La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Tommaso Micelli Ferrari Corso di Aggiornamento di Oftalmologia Pediatrica Catania, 16/17 Marzo 2007 Dipartimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Tommaso Micelli Ferrari Corso di Aggiornamento di Oftalmologia Pediatrica Catania, 16/17 Marzo 2007 Dipartimento."— Transcript della presentazione:

1 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Tommaso Micelli Ferrari Corso di Aggiornamento di Oftalmologia Pediatrica Catania, 16/17 Marzo 2007 Dipartimento di Oftalmologia ed ORL Università di Bari – Italy Direttore Prof Carlo Sborgia

2 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica 35% dei traumi oculari negli U.S.A. interessa la popolazione di età uguale od inferiore ai 17 anni Il grado di perdita visiva è spesso marcato, specialmente nei traumi che interessano il segmento posteriore

3 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Classificazione dei traumi oculari Traumi oculari Bulbo chiuso Bulbo aperto Rottura Lacerazione PenetrantePerforanteC.E.I.O. Contusione Lacerazione lamellare Adattato da: Kuhn, Ophthalmology 1996

4 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Terminologia internazionale dei traumi oculari Parete oculare: cornea e sclera Bulbo chiuso: la parete oculare non ha una ferita a tutto spessore Contusione: nessuna ferita della parete oculare Lacerazione lamellare: ferita a spessore parziale della parete oculare Bulbo aperto: la parete oculare ha una ferita a tutto spessore Rottura: causata da un oggetto smussato; ferita a tutto spessore della parete nel punto di minore resistenza (corrispondente o meno al sito di impatto) e erniazione di tessuto dalla stessa, causato da un elevato aumento della PIO con meccanismo inside-out Lacerazione: causata da un oggetto appuntito; ferita a tutto spessore della parete nel sito di impatto causata da un meccanismo outside-in Ferita penetrante: singola lacerazione della parete oculare C.E.I.O.: corpo/i estraneo/i intra-oculare che causa/no la lacerazione di entrata Ferita perforante: doppia lacerazione della parete oculare (entrata/uscita) causata dallo stesso agente

5 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Traumi a bulbo chiuso La contusione bulbare può essere suddivisa in: Diretta: il corpo contundente ha unazione diretta dallavanti verso lindietro provocando una depressione della parete oculare con ipertensione, seguita da un ritorno alla forma originaria Commotio retinae (Edema di Berlin) Foro maculare Post-traumatic yellow maculopathy Rottura/e della coroide, ev. complicata da CNV Corioretinite sclopetaria Emorragia coroideale Contusione dellEPR Rotture/dialisi retiniche con o senza DDR, ev. complicata da PVR Membrane epiretiniche Indiretta: dovuta a contraccolpo ovvero secondaria a traumi toracici, cranici, ossei che si ripercuotono sul bulbo oculare Sdr di Terson Retinopatia di Purtscher Shaken baby Syndrome Sdr da embolia gassosa Retinopatia da manovra di Valsalva Retinopatia da lesione da colpo di frusta Retinopatia da salto con lelastico

6 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso - Patogenesi dei danni intraoculari (1) Rapporti vitreo-retinici: locchio è un sistema chiuso a volume costante, la depressione bulbare post-contusiva può ridurre lasse antero- posteriore (AP) anche del 40-50%, tale modificazione si ripercuote sui diametri traversi. Il diametro equatoriale (E), in particolare, si espande, raggiungendo anche dimensioni pari al 130%. La fase successiva, di decompressione, presenta un aumento del diametro AP ed una riduzione del diametro E. Questa violenta oscillazione dei diametri causa importanti trazioni tangenziali ed antero-posteriori sui rapporti vitreoretinici ed essenzialmente: a livello della base vitreale, dellequatore e della testa del nervo ottico dove le aderenze VR sono più salde a livello della fovea, estremamente vulnerabile a causa della sua sottigliezza, avascolarità ed assenza di cellule di sostegno a livello di aree degenerative retiniche Presenza in cavità vitrea di cellule dellEPR, esposte allo stimolo proliferativo di fibronectina e PDGF

