La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Servizi di Supporto per Internazionalizzazione e Finanziamento alle Imprese del Settore Ceramico Progetto di consulenza alle imprese ceramiche finanziato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Servizi di Supporto per Internazionalizzazione e Finanziamento alle Imprese del Settore Ceramico Progetto di consulenza alle imprese ceramiche finanziato."— Transcript della presentazione:

1 Servizi di Supporto per Internazionalizzazione e Finanziamento alle Imprese del Settore Ceramico Progetto di consulenza alle imprese ceramiche finanziato dalla Regione Emilia Romagna e dal Fondo Sociale Europeo * Strumenti Finanziari a Supporto dellInnovazione e dellInternazionalizzazione in impresa Sassuolo, 25 ottobre 2006

2 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.2 in -net srl Network di specialisti per in novazione in ternazionalizzazione IN- Net s.r.l. è una società specializzata nel fornire consulenza e servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione in Italia ed allestero. E basata su un team di consulenti attivi nei seguenti settori: oRicerca di finanziamenti pubblici (progetti UE) e privati oProgettazione di azioni cofinanziate da fondi Ue per Enti Pubblici, Associazioni di categoria e aziende oMarketing e Commercio Estero oOrganizzazione aziendale oGestione e Selezione delle Risorse Umane oGestione dei Sistemi Informativi oFinanza dImpresa oProject Financing

3 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.3 I Finanziamenti Agevolati IN-Net è specializzata nella: oconsulenza strategica per lindividuazione e il reperimento di finanziamenti per progetti di innovazione sia nelle imprese private che per enti pubblici. oConsulenza operativa volta a predisporre business plan da sottoporre a finanziatori privati e pubblici, per start-up di imprese, spin-off o per il finanziamento di progetti innovativi. oConsulenza strategica alle pubbliche amministrazioni e alle associazioni di impresa in ordine alla gestione di finanziamenti e incentivi UE.

4 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.4 Obiettivo della presentazione: 1.Fornire una panoramica dei finanziamenti agevolati per le imprese: 1.Fondi strutturali UE 2007 – Elementi generali 2.Esempi di utilizzo a livello regionale 3.Finanziamenti Nazionali 2.7° Programma Quadro 3.Il Private Equity 1.Stimolare lutilizzazione di tali fondi per favorirne lutilizzo da parte delle aziende del distretto Ceramico 2.Far emergere progetti dimpresa sostenuti da strumenti finanziari italiani e/o europei

5 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.5 Ripartizione territoriale

6 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.6

7 7 La riforma dei Fondi strutturali I fondi Ue per la competitività regionale e occupazione per il periodo ammonteranno a 17 miliardi di euro. divisi tra le regioni del Centro/Nord. Il totale si ottiene sommando: - i fondi dell´obiettivo competitività regionale e sviluppo (5352 milioni di euro da parte della Ue) - i cofinanziamenti nazionali (6919 milioni di euro) - i fondi per le aree sotto utilizzate, i fas (5200 milioni di euro). LEmilia-Romagna ha il 7,8% del totale pari a Milioni. Di questi, circa il 30% verrà destinato allo sviluppo e allinnovazione delle imprese. (nella programmazione precedente era circa il 15%)

8 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.8 La Novità: più attenzione alle imprese le priorità rientrano nei 3 ambiti seguenti: -innovazione ed economia della conoscenza attraveso -il potenziamento della RST, -l'innovazione di processo e di prodotto -lo simolo allimprenditorialità tramite il sostegno alla commercializzazione di prodotti, processi e servizi nuovi o migliorati dalle PMI -la promozione dell'imprenditorialità agevolando lo sfruttamento commerciale di nuove idee o sostenendo la creazione di imprese innovative -la creazione di nuovi strumenti di ingegneria finanziaria per le imprese innovative; -ambiente e prevenzione dei rischi, con la bonifica dei terreni contaminati, lo stimolo dell'efficienza energetica, la promozione dei trasporti pubblici urbani puliti e l'elaborazione di piani per prevenire e gestire i rischi naturali e tecnologici; -accesso ai servizi di trasporto e di telecomunicazione d'interesse economico generale, con il potenziamento delle reti secondarie e l'incoraggiamento dell'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle PMI.

