La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Dietro alla curva di domanda Le scelte del consumatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Dietro alla curva di domanda Le scelte del consumatore."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Dietro alla curva di domanda Le scelte del consumatore

3 2 Misurazione cardinale e ordinale dellutilità Lutilità in genere non è calcolabile in termini cardinali –es. il piacere attribuito alla seconda unità di un bene è 1,3 volte il piacere attribuito alla terza unità Lutilità di persone diverse non è confrontabile –Bentham e gli utilitaristi cercarono di calcolare lutilità –Pareto supera tanto la misurabilità cardinale che la confrontabilità interpersonale –Solo misurazione ordinale dei singoli individui

4 3 Lordinamento delle preferenze Lindividuo A, di fronte alle alternative x e y può dire: –x è preferito a y (x p y) –y è preferito a x (y p x) –x e y sono indifferenti (x i y) –Le preferenze presuppongono solo una misurazione ordinale –Lanalisi ordinale è svolta sulla base delle curve di indifferenza

5 4 Il vincolo di bilancio Il consumatore sceglie sulla base di un vincolo: la spesa complessiva che può dedicare al consumo dei due beni. La quantità dei due beni che può essere consumata dipende dai prezzi –Se S è la spesa complessiva p x il prezzo del bene X e p y il prezzo del bene Y: S = p x x + p y y Questa è lequazione di una retta che ha p x /p y come pendenza

6 5 Grafici Il vincolo di bilancio è una retta –Una variazione del reddito fa spostare la retta di bilancio parallelamente a se stessa –Una variazione di un prezzo fa ruotare il vincolo di bilancio Se diminuisce il prezzo di X il vincolo di bilancio ruota verso lalto facendo perno sullintersezione con lasse delle y y x y x y x

7 6 Curve di indifferenza Scelta semplificata: si sceglie solo quanto consumare di due beni: il confronto è fatto tra combinazioni diverse (panieri) di due beni Ipotesi di base –Lutilità è funzione crescente della quantità consumata (lindividuo non è mai sazio) –Proprietà transitiva (se x p y e y p z allora x p z) –Dosi successive del bene danno un utilità minore

8 7 Rappresentazione Grafica Nel piano sono rappresentati panieri dei beni X e Y Il punto A rappresenta una combinazione dei due beni Rispetto ad A tutte le combinazioni nellarea gialla sono preferite mentre A è preferito a tutte le combinazioni nellarea verde (principio di non sazietà) A p B e C p A quindi C p B Nel passaggio da B a C si incontra una combinazione D tale che A i D y x A B C

9 8 Curva di indifferenza Si ottengono unendo tutti i panieri rispetto ai quali il consumatore è indifferente –Le curve di indifferenza hanno una pendenza negativa (si rinuncia ad una quantità di X solo aumentando il consumo di Y) –Le curve più alte danno una soddisfazione maggiore –Le curve di indifferenza non si incrociano –Sono concave verso lalto per il principio dellutilità marginale decrescente y x y x I1I1 I2I2 I3I3

10 9 Il saggio marginale di sostituzione La pendenza della curva di indifferenza è il saggio marginale di sostituzione, cioè il rapporto tra la variazione del bene y e la variazione di segno opposto del bene x che lascia il consumatore indifferente x y Pendenza = SMS

11 10 La scelta del consumatore Dato il vincolo di bilancio, il consumatore sceglie il paniere che gli arreca maggior soddisfazione –Cerca di raggiungere il paniere nella curva di indifferenza più alta –La curva di indifferenza più alta raggiungibile è quella tangente la retta di bilancio –Nel punto di tangenza le pendenze sono uguali, quindi il SMS è uguale al rapporto tra i prezzi y x I1I1 I2I2 I3I3 y x

12 11 SMS e rapporto tra i prezzi Sms=saggio sostituzione preferenze p x /p y saggio di sostituzione di mercato Se SMS> p x /p y –Il consumatore per avere x 2 -x 1 cederebbe y 1 -y 3. –Deve cedere solo y 1 -y 2 – Ci guadagna

13 12 La curva di domanda individuale Lo spostamento della retta di bilancio da 1 a 2 a 3 Il passaggio da a a b a c Acquisto di x 1, x 2, x 3 Costruzione della curva di domanda individuale La curva di mercato è la somma orizzontale delle curve individuali

14 13 La rendita del consumatore Il consumatore in realtà paga tutte le unità comprate allo stesso prezzo (es. £ ). –Tuttavia per lui la prima unità arreca un beneficio di £ , la seconda di £ , la terza di £ e solo la quarta di £ –Per le prime tre unità il consumatore ha un beneficio netto superiore al costo sopportato (£ per la prima, £ per la seconda e £ per la terza) In totale questo beneficio netto è pari a £ –In generale questo beneficio netto è chiamato rendita del consumatore ed è dato dalla somma della differenza tra lutilità marginale di ciascuna dose acquistata e lutilità marginale dellultima dose.

15 14 Il grafico della rendita del consumatore La rendita del consumatore è rappresentata dallarea compresa tra la curva di domanda, il prezzo e lasse delle ordinate Utilità marginale, Prezzo Libri

16 15 Variazione del reddito Passaggio da 1, 2, 3 Soddisfazioni U 1, U 2, U 3 Panieri a, b, c Consumo x 1, x 2, x 3 Bene normale

17 16 Beni inferiori Beni di scarsa qualità: al crescere del reddito diminuisce il consumo Passaggio da 1 a 2 Passaggio da U 1 a U 2 e da a a b Diminuzione da x 1 a x 2

18 17 Curve di Engel dei beni normali Curve di Engel (reddito consumo di un bene) Beni di prima necessità: aumento ad un tasso decrescente Beni di lusso: aumento ad un tasso crescente

19 18 Effetto reddito ed effetto sostituzione Se varia il prezzo di un bene cambia la scelta del consumatore –Cè leffetto sostituzione (sono variati i rapporti di scambio –Cè leffetto reddito (a parità di reddito nominale è variato il reddito reale Nel grafico il prezzo di x diminuisce. La retta di bilancio ruota verso lalto facendo perno in B. Il consumatore raggiunge la nuova curva di indifferenza I 2 più alta, aumentando il consumo di X e di Y y y2y2 B AAx y1y1 x1x1 x2x2 I1I1 I2I2

20 19 Effetto reddito Quale sarebbe stata la scelta del consumatore se il suo reddito fosse aumentato fino a permettergli di raggiungere la curva di indifferenza I 2 ma il rapporto tra i prezzi fosse rimasto invariato? y y Ax y1y1 x1x1 x I1I1 I2I2 Nel grafico è rappresentata la scelta del consumatore se il reddito fosse aumentato permettendo di raggiungere I 2, ma il rapporto tra i prezzi fosse rimasto invariato. Abbiamo leffetto reddito

21 20 Risultato finale Sovrapponendo i due grafici si ottiene la distinzione tra effetto reddito ed effetto sostituzione –Leffetto sostituzione è leffetto totale meno leffetto reddito y y2y2 B AAx y1y1 x1x1 x2x2 I1I1 I2I2 y x


Scaricare ppt "1 Dietro alla curva di domanda Le scelte del consumatore."

Presentazioni simili


Annunci Google