7 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso - Patogenesi dei danni intraoculari (1) Variazione di forma del globo oculare Adattato da: Delori, IOVS 1969

8 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso - Patogenesi dei danni intraoculari (2) Necrosi tissutale (cellule nervose, dellEPR, vascolari) da danno diretto ovvero indiretto (aumento della PIO) Fenomeni vasomotori: vasocostrizione e successiva vasodilatazione post-traumatica con aumento della permeabilità vascolare. Distensione/Rottura dei capillari a seguito dellaumento della pressione venosa nel continuum fra lo spazio subaracnoideo e lo spazio intervaginale periottico

9 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso Commotio retinae: Edema intra- ed inter-cellulare Danno a fotorecettori ed EPR Pallore del fundus Se interessa il polo post: macula rosso ciliegia Acuità visiva variabile NO terapia chirurgica Foro maculare: Forze trazionali tangenziali Secondario a fenomeni edematosi-ischemici a livello maculare Margini non netti (diagnosi diff. con foro idiopatico) Alcuni casi in letteratura: guarigione spontanea Chirurgia efficace nel 83-96%

10 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso Post-traumatic yellow retinopathy: Emorragia sottoretinica giallastra simile alla distrofia vitelliforme Rottura/e della coroide: Diretta: legata alla sede di impatto, tipicamente localizzata allìora serrata Indiretta: più frequente, localizzata nella sede opposta alla zona di impatto e di forma arcuata e concentrica al nervo ottico Emorragie intra-, sotto-retiniche e corioideali sono dovute spesso al coinvolgimento della coriocapillare Complicate da CNV (da 1 mese a circa 4 anni dal trauma) Corioretinite sclopetaria Rottura di retina e coroide, con sclera esposta in CV Spesso jaloide integra (che spiega lassenza del DDR) Terapia antiflogistica ed antiemorragica

11 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso Emorragia coroideale: Raccolta ematica nello spazio sovracoroideale Trattamento chirurgico solo se: Dolore severo Elevata PIO CA bassa persistente Sede maculare Estensione dellemorragia in CV Contusione dellEPR: Variante della commotio retinae Edema cellulare con sollevamento sieroso della neuroretina Perdita del segmento estero dei fotorecettori Esita in atrofia dellEPR

12 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso Sdr di Terson: Emorragia intraoculare secondaria a sanguinamento intracranico Sotto-, intra-retiniche, sub-MLI, CV Complicata da MER, DDR Retinopatia di Purtscher: Chiazze multiple biancastre bilaterali (fibrina, granulociti, emboli) Emorragie intraretiniche A livello della testa del NO FAG Leakage Staining perivenoso Edema retinico e papillare Ipoperfusione arteriolare e capillare

13 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso Shaken baby syndrome: Forma comune di abuso infantile Quasi esclusivo dei bambini al di sotto dei 2 anni Sanguinamento intracranico da vasi a ponte sulla corteccia cerebrale e dai seni venosi Emorragie retiniche bilaterali ed al polo posteriore Movimento del gel vitreale con trazione su MLI, retina e vasi Essudati cotonosi Edema maculare Papilledema Retinoschisi Esiti: Pieghe retiniche perimaculari Atrofia corioretinica Atrofia ottica DDR

14 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo chiuso Sdr da embolia gassosa: 5% dei pz con fratture delle ossa lunghe Multiorgano Essudati cotonosi Emorragie puntiformi Occlusione dellACR Retinopatia da manovra di Valsalva: Aumento della pressione venosa con rottura spontanea dei capillari Accumulo di sangue rosso vivo di forma a manubrio, circoscritto Sub-MLI Retinopatia da lesione da colpo di frusta: Incidenti automobilistici con rapida decellerazione Rigonfiamento grigiastro della fovea Retinopatia da salto con lelastico: Alterazioni dellEPR

