La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Educare alla vita buona del Vangelo in una famiglia spezzata Salsomaggiore 24 giugno 2011 Prof.ssa Raffaella Iafrate Centro di Ateneo Studi e Ricerche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Educare alla vita buona del Vangelo in una famiglia spezzata Salsomaggiore 24 giugno 2011 Prof.ssa Raffaella Iafrate Centro di Ateneo Studi e Ricerche."— Transcript della presentazione:

1 Educare alla vita buona del Vangelo in una famiglia spezzata Salsomaggiore 24 giugno 2011 Prof.ssa Raffaella Iafrate Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

2 Gli Orientamenti Pastorali per il decennio (Cei, Educare alla vita buona del Vangelo, terzo capitolo). individuano nella relazione, nell incontro con laltro, il luogo privilegiato dellesperienza educativa Il primo compito delleducatore è dunque quello di cercare di capire, comprendere i legami per imparare a prendersene cura (conoscere per intervenire)

3 Cosa accade alle relazioni familiari quando la famiglia si spezza a causa di un divorzio coniugale? Quali sono le conseguenze sui figli di questa scelta operata o subita dagli adulti che sono responsabili della educazione delle giovani generazioni? Quali i compiti dei genitori separati per salvaguardare la crescita dei figli?

4 Davanti ad una frattura coniugale occorre prima di tutto fermarsi a capire cosa cambia nella relazioni familiari e ancora più nella mente e nel cuore dei figli che attraversano questa inattesa e non scelta transizione di vita.

5 Interrogativi sulle conseguenze che a breve, medio e a lungo termine si possono osservare nei children of divorce. Levento SEPARAZIONE comporta una quota significativa di sofferenza e una necessità di cambiamento a livello affettivo ed organizzativo. ATTENZIONE SULLE CONSEGUENZE CHE LA SEPARAZIONE ESERCITA SUI FIGLI

6 …Vorrei che i miei genitori tornassero insieme …. (il bambino sapeva che non era possibile perché ciascun genitore aveva un nuovo partner) ….

7 E vero che lamore può finire?

8 4 linee di tendenza 1. Centralità delle dimensioni relazionali rispetto a quelle strutturali della famiglia 2. Salienza delle dimensioni cognitivo-affettive piuttosto che di quelle socio- comportamentali 3. Attenzione prestata alla dimensione temporale 4. Problema dellassenza (o latitanza) paterna

9 1. DIMENSIONI RELAZIONALI 1/4 Sono le modalità di relazione tra ex-partner e di rapporto tra genitore e figlio ad avere una significativa influenza sul funzionamento familiare nel suo complesso e sulladattamento dei figli 3 tipi di confini 1. Confine tra sottosistemi familiari 2. Confine intergenerazionale di tipo gerarchico 3. Confine familiare Area critica: FUNZIONAMENTO DEI CONFINI la separazione coniugale implica una rinegoziazione della relazione da parte dei membri della famiglia e richiede loro di ridefinire i confini di tale relazione

10 1. DIMENSIONI RELAZIONALI 2/4 COME RIDURRE GLI EFFETTI NEGATIVI DEL DIVORZIO? Gli ex coniugi devono EVITARE il fenomeno del figlio caught between parents CONFINI TRA SOTTOSISTEMI FAMILIARI Insorgono difficoltà quando il confine tra il sottosistema della coppia di ex-coniugi e quello dei figli diventa ambiguo e confuso il figlio viene coinvolto nelle dinamiche che riguardano la relazione tra i genitori

11 Quando i miei litigano, e succede spesso, se la prendono sempre con me.

12 1. DIMENSIONI RELAZIONALI 3/4 CONFINE INTERGENERAZIONALE DI TIPO GERARCHICO Le relazioni genitori-figli, dopo il divorzio, tendono a strutturarsi su un piano orizzontale anziché gerarchico RISCHIO: PARENTIFICAZIONE del figlio

