La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Farmacologia Farmacologia Lezione 1: Definizioni e Mercato Farmaceutico Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Docenti: Guido.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Farmacologia Farmacologia Lezione 1: Definizioni e Mercato Farmaceutico Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Docenti: Guido."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Farmacologia Farmacologia Lezione 1: Definizioni e Mercato Farmaceutico Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Docenti: Guido Fumagalli e Roberto Leone

2 Lesame di Farmacologia del Corso Professionalizzante è scritto, 30 domande a scelta multipla (vedi esempi nelle diapo successive). Chi vuole può sostenere lesame orale al posto dello scritto o integrare lo scritto con lorale per migliorare il voto. La seconda possibilità è riservata a chi ha raggiunto il voto di 18/30. Oltre agli appunti presi a lezione e alle diapositive si raccomanda di utilizzare i seguenti libri: RD Howland, MJ Mycek. Le Basi della Farmacologia. Zanichelli Editore; 2007 DR Mottram. Farmaci e Sport. Casa Editrice Ambrosiana, 2005

3 Uno dei seguenti è approssimativamente il numero di confezioni di specialità in commercio in Italia: a b c d e.9.000

4 Indicare se le due seguenti affermazioni sono vere o false: 1- Un farmaco somministrato per via intramuscolare viene assorbito più velocemente che per via inalatoria; 2- Un farmaco somministrato per via sublinguale viene assorbito più o meno con la stessa velocità che per via orale. a.1 Vero e 2 Vero b.1 Vero e 2 Falso c.1 Falso e 2 Vero d.1 Falso e 2 Falso

5 Le curve A, B e C della figura rappresentano i livelli ematici di un farmaco somministrato per via e.v.(1), i.m.(2) e per os(3). Assegna a ciascuna curva la via di somministrazione corrispondente. a.1A-2B-3C b.1A-2C-3B c.1B-2C-3A d.1B-2A-3C e.1C-2A-3B

6 LA FARMACOLOGIA, SCIENZA CHE STUDIA I FARMACI, COMPRENDE : FARMACODINAMICA Studia i meccanismi dazione dei farmaci e gli effetti biochimici e fisiologici degli stessi. FARMACOCINETICA Studia i movimenti del farmaco nellorganismo. FARMACOTERAPIA Studia limpiego dei farmaci nella prevenzione e trattamento delle patologie. TOSSICOLOGIA Studia gli effetti nocivi dei farmaci e più in generale di qualsiasi sostanza chimica.

7 DEFINIZIONE DI FARMACO dellOrganizzazione Mondiale della Sanità Qualunque sostanza usata allo scopo di modificare o studiare funzioni fisiologiche o stati patologici a beneficio di chi la riceve Sostanza farmacologicamente inerte che può provocare un effetto sul paziente, sintomo, malattia DEFINIZIONE DI PLACEBO LEFFETTO DI UN FARMACO E LEGATO SIA ALLA SUA ATTIVITA SPECIFICA CHE ALLEFFETTO PLACEBO

8 Per EFFICACIA CLINICA di un farmaco si intende la sua capacità di modificare in senso positivo, la storia naturale di una malattia, cioè di ridurre la mortalità, la durata di una patologia, di eliminare i sintomi o di migliorare la qualità della vita del paziente. Lefficacia clinica di un farmaco si può determinare solo attraverso le sperimentazioni cliniche condotte secondo regole precise.

9 Origine dei farmaci I farmaci possono essere NATURALI o di SINTESI I naturali possono essere di origine: Minerale Vegetale Animale Biologica es. bicarbonato es. digitale es. insulina es. penicillina I sintetici possono essere: Analoghi di sostanze naturali (es. aspirina) Molecole chimiche non presenti in natura (es. diazepam) Va anche ricordato che farmaci (es. insulina, interferone, ecc.) possono essere prodotti utilizzando la BIOTECNOLOGIA (uso integrato di microbiologia, biochimica e ingegneria genetica in ordine allapplicazione della potenziale capacità di microrganismi, colture di tessuti o loro parti a produrre proteine)

10 Specialità medicinale E il nome di fantasia con il quale le industrie farmaceutiche mettono in commercio un farmaco. Una specialità medicinale è costituita dal farmaco o principio attivo e da eccipienti (sostanze solide o semisolide quali vaselina, amido, ecc.) o veicoli (sostanze liquide, quali acqua, olio, alcool, ecc.) Una specialità medicinale può essere presente sul mercato sotto forma di diverse confezioni che differiscono tra loro o per la forma farmaceutica (compresse, supposte, sciroppo, iniezioni, ecc.) e/o per il dosaggio Esempio: il VALIUM (specialità medicinale) in capsule contiene DIAZEPAM (principio attivo) + amido, talco, lattosio (eccipienti) Esempio: il TENORMIN (atenololo, beta-bloccante, antiaritmico) Compresse da 100 mg Fiale per somm. endovenosa 5mg/10ml