9 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.9 Internazionalizzazione Emilia Romagna: Esempio 1 -Sostegno ai percorsi di internazionalizzazione delle imprese -Sostegno delle strategie di penetrazione commerciale (legge 394/81) Finanziamento in conto interesse -L´intervento si rivolge alle Pmi industriali e artigiane dell´Emilia- Romagna che intendono allargare la loro attività commerciale ai mercati esteri. -La misura interviene in due modi: -a) attraverso un fondo di garanzia opera a supporto di: prefinanziamenti bancari, concessi da istituti di credito convenzionati con i consorzi fidi, destinati all´avvio dei progetti di penetrazione commerciale all´estero; -b) attraverso finanziamenti agevolati concessi da Simest ai sensi della Legge 394/81 e del Decreto Ministeriale 22 settembre 1999, n. 467.

10 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.10 Internazionalizzazione Emilia Romagna: Esempio 2 -Sostegno alla costituzione di imprese all´estero Fondi di Garanzia -Sostenere gli investimenti produttivi e commerciali delle Pmi regionali nei paesi al di fuori dell´Unione Euopea. -La Regione Emilia-Romagna ha attivato, un fondo di garanzia regionale a supporto del finanziamento L 394/81 gestito da Simest che potenzia notevolmente le agevolazioni per lo sviluppo commerciale delle PMI emiliano-romagnole sui mercati esteri. La Regione Emilia-Romagna ha affidato la gestione tecnica di tale strumento a: Fidindustria Emilia-Romagna, Artigiancredit Emilia- Romagna e Coop.E.R. Fidi. A oggi sono già stati perfezionati diversi interventi.

11 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.11 Internazionalizzazione Emilia Romagna: Esempio 3 Sostegno a iniziative aggregate strutturate, rappresentative di filiera, di promozione, penetrazione commerciale e cooperazione industriale Finanziamenti a fondo perduto Il Bando, nella sua seconda edizione, intende supportare le strategie di internazionalizzazione delle PMI emiliano-romagnole e la strutturazione in filiera del tessuto produttivo della regione. Il contributo verrà concesso per progetti realizzati da ATI (Associazione Temporanea di Imprese) di almeno 8 PMI. Per ogni singolo progetto è previsto un contributo fino a euro. Il contributo non potrà in ogni caso essere superiore al 50% delle spese ammissibili

12 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.12 Internazionalizzazione Emilia Romagna: Esempio 4 Sostegno a iniziative di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica permanenti in forma aggregata (legge 83/89). Finanziamenti a fondo perduto. Per facilitare il processo di internazionalizzazione del sistema produttivo, la Regione Emilia-Romagna sostiene le attività di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica di Pmi regionali consorziate. La misura è rivolta ai consorzi di Pmi e imprese artigiane e non può essere impiegato per coprire i costi di iniziative personalizzate. L´intervento regionale, sotto forma di contributi ai consorzi export, viene realizzato tramite bando di gara annuale. Viene richiesto un progetto di dettaglio che definisca un percorso strutturato di internazionalizzazione con l´elenco delle imprese coinvolte e del loro ruolo..

13 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.13 Innovazione Emilia Romagna: Esempio 1 Azioni per lo sviluppo del sistema produttivo regionale verso la ricerca industriale e strategica - Progetti di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo Finanziamenti a fondo perduto Possono partecipare al bando della Regione imprese singole oppure riunite in consorzi o associazioni temporanee interessate progetti di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo. L´intervento si avvale di personale e strutture delle Università,degli enti di ricerca, di società professionali o singoli professionisti in campo tecnologico. I progetti dovranno avere un costo complessivo non inferiore ai 150 mila euro. Il cofinanziamento regionale non potrà essere superiore ai 250mila euro per ogni progetto e potrà coprire fino al 50 per cento delle spese per le attività di ricerca e il 25 per cento per lo sviluppo precompetitivo.

14 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.14 Innovazione Emilia Romagna: Esempio 2 Progetti per lo sviluppo di infrastrutture innovative nei sistemi produttivi locali Finanziamenti a fondo perduto Sostenere i progetti per lo sviluppo di infrastutture innovative nei sistemi produttivi locali. Beneficiari sono gli enti locali, le agenzie di sviluppo pubbliche, gli enti di ricerca e le università, le fondazioni bancarie. Cofinanziamenti in conto capitale (fino ad un massimo del 40 per cento del costo del progetto) per un ammontare massimo di 1 milione 500 mila euro nel triennio. Le risorse si concentreranno sui seguenti interventi: investimenti in infrastrutture telematiche per collegare i siti produttivi con le reti a banda larga; infrastrutture per l´insediamento di nuove imprese innovative (es.incubatori hi-tech), servizi di information technology, certificazione ambientale per le aree industriali, etc.

