La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classe quinta B – Gennaio 2007 Sc. primaria C. Goldoni – Spinea 1° R. Santarelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classe quinta B – Gennaio 2007 Sc. primaria C. Goldoni – Spinea 1° R. Santarelli."— Transcript della presentazione:

1 Classe quinta B – Gennaio 2007 Sc. primaria C. Goldoni – Spinea 1° R. Santarelli

2 Avvio dellesperienza I bambini hanno ricevuto 4 paste crude, una lente contafili, la grattugia, pestelli vari… mentre osservano le paste, sul fornello elettrico cè una pentola piena di acqua, che si sta scaldando. Rosa ci ha dato della pasta cruda, 4 farfalline, e noi dovevamo osservare questa pasta. Le farfalline sono una pasta stretta al centro e larga ai fianchi, questi alla fine sono seghettati.

3 Attività Osserviamo la pasta cruda: quali proprietà ha? Proviamo a romperla, ci riusciamo con le mani? Riusciamo a grattugiarla? Che strumenti usiamo per spezzarla? Mettiamo a cuocere la pasta nellacqua bollente. Osserviamo che cosa succede allacqua nella pentola e alla pasta. Scoliamo la pasta ed osserviamo la pasta cotta? Che cosa è cambiato? Che cosa si è perso con la cottura? Cosa si è aggiunto e come? Si riesce a romperla, a grattugiarla, a spezzarla come prima? Pensiamo a delle domande, per esempio, perché la pasta la mangiamo cotta? Rappresentiamo i cambiamenti della pasta, registriamo in un testo le nostre osservazioni. Condividiamo osservazioni e idee con i compagni, durante la discussione in classe.

4 Perché questa attività? OBIETTIVI Osservare la pasta cruda e la pasta cotta, per capire meglio che cosa cambia e che cosa non cambia durante la cottura Guardare la trasformazione a livello macroscopico per passare poi a dare delle spiegazioni a livello microscopico, cioè pensare ai vari tipi di particelle che compongono la pasta, che con il calore si trasformano Le nuove proprietà delle particelle sono responsabili delle caratteristiche complessive della pasta cotta (proprietà che si perdono, proprietà nuove) Avviare i discorsi sulle trasformazioni dei cibi allinterno del corpo durante la digestione

5 Osserviamo la pasta cruda È molto dura, liscia … è resistente È spessa e tagliente, dentro sembra una lastra di ghiaccio E compatta Se cerchi di piegarla si spezza a metà. Se la metti in bocca con la saliva si scioglie un po e diventa morbida La pasta è a forma di farfalla, ha le ali larghe 2,5 cm, al centro è 3 mm, tutta la lunghezza è di 3,5 cm. La pasta è fatta di tante particelle di farina che si tengono attaccate con una specie di manine… (Matteo) Se cerchi di piegarla, si spezza in due…

6 Proviamo a romperla Se provi a romperla con le mani ci riesci, ma con la forza, fai un po di fatica Con una mano ho visto che è difficile spezzarla … con le forbici di acciaio si frantuma in tanti pezzetti Con le forbici lho grattugiata e venivano fuori piccole particelle Alcune paste avevano delle crepe e si rompevano più facilmente Bisogna fare forza per staccare le particelle

7 la grattugiamo… Abbiamo provato a grattugiarla con le forbici, però non venivano tante particelle, forse perché avevo poca forza … Ho grattugiato la pasta e quando ho alzato la grattugia ho visto un po di farina Se la grattugi diventa farina

8 la pestiamo… Se la pesti col pestello è come se si disintegrasse e partono i pezzi Se dopo pesti ancora diventa praticamente farina Con il pestello del mortaio le paste si rompevano in mille pezzi Con il batticarne le ho rotte e si è formata una farina. Spezzandola fa uno schiocco e dentro è come una pietra levigata, lucida e liscia … quando la schiaccio esplode

9 Altre proprietà Sa da farina, forse perché è fatta di questo materiale Ha lodore della farina Il suo colore è giallo-dorato, ha qualche puntino marroncino sparso qua e là. I puntini marroni per me sono un altro tipo di farina La polvere della pasta è bianca, quindi sarà farina I pezzetti che ci sono ancora sono di colore cristallino Ha un odore un po strano, sembra di pane azzimo

10 guardiamo con la lente Se guardi con la lente, i pezzi ti sembrano dei minerali Con la lente vedi un po di bianco, penso che sia farina Battuta con il bastone, alla lente, è molto simile a pietra … sembra paglia bianca … ho visto dei puntini bianchi … rotte le punte, sembrava quasi vetro giallo…, è quasi come il vetro, tagliava.

11 Lacqua bolle, mettiamo a cuocere la pasta Quando lacqua aveva raggiunto la temperatura giusta, Monica ha messo dentro la pasta e lacqua ha preso un colore giallastro. Ha avuto come una metamorfosi, sembra viscida come la pelle di serpente, si piega senza rompersi, né distruggersi.

12 Misuriamo la temperatura dellacqua La cottura della pasta è avvenuta a 100 gradi Lacqua era molto agitata e aveva tantissime bolle che non finivano mai… In superficie cerano la schiuma e la pasta che saliva

13 Siamo andati a vedere le particelle di acqua muoversi tanto velocemente, che quando una particella era nata, moriva e ne nasceva unaltra vicino. Cera una lavagna, sulla lavagna si vedeva che era tutto bagnato (Luca). Mettendo la mano sopra il pentolino, ho sentito molto caldo, la mano sudava, quando lho tolta luccicava.

