nel 98% dei casi. ETA: meningite da H. influenzae in bambini da 0 a 4 aa nell85% dei casi; meningite da N. meningitidis in bambini da 0 a 4 aa nel 31% dei casi e da 15 a 19 aa nel 15% dei casi; meningite da S. pneumoniae in età >65 aa nel 29% dei casi.

24 CASI DI MENINGITE IN ITALIA (Bollettino Epidemiologico Nazionale)

25 ASPETTI DA CONSIDERARE NELLA TERAPIA DELLE MENINGITI CRITERI DI SCELTA DELLA TERAPIA: EZIOLOGIA (in rapporto alletà e fattori di rischio) RESISTENZE LOCALI CARATTERISTICHE DELLANTIBIOTICO (diffusibilità nel CSF, attività battericida/statica, effetti collaterali) TERAPIA EMPIRICA E MIRATA CONSIGLIATE POSOLOGIE PRECOCITA DELLINTERVENTO INDICAZIONI ALLUTILIZZO DEI CORTICOSTEROIDI

26 PREVENZIONE MENINGITE MENINGOCOCCICA: CHEMIOPROFILASSI: RIFAMPICINA 600 gx2/die per 2 gg (se contatti stretti nei 10 gg precedenti linizio dei sintomi) VACCINO: A+C+Y+W135 sc o im MENINGITE PNEUMOCOCCICA: VACCINO con 23 sierogruppi im SD MENINGITE DA HAEMOPHILUS: VACCINO da fare dallVIIIa sett di vita (3 dosi) Profilassi con rifampicina in bambini contatti non vaccinati


Scaricare ppt "MENINGITI Rappresentano una delle più frequenti emergenze in malattie infettive MORTALITÀ IN ERA PREANTIBIOTICA : S. pneumoniae:95-100 % H. influenzae:90-94."

Presentazioni simili


Annunci Google