13 Soffro di più nel veder soffrire mia mamma che per come sono trattata da mio padre.

14 CONFINE FAMILIARE 1. DIMENSIONI RELAZIONALI 4/4 NON sono in grado di capire chi sta dentro e chi sta fuori dalla famiglia La percezione di questo confine da parte dei figli risulta ambigua

15 Qual è la mia casa?

16

17 2. DIMENSIONE COGNITIVO-AFFETTIVE Spostare lattenzione ai sentimenti, alle emozioni e alle percezioni del figlio Il DISAGIO non sempre si osserva nel comportamento manifesto, ma spesso si tratta di un disagio INTERIORIZZATO che va codificato e fatto emergere affinché possa essere trattato CONSEGUENZE Sentimento di essere presi in mezzo; Percezione di ambiguità dei confini familiari; Sentimento di ingiustizia; Percezione che oscilla tra lessere sospesi e lessere de-solati; Percezione di non avere il sostegno dai genitori.

18 Perché Dio ha voluto che nascessi da una coppia così?

19 Per i miei genitori sono nato per caso, anzi per sbaglio: senza di me starebbero meglio

20 Quando arrivo a casa non cè nessuno che si preoccupa di me. A casa non voglio tornare più. Non cè nessuno che mi aspetta.

21 mai ho capito come e dove i miei si sono amati. E per questo che li odio.

22 3. DIMENSIONE TEMPORALE NON bisogna SOTTOVALUTARE gli effetti a LUNGO TERMINE che la separazione può esercitare sui figli SLEEPER EFFECT = effetto ritardato del divorzio Minore capacità di impegnarsi in relazioni affettive durature; Maggiore tendenza a sperimentare precocemente rapporti affettivi e sessuali occasionali; Maggiori difficoltà nella progettualità professionale e nel raggiungimento di uno status economico stabile; Diffidenza e paura per le relazioni affettive; Difficoltà a progettare il proprio futuro da adulto; Timore di ripetere il fallimento dei genitori; Bisogno di riscattare limmagine di unità familiare perduta.

23 …io non mi sposerò mai: non voglio far soffrire nessuno…

24 Voi adulti siete un po buffoni, dite una cosa poi nella vita fate tutto diverso (ragazzo)

25 4. ASSENZA O LATITANZA PATERNA 1/4 La DISTANZA dal PADRE, associata a sentimenti di delusione e di perdita, rappresenta una delle principali fonti di disagio per i figli di genitori separati 2 fenomeni: SINDROME DA ALIENAZIONE PARENTALE SINDROME DELLA MADRE MALEVOLA Indicano la tendenza ricorrente nei nuclei monogenitoriali separati ad allontanare il genitore non affidatario minando il suo rapporto con il figlio

26

27 … …ci sono delle situazioni che tu non puoi creare a tavolino...sono legate al fatto di convivere insieme o no, cioè a una routine o non routine o a delle esperienze vissute insieme...se tu queste esperienze non le hai è difficile che...poterle studiare o ricreare o vivere a pranzo o al bar…

28 4. ASSENZA O LATITANZA PATERNA 2/4 Forme specifiche di dolore per MASCHI e FEMMINE MASCHI La mancanza del padre sembrerebbe essere assenza del genitore che stabilisce le regole e che trasmette gli insegnamenti utili per la vita. FEMMINE La mancanza del padre è assenza di un partner accanto alla madre, è solitudine della madre e identificazione con la sua sofferenza. Quali DIFESE ne derivano? Svalutazione del padre come persona e come genitore. Evidenziati solo gli aspetti negativi della relazione con lui. Idealizzazione del padre. A lui vengono attribuite le caratteristiche della figura mitica e carismatica

29 ……per me mio padre è una divinità! Cioè, per me tutto quello che fa è…cioè, un superuomo!; questa figura un po mitica.. non ho astio, sarebbe stato meglio averlo forse qualche volta nei suoi confronti…io lo giustifico.

