La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La patologia artrosica nellanziano Dott. Luciano Terranova U.O.A. GERIATRIA ULSS 20 Direttore Armando Luzi Crivellini.

Copie: 1
Linvecchiamento è un processo conseguente ad una perdita progressiva delle riserve organiche e funzionali della maggior parte degli apparati con compromissione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La patologia artrosica nellanziano Dott. Luciano Terranova U.O.A. GERIATRIA ULSS 20 Direttore Armando Luzi Crivellini."— Transcript della presentazione:

1 La patologia artrosica nellanziano Dott. Luciano Terranova U.O.A. GERIATRIA ULSS 20 Direttore Armando Luzi Crivellini

2 Definizione Malattia articolare ad evoluzione cronica caratterizzata da lesioni degenerative e produttive a carico della cartilagine delle articolazioni cartilagine delle articolazioni diartrodiali e da algie soprattutto dopo luso delle articolazioni coinvolte luso delle articolazioni coinvolte

3 ARTROSI PRIMARIA ARTROSI SECONDARIA ARTROSI SECONDARIA Fattori di sviluppo Fattori traumatici Fattori metabolici Fattori infiammatori Altri

4 Malattia articolare più comune dellanziano ed importante causa di disabilità 80% delle persone con più di 55 anni di età presenta segni radiografici di artrosi 80% delle persone con più di 55 anni di età presenta segni radiografici di artrosi Il 20 % degli affetti presenta importante disabilità Il 20 % degli affetti presenta importante disabilità La qualità della vita dei soggetti artrosici anziani è significativamente ridotta rispetto a quella dei soggetti non affetti da artrosi (dolore, ridotta mobilità) La qualità della vita dei soggetti artrosici anziani è significativamente ridotta rispetto a quella dei soggetti non affetti da artrosi (dolore, ridotta mobilità) Costo elevato per la società Costo elevato per la società

5 ARTICOLAZIONI PIU COLPITE GINOCCHIO GINOCCHIO ANCA ANCA MANO MANO RACHIDE RACHIDE

6 Incidenza artrosi Aumenta con laumentare delletà Aumenta con laumentare delletà Maggiore nelle donne rispetto agli uomini Maggiore nelle donne rispetto agli uomini Incidenza artrosi del ginocchio sintomatica 240/ persone-anno Incidenza artrosi del ginocchio sintomatica 240/ persone-anno Incidenza artrosi delle mani sintomatica 100/ persone-anno Incidenza artrosi delle mani sintomatica 100/ persone-anno Incidenza artrosi dellanca sintomatica 88/ persone-anno Incidenza artrosi dellanca sintomatica 88/ persone-anno

7 FATTORI DI RISCHIO NON MODIFICABILI Età Età Sesso femminile Sesso femminile Razza Razza Corredo genetico Corredo genetico

8 FATTORI DI RISCHIO MODIFICABILI SOVRAPPESO Soprattutto nella donna Soprattutto nellartrosi del ginocchio Associazione meno consistente per artrosi anca Aumenta il rischio di progressione Aumenta il rischio di progressione Patogenesi complessa (aumentato carico,soprattutto durante la deambulazione;fattori metabolici) Patogenesi complessa (aumentato carico,soprattutto durante la deambulazione;fattori metabolici)

9 FATTORI DI RISCHIO MODIFICABILI Traumi e stress articolari ripetuti(attività lavorative,attività sportive professionistiche) Traumi maggiori Fattori meccanici(es.ginocchio varo o valgo)

10 FATTORI DI RISCHIO MODIFICABILI Debolezza muscolare Debolezza muscolare Massa ossea (rapporto complesso)? Massa ossea (rapporto complesso)? carenza Estrogeni? carenza Estrogeni? carenza di Vitamina D carenza di Vitamina D carenza di Vitamina C carenza di Vitamina C

11 FATTORI DI RISCHIO PER DISABILITA Sesso femminile Sesso femminile Comorbidità Comorbidità Ridotta forza muscolare Ridotta forza muscolare Cattivo allineamento Cattivo allineamento Ridotta propriocezione Ridotta propriocezione Riduzione escursione articolare Riduzione escursione articolare Decondizionamento aerobio Decondizionamento aerobio

12 SINTOMATOLOGIA Insorgenza graduale Insorgenza graduale Dolore durante o subito dopo lo svolgimento di attività Dolore durante o subito dopo lo svolgimento di attività Difficoltà ad iniziare un movimento della articolazione coinvolta dopo un periodo di inattività(dura qualche minuto) Difficoltà ad iniziare un movimento della articolazione coinvolta dopo un periodo di inattività(dura qualche minuto) Rigidità mattutina che dura meno di mezzora Rigidità mattutina che dura meno di mezzora Riduzione escursione articolare Riduzione escursione articolare Instabilità articolazione ( es.ginocchio) Instabilità articolazione ( es.ginocchio)

13 SEGNI Aumento volumetrico osseo in prossimità articolazione Aumento volumetrico osseo in prossimità articolazione Aumento volumetrico tessuti molli periarticolari Aumento volumetrico tessuti molli periarticolari Dolorabilità margini articolazione e tessuti molli periarticolari Dolorabilità margini articolazione e tessuti molli periarticolari Noduli interfalangei prossimali e distali (mani) Noduli interfalangei prossimali e distali (mani) Deformità articolare(tardiva) Deformità articolare(tardiva) Versamento sinoviale Versamento sinoviale

