La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fonti dirette e fonti indirette: questionario, censimento, campionamento Statistica Mauro Giovanni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fonti dirette e fonti indirette: questionario, censimento, campionamento Statistica Mauro Giovanni."— Transcript della presentazione:

1 Fonti dirette e fonti indirette: questionario, censimento, campionamento Statistica Mauro Giovanni

2 Fonti dirette / indirette Fonti dirette o primarie: –rilevazioni mediante questionari a scopo descrittivo- esplorativo –rilevazione per scopi di ricerca (definire rapporti causa-effetto) Fonti indirette o secondarie: –censimenti e studi su campioni realizzate da organi ufficiali (ISTAT) o indagini commerciali (istituto Tagliacarne) principalmente mediante panel –rilevazioni interne allazienda (fatture, note di carico…)

3 Fonti primarie – dirette Caratteristiche positive: –Costruite per un determinato obiettivo –Il grado di accuratezza dipende da chi le svolge –Disponibili in tempi brevi Caratteristiche negative –Costose –Non immediate –Rielaborazione statistica da parte dellutente –Rappresentatività

4 Questionario Fonte diretta (intento esplorativo-descrittivo) Misurazione di fatti o di attitudini-comportamenti? Sequenza dei quesiti nel questionario (apertura: semplici oggettive ed interessanti; chiusura: domande riservate) Chiarezza delle domande (aperte o chiuse) Scale attitudinali semplici (quesito singolo) e complesse (quesiti multipli)

5 Questionario Scale attitudinali semplici: –Scale di valutazione non comparative (grafiche o categoriche) –Scale di valutazione comparativa (binarie, ordinali, a somma costante) Scale attitudinali complesse: –Likert –Differenziale semantico

6 Questionario Un esempio: pubblicità e manifestazioni

7 Modalità di contatto Vantaggi e svantaggi di: Intervista diretta (ISTAT..) Intervista postale (Libri…) Intervista telefonica Internet

8 Fonti secondarie Caratteristiche positive: –Rapidità di accesso –Economiche per lutente Caratteristiche negative –Non disponibili tout court –Non costruite per un determinato obiettivo –Accurate ? (Qualità del dato!) –Esaurienti? –Costose?

9 Fonti secondarie: esempi Censimenti realizzati da ISTAT Campionamenti realizzati da ISTAT Campioni commerciali Indagini della Banca di Italia Indagini della Camera di Commercio …………………………….

10 Fonti secondarie: esempi Censimenti realizzati da ISTAT –Rilevazione diretta, individuale, totale ripetuta con cadenza periodica (decennale). Relativa ad ogni singola unità del collettivo indagato allinterno di un territorio, la sezione di censimento. –I Censimenti generali hanno riguardato 57 milioni di cittadini, 4.3 milioni di imprese dell'industria e dei servizi e 2.6 milioni di aziende agricole. –Prossimi Censimenti Al momento, è in fase di svolgimento la rilevazione pilota del Censimento della popolazione e delle abitazioni, che consentirà di mettere a punto il questionario definitivo e le modalità di rilevazione dei dati.rilevazione pilota del Censimento della popolazione e delle abitazioni –Costo dei censimenti? 232 milioni di euro nel 1990 e circa 400 milioni di euro nel 2000

11 Principali obiettivi: –conteggio della popolazione –rilevazione delle sue caratteristiche strutturali –aggiornamento e la revisione delle anagrafi –determinazione della popolazione legale –raccolta di informazioni sulla consistenza numerica e sulle caratteristiche strutturali delle abitazioni Censimento generale della popolazione e delle abitazioni

12 I Censimenti economici forniscono un quadro esaustivo della dimensione e delle caratteristiche del sistema economico nazionale con un dettaglio territoriale fine Censimento generale dellindustria e dei servizi Cronologia dei censimenti economici in Italia: : Censimento degli opifici e delle imprese industriali, svolto dal1911 Ministero dellagricoltura, dellindustria e del commercio : I Censimento generale dellindustria e del commercio (svolto dall'ISTAT)1927ISTAT : II Censimento generale dellindustria e del commercio novembre 1951: III Censimento generale dellindustria e del commercio ottobre 1961: IV Censimento generale dellindustria e del commercio ottobre 1971: V Censimento generale dellindustria e del commercio ottobre 1981: VI Censimento generale dellindustria, del commercio, dei servizi e dellartigianato ottobre 1991: VII Censimento generale dell'industria e dei servizi dicembre 1996: - Censimento intermedio dell'industria e dei servizi ottobre 2001: VIII Censimento generale dell'industria e dei servizi ottobre 2011 (previsto): IX Censimento generale dell'industria e dei servizi2011