30 4. ASSENZA O LATITANZA PATERNA 3/4 ESITO MASCHI Timori relativi alleventualità di ripetere gli errori paterni e dubbi circa la propria capacità di esercitare il ruolo genitoriale. FEMMINE Preoccupazioni e paure relative allintimità nel rapporto di coppia e allabbandono. Effetto negativo sulle relazioni che si sviluppano nel nucleo monogenitoriale; Forma di appello al padre, di ricerca della sua presenza come un luogo altro rispetto alla relazione con la madre.

31 4. ASSENZA O LATITANZA PATERNA 4/4 Rapporto con i NONNI I figli del divorzio tendono a dichiarare apertamente la propria appartenenza ad una sola stirpe familiare. I nonni sono un punto di riferimento importante per la crescita, ma i figli del divorzio sottolineano la difficoltà ad accedere ad entrambe le storie familiari. I figli del divorzio tendono a schierarsi dalla parte dei nonni che li hanno cresciuti. Incoraggiare lo sviluppo di ricerche che affrontino la questione dei figli del divorzio in unottica INTERGENERAZIONALE e SOCIALE

32 FAMIGLIA SEPARATA 1) Trattare la fine del legame, elaborando il fallimento familiare 2)Impegnarsi in una gestione cooperativa del conflitto coniugale ridefinendo i confini coniugali e familiari. ….. COME CONIUGI

33

34 FAMIGLIA SEPARATA 1) Mettere in atto una forma di collaborazione con lex-coniuge per garantire lesercizio della funzione genitoriale 2)Consentire al figlio laccesso alla storia di entrambe le famiglie dorigine …. COME GENITORI

35

36 FAMIGLIA SEPARATA 1)Realizzare un interscambio supportivo con le famiglie dorigine 2) Non appiattirsi in una relazione esclusivamente filiale …. COME FIGLI

37 FAMIGLIA SEPARATA 1)mantenere uno scambio attivo con la rete amicale 2)ricorrere a servizi competenti per uscire dalla crisi 3) superare concezione di separazione come scelta privata: mediare col sociale …. COME MEMBRI DI UNA COMUNITA SOCIALE:

38 DARE FIDUCIA E SPERANZA LE FAMIGLIE GLI EDUCATORI I GRUPPI DI GENITORI SEPARATI LA SCUOLA LA MEDIAZIONE FAMILIARE I GRUPPI DI PAROLA LA TERAPIA DARE FIDUCIA E SPERANZA LE FAMIGLIE GLI EDUCATORI I GRUPPI DI GENITORI SEPARATI LA SCUOLA LA MEDIAZIONE FAMILIARE I GRUPPI DI PAROLA LA TERAPIA

39 La negazione dellaccesso del figlio a entrambe le stirpi di appartenenza che fondano la sua origine è uno dei più grandi gesti di ingiustizia che un genitore solo possa compiere contro il proprio figlio, travolgendolo nel fallimento del rapporto coniugale e non salvaguardando il suo diritto a godere della dimensione simbolica del legame genitoriale del quale egli resta comunque il segno indissolubile.