14 CARATTERISTICHE RADIOLOGICHE DELLARTROSI Restringimento rima articolare Restringimento rima articolare Osteofitosi Osteofitosi Alterazione struttura ossea subcondrale (zone di osteosclerosi, cavità geodiche) Alterazione struttura ossea subcondrale (zone di osteosclerosi, cavità geodiche)

15

16 DIAGNOSI Profilo di rischio Profilo di rischio Anamnesi Anamnesi Esame obiettivo Esame obiettivo Quadro radiologico Quadro radiologico ev.Esami di laboratorio ed esame del liquido dopo artrocentesi ev.Esami di laboratorio ed esame del liquido dopo artrocentesi

17 Artrosi anca Dolore più almeno 2 dei criteri sottostanti: Ves < 20mm/h Osteofitosi acetabolare o femorale Riduzione spazio articolare allo rx Sensibilità 89% Specificità 91% Altman RD Semin Arthritis Rheum 20(suppl 2):40,1991

18 Trattamento In grado di ridurre i sintomi e migliorare o mantenere la funzione articolare In grado di ridurre i sintomi e migliorare o mantenere la funzione articolare In grado di modificare la velocità di progressione ed il danno provocato dalla malattia In grado di modificare la velocità di progressione ed il danno provocato dalla malattia

19 Trattamento non farmacologico Perdita di peso( nei soggetti in sovrappeso) Perdita di peso( nei soggetti in sovrappeso) Esercizio fisico Esercizio fisico Tecniche di protezione articolare (evitare posizioni od attività associate ad eccessivo stress meccanico articolare; utilizzo di bastoni) Tecniche di protezione articolare (evitare posizioni od attività associate ad eccessivo stress meccanico articolare; utilizzo di bastoni) Dispositivi per limitare mobilità articolare (ginocchio) Dispositivi per limitare mobilità articolare (ginocchio) Ausili (bastoni, stampelle,deambulatori) Ausili (bastoni, stampelle,deambulatori) agopuntura agopuntura

20 Terapia farmacologica Paracetamolo Paracetamolo Analgesici oppiodi(tramadolo, ossicodone) Analgesici oppiodi(tramadolo, ossicodone) Fans Fans Glucosamina solfato e condroitin solfato Glucosamina solfato e condroitin solfato

21 Fans ed artrosi I fans sono più efficaci del paracetamolo nel ridurre algia e rigidità nellartrosi del ginocchio I fans sono più efficaci del paracetamolo nel ridurre algia e rigidità nellartrosi del ginocchio Più del 2% dei soggetti anziani che usano cronicamente fans vengono ricoverati ogni anno per complicazioni serie(perforazione –emorragia) del tratto gastroenterico superiore Più del 2% dei soggetti anziani che usano cronicamente fans vengono ricoverati ogni anno per complicazioni serie(perforazione –emorragia) del tratto gastroenterico superiore Nei soggetti anziani tra il 20-30% dei ricoveri e decessi per ulcera peptica è attribuibile alluso di fans Nei soggetti anziani tra il 20-30% dei ricoveri e decessi per ulcera peptica è attribuibile alluso di fans

22 Fattori di rischio per ulcera peptica indotta da fans Età Età Storia precedente di ulcera peptica Storia precedente di ulcera peptica Dose e durata delluso di fans Dose e durata delluso di fans Uso di più di un fans Uso di più di un fans Uso di corticosteroidi Uso di corticosteroidi Uso di anticoagulanti Uso di anticoagulanti Abitudine alcolica Abitudine alcolica Elevata comorbilità Elevata comorbilità

23 Altre terapie Agenti topici(capsaicina) Agenti topici(capsaicina) Farmaci intraarticolari(corticosteroidi- acido ialuronico) Farmaci intraarticolari(corticosteroidi- acido ialuronico)

24 Farmaci che riducono la progressione del danno strutturale? Diacereina Diacereina Condroitin solfato e glucosamina solfato Condroitin solfato e glucosamina solfato Estratti di soia ed avocado Estratti di soia ed avocado Acido ialuronico Acido ialuronico

25 Interventi chirurgici Posizionamento protesi articolare Posizionamento protesi articolare Artroscopia (pazienti selezionati) Artroscopia (pazienti selezionati) Trapianto di cartilagine Trapianto di cartilagine

26 Artroprotesi Lintervento più efficace disponibile per i pazienti con artrosi di anca e ginocchio Lintervento più efficace disponibile per i pazienti con artrosi di anca e ginocchio Migliora la qualità della vita Migliora la qualità della vita Rapporto costo-efficacia ottimo Rapporto costo-efficacia ottimo La funzione articolare dopo lintervento dipende dal livello di disabilità prima dellintervento La funzione articolare dopo lintervento dipende dal livello di disabilità prima dellintervento Letà avanzata di per se non controindica il posizionamento di artroprotesi Letà avanzata di per se non controindica il posizionamento di artroprotesi

27 Strategie preventive Prev. Primaria prev. Secondaria prev.terziaria Perdita di peso perdita di peso esercizio Prevenire traumi eserc.che rafforz. la muscol. farmaci Modifiche amb.di lavoro migliorare lallineamento artroprotesi Eserc. che rafforz. la muscol. Vitamina D strategie comportam. Migliorare la stabilità articolare Da Principles of Geriatric Medicine & Gerontology


Scaricare ppt "La patologia artrosica nellanziano Dott. Luciano Terranova U.O.A. GERIATRIA ULSS 20 Direttore Armando Luzi Crivellini."

Presentazioni simili


Annunci Google