14 Perché la pasta non la mangiamo cruda?

15 Non la mangi cruda perché… Non favorisce la digestione E dura e ti puoi spaccare i denti Non ha gusto Ha un odore che non si sente e un gusto gradevole, ma non adatto come cibo Cotta fai meno fatica a masticarla con i denti, quella cotta fa meno male di quella cruda Non è mangiabile, perché, essendo dura, una volta che va in gola, ti può soffocare, oppure non ti fa digerire. Non è gustosa, è dura e quindi difficile da masticare Non è buona, non la mangi cruda, forse ti fa venire il mal di pancia Credo che non faccia bene

16 La pasta è cotta Quando Rosa ce lha messa nel piatto ho visto subito che era cotta, era molto più grande di quella cruda ….Con la cottura la pasta si è ingrandita Se la schiacci si muove e sappiccica nel luogo dove hai cercato di schiacciarla.

17 Osserviamo la pasta cotta! Quella cotta è bollita, è annacquata, cioè aumentata di volume … la pasta cotta è più morbida, perché dentro di sé ha lacqua … È più chiara

18 Ho provato a grattugiarla, ma non si riesce, perché scivola dalle mani come un pesce, poi si mette dentro ai buchi della grattugia Siccome è più molla, non si riesce più a grattugiarla, ti lascia le sue particelle appiccicose sulle mani

19 E più ruvida, mangiabile. Ora la pasta è digeribile. Adesso puoi mangiarla perché è più morbida È un po troppo cotta, se la tocco è gommosa

20

21

22 Le particelle si sono mosse tanto, poi lacqua è entrata e le ha bagnate, quindi secondo me è così che si sono ammorbidite … Le particelle hanno spinto ai lati, perché si muovevano tanto … prima erano ammucchiate da tutte le parti e hanno spinto per farsi spazio, dentro questi spazi è entrata lacqua che ha ammorbidito la pasta.

23 Quando lho assaggiata non mi piaceva, era senza sale, la pasta cruda era più gustosa di quella cotta … nella pasta è entrata lacqua (gias) Ha un odore diverso, ha il colore più chiaro e i puntini marroni sono scomparsi. E appiccicosa, molla, viscida, perché è piena dacqua E masticabile Ha una specie di odore che è una via di mezzo tra quello della farina e quello dellacqua È più lunga e più larga della pasta cruda: è larga 3,5 cm ed è lunga 4,5 cm, forse perché lacqua lha allargata e allungata … È più molla perché lacqua è diventata calda Adesso si rompe più facilmente perché è molla Ora si possono vedere i puntini bianchi che prima si vedevano solo con la lente, … forse perché la pasta è più grande La pasta cotta si può piegare, mentre la pasta cruda no… la pasta è diventata morbida

24 Immaginiamo che cosa è successo dentro alle particelle

25

26

27

28 Col calore è successo… Le particelle della pasta si sono allargate allargando la pasta La pasta è diventata molle, perché le particelle nellacqua bollente si sono mosse ed è così che la pasta è diventata più grande Abbiamo visto lacqua bollire, cioè fare le bolle, le farfalle saltavano e lacqua era a 100°. La pasta si è gonfiata perché ha assorbito lacqua, si è ingrossata Mettendo la mano sopra il pentolino ho sentito molto caldo, la mano sudava e poi quando lho tolta luccicava La pasta è diventata più morbida, le particelle si sono allargate e ammorbidite, hanno meno forza, si sono mollate

29 Lacqua della pasta labbiamo versata in un barattolo Lacqua è diventata da trasparente a giallo torbido. La farina si è persa nellacqua, il calore ha fatto rilasciare alla pasta la farina Se lacqua è diventata bianca, vuol dire che delle particelle di farina si sono mescolate con delle particelle di acqua Lacqua è di un bianco opaco, il colore è stato emanato dalla pasta con il calore, sarebbero atomi, miliardi e trilioni di atomi di farina e altri ingredienti … Sentendo, lacqua è ancora calda, ma la pasta è fredda. Perché? Forse con il contenitore si è conservato il calore o perché lacqua mantiene di più a lungo il calore della pasta? Non lo so! Il brodo di pasta

30 Con la cottura le proprietà della pasta sono cambiate …

31 Proprietà a confronto 1 È dura, liscia, lucida, spessa È compatta Con la lente i pezzettini sembrano quasi minerali, quasi come vetro, i pezzettini sono taglienti Ha dei puntini marroni sparsi Sembra come una lastra di ghiaccio, una pietra levigata È a forma di farfalla La farfalla è alta 2,5 cm e lunga 3,5 cm Con le mani riesci a spezzarla con fatica è difficile spezzarla È bollita, annacquata, morbida, più chiara E viscida e molla È gommosa Con la lente non si vedono più i puntini marroni Ha la forma di farfalla, ma è più grande E aumentata di volume E lunga 4,1 cm e larga 3,1 cm Con le mani riesci a piegarla PASTA CRUDAPASTA COTTA

32 Proprietà a confronto 2 Sa di farina Ha lodore della farina Lodore è un po strano, sembra pane azzimo È immangiabile Con le forbici si frantuma in tanti piccoli pezzettini Se la pesti con un pestello è come se si disintegrasse, partono mille pezzi Si grattugia e vengono fuori tante piccole particelle Se la schiacci esplode È mangiabile e digeribile, masticabile Ha meno gusto di quella cruda, non sa di sale Le particelle hanno meno FORZA, si sono mollate Si può piegare Si rompe facilmente Non riesci a grattugiarla, lascia particelle appiccicose Scivola dalle mani, si mette dentro i buchi della grattugia PASTA CRUDAPASTA COTTA

33 La pasta cotta è più mangiabile e digeribile…


Scaricare ppt "Classe quinta B – Gennaio 2007 Sc. primaria C. Goldoni – Spinea 1° R. Santarelli."

Presentazioni simili


Annunci Google