La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

03_introduzione A.A. 2003-2004Istituzioni di economia, corso serale1 3 – Interdipendenza e vantaggi del commercio copertina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "03_introduzione A.A. 2003-2004Istituzioni di economia, corso serale1 3 – Interdipendenza e vantaggi del commercio copertina."— Transcript della presentazione:

1 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale1 3 – Interdipendenza e vantaggi del commercio copertina

2 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale2 Questo file per Power Point (visibile anche con OpenOffice ) può essere scaricato da web.econ.unito.it/terna/istec/ il nome del file è 03_introduzione.ppt (i file sono anche salvati in formato zip) Il libro di testo ha un sito di appoggio a siti e file

3 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale3 Interdipendenza e commercio 1.Gli individui e le nazioni dipendono dalla specializzazione produttiva e dallo scambio, come via per superare la scarsità 2.Le scelte su produzione e scambio sono basate sui costi opportunità interdipendenza

4 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale4 Caso estremo A sa soltanto produrre a e B sa soltanto produrre b scambiare è ovvio Caso semplice A sa produrre a meglio di B B sa produrre b meglio di A scambiare è sempre ovvio Caso meno ovvio ? casi

5 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale5 Discussione: che cosa accade se B sa produrre sia a sia b meglio di A? scambiare è... Obiettivo didattico: la non ovvietà dei concetti economici; gli effetti del commercio, interno e internazionale disc. sul caso non ovvio

6 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale6 Caso meno ovvio ed autosufficienza B sa produrre sia a sia b meglio di A Con lautosufficienza La frontiera delle possibilità di produzione coincide con la frontiera delle possibilità di consumo Senza commercio i vantaggi (gain) economici sono minori (per semplificare la trattazione del caso la frontiera delle possibilità di produzione è lineare, non convessa) autosufficienza

7 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale7 Costi di produzione (per unità di prodotto, es. 1 Kg) in ore di lavorocarnepatate agricoltore2010 allevatore18 Costi opportunità (NB, necessariamente reciproci) in unità dellaltro bene carnepatate agricoltore21/2 allevatore1/88 Se si lavorano 40 h. settimana, i risultati sono quelli dei grafici che seguono costi opportunità

8 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale8 Caso meno ovvio e autosufficienza 1 2 Patate (Kg)24 A 0 Carne (Kg) (a) Frontiera delle possibilità produttive dellagricoltore Supponiamo che A scelga questa combinazione produttiva corrispondente ai suoi gusti frontiera agricoltore

9 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale9 Caso meno ovvio e autosufficienza 20 Patate (Kg)2½ B 0 Carne (Kg) (b) Frontiera delle possibilità produttive dellallevatore 5 40 Supponiamo che B scelga questa combinazione produttiva corrispondente ai suoi gusti frontiera allevatore

10 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale10 Discussione: Sulla base dei dati visti (in particolare i costi opportunità), quali scambi sono convenienti? Quali effettivi? Obiettivo didattico: leconomia dello scambio individua le possibilità convenienti; quel che effettivamente è scambiato dipende molti altri fattori (economici: gusti degli individui; non economici: protezione di interessi di categorie, …) in unità dellaltro benecarnepatate agricoltore21/2 allevatore1/88 disc. quali scambi?

11 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale11 Con specializzazione e scambio specializzazione

12 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale12 Con specializzazione e scambio Patate (Kg)234 A 0 Carne (Kg) (a) Effetti del commercio sui consumi dellagricoltore A* Consumi in presenza di commercio Consumi in assenza di commercio effetti sullagricoltore

13 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale13 Con specializzazione e scambio Patate (Kg) B 0 Carne (Kg) (b) Effetti del commercio sui consumi dellallevatore 35 B* 40 Consumi in assenza di commercio Consumi in presenza di commercio 2½ effetti sullallevatore

14 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale14 Vantaggi (gain) assoluti e comparati Lo scambio è conveniente considerando i vantaggi economici comparati, per gli individui e per le nazioni In altri termini: i potenziali partner commerciali scambiano se hanno differenze nei costi opportunità (se coincidono, non cè nessun interesse allo scambio) vantaggi comparati

15 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale15 Discussione: è possibile che un individuo (una nazione) registri un vantaggio comparato (non assoluto) su tutti i prodotti? Obiettivo didattico: chiarire che le condizioni delleconomia spesso sono determinate da considerazioni logico/aritmetiche nb, i valori sono tra loro reciproci disc. vantaggi comparati su tutti i prodotti?

16 03_introduzione A.A Istituzioni di economia, corso serale16 dai vantaggi comparati al commercio internazionale importazioni ed esportazioni commercio internazionale


Scaricare ppt "03_introduzione A.A. 2003-2004Istituzioni di economia, corso serale1 3 – Interdipendenza e vantaggi del commercio copertina."

Presentazioni simili


Annunci Google