11

12 Uno stesso farmaco (principio attivo) può essere contenuto in più specialità medicinali, che possono essere identiche tra di loro o differire per dosaggio e/o formulazione AMOXICILLINA (principio attivo, penicillina): Alfamox, Amoflux, Amosol, Amox, Amoxillin, Amoxina, Bradimox solutab, Dodemox, Drupox, Genimox, Hydramox, Mopen, Moxiren, Neo-ampiplus, Neotetranase, Oralmox, Pamocil, Simoxil, Simplamox, Sintopen, Velamox, Zimox (specialità medicinali) ACIDO ACETILSALICILICO (principio attivo, FANS): Acesal, ASA Ratio, Aspirina, Aspirinetta, Aspro, Bufferin, Cardioaspirin, Cemirit, Kilios (specialità medicinali) Esempi

13 Le specialità medicinali possono essere MONOCOMPOSTE, cioè contenere 1 principio attivo solamente o POLICOMPOSTE, cioè contenere più di un principio attivo. Queste ultime sono anche dette di ASSOCIAZIONE Esempi di specialità policomposte: BACTRIM (specialità medicinale) contiene due principi attivi con attività antibatterica: sulfametoxazolo + trimetoprim RIFATER (specialità medicinale) contiene tre principi attivi con attività antitubercolare: isoniazide + pirazinamide + rifampicina BLOPRESID (specialità medicinale) contiene due principi attivi con attività antiipertensiva: candesartan cilexetil + idroclorotiazide

14 Specialità monocomposta Specialità policomposta

15 Con il termine di farmaci generici si intendono i principi attivi commercializzati con la loro denominazione comune internazionale o con la denominazione scientifica seguita dal nome del produttore. Esempi: AMOXICILLINA (denominazione comune internazionale) NIMESULIDE DOROM (denominazione comune internazionale + nome del produttore). Per essere commercializzato in Italia un farmaco a denominazione generica deve avere le seguenti caratteristiche: protezione brevettale scaduta uguale composizione in termini di principi attivi, forma farmaceutica ed indicazioni terapeutiche rispetto ad una specialità medicinale autorizzata

16

17 Sia le specialità medicinali che i farmaci a denominazione generica sono accompagnati da un foglietto illustrativo che contiene: la descrizione dei principi attivi e degli eccipienti (o veicoli) da cui è composto; lindicazione della forma farmaceutica, del dosaggio e della via di somministrazione; le indicazioni terapeutiche per le quali è autorizzato luso; le controindicazioni, le avvertenze, le reazioni avverse principali e leventuali interazioni con altri farmaci Non sempre quanto riportato nei foglietti illustrativi è sufficientemente chiaro e/o veritiero (soprattutto questo avveniva in un recente passato); per questo i foglietti illustrativi vengono anche chiamati bugiardini

18 43 MMG hanno raccolto 175 brochure su 520 farmaci 15% delle brochure non avevano bibliografia 22% citava referenze inesistenti 57% citavano studi originali ma ne alteravano i risultati 58% dava immagine distorta del farmaco in esame Solo il 6% faceva affermazioni corrette sostenute da referenze rintracciabili BMJ 2004; 328: 425 La credibilità della brochure studio tedesco recensito sul BMJ

19 La Farmacologia una scienza antica come luomo

20 Larte di servirsi dei medicamenti per guarire le malattie è antica quanto lumanità. Ippocrate nel De Veterum medicina scrive che:ipsa necessitas coegit medicinam inquirere ac invenire. In alcuni insediamenti preistorici, Parma, Varese, Moosseedorf, si sono rinvenuti i semi di Sambucus nigra e di Sambucus ebulus, che forse venivano utilizzati dalluomo primitivo come medicamenti. Così come sono stati rinvenuti semi del Papaver somniferum. Nelle palafitte di Casale, in quelle di Bourget, che risalgono allepoca del bronzo, si sono trovati i semi delle prugnole (Prunus spinosa) con i quali molto probabilmente venivano preparate quelle stesse pozioni e tisane medicamentose che nel medioevo Santa Ildergarda ricorda nel suo ricettario. Nelle palafitte di Lagozza ed in quelle di Robenhausen si sono rinvenuti i semi del Chenopodium, noto come purgante.

