La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Sezione Meteo del 36° Stormo. 2 a cura del Magg. Villasmunta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Sezione Meteo del 36° Stormo. 2 a cura del Magg. Villasmunta."— Transcript della presentazione:

1 1 Sezione Meteo del 36° Stormo

2 2 a cura del Magg. Villasmunta

3 3 Un recentissimo studio effettuato dal ST.Serini su incarico del Capo Sezione, ha evidenziato che non sempre le previsioni di precipitazioni nevose emesse dallUfficio Meteo sono state coronate da successo.

4 4 Percentuale di successo di eventi previsti (in verde) nel periodo (semestre freddo)

5 5 Percentuale di eventi osservati previsti (verde) e non previsti (rosso) nel periodo

6 6 E emersa pertanto la necessità di migliorare il prodotto prognostico, anche in relazione alle conseguenze sulloperatività che una previsione errata può produrre.

7 7 Allo scopo di incrementare la qualità delle previsioni delle precipitazioni nevose, si è costituito un gruppo di lavoro composto da MA.Villasmunta, ST.Serini, ST.Pariti e M1 Redavid allo scopo di individuare le migliori tecniche di previsione oggi disponibili.

8 8 In questa presentazione verranno esposte le considerazioni generali di carattere termoigrometrico in relazione alla bassa troposfera ed in particolare, allo strato limite planetario … … inoltre, verrà presentato un software sperimentale elaborato dalla Sezione Meteo per facilitare lesame dei fattori favorevoli alle precipitazioni nevose.

9 9 Nessun metodo può essere applicato isolatamente. Le migliori previsioni si ottengono considerando tutte le informazioni a disposizione. Esperienza Esperienza Conoscenza dello stato dellatmosfera Conoscenza dello stato dellatmosfera Climatologia locale Climatologia locale Modelli numerici Modelli numerici

10 10 Il tipo di precipitazione che raggiunge il suolo in situazioni al limite dipende essenzialmente da due condizioni.

11 11 1) Deve esserci uno strato con temperatura al di sopra dello zero termico fra il suolo ed il livello a cui la precipitazione sta avendo inizio; 2)Il suddetto strato deve essere sufficientemente profondo da consentire la fusione della neve che cade prima che essa tocchi il suolo.

12 12 Di conseguenza, una corretta previsione di pioggia o neve su un dato luogo dipende in gran parte dallaccuratezza con cui può essere prevista la distribuzione verticale della temperatura, e in particolar modo dellaltezza dello zero termico.

13 13 Tipiche situazioni sinottiche Aria artica continentale (cA) E' spinta verso sud dall'anticiclone termico russo-siberiano con venti forti ed impetuosi di NE. Dato il suo piccolo spessore (2-3 km) difficilmente scavalca le Alpi e quindi irrompe sull'Italia e il Mediterraneo attraverso l'alto Adriatico. Quando il suddetto anticiclone si protende sottoforma di promontorio sui Balcani, l'aria artica si porta nel medio e nel basso Adriatico attraverso le Alpi Dinariche e la Dalmazia.

14 14 1. La temperatura al suolo Sappiamo che uno dei fattori favorevoli alle nevicate è costituito dalla temperatura al suolo < 2°C. Infatti, è noto che a temperature molto basse le nevicate cessano del tutto. Pertanto, nel prevedere le nevicate, prenderemo sempre in considerazione la temperatura attuale e prevista, in particolare verificando che essa sia inferiore a 2°C, o che scenda a questo valore nelle ore successive.

15 15 LAMI CORSA DELLE 00 ANALISI DELLE 00 UTC Le carte prodotte dal LAMI (modello a scala limitata) sono disponibili per previsioni di tre in tre fino ad un massimo di 48 ore.

16 16 In alternativa, anche anche lHRM (High Resolution Model)fornisce carte di temperature a 2 metri, con corse delle 00 e delle 12.

17 17 METEOGRAMMA ECMWF DELLA CORSA DELLE 12UTC

18 18

19 19 2. Altezza dello zero termico La quota dello zero termico assume importanza quando si desidera valutare se le precipitazioni nevose raggiungeranno il suolo senza trasformarsi in acqua. Si è scelto di fissare a 1200 piedi la quota di soglia, seguendo quanto riportato sullargomento in letteratura. In fase di sperimentazione, valuteremo se variare o meno tale quota.

20 20 In media, è abbastanza corretto dire che lo zero termico deve essere almeno 1200 piedi al di sopra del suolo per essere sicuri che la neve si scioglierà prima di raggiungere il suolo. 0°C: FL 012

21 21

22 22 3. Temperatura a 850 hPa 4. Temperatura a 700 hPa La valutazione di queste temperature ci consente di considerare se alle quote di circa 5000 piedi (850 hPa) e di circa piedi (700 hPa) le condizione termiche sono favorevoli alle precipitazioni nevose. Anche in questo caso seguiamo la letteratura corrente, fissando come favorevoli i valori < 0°C per la 850 hPa, e i valori <-4°C per la 700 hPa.

23 23

24 24

25 25 5. Spessore della topografia relativa hPa Le considerazioni circa lo spessore hPa sono ritenute da sempre fondamentali. Infatti, lo spessore tra le due superfici isobariche in questione è funzione principalmente della temperatura media dello strato fra esse compreso, e in minor misura del contenuto di umidità. Quindi valori bassi di spessore indicheranno la presenza di aria fredda tra suolo e media troposfera. La soglia considerata è 5400 m, che potremo ragionevolmente portare a 5360 m se losservazione sperimentale, come sospettiamo, ce lo indicherà.

26 26

27 27

28 28 6. Temperatura nello strato 1200 ft- 700 hPa

29 29

30 30 7. Depressione del punto di rugiada nello strato compreso tra suolo e 700 hPa

31 31

32 32 Quando lesame dei fattori sarà terminato, cliccando sul pulsante RISCHIO NEVE si otterrà la valutazione complessiva degli elementi: BASSOMEDIOALTO BASSOMEDIOALTO BASSOMEDIOALTO

33 33 Se nel corso della sperimentazione, osserviamo che il software sottostima o sovrastima la possibilità di neve, possiamo intervenire sulla sensibilità, aumentandola o diminuendola: La neve dipende dalla compresenza di più fattori rispetto al normale La neve dipende dalla compresenza di meno fattori rispetto al normale

34 34


Scaricare ppt "1 Sezione Meteo del 36° Stormo. 2 a cura del Magg. Villasmunta."

Presentazioni simili


Annunci Google