La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classi prime A e B Scuola primaria C. Goldoni - Spinea 1° Anno scolastico 2007-08 Inss: R. Santarelli e M. Cecchetto UN PERCORSO REALIZZATO NELLE CLASSI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classi prime A e B Scuola primaria C. Goldoni - Spinea 1° Anno scolastico 2007-08 Inss: R. Santarelli e M. Cecchetto UN PERCORSO REALIZZATO NELLE CLASSI."— Transcript della presentazione:

1 Classi prime A e B Scuola primaria C. Goldoni - Spinea 1° Anno scolastico Inss: R. Santarelli e M. Cecchetto UN PERCORSO REALIZZATO NELLE CLASSI PRIME

2 Percorso luce-buio ATTIVITAOBIETTIVI Lettura favola di Peter Pan per creare un clima positivo e avvicinare i bambini al tema dellombra Discussione: come si crea lombra? Esperienza nel tunnel del buio: indovinare gli oggetti nel tunnel Disegno dellesperienza. Riflettere sul fenomeno luce-buio Accorgersi di cosa e come vede il corpo Avvicinarci a comprendere che le nostre visioni sono regolate anche da esperienze passate. Discussione su come funziona locchio e come si possa vedere con la mente Rappresentazione del funzionamento dellocchio e della mente che ci permette di vedere, ricordare ed immaginare. Costruzione di un modellino di occhio La scatola magica Riflettere sulle proprie percezioni, pensare ed immaginare ciò che succede negli occhi e nella mente quando si vede qualcosa Immaginare come funziona locchio, esplicitando esperienze, conoscenze e pensieri. Rappresentare la propria idea.

3 ATTIVITAOBIETTIVI La scatola nera: guardare attraverso il foro della scatola e dire che cosa cè nella scatola. Annotare le risposte su un cartellone. Aprire la finestrina sul coperchio e sbirciare di nuovo nella scatola: che cosa si vede adesso? Tornare a sbirciare illuminando la scatola con una pila. Riflettere sul perchè si vede meglio quando si punta la torcia elettrica verso linterno della scatola. Disegno dellombra delle cose. Riconoscere che la luce della torcia permette di vedere dentro la scatola e di riconoscere gli oggetti allinterno Osservare che alcune sorgenti sono più luminose di altre e che gli oggetti si vedono meglio se la luce è più intensa. Riconoscere che gli oggetti luminosi e luccicanti non possono luccicare da soli. Invitiamo i bambini a disegnare le cose che secondo loro fanno luce. Raccogliamo tutte le idee su un cartellone e poi ne parliamo insieme Classifichiamo tutte le fonti di luce nominate dai bambini: si vede al buio? Se sì, allore fa luce da sé, è una fonte primaria. Apprendere che ci sono diverse fonti di luce e che le sorgenti di luce sono più o meno luminose Distinguere le sorgenti di luce primarie Riconoscere il sole come sorgente più importante di luce Iniziare a parlare di luce riflessa dagli oggetti.

4 ATTIVITAOBIETTIVI Attività all'aperto: i bambini si muovono liberamente nello spazio osservando le ombre, mentre sono in fila e camminano, quando sono in riga o in cerchio A coppie segnano col gesso l'ombra del compagno e poi misurano la propria ombra Gioco: "uomo nero: i bambini non devono toccarsi, ma per prendere qualcuno devono pestare la sua ombra Dopo 15 ritornano a vedere l'ombra rimettendosi nella stessa posizione. In classe discussione su come è cambiata l'ombra … Osservazione delle foto (uso del videoproiettore) e dei disegni sulle ombre, riflessioni … Osservare come si formano le ombre, dimensioni, forma, direzione Cogliere il rapporto tra lombra e la sorgente di luce il sole Osservare i cambiamenti dellombra nel tempo Verificare e autovalutare i propri disegni sulle ombre e sul sole