15 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Classificazione dei traumi oculari Traumi oculari Bulbo chiuso Bulbo aperto Rottura Lacerazione PenetrantePerforanteC.E.I.O. Contusione Lacerazione lamellare Adattato da: Kuhn, Ophthalmology 1996

16 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Terminologia internazionale dei traumi oculari Parete oculare: cornea e sclera Bulbo chiuso: la parete oculare non ha una ferita a tutto spessore Contusione: nessuna ferita della parete oculare Lacerazione lamellare: ferita a spessore parziale della parete oculare Bulbo aperto: la parete oculare ha una ferita a tutto spessore Rottura: causata da un oggetto smussato; ferita a tutto spessore della parete nel punto di minore resistenza (corrispondente o meno al sito di impatto) e erniazione di tessuto dalla stessa, causato da un elevato aumento della PIO con meccanismo inside-out Lacerazione: causata da un oggetto appuntito; ferita a tutto spessore della parete nel sito di impatto causata da un meccanismo outside-in Ferita penetrante: singola lacerazione della parete oculare C.E.I.O.: corpo/i estraneo/i intra-oculare che causa/no la lacerazione di entrata Ferita perforante: doppia lacerazione della parete oculare (entrata/uscita) causata dallo stesso agente

17 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto Fondamentale importanza il management de: Il/i sito/i di ingresso Cornea? Sclera? Il cristallino

18 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto Il primo scopo dell intervento deve essere quello di restituire allocchio la conditio di sistema chiuso Toilette e suture della/e ferita/e

19 la diagnosi di cataratta è a volte difficile per la presenza di edema corneale e/o di fibrina e/o sangue in CA se la capsula posteriore è integra, senza irido o facodonesi, si preferisca la facoemulsificazione con incisione in cornea chiara, altimenti si proceda alla lensectomia via pars plana procedura primaria o secondaria? impianto di IOL? Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – management del cristalino

20 PROCEDURA PRIMARIA piccola ferita corneale esteso danno della lente con dispersione di materiale corticale in CA (aumento della PIO e della infiammazione) riduzione dellinfiammazione post-op prevenzione delle complicanze derivanti dalla presenza del cristallino danneggiato ( sinechie, neovascolarizzazioni, ipoema, glaucoma facomorfico, facoanafilassi) riabilitazione visiva precoce PROCEDURA SECONDARIA danni al cristallino minimi e localizzati asse visivo chiaro severo danno corneale con marcato edema Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – rimozione del cristalino

21 IMPIANTO PRIMARIO no ulteriore chirurgia riabilitazione visiva precoce (NO AMBLIOPIA) impianto nel sacco prima che si formino aderenze fra la capsula ant e quella post pz intolleranti a LAC IMPIANTO SECONDARIO evita impianti particolarmente complicati accurate misurazioni biometriche disponibili procastinabile in caso di segni di endoftalmite Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – timing dellimpianto della IOL

22 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto Terapia chirurgica del segmento posteriore: Vitrectomia via pars plana Obiettivi della terapia: Trattamento del distacco di retina Prevenzione e trattamento della PVR Management del C.E.I.O.

23 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto Fattori prognostici PositiviNegativi Proiettili/oggetti appuntitiRottura Ferita piccolaFerita ampia Buona AVBassa AV Chiarezza dei mezziOpacità dei mezzi AnteriorePosteriore

24 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto - Vitrectomia Indicazioni: C.E.I.O. DDR Emorragia intravitreale massiva Endoftalmite Propositi Prevenire/riparare il DDR Liberare lasse visivo Rimuovere il C.E.I.O. Trattare lendoftalmite

25 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – Vitrectomia VPP – Tecnica chirurgica Disinfezione accurata del campo operatorio Vitrectomia VPP a 3 porte –Ottenere il distacco posteriore di vitreo –Essere il più radicali possibile –Porre estrema attenzione nello shaving della base del vitreo Kuhn F, Ophthalmology 2006 Rimozione del C.E.I.O. Rimozione del cristallino catarattoso, se necessario Olio di Silicone –Antimicrobico –Favorisce >[antibiotico] in CV –Utile nei casi con distacco di retina associato