13 Il Censimento considera il mondo rurale in relazione alle nuove attività (colture biologiche, agriturismo, artigianato) e ai nuovi rapporti economici (integrazione produttiva, approcci al mercato). 2,6 milioni di aziende agricole, zootecniche e forestali, con una superficie totale di 19,6 milioni di ettari, di cui 13,2 milioni di superficie agricola utilizzata. Censimento dellAgricoltura Cronologia del censimento generale dell'agricoltura in Italia: 1.15 aprile 1961: I censimento ottobre 1970: II censimento ottobre 1982: III censimento ottobre 1990: IV censimento ottobre 2000: V censimento ottobre 2010: VI censimento (previsto)2010

14 Fonti secondarie: esempi Campionamenti realizzati da ISTAT Le rilevazioni campionarie vengono svolte in modo continuativo da ISTAT e i risultati vengono presentati ogni 3 mesi – risultati trimestrali. Riguardano tutti i temi su cui indaga listituto nazionale di statistica dalla famiglia alle abitazioni, dalla popolazione, alla salute, dalla giustizia, alla qualità della vita e vengono presentati sottoforma di Tavole di dati.

15 Fonti secondarie: esempi Indagini realizzate da Banca dItalia Indagine sui bilanci delle famiglie italiane famiglie ossia circa individui, distribuite in circa 300 comuni italiani Indagine sulle imprese industriali e dei servizi dal 2002 è stata avviata un'analoga indagine sulle imprese dei servizi privati non finanziari con 20 addetti e oltre

16 Fonti secondarie: PANEL Panel: campione commerciale di tipo continuativo (originariamente lelenco dei cittadini convocati dalle corti popolari in USA). Esso è costituito da un numero costante di unità in continuo aggiornamento. –Panel di consumatori: famiglie/single –Panel di aziende: punti vendita/imprese –Panel di contatto continuo: si domanda ai soggetti di comunicare tutti i propri acquisti in una determinata categoria di prodotti o di attuare un determinato atteggiamento ogni volta che si verifichi. –Panel continuo, basato sugli scanner: si riferisce agli acquisti di beni di largo consumo

17 Fonti secondarie: NIELSEN Nielsen HomescanTM è l'unico panel in grado di acquisire tutte le informazioni sull'acquisto di beni di consumo confezionati. Negli ultimi dieci anni, il consumer panel Homescan è risultato essere il principale panel per gli acquisti dei consumatori a livello mondiale. Il suo comprovato successo e il valore che offre ai produttori di beni di consumo ha portato allo sviluppo dei Worldwide Consumer Panel Services di Nielsen, che forniscono preziosi insight sui consumatori di 26 paesi e si basano sulle informazioni di acquisto dei consumatori, raccolte presso oltre famiglie nel mondo.

18 Fonti secondarie: NIELSEN AGB Nielsen Media Research opera in Italia con una delle più numerose installazioni di peoplemeter al mondo attraverso un "panel" costituito da oltre 5100 famiglie. Essendo la prima compagnia in ordine cronologico all'interno del Gruppo, essa fornisce quotidianamente i dati di ascolto Auditel da oltre 20 anni, riferiti a quello che può definirsi uno dei mercati più grandi e competitivi al mondo in termini di pubblicità televisiva.

19 Fonti secondarie: NIELSEN Popolazione: Dimensione del Panel: famiglie Inizio produzione dati:1981 Il Panel Peoplemeters installati:9.700 Universo: (individui da 4+ nelle famiglie con TV) Dati rilevati:Ascolto Terrestre Analogico, Satellite, DTT e IPTV Recupero dati attraverso:Linea Telefonica

20 Il campionamento

21 Esiste il campione perfetto?

22 Esiste il campione perfetto? 1. Le conclusioni sono valide per le persone che compongono il campione? Validità interna 2. Il campione rappresenta bene la popolazione da cui è stato estratto? Validità esterna

23 Fattori dellerrore di campionamento

24 Fasi del campionamento 1.Definire della popolazione di riferimento 2.Specificazione della modalità di campionamento 3.Determinazione dellampiezza del campione 4.Individuazione delle liste di campionamento 5.Selezione delle unità di campionamento

25 Metodi di campionamento

26 Metodi di campionamento Campionamento ragionato: scelta fatta dagli operatori Appropriato per piccoli campioni. Ad esempio la scelta di due città campione: scelta ragionata. Appropriato se non si dispone di liste delle unità della popolazione Campionamento per quote: la scelta fatta dagli operatori sulla base delle quote in cui viene suddivisa una popolazione. Esempio: indagine sui consumi della AC Nielsen.

27 Metodi di campionamento: Campione Casuale Semplice

28 Metodi di campionamento Campione Casuale Sistematico Passo di campionamento k = N/n

29 Metodi di campionamento Campione Casuale Stratificato

30 Metodi di campionamento Campione Casuale a Grappolo Non prevede l'estrazione di un singolo individuo come rappresentante della popolazione, ma grappoli di individui con tutte le unità "appartenenti" al grappolo. Una partizione della popolazione scelta a caso. Esempio: una classe da una scuola, una sezione elettorale, una sezione di censimento, ecc.


Scaricare ppt "Fonti dirette e fonti indirette: questionario, censimento, campionamento Statistica Mauro Giovanni."

Presentazioni simili


Annunci Google