5 ATTIVITAOBIETTIVI Durante una delle discussioni è venuto fuori il discorso sullarcobaleno. Ora lo riprendiamo e cerchiamo di capire. Domande stimolo ricordando gli incontri precedenti: il buio è colorato? Cosa è necessario perché si veda il colore? Facciamo delle esperienza con le torce e i filtri dove i bambini illuminano oggetti diversi, colorati o bianchi e notano le differenze. Ma la luce di che colore è ? Esperienza coi prismi, con le bolle di sapone, cd, piattini con acqua e specchi per vedere i colori di cui è composta la luce Costruiamo una trottola dei colori per provare a creare a mescolare i colori e a comporre il bianco, ora che i bambini hanno visto e capito che è la somma di tutti i colori Sapere che senza la luce i colori non si vedono. Osservare i colori dellambiente quando è nuvoloso e quando cè il sole e accorgersi che la luce accende i colori e li fa brillare di più. Recuperare le proprie esperienze sui fenomeni luminosi, per es. larcobaleno, e condividerle in classe con i compagni Scoprire che la luce è fatta di tanti colori. Realizzare nuovi colori mescolando luci colorate Scoprire che mescolando tutti i colori dellarcobaleno si ottiene il bianco.

6 Metodologia di lavoro FARE PARTIRE DAI FENOMENI QUOTIDIANI La quotidianità è complessa, però è interessante e coinvolgente, può motivare i bambini a capire, imparare e conoscere. I bambini conoscono il mondo attraverso il proprio corpo … è attraverso il corpo che i bambini si accorgono di quello che succede intorno a loro Nessun racconto dellinsegnante può sostituire lesperienza diretta del bambino: tutti devono provare a fare

7 DISCUTERE INDIVIDUARE DOMANDE Porre domande è unarte che si impara. Le domande stimolano la curiosità, la riflessione e limmaginazione, quando sono condivise aiutano a guardare i vari aspetti della realtà che si sta osservando. Discutendo tra di loro i bambini esplicitano pensieri e conoscenze, li condividono e li confrontano con quelli dei compagni, li chiariscono, li modificano, li riorganizzano e arricchiscono. Imparano a guardare le cose e i fenomeni da più punti di vista e raffinano i loro modi di vedere, di guardare e di interpretare i fatti.

8 RAPPRESENTARE RIFLETTERE SUL CAPIRE SCRIVERE Scrivere permette al bambino di rielaborare lesperienza, distanziandosi dal proprio pensiero.al bambino di rielaborare lesperienza, distanziandosi dal proprio pensiero. allinsegnante di rimettere in gioco i problemi, negoziare il consenso su dei punti fermi, precisare, completare, sviluppare. allinsegnante di rimettere in gioco i problemi, negoziare il consenso su dei punti fermi, precisare, completare, sviluppare. I DISEGNI sono espressione di come il bambino vede la realtà di cui si sta parlando. Al termine di ogni percorso è necessario stimolare con domande riflessioni sul percorso di lavoro, ricostruendolo e soprattutto esplicitando gli obiettivi del lavoro. La documentazione dellinsegnante diventa uno strumento utile per ripercorrere insieme (anche a distanza) lesperienza e ri-ragionarci su.

9 Ruolo dellinsegnante Linsegnante: Guarda la realtà (coglie i momenti che si presentano e che le permettono di mantenere alta la motivazione) Guarda la disciplina (ha chiari gli obiettivi) Interpreta, propone, stimola, si incuriosisce, raccoglie, ri-lancia, riflette, discute, fotografa, mette insieme, sintetizza, organizza Cerca di equilibrare nel percorso didattico i momenti di osservazione e sperimentazione con i momenti di discussione e di rappresentazione Nel progettare i percorsi evita di trattare uno stesso argomento per tanto tempo e cerca di mettere insieme osservazioni che portano alla costruzione di idee concordanti

10 Lattività di ricerca e di elaborazione delle conoscenze si è sviluppata partendo da delle domande-problema, che hanno stimolato i bambini a recuperare le proprie esperienze e propri saperi, a condividerli con i compagni, a formulare e a riflettere sulle ipotesi da loro stessi prodotte e a trovare modalità e strumenti idonei per giungere ad una loro verifica e ad una ri-sistemazione dei dati. Sviluppo dellattività

11 Documentazione dei percorsi Nel tunnel del buio Sbirciamo nella scatola nera Come fa locchio a vedere? Luce e ombra 1^ A Luce e ombra 1^ B Luce e colori… che cosa fa luce?


Scaricare ppt "Classi prime A e B Scuola primaria C. Goldoni - Spinea 1° Anno scolastico 2007-08 Inss: R. Santarelli e M. Cecchetto UN PERCORSO REALIZZATO NELLE CLASSI."

Presentazioni simili


Annunci Google