21 Lo sviluppo di un farmaco oggi Scoperta e selezione delle molecole Studi su animali Richiesta autorizzazione alla sperimentazione FASE I (soggetti sani, ~20-80) FASE II (pazienti, ~ ) FASE III (pazienti, ~ ) Richiesta di commercializzazione Valutazione delle autorità sanitarie (EMEA) Studi pre-cliniciStudi cliniciFase registrativa

22 1 a FASE Caratteristiche farmacodinamiche – Effetto principale – Effetti collaterali – Durata delleffetto Tossicità acuta – Variazioni dei parametri vitali – Determinazione DL50 Stabilità chimica 2 a FASE Parametri farmacocinetici Assorbimento Distribuzione Metabolismo Eliminazione Tossicità subacuta e cronica Alterazioni funzionali Alterazioni anatomopatologiche Effetti teratogeni Effetti sulla fertilità Effetti sul periodo peri- e post- natale Prove di mutagenesi Prove di cancerogenesi Tecnica farmacuetica Formulazione Dosaggio Obiettivi degli studi pre-clinici DURATA: 2-3 anni

23 Sperimentazioni cliniche di fase I OBIETTIVI Tollerabilità nelluomo Dati di farmacocinetica Schema di dosaggio da impiegare nella fase II SOGGETTI Da 20 a 80 volontari sani (o pazienti in caso di farmaci ad alta tossicità) DURATA 1-2 anni

24 Sperimentazioni cliniche di fase II OBIETTIVI Definizione della efficacia e tollerabilità nei pazienti Individuazione del rapporto dose/effetto SOGGETTI pazienti DURATA 1-2 anni

25 Sperimentazioni cliniche di fase III OBIETTIVI Acquisizione di dati di efficacia e tollerabilità su un ampio campione Verifica del significato clinico delle interazioni farmacologiche prevedibili Definizione finale del rapporto dose/effetto SOGGETTI pazienti DURATA 3-4 anni

26 Criteri fondamentali per una corretta sperimentazione clinica di fase III sui farmaci Presenza di un gruppo di controllo (miglior farmaco già esistente o in sua mancanza il placebo) Randomizzazione dei pazienti (assegnazione casuale) Cecità Definizione dei criteri di inclusione ed esclusione dei pazienti Rappresentatività del campione rispetto alla popolazione che assumerà il farmaco e sua adeguata dimensione

27 Definizione chiara degli obiettivi (end-points) dello studio Analisi dei risultati in base a intention to treat o by treatment Eticità della sperimentazione Consenso informato dei partecipanti Criteri fondamentali per una corretta sperimentazione clinica di fase III sui farmaci

28 Con lavvento dellindustria farmaceutica i farmaci sono progressivamente diventati dei beni di consumo al pari di altri prodotti industriali. Una propaganda sempre più spinta, al limite del lecito, a portato ad un iperconsumo di farmaci, che vengono indicati come soluzione per qualsiasi problema (dalla mancanza di memoria, allaumento della performance). Il numero di farmaci in commercio è elevato e non sempre i dati sulla loro efficacia sono supportati da evidenze scientifiche. Laltra faccia del problema è rappresentata dalla diseguaglianza nella disponibilità dei farmaci a livello mondiale (differenza tra i Paesi ricchi e quelli poveri). Dalla necessità terapeutica al consumismo farmacologico

29 N. di sostanze medicinali in commercio in Italia nel 2008 Fonte: Informatore Farmaceutico 2008

30 N. di confezioni di specialità medicinali in commercio in Italia nel 2008 Totale Fonte: Informatore Farmaceutico 2008

31 Medicinali e parafarmaceutici confezioni in commercio in Italia nel 2008 Fonte: Informatore Farmaceutico 2008

32 Ripartizione dei medicinali in Italia nel 2008 secondo la classificazione del SSN Fonte: Informatore Farmaceutico 2008

33 Ripartizione dei medicinali in Italia nel 2008 secondo le modalità di vendita OTC= Over the Counter (letteralmente sopra il bancone) è lespressione inglese per i farmaci da banco vendibili senza prescrizione medica, sono i tipici farmaci da automedicazione; SOP= Senza Obbligo Prescrizione. La differenza con gli OTC è unicamente dovuta al fatto che per i SOP non si può fare la pubblicità Fonte: Informatore Farmaceutico % % % 964 7% % Ricetta medica ripetibile (RR, RRL) Ricetta medica non ripetibile (RNR, RM, RNRL) Senza ricetta medica (SOP) Medicinali di automedicazione (OTC) Farmaci da ambiente ospedaliero o specialistico (OSP, OSPL, USPL)

34 Composizione del consumo dei farmaci in Italia nel 2007 Fonte: Luso dei farmaci in Italia. Rapporto Nazionale 2007

35 Andamento del mercato farmaceutico italiano Fonte: Informatore Farmaceutico

36 : 198 principi attivi

37 Farmaci commercializzati in Italia nel 2002

38 Giudizio della redazione di Dialogo sui Farmaci sui farmaci NET e conf. complementari del 2002

39 Giudizio della redazione di Dialogo sui Farmaci sui farmaci NET Numero di principi attivi anno


Scaricare ppt "Corso di Farmacologia Farmacologia Lezione 1: Definizioni e Mercato Farmaceutico Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Docenti: Guido."

Presentazioni simili


Annunci Google