15 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.15 Innovazione Emilia Romagna: Esempio 3 Sostegno allo start up di imprese innovative - Fondo Ingenium Si tratta di incentivare la nascita di nuove imprese innovative tramite la costituzione di un fondo di venture capital per l´assunzione di partecipazioni di minoranza al capitale di rischio dell´impresa.

16 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.16 Internazionalizzazione Ministero Commercio Estero Incentivi alla costitutuzione di Società all'estero Partecipazione della Simest SpA e contributo agli interessi sui finanziamenti ottenuti dalle banche per la costituzione o acquisizione di quote in società all'estero nei Paesi extra U.E. (L 100/90) Partecipazione della Finest SpA e contributo agli interessi sui finanziamenti ottenuti dalle banche per la costituzione o acquisizione di quote in società all'estero nei Paesi extra U.E. (L 19/91) Fondi di Venture Capital Finanziamenti agevolati per la costituzione di societa miste (joint- ventures) nei Paesi in via di sviluppo (PVS) (L 49/87 - art.7)

17 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.17 Internazionalizzazione Ministero Commercio Estero Strumenti di sostegno volti a favorire l'internazionalizzazione delle imprese Finanziamento agevolato delle spese per la realizzazione di studi di prefattibilità e di fattibilità connessi all'aggiudicazione di commesse in paesi extra U.E. (D.Lgs 143/98 - art. 22, comma 5, lett. a - DM 23 marzo 2000 n. 136) Finanziamento agevolato delle spese per la realizzazione di programmi di assistenza tecnica e di studi di fattibilità, connessi ad esportazioni o ad investimenti italiani all'estero in paesi extra U.E. (D.Lgs 143/98 - art. 22, comma 5, lett. b - DM 23 marzo 2000 n. 136) Finanziamenti agevolati per la realizzazione di programmi di penetrazione commerciale in paesi non appartenenti all'Unione Europea (L 394/81 - art. 2) Finanziamenti agevolati delle spese di partecipazione a gare internazionali indette in paesi non appartenenti all'Unione Europea (L 304/90 - art. 3) Finanziamento agevolato dei crediti all'esportazione di beni durevoli (L 227/77 - D.Lgs 143/98) Assicurazione dei crediti all'esportazione di beni durevoli (L 227/77 - D.Lgs 143/98 - SACE)

18 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.18 Il 7° Programma Quadro: Budget Il 7° programma quadro si svolgerà su un periodo di sette anni compreso tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre Il programma dovrebbe essere dotato di un budget pari a 50,521 miliardi di euro per l'intera durata del programma. Cui si aggiungeranno i budget Euratom

19 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.19 Il 7° Programma Quadro: Azione Capacities The objective of this action is to support research infrastructures, research for the benefit of SMEs and the research potential of European regions (Regions of Knowledge) as well as to stimulate the realisation of the full research potential (Convergence Regions) of the enlarged Union and build an effective and democratic European Knowledge society. The amended proposals provide the Capacities programme with a budget of EUR 4291 million to operate in six broad areas: Research infrastructures Research for the benefit of SMEs Regions of knowledge and support for regional research-driven clusters Research potential of Convergence Regions Science in society Support to the coherent development of research policies International cooperation

20 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.20 Grandi Imprese: Studiamo il Private Equity Molto si parla in generale del rapporto fra impresa e private equity ma raramente si affronta il tema in termini analitici ed al tempo stesso essenziali. Oggi le opportunità sono molte, e costituiscono una opportunità concreta per il consolidamento e lo sviluppo delle imprese.