26 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – Vitrectomia VPP Vantaggi Tecnica ottimale per il trattamento del DDR Rimozione del C.E.I.O. Rimuovere gli agenti infettivi Rimuovere i mediatori dellinfiammazione Migliorare la circolazione dei farmaci nella cavità vitrea Svantaggi Richiede sala operatoria e strumentazioni adeguate Tecnica difficile Maggiormente rischiosa in caso di opacità anteriori (fibrina e materiale infiammatorio in CA e sulla IOL) Riduce lemivita degli antibiotici iniettati in CV

27 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto Controversie: Ruolo e timing della vitrectomia Ruolo del cerchiaggio a scopo profilattico (rimozione per poter permettere la normale crescita dellocchio) Estrazione del C.E.I.O. (Vit VPP vs elettromagnete – Vit VPP parziale vs completa) Gestione dellendoftalmite Terapia antibiotica e steroidea locale e sistemica

28 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto - Vitrectomia Timing della vitrectomia Ritardato (oltre le 72 ore) –Consente ulteriori approfondimenti diagnostici –Condizioni più favorevoli rispetto allemergenza –Controllo dellinfiammazione –DPV spontaneo –Riduzione dellemorragia coroideale e/o retinica Precoce –Alcuni studi hanno dimostrato una miglior prognosi visiva (inclusi anche gli adulti) Jonas et al, Ophthalmol 2000 VA (p=0.026) Sohelian et al Opth Surg Las Imag 2004 VA (p=0.006) Micelli Ferrari, Retina 2000 VA Nessuno studio multicentrico definisce correttamente il timing

29 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto - Vitrectomia Cerchiaggio: Pro: –Utile nei casi in cui si ha difficoltà a visualizzare la retina periferica –Ferite in zona III –Vitreo incarcerato nella ferita o nelle sclerotomie Contro: –Maggiori manipolazioni, durata della chirurgia, rischi di infezioni –40-60% dei casi non necessario

30 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – Vitrectomia - Management del C.E.I.O. Non metallici (10%): –Vitrectomia Metallici (90%): –Spesso lelettromagnete è capace di rimuovere con successo il C.E.I.O., ma è una tecnica gravata da complicanze importanti: 30% enucleazioni 30% DDR Danno iatrogenico, specialmente in casi non selezionati In generale è da preferire la vitrectomia: Minor incidenza di: –Emovitreo –Endoftalmiti –DDR Permette ulteriori manovre chirurgiche associate

31 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – Vitrectomia – parziale vs completa Gribomont AC, Bull Soc Belge Ophtalmol 2004 Completa: 0/3 complicanze Parziale: –2/4 post-op DDR –1/4 post-op emovitreo Micelli Ferrari T, ISOT 2006 Non differenze statisticamente significative riguardo: –AV finale –Incidenza di complicanze differenze statisticamente significative riguardo: –Durata dellintervento La scelta del tipo di intervento, in mancanza di studi multicentrici, è da valutare caso per caso

32 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Bulbo aperto – Vitrectomia VPP - Complicanze Intraoperatorie Emorragia endovitreale Distacco di retinaPostoperatorie Edema corneale Transitorio PIO (tx topica) Persistente PIO (prognosi -) Flogosi persistente (prognosi -) Distacco di retina

33 Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Conclusioni I traumi del segmento posteriore sono molto vari, ma tutti possono condurre a grave perdita visiva. Il corretto management del piccolo paziente traumatizzato deve mirare a: Evitare le complicanze precoci e tardive della patologia Evitare linsorgenza di ambliopia Loftalmologo deve conoscere i meccanismi patogenetici e le adeguate terapia a seconda del caso di specie.


Scaricare ppt "Traumi del segmento posteriore in età pediatrica Tommaso Micelli Ferrari Corso di Aggiornamento di Oftalmologia Pediatrica Catania, 16/17 Marzo 2007 Dipartimento."

Presentazioni simili


Annunci Google