40 Afifi, T. D, Schrodt, P. (2003). Feeling caught as a mediator of adolescents and young adults avoidance and satisfaction with their parents in divorced and non-divorced households. Communication Monographs, 70(2), Amato, P. R. (2000). The consequences of divorce for adults and children. Journal of Marriage and the Family, 62, Amato, P. R. (2001). Children of divorce in the 1990s; an update of the Amato and Keith (1991) meta-analysis, Journal of Family Psychology,152, Bertoni, A., Donato, S., e Ranieri, S. (2010). Una proposta di valutazione di un intervento promozionale della genitorialità. Psicologia delleducazione. Bodenmann G., Bertoni A. (2004), Promuovere le competenze di coppia, Carocci, Roma. Buchanan, C. M., Maccoby, E. E., Dornbusch, S. M. (1991). Caught between parents: Adolescents experience in divorced homes. Child Development, 62, Cigoli, V., Giuliani, C., & Iafrate, R. (2002). Il dolore del divorzio: adolescenti e giovani adulti tra riavvicinamento e distacco alla storia familiare. Psicologia clinica dello sviluppo,IV,3, Earley, L., Cushway, D. (2002). The parentified child. Clinical Child Psychology & Psychiatry, 7(2), Emery R. (1998). Il divorzio. Rinegoziare le relazioni familiari. Milano: Raffaello Cortina, Emery R. (2008). La verità sui figli e il divorzio. Gestire le emozioni per crescere insieme. Milano: Franco Angeli. Frank, H. (2006). Young Adults' Relationship with Parents and Siblings: The Role of Marital Status, Conflict and Post-Divorce Predictors. Journal of Divorce and Remarriage, 46, Giuliani, C., & Iafrate, R. (1995). Nuclei monogenitoriali: genitori e figli a confronto. Il Bambino Incompiuto, 6, Giuliani, C., Iafrate, R., & Rosnati, R. (1998). Peer-group and romantic relationships in adolescents from intact and separated families. Contemporary Family Therapy,20,1, Greco, O., (2006), Il lavoro clinico con le famiglie complesse: il test la doppia luna nella ricerca e nella terapia, 69-91, Milano, Franco Angeli. Grych, J. H., Fincham, F. D., Jouriles, E. N., McDonald, R. (1990). Interparental Conflict and Child Adjustment: Testing the Mediational Role of Appraisals in the Cognitive-Contextual Framework. Child Development, 71, Iafrate, R. (1996a). Comunicazione, soddisfazione ed influenza parentale in famiglie intatte e separate con figli adolescenti. Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 2-3, Iafrate, R. (1996b). Conflitto, cooperazione e percezione dei confini familiari in famiglie separate con adolescenti. Ricerche di Psicologia,2, Iafrate, R., & Giuliani, C. (2006). Lenrichment familiare: interventi preventivi per la famiglia. Carocci editore. Iafrate, R., Bertoni, A. (2007), Rilanciare lidentità della famiglia per renderla protagonista nella comunità: i Percorsi di Promozione e Arricchimento dei Legami Familiari, Psicologia di comunità, 1, pp Iafrate, R., Rosnati Rosa (2007),. Riconoscersi genitori. I Percorsi di Promozione e Arricchimento del Legame Genitoriale, Edizioni Erikson, Trento. Iafrate, R., Rosnati R., Bertoni A. (2007). Percorsi di Promozione e arricchimento dei Legami Familiari. In E. Scabini, G. Rossi (a cura di), Promuovere famiglia nella comunità, pp , Milano, Vita e Pensiero. Iafrate R. (2008). Prevenzione in famiglia, ricetta contro le crisi? Vita e Pensiero, 5, pp Iafrate, R. (2009), Frattura del legame e giovani generazioni: effetti della separazione coniugale sui figli adolescenti e giovani adulti, in L. Melina C. A. Anderson (a cura di) Lolio sulle ferite Una risposta alle piaghe dellaborto e del divorzio, pp , Ed. Cantagalli, Siena. Iafrate, R., Marzotto, C., & Rosnati, R. (2010), Buone pratiche di intervento per la promozione dei legami familiari, in E. Scabini, G. Rossi (a cura di), La ricchezza delle famiglie, Milano, Vita e Pensiero, pp Iafrate R., Bertoni A. (2010), Gli affetti. Promuovere legami familiari e sociali, Ed. La Scuola, Brescia. Scabini, E., & Iafrate, R. (2003). Psicologia dei legami familiari. Bologna, Il Mulino. Wallerstein, J. S. (2005). Growing up in the divorced family. Clinical Social Work Journal, 33, 4, RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

41


Scaricare ppt "Educare alla vita buona del Vangelo in una famiglia spezzata Salsomaggiore 24 giugno 2011 Prof.ssa Raffaella Iafrate Centro di Ateneo Studi e Ricerche."

Presentazioni simili


Annunci Google