21 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.21 Private Equity: opportunità per cogliere il potenziale di crescita dimensionale e di valore dellimpresa Attraverso il finanziamento di: idonei investimenti nei processi di ricerca&sviluppo dei prodotti/servizi offerti resi sempre più urgenti dalla pressione concorrenziale; attività di delocalizzazione produttiva, specie in Cina ed in India, che spesso costituiscono grosse opportunità di ricostituzione dei margini industriali ma che normalmente presentano soglie di impegno finanziario significative; lopportuna diversificazione geografica in nuovi mercati di sbocco resasi più accessibile con lapertura dei nuovi mercati dellest europa;

22 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.22 Private Equity: Punti di Forza Il Private Equity supera il vincolo delle risorse finanziarie scarse e finanzia lo sviluppo attraverso la ripatrimonializzazione dellimpresa con risorse finanziarie fresche addizionali; consentendo di cogliere altri importanti obiettivi quali: –operazioni straordinarie che permettano di affrontare da una posizione di forza le dinamiche concorrenziali future; –la liquidazione e la conseguente monetizzazione parziale dellinvestimento in azioni dellimpresa da parte del socio/i fondatore e/o della famiglia; –lintroduzione di metodologie di gestione aziendale orientate alla crescita del valore generato dalla stessa impresa; –utilizzare il network relazionale del soggetto di Private Equity a servizio dello sviluppo industriale dellimpresa.

23 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.23 Private Equity: Punti di Debolezza. Il Private Equity presenta passaggi particolari in ordine: –alla individualità di ogni singola operazione; –alla relativa complessità di ogni singola operazione; –alla relativa difficoltà di accesso alle operazioni di Private Equity da parte delle imprese; –alla definizione delle way out per il fondo di Private Equity; –Alla ritrosia degli imprenditori che pur mantenendono il controllo della azienda faticano ad accettare vincoli collegati con un azionariato più complesso.

24 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.24 Private Equity: Supporto e Consulenza Percorso Consulenziale: il Private Equity per essere concretizzabile necessita della focalizzazione dei seguenti punti: –individuare con precisione i segmenti di mercato in cui lazienda compete; –analizzare il posizionamento competitivo dellimpresa con riferimento non solo ai concorrenti attuali ma anche ai concorrenti potenziali, ai prodotti sostitutivi, alla catena di vendita e di fornitura; –definire un piano industriale dellimpresa a 3 anni con individuazione delle azioni imprenditoriali che si intendono sviluppare; –analizzare i principali processi dellimpresa, con particolare riferimento al processo innovativo, e verificare la coerenza fra gli stessi e gli obiettivi del piano industriale; –rafforzare il sistema di controllo di gestione ed introdurre report che esplicitino il valore creato dallimpresa nelle sue varie articolazioni; –verificare i fabbisogni previsionali e lequilibrio della struttura finanziaria complessiva anche simulando loperazione di Private Equity.

25 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.25 Come Avviare il Processo di Ricerca di Finanziamenti? 1) Lesigenza dellazienda deve essere reale (Un nuovo mercato da conquistare, un nuovo prodotto da migliorare etc) 2) Si parte dalle esigenze dellazienda e poi si individuano le possibili alternative di finanziamento 3) Lesistenza di un finanziamento agevolato può e deve stimolare lazienda ad attivarsi, ma non deve essere lunica motivazione, nemmeno in caso di finanziamenti ingenti (le agevolazioni finanziarie devono sostenere il core business e mai sostituirsi ad esso)

26 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.26 Il Supporto della Consulenza Il consulente può supportare lImprenditore/Manager nel definire I possibili canali di finanziamento In seguito si fanno verifiche sulle reali possibilità di ottenere un finanziamento anche attraverso incontri con gli enti finanziatori. Se le risposte sono positive si può impostare il progetto (se semplice) oppure si avviano tutte le azioni (creazioni di partnership, studi di fattibilità etc) per realizzare la progettazione

27 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.27 Team di Consulenti Nellambito di uno dei progetti pilota, al momento della definizione di un progetto di internazionalizzazione potrebbe manifestarsi la possibilità di utilizzare finanziamenti agevolati. In tal caso si costituirà un piccolo team.

28 Primo Gonzaga In-Net S.r.l.28 Graziano Sezzi - Assopiastrelle -Indirizzo posta elettronica -Telefono Fax Cellulare Primo Gonzaga - IN-net s.r.l. -Indirizzo posta elettronica -Telefono 0522/ Fax 0522/ Cellulare 335/ Riferimenti del Progetto


Scaricare ppt "Servizi di Supporto per Internazionalizzazione e Finanziamento alle Imprese del Settore Ceramico Progetto di consulenza alle imprese ceramiche finanziato."

Presentazioni simili


Annunci Google